PREGHIERE ALLA MADONNA DEL CARMINE

CONSACRAZIONE ALLA MADONNA DEL CARMINE

O Maria, Madre e decoro del Carmelo, a te con­sacro oggi la mia vita, quale piccolo tributo di gratitu­dine per le grazie che attraverso la tua intercessione ho ricevuto da Dio. Tu guardi con particolare benevolenza coloro che devotamente portano il tuo Scapolare: ti supplico perciò di sostenere la mia fragilità con le tue virtù, d'illuminare con la tua sapienza le tenebre della mia mente, e di ridestare in me la fede, la speranza e la carità, perché possa ogni giorno crescere nell'amore di Dio e nella devozione verso di te. Lo Scapolare richiami su di me lo sguardo tuo materno e la tua protezione nella lotta quotidiana, sì che possa restare fedele al Figlio tuo Gesù e a te, evi­tando il peccato e imitando le tue virtù. Desidero of­frire a Dio, per le tue mani, tutto il bene che mi riu­scirà di compiere con la tua grazia; la tua bontà mi ottenga il perdono dei peccati e una più sicura fedeltà al Signore. O Madre amabilissima, il tuo amore mi ottenga che un giorno sia concesso a me di mutare il tuo Scapolare con l'eterna veste nuziale e di abitare con te e con i Santi del Carmelo nel regno beato del Figlio tuo che vive e regna per tutti i secoli dei secoli. Amen.  

PREGHIERA DI RINGRAZIAMENTO

O gloriosissima Maria, madre e decoro del Carmelo, eccomi rivestito dello Scapolare, segno della tua benevolenza verso di me. Fa' che ora mi senta anche impegnato ad imitare le tue virtù e in particolare l'umiltà, la purità, la carità. Donami la gioia della tua protezione, Scampami dai pericoli in vita e in morte, e morendo con il tuo aiuto nella grazia del Signore, sia ammesso al più presto a godere la sua visione. O Vergine santa, assistimi perché io porti sempre con tanto rispetto il tuo santo abito e nella mia condotta nulla lo disonori o smentisca la mia devozione verso di te, ottienimi che custodendo con premura la Parola di Dio e compiendo in terra la sua volontà, possa presentarmi a lui rivestito delle tue virtù così da meritare di vivere con lui e con le per tutti i secoli dei secoli. Amen. 

PREGHIERA ALLA MADONNA DEL CARMINE PER LE ANIME DEL PURGATORIO

Pietosissima Vergine del Carmelo, tu sei la letizia degli Angeli e dei Santi, il nostro aiuto qui in terra e il conforto di quanti soffrono in purgatorio in espia­zione delle loro colpe, attendendo la li­berazione. Stendi la tua mano pietosa verso quel­le anime che vengono purificate e per ve­dersi abbreviate le sofferenze possono contare unicamente sulle preghiere che la Chiesa rivolge al suo Signore, perché siano applicati per esse i meriti del Cor­po Mistico: tu sei la Madre della Chiesa, la tesoriera delle divine misericordie. Ti raccomandiamo dunque le anime dei nostri cari, specialmente di quelli per i quali siamo in dovere di pregare; e af­fidiamo in particolare, alle tue materne premure, quelle anime che in vita hanno piamente portato il tuo scapolare; lo han­no considerato come incentivo a distin­guersi nella devozione e nell'amore per te, e lo hanno anche ritenuto come un segno di sicura speranza per sé, come pegno della benevolenza verso i tuoi de­voti. Dimostra a queste anime, e a tutte le altre per le quali intendiamo pregar­ti, il tuo materno interessamento, per­ché quanto prima siano liberate e accol­te in cielo a lodare con te per sempre la misericordia del Signore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen. 

PREGHIERA A MARIA SS.MA DEL CARMINE

1 - O Vergine del Carmelo, madre no­stra amabilissima, poiché ci hai onorato col dono del Santo Abitino come pegno della tua materna protezione, ti preghiamo di aiutarci a portarlo degnamente co­me segno della nostra filiale consacrazio­ne al tuo servizio. Ave Maria.

2 - Tu ci hai donato, o Maria, il S. Abi­tino, perché fosse il nostro distintivo di figli tuoi devoti, ottienici la grazia di vi­vere sempre in santità e purezza di vita per rendere onore al tuo nome e dare glo­ria a Dio. Ave Maria.

3 - Donandoci il S. Abitino, o Maria, hai voluto dimostrarci la tua predilezio­ne di madre, ti preghiamo di suscitare nei nostri cuori la riconoscenza per tanto do­no e il desiderio di imitare le tue singola­ri virtù. Ave Maria.

4 - Col S. Abitino, o Maria, ci hai assi­curato la tua assistenza nei momenti di pericolo per le anime nostre: difendici contro le insidie del demonio e ottienici la forza di vincere le nostre inclinazioni al male e rimanere fermi nei propositi di una vita sempre più conforme alla nostra vocazione alla santità. Ave Maria.

5 - O Maria, Mediatrice di tutte le gra­zie presso Dio, tu che col S. Abitino ci vuoi rivestiti delle tue vesti di salvezza, facci partecipi delle tue virtù per raggiun­gere la santità ed essere degni della be­nevolenza di Dio. Ave Maria.

6 - O Madre del Carmelo, che per la tua sublime dignità di Madre di Dio sei la nostra potente avvocata in Cielo, inter­cedi per noi e ottienici la grazia di vivere in conformità piena alla santa volontà di Dio nello spirito di mortificazione e di preghiera. Ave Maria.

7 - O Maria, Madre della misericordia, tu ci fai infine sperare che morendo do­po una vita cristiana modellata sulle tue virtù e andati al Purgatorio ci avresti sol­levati e al più presto liberati da quelle pe­ne: fa che perseveriamo fino alla morte nella devozione al tuo S. Scapolare, viven­do con più impegno la nostra vita cristia­na nell'amore a Dio e ai fratelli. Ave Maria. 

PREGHIERA

O Vergine Maria, Madre e Regina del Carmelo, Ti benedico e Ti ringrazio, perché mi hai manifestato il tuo amore e mi hai rivestito del tuo santo abito in segno della tua protezione.

Assistimi nel cammino della vita, conservami fedele nel tuo servizio, donami ogni grazia che mi aiuti a vivere la mia vocazione cristiana secondo il mio particolare stato di vita. Soprattutto, Vergine Maria, ottienimi dal Padre celeste di crescere nella carità divina per raggiungere un giorno la vita eterna. Amen. Madre e Regina del Carmelo, prega per noi. 

CANTICO DELLA BEATA VERGINE

L'anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua. serva.

D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione

la sua misericordia si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi

nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni,

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia,

i come aveva promesso ai nostri padri,

ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. 

PREGHIERA DI RINGRAZIAMENTODOPO L’IMPOSIZIONE DELLO SCAPOLARE 

O gloriosissima Maria, Madre e decoro del Car­melo, eccomi rivestito dello Scapolare, segno della tua benevolenza verso di me e della mia consacra­zione a te, Vergine Immacolata. Fa' che ora mi senta anche impegnato a imitare le tue virtù e in particolare l'umiltà, la purità, la carità. Donami la gioia della tua protezione, scampami dai pericoli in vita e in morte, e, morendo con il tuo aiuto nella grazia del Signore, fa' che sia ammesso al più presto a godere la sua visione. O Vergine santa, assistimi perché io porti sempre con tanto rispetto il tuo santo abito e nella mia con­dotta nulla lo disonori o smentisca la mia devozione verso di te; ottienimi che, custodendo con premura la Parola di Dio e compiendo in terra la sua volontà, possa presentarmi a lui rivestito delle tue virtù così da meritare di vivere con lui e con te per tutti i secoli dei secoli. Amen.  

ALLA VERGINE DEL CARMELO DI GIOVANNI PAOLO Il 

Santa Madre della Speranza, Vergine del Carmine, distendi come mantello di protezione, sulle città e sui paesi, sugli uomini e le donne, sui giovani e i bambini, sugli anziani e gli ammalati, sugli orfani e gli afflitti, sui figli fedeli e le pecore smarrite. Stella del mare e Faro di luce, conforto sicuro per il popolo pellegrino, guida i suoi passi nel suo peregrinare terreno, affinché percorra sempre sentieri di pace e di concordia, cammini di Vangelo, di progresso, di giustizia e di libertà. Riconcilia i fratelli in un abbraccio fraterno; che spariscano gli odi e i rancori, che si superino le divisioni e le barriere, che si appianino i conflitti e si rimarginino le ferite. Fa' che Cristo sia la nostra Pace, che il suo perdono rinnovi i cuori, che la sua Parola sia speranza e fermento nella società. Amen.  

MARIA SIAMO TUOI CHIESA DEL CARMINE (LUINO) 

Maria, dolce Vergine del Carmelo, essendo tu Madre del Redentore sei anche la Madre della Chiesa, comunità riunita nel nome del Padre, del Fi­glio e dello Spirito Santo. Tu sei la Madre nostra. Donaci di entrare nel mistero di Gesù via verità e vi­ta dell'uomo, con l'ascolto appassionato della Parola di Dio e attraverso la grazia dei sacramenti della Confessione e dell'Eucaristia. Rendici capaci di parlare a tutti del tuo amore misericordioso che salva e manifestarlo attraverso la solidarietà, con i poveri di senso della vita, con le persone sole e con i sofferenti di ogni genere. Aiutaci ad essere costruttori di pace e di frater­nità superando l'individualismo e promuovendo il bene comune. Richiama gli uomini alla santità e alla bellezza della famiglia cristiana. Veglia sui nostri bambini. Proteggi i ragazzi e i giovani dai pericoli che insidiano la loro crescita spi­rituale e umana. Conforta gli ammalati e gli anziani. Donaci la perseveranza nel bene sino alla morte. Intercedi per i nostri cari defunti. Madonna del Carmine manifesta la tua prote­zione, noi ci affidiamo a te.  

MADRE DEL CARMELO DI ARNOLDO BOSTIO, O.CARM. (1475-1525) 

O Madre del Carmelo, che ci doni la veste dello Scapolare, tu ti esprimi e quasi ti identifichi con que­sto umile "segno" di protezione. Madre, con questo abito santo tu abolisci ogni di­stinzione di persone: esso è per tutti e senza alcun limite. Tu doni un distintivo tuo, non nostro. Doni un segno d'invincibile difesa per ogni tuo figlio. Tu presti la tua amabile attenzione di Serva del Signore verso noi peccatori ostinati. Ti  costituisci  come  richiamo  continuo  della nostra dignità di figli di Dio, cui è stata data la veste battesimale della grazia; e ci aiuti a mantenerla intat­ta o almeno a ripulirla. Nello Scapolare poni tutta la tua tenerezza umana di Madre del Verbo fatto carne e tutta la tua carità divina di prima "ancella" e "discepola" di Cristo. Hai stabilito con noi un patto di salvezza, impe­gnando la tua opera di Mediatrice se noi appena ci impegniamo a confidare in te e a tenerti per Madre nostra. Madre e Signora del Carmelo, difendici con la tua veste come con una nuova armatura, perché la guer­ra contro il nostro spirito infuria sempre più. E do­naci di raggiungerti in cielo, dove sei coronata di gloria a Dio Trinità. Amen.  

MEMORARE (RICORDATI) SAN BERNARDO (1090-1153) 

Memorére, o piissima Virgo Maria, non esse auditum a saeculo quemquam ad tua curréntem praesidia, tua im­ploràntem auiilia, tua peténtem suffràgia esse derelictum. Ego, tali animatus confidentia, ad te, Virgo virginum Mater, curro, ad te vénio, coram te gemens peccator assisto. 

RICORDATI (MEMORARE) 

Ricordati, o piissima Vergine Maria, che non si è mai udito al mondo che qualcuno, ricorrendo al tuo patrocinio, implorando il tuo aiuto, chiedendo la tua protezione, sia stato abbandonato. Animato da tale fiducia, a te ricorro, o Madre, Vergine delle vergini; a te vengo e, peccatore contrito, innanzi a te mi pro­stro. Non volere, o Madre del Verbo, disprezzare le mie preghiere, ma ascoltami propizia ed esaudiscimi. Amen.  

SUB TUUM PRAESIDIUM PRIMA PREGHIERA A MARIA (III sec.) 

Sub tuum praesidium confugimus, Sancta Dei Geni­trix, nostras deprecationes ne despicias in necessitatibus nostris, sed a periculis cunctis libera nos semper; Virgo gloriosa et benedicta.  

SOTTO LA TUA PROTEZIONE

(Sub tuum praesidium) 

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta. 

IGNARA DELLA TUA BELLEZZA

BEATA ELISABETTA DELLA SS. TRINITA (1880-1906) 

O Maria, tu sei la creatura che ha conosciuto il dono di Dio e non ne ha perduto neppure una stilla: tu sei tanto pura e luminosa da sembrare la luce stessa. Virgo Fidelis: sei la Vergine fedele, colei che custodiva tutte le cose nel suo cuore. Ti mantenevi così piccola e raccolta alla presenza di Dio, nel segreto del tempio, che attiravi su di te le compiacenze della Trinità Santa. Poiche il Signore si è deguato di rivolgere lo sguardo alla pochezza della sua serva, tutte le generazioni mi chiameranno beata. Il Padre, chinandosi su di te, creatura così bella, così ignara della tua bellezza, ha voluto che tu fossi nel tempo la Madre di Colui di cui Egli è il Padre nell'eternità. Allora intervenne lo Spirito d'amore e si compì il più grande dei misteri: per la discesa del Verbo, tu, o Maria, fosti per sempre la preda di Dio. 

DIMMI IL TUO MISTERO

BEATA ELISABETTA DELLA SS. TRINITA (1880-1906) 

Madre del Verbo, dimmi il tuo mistero: dopo l'Incarnazione del Signore come sei vissuta sulla terra tutta immersa nell'adorazione? In un'ineffabile pace, in un silenzio misterioso, hai penetrato l'inson­dabile portando in te il dono di Dio. Custodiscimi sempre in un divino abbraccio. Fa' che porti in me l'impronta di questo Dio d'a­more.  

STRUMENTO DI MARIA

SANTA TERESA BENEDETTA DELLA CROCE (1891-1942) 

Madre mia amatissima, il Signore ha affidato a te i misteri del Regno. Ha consegnato a te il Corpo Mi­stico. Il tuo sguardo abbraccia tutti i tempi. Tu co­nosci ogni membro del Corpo Mistico e i suoi doveri. Sei tu che lo guidi. Ti ringrazio per avermi chiamata ancora prima di sapere che la vocazione viene da te. Che cosa vuoi fare di me? Non lo so. Ma lo considero grazia grande e non meritata l'avermi scelta per essere tuo stru­mento. Come docile strumento vorrei abbandonarmi nel­le tue mani. Confido in te: sei tu che renderai utile questo inabile strumento.