SPOSA DELLO SPIRITO SANTO

(SM 13) Lo Spirito Santo che si scelse Maria per Sposa, in lei, per mezzo di lei e da lei produsse il suo capolavoro, Gesù Verbo incarnato, e siccome non l'ha mai ripudiata, tutti i giorni continua a produrre in lei e per mezzo di lei i predestinati, in un modo misterioso, ma vero. (San Luigi M. Grignion da Montfort) 

Una settimana al-l'ombra dello Spirito 

Primo giorno:

Annunciazione, l'abbraccio dello Spirito

Consacrazione della nostra adesione allo Spirito

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo

INVOCAZIONE

O fuoco che consuma, Spirito d'amore, scendete sopra di me, affinché si faccia nella mia anima come un'incarnazione del Verbo ed io sia per lui un'aggiunta d'umanità nella quale egli rinnovi tutto il suo mistero.

E voi, o Padre, chinatevi verso la vostra povera crea-tura, copritela con la vostra ombra, vedete in lei solo il Diletto nel quale avete messo tutto il vostro compiaci-mento.(Bta. Elisabetta della Trinità) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messaggio del 25 ottobre 1987

«Cari figli, oggi desidero invitarvi tutti a far sì che ognuno di voi si decida per il Paradiso. Il cammino è difficile per tutti coloro che non si sono decisi per Dio.

Cari figli, decidetevi, e credete che Dio vi si offre nella sua pienezza. Voi siete invitati, e bisogna che rispondiate al Padre che vi invita attraverso di me.

Pregate, perché nella preghiera ognuno di voi potrà raggiungere l'amore completo. Vi benedico, e desidero aiutarvi a far sì che ognuno di voi sia sotto il mio manto». 

MEDITAZIONE

Lo Spirito Santo, col suo invisibile intervento, dona a Maria il Verbo incarnato, non nella luce, ma nel fuoco del-l'amore. E' nell'amore e attraverso l'amore che lo Spirito Santo realizza in Maria il concepimento verginale di Gesù. Lo Spirito Santo si dona a lei in una nuova forma d'amore. Sotto la passività stessa dell'amore di Maria lo Spirito Santo attualizza le capacità misteriose che sono in lei. Dona un nuovo modo di essere all'amore di Maria, che rende questo amore realizzatore. Gesù è il frutto benedetto del suo seno. Il suo allora è un amore che produce, è fecondo, non è solo passivo. Gesù è concepito in lei e si manifesta come ardore di un altro amore, intimo anche questo, infinitamente più ardente del suo, che rivela la presenza di una nuova persona, una persona divina infini-tamente più piccola di lei. (P. Thomas, La vita nascosta in Maria, p. 81-82) 

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

O Maria, amata dal Padre prima di tutti i secoli, concedimi di sperare nell'abbraccio dello Spirito per vivere in pienezza e morire come Mosé nel bacio di Dio. Io mi consacro a te che mi insegni l'abbandono al crocefiggente amore, alla luce che acceca perché pos-siamo, dopo aver visto il volto di Dio, vivere ancora. Introducimi nell'intenso silenzio della nube che nasconde per meglio rivelare. O Maria, che concepisci Dio nell'abbraccio di fuoco, Maria, colomba nascosta nella fenditura della roccia, mi consacro al tuo silenzio, a tutto ciò che in te è stato capace di sposare Dio. O Maria ai piedi della croce, mi consacro al tuo amore compassionevole, che il serafino che tiene la croce, trafigga il mio cuore e le mie mem-bra e che per mezzo tuo, Sposa dello Spirito, io sia interamente di Gesù. 

Antifona

O piena di grazia, illuminate la mia intelligenza e scio-gliete la mia lingua, perché possa cantare le vostre lodi e soprattutto il cantico angelico così degno di voi: Ave o pace, o gioia, o salvezza e consolazione di tutto l'univer-so! Ave o più grande dei miracoli che siano mai stati fatti nel mondo, paradiso di delizie, porto sicuro di tutte le anime in pericolo, mediatrice di Dio e degli uomini, ave! (Sant'Efrem) 

Salmo 40 (39)

Ho sperato: ho sperato nel Signore ed egli su di me si è chinato,

ha dato ascolto al mio grido.

Mi ha tratto dalla fossa della morte, dal fango della palude;

i miei piedi ha stabilito sulla roccia, ha reso sicuri i miei passi.

Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo, lode al nostro Dio.

Molti vedranno e avranno timore e confideranno nel Signore.

Beato l'uomo che spera nel Signore e non si mette dalla parte dei superbi,

né si volge a chi segue la menzogna.

Quanti prodigi hai fatto, Signore Dio mio, quali disegni in nostro favore:

nessuno a te si può paragonare.

Se li voglio annunziare e proclamare sono troppi per essere contati.

Sacrificio e offerta non gradisci, gli orecchi mi hai aperto.

Non hai chiesto olocausto e vittima per la colpa. Allora ho detto: " Ecco io vengo.

Sul rotolo del libro di me è scritto, che io faccia il tuo volere.

Mio Dio, questo io desidero, la tua legge è nel profondo del mio cuore".

Ho annunziato la tua giustizia nella grande assemblea;

vedi, non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai.

Non ho nascosto la tua giustizia in fondo al cuore,

la tua fedeltà e la tua salvezza ho proclamato.

Non ho nascosto la tua grazia e la tua fedeltà alla grande assemblea.

Non rifiutarmi, Signore, la tua misericordia, la tua fedeltà e la tua grazia

mi proteggano sempre, poiché mi circondano mali senza numero,

le mie colpe mi opprimono e non posso più vedere.

Sono più dei capelli del mio capo, il mio cuore viene meno.

Degnati, Signore, di liberarmi; accorri, Signore, in mio aiuto.

Vergogna e confusione per quanti cercano di togliermi la vita.

Retrocedano coperti d'infamia quelli che godono della mia sventura.

Siano presi da tremore e da vergogna quelli che mi scherniscono.

Esultino e gioiscano in te quanti ti cercano, dicano sempre: - Il Signore é grande quelli che bramano la tua salvezza.

Io sono povero e infelice; di me ha cura il Signore.

Tu, mio aiuto e mia liberazione, mio Dio non tardare. 

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte).

 

Secondo giorno:

Pellegrinaggio di fede

Consacrazione delle virtù teologali
Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo

INVOCAZIONE

Parlate, Spirito Santo, per fare

Una fontana nel mio cuore,

La cui acqua pura e salutare

Salva il più grande peccatore,

Guarisce il più incurabile

Aprendogli gli occhi,

E perdona ai più colpevoli

Ricadendo dai cieli.

Più della Maddalena,

E di Lazzaro nella tomba

E della Samaritana,

lo vi chiedo quest'acqua;

Ne voglio bere, ne domando,

Ne conosco il dono prezioso;

Più questo favore é grande,

Più voi sarete glorioso.

Siate sostegno alla mia impotenza,

Sono una canna vivente.

Date fine alla mia incostanza,

Sono mutevole più del vento.

Disperdete la mia ignoranza,

Sono un cieco nato. (San L.M. Grignion da Montfort) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messagio del 2 febbraio 1990

«Sono con voi da nove anni, e da nove anni voglio dirvi che Dio, vostro Padre, è l'unica via, l'unica verità e la vera vita. Desidero mostrarvi la strada verso la vita eterna. Desidero essere il vincolo per una fede profonda.

Prendete il vostro rosario e riunite i vostri figli, la vostra famiglia accanto a voi. Questa è la strada per giungere alla salvezza. Date il buon esempio ai vostri figli; date il buon esempio a chi non crede. (...) Vengo a chiedere il vostro aiuto: unitevi a me, pregate per coloro che non credono. Voi mi aiutate molto poco. Avete poca carità o amore per il vostro prossimo; e Dio vi ha dato l'amore, vi ha mostrato come dovete perdonare agli altri ed amarli. Per questa ragione, riconciliatevi e purificate le vostre anime. Prendete il vostro rosario e pregatelo. Accettate con pazienza tutte le vostre sofferenze. Ricordatevi che Gesù ha sofferto con pazienza per voi.

Lasciatemi essere vostra madre, il vostro legame con Dio e con la vita eterna. Non imponete la vostra fede ai non credenti. Mostrategliela con il vostro esempio e pregate per loro. Figli miei pregate! Grazie per aver risposto alla mia chiamata!» 

MEDITAZIONE

Tuttavia le parole di Elisabetta: «E beata colei che ha creduto» non si applicano solo a quel particolare momento dell'Annunciazione. Certamente questa rappresenta il momento culminante della fede di Maria in attesa di Cristo, ma è anche il punto di partenza, da cui inizia tutto il suo "itinerario verso Dio", tutto il suo cammino di fede. E su questa via, in modo eminente e davvero eroico - anzi con sempre maggior eroismo di fede - si attuerà "l'obbe-dienza" da lei professata alla parola della divina rivelazio-ne. E questa "obbedienza della fede" da parte di Maria durante tutto il suo cammino avrà sorprendenti analogie con la fede di Abramo. Credere vuol dire "abbandonarsi" alla verità stessa della parola del Dio vivo, sapendo e rico-noscendo umilmente «quanto sono imperscrutabili i suoi giudizi e inaccessibili le sue vie» (Rm 11, 33). Maria, che per l'eterna volontà dell'Altissimo si è trovata, si può dire, al centro stesso di quelle "inaccessibili vie" e di quegli "imperscrutabili giudizi" di Dio, vi si conforma nella penombra della fede, accettando pienamente e con cuore aperto tutto ciò che è disposto nel disegno divino. (Giovanni Paolo. II, Redemptoris Mater, 14)  

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

O Maria, tu che hai visto Dio, tu che l'hai portato nel tuo seno, tu che hai toccato, tu che hai gustato il Verbo di vita tu sei restata sola a portare un Dio morto nelle tue braccia, sei restata sola a concentrare tutta la fede del mondo nella notte terribile in cui tuo figlio è sceso negli inferi. Madre di tutte le notti della fede, mi consacro al tuo cuore che ha tanto creduto quanto amato. Dammi la grazia di ricordare e conservare tutte le parole e tutte le promesse nel mio cuore, affin-ché attraverso la fede si realizzi in maniera tangibile ciò che non é ancora visibile ai nostri occhi di carne: la tua presenza tra di noi, la venuta del riglio nella gloria ed il ristabilirsi di tutte le cose. Come tu sei stata l'uni-ca a credere per il mondo intero ciò che promettevano le Scritture e le parole dell'angelo, dammi di credere per tutti coloro che non credono alla tua missione in questi ultimi tempi. Mi consacro nella tua fede,nella tua speranza e nella tua carità e in tutte le virtù che lo Spirito ha impresso nella tua anima fin dal tuo conce-pimento. 

Antifona

Maria ha detto: Andate a bere alla fontana e lavatevi. Maria ci dice: Andate a bere alla fontana e lavatevi. 

Salmo: Cantico di Anna, 1 Sani 2,1-10

Il mio cuore esulta nel Signore,

la mia fronte si innalza grazie al mio Dio.

Si apre la mia bocca contro i miei nemici,

perché io godo del beneficio che mi hai concesso.

Non c'è santo come il Signore,

non c'è rocca come il nostro Dio.

Non moltiplicate i discorsi superbi,

dalla vostra bocca non esca arroganza;

perché il Signore è il Dio che sa tutto e le sue opere sono rette.

L'arco dei forti si è spezzato,

ma i deboli sono rivestiti di vigore.

I sazi sono andati a giornata per un pane,

mentre gli affamati han cessato di faticare. La sterile ha partorito sette volte

e la ricca di figli è sfiorita.

Il Signore fa morire e fa vivere, scendere agli inferi e risalire.

Il Signore rende povero e arricchisce, abbassa ed esalta.

Solleva dalla polvere il misero, innalza il povero dalle immondizie,

per farli sedere insieme con i capi del popolo e assegnar loro un seggio di gloria.

Perché al Signore appartengono i cardini della terra e su di essi fa poggiare il mondo.

Sui passi dei giusti Egli veglia, ma gli empi svaniscono nelle tenebre.

Certo non prevarrà l'uomo malgrado la sua forza.

Il Signore... saranno abbattuti i suoi avversari! L'Altissimo tuonerà dal cielo.

Il Signore giudicherà gli estremi confini della terra; darà forza al suo re

ed eleverà la potenza del suo Messia. 

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte). 

 

Terzo giorno:

Maria, il seno dove rinasce lo Spirito

Consacrazione dei carismi e  dei doni dello Spirito

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo 

INVOCAZIONE

Spirito Santo, ricordatevi di creare e formare dei figli di Dio con la vostra divina e fedele sposa Maria. Avete formato con lei e in lei il Capo dei predestinati; è con lei ed in lei che dovete formare tutte le sue membra; Voi non generate nessuna persona divina all'interno della divinità, ma siete soltanto voi che formate tutte le persone divine al di fuori della divinità e tutti i santi che sono stati e saranno fino alla fine del mondo, sono altrettante opere del vostro amore unito a quello di Maria. (San Luigi M. Crignion da Montfort) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messaggio del 23 Maggio 1985

«Cari figli, in questi giorni vi invito in particolare ad aprire il vostro cuore allo Spirito Santo. Lo Spirito Santo, particolarmente in questi giorni, opera per mezzo di voi. Aprite il cuore e abbandonate la vostra vita a Gesù, affinché egli operi per mezzo dei vostri cuori e vi fortifichi nella fede. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!». 

MEDITAZIONE

(SM 17) Maria è il grande stampo di Dio, fatto dallo Spirito Santo per formare al naturale un Uomo Dio attra-verso l'unione ipostatica, e per formare un uomo Dio tra-mite la grazia. A questo stampo non manca nessun tratto di divinità; chiunque vi è gettato e si lascia plasmare, vi riceve tutti i tratti di Gesù Cristo, vero Dio, in modo dolce e proporzionato alla debolezza umana, senza troppe ago-nie e travagli; in modo sicuro, senza paure d'illusione, perché il demonio non ha mai avuto e non avrà mai acces-so in Maria, santa e immacolata, senza l'ombra del più piccolo peccato. (San Luigi M. Grignion da Montfort)  

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

Maria, bellezza perfetta, bella al di là della bellezza del più bello dei figli dell'uomo. Maria formata nel seno di Anna dall'amore più perfetto che ci sia, Maria mia colomba, mia perfetta nella quale non c'è mac-chia, né alcun egoismo, né alcun ripiegamento su di sé, Maria bella di dentro perché conformata alla Sapienza che si è fatta un trono col tuo cuore, col tuo grembo, con tutta la tua anima di Madre, oh bellezza ti ho tro-vata e non ti lascerò più finché tu mi stringerai forte-mente in te, ed io nasca alla perfezione, alla forma perfetta di Cristo. Che attraverso l'abbraccio dello Spirito alla sposa dello Spirito sia impressa in me in maniera definitiva la somiglianza perfetta e che tutti i carismi e i doni del Padre dei poveri mi rendano la prima somiglianza fino alle nozze mistiche. 

Antifona

Meraviglia di Maria: il Signore venne in lei facendosi servitore; il Verbo venne in lei per tacere nel suo seno; la folgore venne in lei per non fare alcun rumore; il Pastore venne in lei

ed ecco l'Agnello appena nato. (Sani' Efrem) 

Salmo 83

Quanto sono amabili le tue dimore, Signore degli eserciti!

L'anima mia languisce e brama gli atri del Signore.

Il mio cuore e la mia carne esultano nel Dio vivente.

Anche il passero trova la casa, la rondine il nido,

dove porre i suoi piccoli, presso i tuoi atri,

Signore degli eserciti, mio re e mio Dio.

Beato chi abita la tua casa: sempre canta le tue lodi!

Beato chi trova in te la sua forza e decide nel suo cuore il santo viaggio.

Passando per la valle del pianto la cambia in una sorgente,

anche la prima pioggia l'ammanta di benedizioni.

Cresce lungo il cammino il suo vigore, finché compare davanti a Dio in Sion.

Signore, Dio degli eserciti, ascolta la mia preghiera, porgi l'orecchio, Dio di Giacobbe.

Vedi, Dio, nostro scudo, guarda il volto del tuo consacrato.

Per me un giorno nei tuoi atri è più che mille altrove,

stare sulla soglia della casa del mio Dio é meglio che abitare nelle tende degli empi.

Poiché sole e scudo è il Signore Dio;

il Signore concede grazia e gloria, non rifiuta il bene a chi cammina con rettitudine.

Signore degli eserciti, beato l'uomo che in te confida.  

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte). 

 

Quarto giorno:

La Consolatrice sposa del Consolatore

Consacrazione alla Consolatrice degli afflitti

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo 
INVOCAZIONE

Re del cielo, consolatore Spirito di verità, Tu sei ovunque presente E tutto è pieno di te Dovizia di beni e datore di Vita Vieni à dimorare in noi, Purificaci da ogni sozzura

E salvaci Tu la bontà. (Liturgia bizantina) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messaggio del 25 Febbraio 1991

«Cari figli, oggi vi invito a decidervi per Dio, perché l'allontanamento da Dio è frutto della mancanza di pace nei vostri cuori. Dio solo è pace. Per questo avvicinatevi a Lui tramite la vostra preghiera personale e dopo vivete la pace nei vostri cuori.

Così la pace dai vostri cuori potrà correre come un fiume in tutto il mondo. Non parlate di pace, ma prati-catela. Io benedico ognuno di voi e ogni vostra deci-sione.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata!».  

MEDITAZIONE

Voi che mi avete generato, fatemi misericordia!

Ogni volta che constatiamo più profondamente le nostre miserie: dopo un errore, nella malattia o l'impotenza, quando tutto manca o tutto ci minaccia, alziamo gli occhi pieni di lacrime e di "disperazione" verso nostra Madre: Voi che mi avete generato, abbiate pietà di me! e aspettia-mo con certezza il suo intervento onnipotente. Mai una madre ha resistito al grido e alle lacrime del suo piccolo per quanto ingrato possa essere stato precedentemente.

Gridiamo verso di lei, soprattutto perché ci insegni ad amare l'Amore. Con questa fiducia, manterremo sempre la calma in mezzo alle vicissitudini, e questa calma glori-fica nostra Madre: «Calma, figlio mio, avrai dei dispiace-ri, ma io sono qui!» (...)

La causa profonda della passione di Cristo è il giudizio umano che insorge contro la Sapienza incarnata. (...) La Vergine ha assistito a questo dramma. Suo Figlio e il suo Dio come bersaglio di questa contraddizione! contraddi-zione di cui lei ha portato il peso tutta la vita, anche con le gioie della Resurrezione. Colui che si mette valorosamen-te alla scuola della Sapienza è il vero consolatore di Gesù e di Maria e da parte sua fa cessare questa contraddizione. E la passione di Cristo si tramuta in gioia profonda per lui e per il suo divino Maestro, e per sua Madre, felici d'amare e d'immolarsi per l'Amore, che egli é. (R.P. Gabriel Jacquier, «I Taccuini neri», (123-124)  

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

Maria, madre di tutti i dolori, perché tu li hai cono-sciuti tutti, talmente la tua anima è stata unita a quella di tuo Figlio quando pianse su Lazzaro la cui carne era stata corrotta a causa dell'afflizione di Adamo, Maria che ti affliggesti con tutte le figlie di Gerusalemme sul Tempio e sui figli del tuo popolo, Maria, che provasti nel tuo cuore le lacrime di sangue nell'ora dell'agonia, tu provasti anche le lacrime di fuoco dello Spirito durante la prima Pentecoste e conoscesti la pienezza della consolazione, io mi consacro al tuo Cuore imma-colato che irradia la dolce luce di tutte le consolazioni dello Spirito. O Consolatrice, sposa del Consolatore, mi consacro alla tua infinita tenerezza. O mia avvocata che mi difendi da tutte le accuse del demonio, giustifi-cate dalla moltitudine dei miei peccati.

O Madre il cui amore dà sempre ragione ai suoi figli, mi consacro al tuo Cuore tenerissimo per divenire un'altro consolatore come figlio somigliante a sua madre. 

Antifona

Perché un bimbo possa amare la sua mamma bisogna che lei pianga con lui il suo dolore. O cara madre mia, hai pianto tante volte sulla riva straniera per attirarmi a te. Leggendo la tua vita nel Vangelo mi posso avvicinare, guardare verso te il credermi tua figlia difficile non è perché soffrir ti vedo, mortale come me.  (Santa Teresa del Bambino Gesù., Poesia, «Perché t'amo, Maria»)  

Salmo 46 (45)

Dio è per noi rifugio e forza, aiuto sempre vicino nelle angosce.

Perciò non tremiamo se trema la terra, se crollano i monti nel fondo del mare.

Fremano, si gonfino le sue acque, tremino i monti per i suoi flutti.

Un fiume e i suoi ruscelli rallegrano la città di Dio, la santa dimora dell'Altissimo.

Dio sta in essa: non potrà vacillare; la soccorrerà Dio, prima del mattino.

Fremettero le genti, i regni si scossero; egli tuonò, si sgretolò la terra.

Il Signore degli eserciti è con noi, nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

Venite, vedete le opere del Signore, egli ha fatto portenti sulla terra.

Farà cessare le guerre sino ai confini della terra, romperà gli archi e spezzerà le lance,

brucerà con il fuoco gli scudi.

Fermatevi e sappiate che io sono Dio, eccelso tra le genti, eccelso sulla terra.

Il Signore degli eserciti è con noi, nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.  

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte). 

 

Quinto giorno:

Mediazione universale

Consacrazione alla mediazione di Maria
Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo 

INVOCAZIONE

Spirito Santo, Spirito consolatore, che, nel giorno della Pentecoste discendeste sugli Apostoli per riempire i loro cuori di grazie, di carità e di sapienza; in nome di questa liberalità e di questa misericordia infinita, riempite anche la mia anima della vostra grazia e fate sentire fin nella mia carne la dolcezza ineffabile del vostro amore. Venite Spirito Santo e dall'alto del cielo fate scendere su di noi un raggio della vostra luce; venite, padre dei poveri; veni-te, dispensatore di doni celesti; venite, luce dei cuori. O nostro unico consolatore! Dolce Sposo delle nostre anime, nostra pace e nostra gioia, venite, venite, voi che cancellate i peccati del mondo, voi che guarite le nostre infermità. Forza dei forti, sostegno dei deboli, maestro degli umili, terrore dei superbi. Venite, gloria dei viventi, speranza e salvezza di coloro che sono morti, venite, veni-te, oh mio Dio! ed effondete nel mio cuore i tesori dei vostri doni e della vostra misericordia. Datemi il dono di sapienza, perché io sia ebbro del vostro amore; il dono d'intelligenza, perché sia rischiarato dalla luce del cielo; il dono di consiglio, perché non mi allontani dai vostri comandamenti; il dono di forza, perché combatta con coraggio; il dono di scienza, perché possa conoscere le vostre sante verità; il dono di pietà perché il mio cuore ceda alle pressioni della vostra grazia; il dono del timor di Dio, perché la mia anima tema i vostri giudizi. O dolcissi-mo amante delle anime pure! Bruciate ed illuminate il mio cuore con la dolcissima e preziosissima fiamma del vostro amore; affinché ardente e luminoso si elevi fino a voi, che siete il mio unico fine ed abisso di ogni bene. Dolcissimo amante delle anime caste ed innocenti, voi che conoscete la mia estrema debolezza, ah! vi supplico, stendete su di me la vostra mano misericordiosa e fatemi uscire da me stesso perché possa inabissarmi in voi. Rovesciate, distruggete, annientate, fate scomparire in me tutto ciò che a voi non piace, perché io sia come voi mi volete; che la mia vita sia un sacrificio degno di voi e che io sia intera-mente consumato d'amore. Oh! chi mi otterrà un tale favore! volgete lo sguardo verso la vostra povera creatura; giorno e notte lei sospira verso di voi. "La mia anima è assetata di Dio, del Dio vivente"; quando apparirò davanti al volto dove hanno sede tutte le grazie? Quando cammi-nerò verso il tabernacolo del Signore? Quando entrerò nella casa del mio Dio? Quando sarò saziato dalla gloria della vostra presenza? Quando sarò liberato dagli attacchi della tentazione? Quando valicherò il muro di questa triste mortalità? O focolare di splendori eterni! fatemi ritornare nell'abisso dal quale sono uscito, e che là vi conosca come voi mi conoscete, vi ami come voi mi amate, e con-templi eternamente il vostro volto in compagnia degli elet-ti. Amen. (Luigi di Granada) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messaggio del 25 Aprile 1991

«Cari figli, oggi vi invito perché la vostra preghiera sia preghiera del cuore. Ognuno di voi trovi il tempo per la preghiera per poter scoprire Dio nella preghie-ra. Non desidero che parliate della preghiera, ma desidero che preghiate. Che ogni giorno per voi sia riempito della preghie-ra di ringraziamento a Dio per la vita e per tutto quel-lo che avete. Non desidero che la vostra vita trascorra nelle parole, ma glorificate Dio con le opere. Io sono con voi e ringrazio Dio per ogni momento speso con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!».  

MEDITAZIONE

Attraverso la morte redentrice di suo Figlio, la media-zione materna della serva del Signore ha raggiunto una dimensione universale, perché l'opera della Redenzione include tutti gli uomini. Così si manifesta in modo singo-lare l'efficacia della mediazione unica e universale di Cristo «tra Dio e gli uomini». La cooperazione di Maria partecipa, nel suo carattere subordinato, all'universalità della mediazione del Redentore, unico mediatore. (...)(41) Attraverso la sua mediazione unica subordinata a quella del Redentore, Maria contribuisce in un modo speciale all'unione della Chiesa in pellegrinaggio sulla terra con la realtà escatolo-gica e celeste della comunione dei santi, in quanto lei é già stata assunta in cielo.

(Giovanni Paolo II, Redemptoris Mater 40-41) Ora, o madre di misericordia, in nome della tenerezza stessa del tuo purissimo Cuore, la Luna - ossia la Chiesa -, prostrata, giacente ai tuoi piedi, ti invoca con pressanti suppliche, tu la mediatrice stabilita per lei presso il Sole di giustizia, per ottenere che nella tua luce lei veda la luce, per meritare attraverso il tuo tramite le buone grazie di questo Sole che veramente ti ha amata, più di tutti, che ti ha fatto così bella coprendoti di un manto di gloria e ponendo sulla tua fronte la più bella delle corone. (San Bernardo)

Maria fu piena di grazie molto più per noi che per lei: Dio l'ha eletta perché sia in tutto e per tutto la nostra provvidenza. La volontà di Dio è che noi avessimo tutto per suo tra-mite. (San Bernardo) A chi [l'angelo] ha annunciato che lo Spirito Santo sarebbe sceso su di lei? e perché? se non [a Maria] per possederla e riempirla; se non perché questo divino Spirito, venendo dove già abbondava, divenne in Maria così sovrabbondante da poter rifluire su di noi?... Signore, Maria è la nostra mediatrice; è per mezzo suo che abbiamo ricevuto la vostra misericordia; è per mezzo suo che riceviamo il Signore Gesù nelle nostre case. (San Bernardo) 

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

O Maria, nel momento in cui la giustizia divina è tutta assorbita dal più materno degli amori, Dio ti ha affidato tutto l'ordine della sua misericordia e l'unico mediatore ha voluto fare di te la dispensatrice suprema di tutte le grazie perché il suo Corpo mistico viva del-l'amore dello Sposo per la sposa. Maria, mi consacro a te al fine che il mio cuore ed i miei pensieri siano pura trasparenza alla tua mediazio-ne e che riceva tutto Dio attraverso di te che sei tutta sua. Mi offro interamente a te perché diventi io stesso mediatore della mediatrice, che tutto in me parli di te e ti onori, dica la tua bellezza e la bellezza di Dio che ti ha così ammirevolmente concepita. 

Antifona

O Maria, tu illumini la nostra notte. Chi segue le tue orme non cammina nel buio, ma ha la tua luce di vita. (San Bernardo) 

Salmo: Gdt 13,18-20

Benedetta sei tu, figlia, davanti al Dio altissimo più di tutte le donne che vivono sulla terra

e benedetto il Signore Dio che ha creato il cielo e la terra e ti ha guidato a tron-care il capo dei nostri nemici.

Davvero il coraggio che hai avuto non cadrà dal cuore degli uomini, che ricorderanno sempre la potenza di Dio. Dio faccia riuscire questa impresa a tua perenne esalta-zione, ricolmandoti di beni, in riconoscimento della pron-tezza con cui hai esposto la vita di fronte all'umiliazione della nostra stirpe, e hai sollevato il nostro abbattimento, comportandoti rettamente davanti al nostro Dio. 

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte). 

 

Sesto giorno:

Ecco tua Madre Prendi Maria e lei ti prenderà

Consacrazione di tutto ciò che in noi non è ancora consacrato

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo 

INVOCAZIONE

Colui che ha parlato per mezzo dei profeti

E che fu annunciato dalla legge

A degli uomini imperfetti,

Il Paraclito, vero Dio, si è rivelato oggi

Ai servitori ed ai testimoni del Verbo.

Sigillo e impronta del Dio vivente,

Lo Spirito è ricevuto dagli apostoli nel fuoco.

Si rivela nel dono delle lingue,

Perché è forza che procede dal Padre.

Re dei re, Unico dell'Unico, o Verbo,

Tu che nasci eternamente dal Padre ingenerato,

Nel tuo amore hai fatto brillare

Il tuo Spirito onnipotente sugli Apostoli.

Tu che hai rigenerato la nostra natura ferita dalla morte.

O verbo di Dio, tu ci inondi col torrente

Uscito dal tuo costato immacolato e trafitto,

Segnandoci col sigillo del fervore dello Spirito. (Preghiera delle Chiese orientali T.II, p 92) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messaggio del 25 Febbraio 1992

«Cari figli, oggi vi invito ad avvicinarvi ancora di più a Dio attraverso la preghiera; solo così potrò aiutarvi e proteggervi da ogni attacco satanico.

Io sono con voi e intercedo per voi presso Dio affinché Lui vi protegga; però mi sono necessarie le vostre preghiere ed il vostro «sì.» Voi vi perdete facilmente nelle cose materiali e umane e dimentica-te che Dio è il vostro più grande amico.

Perciò, cari figlioli, avvicinatevi a Dio affinché Lui vi protegga e vi preservi da ogni male. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!». 

MEDITAZIONE

E' Giovanni, dunque, che prende per primo Maria. Era necessario precisare che, evidentemente, é Dio che prende tutto per primo. Ma dal punto di vista di ciò che dobbiamo fare noi, noi dobbiamo prima di tutto prendere Maria con questa santa violenza che vi ho mostrato e di cui Maria non si dorrà mai. «Il Regno dei cieli soffre violenza, e solo i violenti se ne impadroniscono» (Mt 11, 12). (...)

Maria ci dice: «Prendimi dunque, tu non mi hai presa abbastanza. Prendimi come spesso mi hai promesso, mantieni la tua parola.

Tu mi hai spesso promesso non solo di essere intera-mente mio, ma di prendermi in modo che io sia intera-mente tua. Mi hai ripetuto tante volte delle parole che non hanno altro significato che questo. Ebbene! ora «Prendimi secondo la tua promessa.» E soprattutto: «non deludermi nella mia attesa»; è così tanto che aspetto, è così tanto che desidero che arrivi quest'ora, questo momento, nel quale mi prenderai in tutte le tue intimità!

Giovanni ha risposto pienamente a questa attesa di Maria, ai piedi della Croce. (Padre Dehau) 

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

Maria, ti consacro tutto ciò che non ti ho ancora consacrato, ciò che non ho saputo ancora donarti, prendilo, te ne supplico, Madre mia, mia bella, mia colomba, amica mia. Ciò che é in me e che ignoro, che ti teme ancora, toccalo, purificalo, invadilo. Voglio prenderti con me nell'intimità più profonda del mio essere. Penetra nella camera nuziale della mia anima, questo profondo luogo che non posso visitare senza di te. Sposa di Dio, sposami. Mia purissima prepara nel segreto della mia notte il baldacchino delle nozze per le quali l'Altissimo mi ha creato. Avvolgimi di te come lo Spirito ti ha coperto con la sua ombra. 

Antifona

Sotto l'ombra della tua misericordia, noi ci rifugiamo, santa Madre di Dio. (Sub Tuum) 

Salmo: Isaia 27, 2-5

La vigna deliziosa: cantate di lei!». lo, il Signore, ne sono il guardiano, a ogni istante la irrigo; per timore che venga danneggiata, io ne ho cura notte e giorno.

Io non sono in collera.

Vi fossero rovi e pruni, io muoverei loro guerra, li brucerei tutti insieme.

O, meglio, si stringa alla mia protezione, faccia la pace con me,

con me faccia la pace!  

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte).

 

Settimo giorno:

Pentecoste d'amore

Consacrazione nella milizia dell'Immacolata

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo 
INVOCAZIONE

Signore, inviate il vostro Spirito e tutto sarà creato e rinnoverete la faccia della terra.

Signore, rinnovate la vostra prima Pentecoste. Concedete, Gesù, a tutti i vostri amati sacerdoti, la grazia del discernimento degli spiriti, colmateli di doni, accrescete il loro amore, fateli tutti apostoli valenti e veri santi tra gli uomini.

Spirito Santo, Dio d'Amore, venite come un vento potente nelle nostre cattedrali, nelle nostre chiese, nelle nostre cappelle, nei nostri cenacoli, nelle case più lussuose come nelle più_ umili. Riempite la terra della vostra luce, delle vostre consolazioni, del vostro amore.

Venite, Spirito d'amore, portate al mondo la fre-schezza del vostro soffio santificante. Avvolgete tutti gli uomini con i raggi della vostra grazia! Portateli tutti nello splendore della vostra gloria.

Venite a confortare nel presente ancora così pesan-te di angoscia, rischiarate l'avvenire incerto di molti, rafforzate quelli che ancora esitano nelle vie divine.

Spirito di Luce, dissipate tutte le tenebre della terra, guidate tutte le pecore erranti al divino ovile, squarciate le nubi con le vostre misteriose chiarezze. Rivelatevi agli uomini e che questo giorno sia annuncio di una nuova aurora. Riempite tutti i cuori dei vostri doni molteplici e preziosi, frutto divino dell'immolazione del Calvario, magnifico pegno delle promesse di Cristo. Spirito Divino, Fuoco d'a-more, gioia che supera ogni pienezza, luce che mette in fuga le più penose oscurità; ispiratore d'ogni lode, Spirito di Verità, date a tutte le anime il gusto delle cose sante. Fatele penetrare nelle bellezze profonde delle vostre dimore misteriose. Che entrino nel regno segreto dei misteri divini secondo la promessa del Verbo; e la loro vita, tutta trasformata, tutta trasfigu-rata, tutta divinizzata in Cristo, raggiungerà una potenza infinita attraverso il valore stesso delle vostre divine ricchezze.

Divino consolatore delle nostre pene, fascino pre-zioso di solitudini feconde, suscitatore di tutte le nostre gioie, sacro germe di ogni vita spirituale, stendete su tutto l'universo la vostra immensità. Riempite il mondo della vostra pienezza. Assorbite la nostra umana sostanza nel mistero della vostra divina umanità; imprimete nei cuori il sigillo delle promes-se del Padre; cancellate tutte le ombre dalle nostre fronti; ponete su tutte le labbra l'ebbrezza del calice di Gesù, e ben presto tutta una messe di santi si leverà nella luce. (Marthe Robin, 26 Maggio 1939) 

Credo...

Una decina del rosario secondo le intenzioni della Vergine Maria 

Messaggio del 25 Maggio 1993

«Cari figli, oggi vi invito ad aprirvi a Dio attra-verso la preghiera: che lo Spirito Santo in voi e attraverso di voi possa cominciare ad operare dei miracoli. Io sono con voi ed intercedo presso Dio per ognuno di voi perché, cari figli, ognuno di voi è importante nel mio piano di salvezza. Io vi invito ad essere portatori del bene e della pace. Dio può dare la pace solo se vi convertite e pregate. Perciò, cari figlioli miei, pregate, pregate, pregate e fate ciò che lo Spirito Santo vi ispira. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!».

MEDITAZIONE

Tuttavia il Padre concede ancora un tempo al mondo. Vi è in questa fine del mondo contrassegnata dalla venuta di Gesù, come un intervallo di misericordia lasciato agli uomini, agli uomini di buona volontà, ai piccoli, ai poveri, a tutti quelli che vogliono imitare Maria e seguire Gesù. Lo Spirito Santo è donato a loro perché possano rivivere tutto il mistero d'amore che Gesù ha vissuto su questa terra con sua madre.

(Padre Thomas, La vita nascosta di Maria, p. 166)

(VD 49) La salvezza del mondo ebbe inizio per mezzo di Maria; per mezzo di Maria dovrà avere anche il suo compimento. (...) Nella seconda venuta di Gesù invece, Maria sarà conosciuta, sarà rivelata dallo Spirito Santo allo scopo di far conoscere, amare e servire Gesù per mezzo di lei. Lo Spirito Santo non avrà più motivo di nascon-derla, come durante la sua vita e dopo la prima evangelizzazione. (San Luigi M. Grignion da Montfort) 

PREGHIERA DI CONSACRAZIONE

Maria, tu sei un'esercito pronto alla battaglia e la cui sola arma è l'amore misericordioso, il cui solo scudo è la tua purezza inalterabile. O Vergine e Madre, voglio impegnarmi anima e corpo in questo esercito che tu costituisci per dare un'ultima batta-glia contro la bestia che divora i figli degli uomini. Tu sei in piedi alla testa dei tuoi piccoli poveri che sono gli apostoli degli ultimi tempi, in un cena-colo vasto come il mondo, ed io espongo tutto me stesso alle fiamme dell'amore divino nella grande Pentecoste d'amore, promessa all'umanità sull'orlo di essere inghiottita dal diluvio di fuoco. 

Antifona

Lo Spirito e la Sposa dicono: «Vieni! che venga la tua grazia, che questo mondo passi, e Tu sarai tutto in tutti.» Salmo: Ap 4-5

«Tu sei degno, o Signore e Dio nostro, di ricevere la gloria, l'onore e la potenza, perché tu hai creato tutte le cose, e per la tua volontà furono create e sussistono».

 «Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato immolato e hai riscattato per Dio col tuo sangue uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione e li hai costituiti per il nostro Dio un regno di sacerdoti e regneranno sopra la terra». «L'Agnello che fu immolato è degno di ricevere potenza e ricchezza, sapienza e forza, onore, gloria e benedizione». 

Preghiera a piacere 

Invocazione: Maria Regina della Pace, prega per noi e per il mondo (3 volte).