LA MADRE E SIGNORA DI TUTTI I POPOLI

 

SIGNORE GESù CRISTO, FIGLIO DEL PADRE, manda Ora il tuo SPIRITO sulla terra. Fa abitare lo SPIRITO SANTO nei cuori di tutti i popoli, affinché siano preservati dalla corruzione, dalle calamità e dalla guerra. Che la Signora di tutti i Popoli, che una volta era Maria, sia la nostra Avvocata. Amen.

 

Ti ho dettato questa preghiera semplice al Padre e al Figlio. Impegnati che venga propagata nel mondo fra tutti i popoli. Ne hanno tutti il diritto. Ti assicuro che il mondo cambierà. Messaggio Amsterdam 29 aprile 1951

 

  Per ulteriori informazioni rivolgersi a: Casa "Madre di tutti i popoli" Via Nettunense, 31A I 00040 Cecchina di Ariccia (Roma) Tel.: Tel.: 06 37513783 FAX: 06 37351549 

Bisdom van Haarlem      

 IL SIGNIFICATO DELLA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI PER LA CHIESA E IL MONDO DI OGGI

Estratti da una conferenza tenuta da P. Paul Maria Sigl in occasione della Prima Giornata Internazionale di Preghiera ad Amsterdam, 31 maggio 1997

 

Traduzione autorizzata   

Haarlem, 31 maggio 2002

In risposta alle domande riguardo le apparizioni della Signora di tutti i Popoli.

Come Vescovo di Haarlem/Amsterdam mii è stato richiesto di pronunciarmi riguardo l'autenticità delle apparizioni di Maria come Signora di tutti i Popoli ad Amsterdam durante gli anni 19451959. Molti fedeli e vescovi hanno fatta notare l'urgenza di una chiarificazione a questo proposito. Anche io sono personalmente consapevole che lo sviluppo della devozione, che abbraccia un periodo di 50 anni, richieda questo.

Come già è saputo, il mio predecessore. Mons. H. Bomers ed io stesso abbiamo permesso la pubblica venerazione nel 1996. Quanto al carattere soprannaturale e al contenuto dei messaggi, non pronunciavamo alcun giudizio, ma dichiaravamo che "ciascuno è libero di formularsi un giudizio secondo la propria coscienza". Avendo un positivo atteggiamento di fondo riguardo l'autenticità, decidevamo di attendere ulteriori sviluppi e di continuare a discernere lo spirito, (cfr. 1 Tess 5, 1921)

Nel frattempo sono trascorsi sei anni da allora, ed io constato che questa devozione ha preso un posto nella vita di fede di milioni di fedeli sparsi nel mondo e che viene sostenuta da molti vescovi. Mi sono state anche riportate testimonianze di conversione e di riconciliazione come anche di guarigione e di particolare protezione.

Nel pieno riconoscimento della responsabilità della Santa Sede, è in primo luogo compito del vescovo locale di pronunciarsi, secondo coscienza. sull'autenticità di rivelazioni private che stanno avvenendo o che sono avvenute nella propria diocesi.

Per tale motivo, riguardo ai risultati di investigazioni precedenti e delle questioni e obiezioni derivanti da esse, ancora una volta ho richiesto il consiglio di diversi teologi e di psicologi. I loro pareri testimoniano che in ciò non ci sono fondamentali impedimenti teologici o psicologici, per il riconoscimento dell'autenticità soprannaturale. Ho anche richiesto, riguardo ai frutti spirituali e allo sviluppo successivo, il giudizio di un certo numero di confratelli nell'Episcopato che sperimentano, nelle loro Diocesi, una forte venerazione di Maria come Madre e Signora di tutti i Popoli. Considerando questi pareri, testimonianze e sviluppi, e ponderando tutto questo nella preghiera e nella riflessione teologica, tutto ciò, mi conduce alla constatazione che nelle apparizioni di Amsterdam c'è un'origine soprannaturale.

Naturalmente, persiste l'influsso del fattore umano. Anche autentiche immagini e visioni passano come lo afferma il Cardinale Joseph Ratzinger, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede "attraverso il filtro dei nostri sensi, che devono compiere un processo di traduzione..." e "...portano in sé anche le possibilità ed i limiti del soggetto che percepisce". (Cardinale Ratzinger, Commento teologico in preparazione alla pubblicazione del terzo Segreto di Fatima. L'Osservatore Romano, 28 giugno 2000).

Al contrario della Sacra Scrittura, la rivelazione privata non è mai vincolante per la coscienza del fedele. Essa è da vedersi come un aiuto per comprendere i segni dei tempi e per vivere più perfettamente il Vangelo nella sua attualità (cfr. Le 1156: Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 67). E i segni dei nostri tempi sono drammatici. E' mia sincera convinzione che la devozione alla Signora di tutti i popoli ci può aiutare, nella drammaticità del nostro tempo, a trovare la giusta via, la via verso una nuova e particolare venuta dello Spirito Santo. Lui che solo può sanare le grandi piaghe del nostro tempo.

Per seguire l'ulteriore sviluppo della devozione e pervenire ad una più profonda comprensione del suo significato, ho nominato una commissione di accompagnamento. Il suo compito è quello di documentare tutte le iniziative, le esperienze e le testimonianze, di giudicarle e di promuovere un corretto sviluppo ecclesiale e teologico della devozione.

Spero con ciò di aver provveduto a fornire sufficiente informazione e chiarezza.

R. Soffner 

 

IL SIGNIFICATO DELLA MADRE E SIGNORA DI TUTTI I POPOLI

PER LA CHIESA E IL MONDO DI OGGI

Esattamente 42 anni fa Maria disse qui ad Amsterdam: "Voi dovete preoccuparvi che ogni anno attorno a questo trono, a questa immagine, i popoli vengano radunati. Questa è il grande favore che Maria, Miriam, o la Signora di tutti i Popoli, può donare a tutti i popoli del mondo." (31.5.1955)

Se l'apparizione dell'Immacolata in rue du Bac e la rivelazione della Medaglia miracolosa segnano l'inizio del tempo di Maria, si può giustamente affermare che l'apparizione della MADRE E SIGNORA DI TUTTI I POPOLI rappresenti il culmine e il coronamento del tempo di Maria.

Amsterdam, culmine e coronamento del tempo di Maria? Questo forse vi sorprenderà. Ma presto capirete che non è esagerato.

 

LA VEGGENTE IDA PEERDEMAN

Sicuramente non piacerebbe alla veggente Ida Peerdeman che oggi, nel primo incontro internazionale di preghiera della MADRE E SIGNORA DI TUTTI I POPOLI, si parli molto di lei. Come ha giustamente osservato il vescovo di Amsterdam Mons. Bomers durante l'omelia ai funerali di Madre Ida: "Era rimasta semplicissima fino all'ultimo giorno e non desiderava effetto che si esaltasse la sua persona. Non ne parlava neppure." è proprio vero, a lei interessava solo Maria. Perciò parleremo molto brevemente della sua vita.

Ida nasce nel 1905 ad Alkmaar, nell'Olanda settentrionale; già all'età di 12 anni ha il primo incontro con la bella Signora luminosa. Questo avviene nel 1917 per tre volte nel mese di ottobre, il mese del rosario durante il quale Maria appare anche per l'ultima volta ai tre pastorelli di Fatima. Ma solo 28 anni dopo, il 25 marzo 1945, inizia la vera vocazione di Ida. Se si pensa al grande significato dei messaggi di Amsterdam, non ci sorprende il fatto che Maria abbia scelto per l'inizio delle sue apparizioni come CORREDENTRICE, proprio il giorno in cui la Chiesa ricorda il più grande evento della storia della creazione: Dio si fa uomo nel grembo della Vergine Maria.  E' il momento in cui inizia in modo particolare la vocazione di Corredentrice di Maria, perché in quel giorno con il suo sì, essa viene unita intimamente alla vita del suo Redentore, il Redentore dell'umanità. Nel corso della sua vita Madre Ida impara con dolore cosa significa essere derisa e ridicolizzata dai massmedia. Molti la screditano come una pazza e soffre per le incomprensioni e le umiliazioni anche da parte della Chiesa.

La veggente capisce sempre più che, come portatrice dei messaggi della Corredentrice, anche lei deve sopportare sofferenze dell'anima e del corpo. Queste sofferenze, il suo silenzio durato anni, l'attesa e l'obbedienza, sono il suo contributo come quello del seme che cade in terra e muore perché il frutto possa aprirsi ora.

Quando Madre Ida morì a 90 anni, Mons. Bomers volle presiedere lui stesso la cerimonia funebre tanto ne stimava la umana grandezza. Nonostante tutta la sua prudenza, si era sempre dimostrato un pastore per la veggente.

 

L'AUTENTICITà DEI MESSAGGI

Vorrei dire alcune parole sull'autenticità dei messaggi senza volere anticipare il giudizio della Chiesa. Per compiere con convinzione ciò che viene richiesto in un messaggio, dobbiamo essere sicuri che venga da Dio, e che il profeta sia un profeta di Dio. Il Signore non si aspetta da noi un atteggiamento di credulità o di fanatismo, anzi ci mette in guardia contro i falsi profeti.

Se però esiste l'autenticità, dobbiamo aprirci al messaggio con riconoscenza, ubbidire come bambini e compiere tutto esattamente come è richiesto da Dio per mezzo di Maria.

A Guadalupe (Messico) nel 1531, Maria fece fiorire in pieno inverno delle rose spagnole come prova di autenticità, inoltre impresse la sua immagine miracolosa sul manto del veggente Juan Diego, immagine non dipinta da mano umana e le cui tinte non esistono su questa terra.

A Lourdes, l'Immacolata fece scaturire una sorgente miracolosa (25.2.1858), e a Fatima compì il miracolo del sole davanti a 70.000 testimoni oculari (13.10.1917).

La Madonna segue qui ad Amsterdam una via del tutto diversa. Dimostra continuamente l'autenticità dei suoi messaggi facendo realizzare le numerose previsioni nel corso degli anni.

Qui ad Amsterdam vengono date prove stupende di autenticità come se ne trovano poche nella storia delle apparizioni mariane.

Citerò qui solo alcuni esempi: già nel 1950 (10.12.1950), Ida vede il crollo del muro di Berlino. Appena tre settimane prima, il Presidente Honecker aveva garantito: "Il muro rimarrà per altri 100 anni".

L'11 febbraio 1951, mentre Ida si trova in Germania, è portata in visione dalla Signora nella basilica di S. Pietro. Qui vede tutti i vescovi del mondo con la mitra bianca e il Santo Padre con la tiara e un grande libro. Nessuno al mondo e ancor meno la veggente stessa poteva allora sospettare che stesse assistendo al Concilio Vaticano Secondo che si sarebbe tenuto solo undici anni dopo.

Ma la più grande prova di autenticità, viene data alla veggente la notte dal 18 al 19 febbraio 1958. La Madonna le annuncia che il papa Pio XII, allora perfettamente sano, sarebbe morto all'inizio di ottobre cioè dopo otto mesi:

"Ascolta, questo Santo Padre, il Papa Pio XII sarà accolto tra i nostri all'inizio di ottobre di quest'anno. La Signora di tutti i Popoli, la Corredentrice, la Mediatrice e l'Avvocata lo condurrà alla gioia eterna." La Madonna tiene un dito sulle labbra e dice: "Non devi parlare a nessuno di queste cose."

Il padre spirituale di Ida, P. Frehe OP, le chiede però di lasciargli il contenuto segreto di questo messaggio in una busta sigillata e di conservarne una copia a casa della veggente. Ida fa quello che le chiede il suo padre spirituale. Pio XII muore effettivamente il 9 ottobre a Castelgandolfo. Madre Ida va immediatamente dal padre spirituale e gli mostra la copia di quel messaggio che si è avverato. Questa prova sorprendente è tanto più convincente per il padre spirituale perché sa che solo Dio decide e conosce il giorno della morte di ogni persona.

Si può facilmente valutare quale grande significato i messaggi di Amsterdam hanno per la Chiesa e per il mondo, se Dio ricorre come prova di autenticità a visioni quali il Concilio e la morte di un santo Papa.

 

LA PREGHIERA PER IMPLORARE IL VERO SPIRITO SUL MONDO

Già nel primissimo messaggio del 25 marzo 1945, la Madonna parla della sua PREGHIERA come se fosse già conosciuta: "Questa preghiera deve essere diffusa!" In realtà la rivela solo sei anni dopo, mentre la veggente è in Germania.

Già il fatto che Maria detti la sua preghiera durante la visione del Concilio Vaticano II, è un chiaro segno dell'importanza di questa preghiera per la Chiesa e per il mondo.

Ancora prima che la Madonna inizi a parlare, Ida viene condotta davanti alla Croce e resa partecipe di una grande sofferenza: "Io mi trovavo con la SIGNORA davanti alla Croce. Lei disse: "Ripeti quello che dico!" Alzò le mani che teneva sempre aperte e le congiunse. Il Suo viso divenne così celestiale, talmente sublime che non è possibile descriverlo. La sua figura divenne ancor più trasparente e tanto bella... e la SIGNORA disse allora:

"Signore Gesù Cristo, Figlio del Padre..." Ma come lo diceva! Penetrava nelle ossa. Non ho sentito nessuno al mondo dirlo in questo modo, "Manda ORA il Tuo Spirito", accentuando ORA, e "fa abitare lo Spirito Santo nei cuori di TUTTI i popoli", con enfasi particolare sulla parola TUTTI. La SIGNORA pronunciò anche la parola AMEN in modo talmente bello, così solenne mentre la SIGNORA diceva "Amen", tutto rimaneva scritto a grandi lettere davanti a me."

All'inizio la frase "che una volta era Maria" suscitano sorpresa e perplessità non solo presso le gerarchie ecclesiastiche, ma anche presso la veggente stessa e il suo padre spirituale. Quando nella prima stampa queste parole problematiche vengono semplicemente tralasciate, Maria precisa nei messaggi seguenti di non essere soddisfatta del cambiamento del testo. "Che la Signora di tutti i Popoli, che una volta era Maria, sia la nostra Avvocata! Deve rimanere così come è." (6.4.1952) La Madonna spiega in modo chiaro, breve e semplice (già il 2.7.1951): "Che una volta era Maria, significa che molti hanno conosciuto Maria come Maria. Ora però voglio, in questa nuova epoca che sta cominciando, essere la Signora di tutti i Popoli, questo è comprensibile a tutti."

Maria, la ragazza piena di grazia, non era la madre di tutti gli uomini fin dall'inizio, ma attraverso la fedele collaborazione con la grazia e la sofferenza, unita al Figlio, è diventata Madre per tutti i popoli. Maria stessa spiega perché da questa nuova preghiera: "Vi viene data per implorare il vero spinto sul mondo." (20.9.1951) "Non sai giudicare l'importanza di questa preghiera perché non conosci il futuro." (15.4.1951)

La sua richiesta particolare è rivolta al Santo Padre affinché reciti questa preghiera ai popoli:

"Apostolo del Signore Gesù Cristo, insegna ai tuoi popoli questa semplice, ma significativa preghiera." (10.5 1953) Maria promette anche: "Con questa preghiera la SIGNORA salverà il mondo." (10.5.1953) "Voi non conoscete la potenza e l'importanza di questa preghiera davanti a Dio. Egli esaudirà Sua Madre perché lei vuole essere la vostra Avvocata." (31.5.1955) "Recitate questa preghiera in tutto quello che fate." (31.12.1951) Quando è possibile, dobbiamo recitare questa semplice preghiera ogni giorno davanti alla Croce, lentamente e devotamente come lo desidera Maria.

 

L'IMMAGINE IL SIGNIFICATO DEL NUOVO DOGMA

I messaggi di Amsterdam sono unici nella storia delle apparizioni mariane anche perché la Madonna stessa descrive dettagliatamente l'immagine miracolosa. "Questa immagine è il significato e la rappresentazione figurata del nuovo dogma. Perciò ho dato io stessa quest'immagine ai popoli." (8.12.1952)

In effetti Maria si mostra tre volte CORREDENTRICE perché sta davanti alla Croce di suo Figlio dalla quale proviene la luce che la irradia.

Essa porta intorno alla vita una benda e spiega: "Ascolta bene ciò che essa significa: E' simile alla BENDA del Figlio. Io sono la DONNA che sta davanti alla CROCE del Figlio." (15.4.1951)

Le sue mani portano delle FERITE luminose. Con questa immagine, Maria descrive quindi la sofferenza fisica e spirituale che ha sopportato, unita al Figlio Divino, per la redenzione dell'umanità. La SIGNORA richiama di nuovo lo sguardo di Ida sulle sue mani e si rivela così come la MEDIATRICE DI TUTTA LA GRAZIA. "Guarda bene le mie mani e racconta ciò che vedi." Ora Ida vede in mezzo alle mani qualcosa, come

se ci fosse stata una ferita. Tre raggi partono dalle ferite di ogni mano e si riflettono per così dire sul gregge. La SIGNORA sorride e dice: "Sono i tre raggi, i raggi della grazia, della redenzione e della pace." (31.5.1951) La grazia che viene dal Padre, la redenzione dal Figlio e la pace dallo Spirito Santo. "I miei piedi sono solidamente posati sul globo terrestre perché il Padre e il Figlio vogliono presentarmi in questo tempo, in questo mondo come la Corredentrice, la Mediatrice e l'Avvocata." (31.5.1951) "Questo tempo è il nostro tempo." (2.7.1951)

In una immagine biblica Maria fa vedere alla veggente, tutto intorno al globo, il gregge di pecore che simboleggia tutti i popoli e le razze della terra; aggiunge poi: "Non troveranno la pace finché non si fermeranno e alzeranno lo sguardo alla croce, il centro del mondo." (31.5.1951)

Di nuovo Maria richiama il nostro sguardo alla croce, il centro del mondo! Maria ci chiede di diffondere questa immagine in tutto il mondo perché "è il significato e la rappresentazione figurativa del nuovo dogma." (8.12.1952) Per questo motivo Maria sottolinea diverse volte che questa immagine deve precedere il dogma. "Questa immagine precederà un dogma, un nuovo dogma." (15.4.1951)

Quando nel 1966 l'immagine viene portata per un anno in Francia, e la veggente visita anche la cappella dell'apparizione delle Vincenzine in rue du Bac, la Madonna le spiega: "Ciò che è iniziato qui è stato compiuto dalla Signora di tutti i Popoli." (31.5.1969) Era a conoscenza di tutto ciò il Santo Padre quando nominò un provinciale dei Vincenzini, Henrik Bomers, vescovo di HaarlemAmsterdam?

E' vero, l'Immacolata della rue du Bac rappresenta l'inizio luminoso dell'epoca mariana nella quale viviamo adesso ma Amsterdam ne è il coronamento, o, come Maria stessa dice "la chiave di volta dei pensieri mariani." (4.4.1954)

Cari fratelli e sorelle dei Paesi Bassi, vi rendete conto di quale grande tesoro possedete?

Il nuovo titolo SIGNORA DI TUTTI I POPOLI (DE VROUWE VAN ALLE VOLKEREN) [in olandese "Vrouwe" significa sia Signora che Donna] è scritto in lettere scure all'interno di un semicerchio luminoso che si estende da un braccio all'altro della croce. Ma quale è il significato di questo titolo?

 

IL TITOLO IL RIASSUNTO DEL NUOVO DOGMA

La Madonna usa più di 150 volte questo nuovo nome che esprime la Sua più profonda vocazione. "Puoi dire la Signora di tutti i Popoli o la Madre di tutti i Popoli." (11.2.1951)

Se si leggono i messaggi con attenzione, ci si accorge che il nuovo titolo è il riassunto del triplice dogma. Per dimostrarlo, dobbiamo aprire le Sacre Scritture perché là, in quattro passi, Maria viene chiamata "DONNA", e questo precisamente in quelle situazioni in cui si parla della sua vocazione universale di Madre.

1) Già nelle prime pagine della Sacra Scrittura, nel libro della Genesi, Maria è indicata come la DONNA che, unita al Figlio, schiaccerà la testa del serpente. Dice Dio a satana che ha portato Eva ed Adamo all'orgoglio e alla disubbidienza: "Io porrò inimicizia tra tè e la DONNA, tra la tua stirpe e la sua stirpe." (Gen. 3,15)

2) Alle nozze di Cana, Gesù si rivolge a Sua madre per la prima volta chiamandola DONNA, per ricordarle così la sua vocazione ad essere la DONNA, la SIGNORA DI TUTTI 1 POPOLI, e lei, Mediatrice ed Avvocata, implora il miracolo.

3) Sul Calvario, il Redentore morente si volge con le Sue ultime forze alla Madre per dirle come testamento personale solo quattro parole decisive: "DONNA, ecco il tuo Figlio!" Con queste parole divine Maria, Corredentrice, diventa la "SIGNORA DI TUTTI I POPOLI". Questo viene confermato dal messaggio del 6 aprile 1952: "è diventata la 'SIGNORA', la Corredentrice e Mediatrice durante il sacrificio della croce, il Figlio annuncia questo titolo a tutto il mondo."

4) Troviamo l'ultima delle quattro citazioni nell'Apocalisse. Qui al culmine della storia della salvezza, appare di nuovo la DONNA vestita di sole. Essa soffre per la rinascita dell'umanità (vedi Apocalisse 12,1 ss.). Appare allora un enorme drago rosso che perseguita la DONNA che ha partorito un figlio maschio.

La DONNA promessa nella Genesi che, unita al Figlio, schiaccia la testa del serpente,

la DONNA di Cana, la DONNA del Calvario e la DONNA dell'Apocalisse e la SIGNORA DI TUTTI I POPOLI, perché Lei unita al Redentore, ha sofferto per tutti i popoli, ha trasmesso a tutti i popoli la vita della grazia e intercede per tutti i popoli.

Ascoltate adesso, cari amici, una delle più belle promesse che Maria ha fatto qui ad Amsterdam: "Con questo titolo salverò il mondo. Con questo titolo... lo salverò da una grande catastrofe mondiale!" (20.3.1952 / 10.5.1953) Questo titolo MADRE E SIGNORA DI TUTTI I POPOLI esprime quindi in modo unico la vocazione universale di Maria per tutti i popoli, per tutti i continenti, per tutte le razze e per tutti gli uomini di tutte le fedi religiose perché essa è veramente la Madre di tutti gli uomini. Ama tutti i suoi figli, lo vogliano o no! Lei ama tutti i suoi figli, lo sappiano o no!

Perciò il santuario della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI diventerà sempre più un luogo di intesa profonda fra i popoli, di vero ecumenismo e unità nello Spirito Santo.

 

IL DOGMA CHE PORTA LA SALVEZZA

Maria chiede espressamente qui ad Amsterdam un dogma. Questo fatto è unico. In nessun altro luogo al mondo aveva mai desiderato una cosa simile. Sarà l'ultimo e il più grande dogma della storia mariana: Maria, la Corredentrice, la Mediatrice e l'Avvocata. Penso che nessun teologo avrebbe mai avuto l'idea di riunire questi tre titoli in un unico dogma. Solo Maria, teologa divina e madre della sapienza, poteva farlo.

Ma che cosa è un dogma? Quando il papa proclama solennemente un dogma significa: Questa verità proclamata non è stata immaginata dagli uomini, ma rivelata da Dio. Perciò un dogma, nel quale si crede fermamente, rappresenta anche un'arma incredibilmente potente nella lotta contro satana, il padre della menzogna. Satana sa che sarà vinto da Maria e dai suoi figli.

Perciò ha iniziato in questo secolo come mai prima, una battaglia spietata contro Maria e contro i suoi figli.

Quando Giovanni Paolo II parla del nostro secolo come del 'Secolo di morte', dobbiamo purtroppo dargli ragione. Non ci sono mai state nella storia umana tante guerre, tanta sofferenza, tanta miseria e tanta morte, per esempio: una chiesa del Ruanda piena di cadaveri migliaia di martiri della fede un milione di morti solo in un mese. Nelle apparizioni di Kibeho in Ruanda, Maria aveva esortato alla conversione, ma non abbiamo voluto ascoltarla.

O nella BosniaErzegovina: la Regina della Pace non ci aveva forse messo in guardia per dieci anni, quando ancora nessuno sospettava una guerra? Un veterano del Vietnam, ufficiale delle truppe di pace dell'ONU ha detto: "La guerra del Vietnam era un gioco da ragazzi in confronto a ciò che è avvenuto qui quanto a crudeltà satanica."

"Il mondo durante i secoli non ha mai conosciuto un tempo simile. Un simile decadimento della fede!" (28.3.1951) "Tutto il mondo è corrotto." (4.3.1951) "Il nemico di nostro Signore Gesù Cristo ha lavorato lentamente, ma in modo sicuro. Le sentinelle sono state disposte. Ha quasi finito il suo lavoro." (8.12.1952)

"Tutto il mondo è corrotto, perciò il Figlio manda la Signora di tutti i Popoli." (4.3.1951)

Questa MADRE E SIGNORA DI TUTTI I POPOLI ci aveva promesso solennemente: "Con questo titolo salverò il mondo." (20.3.1953) "Con questa preghiera salverò il mondo da una grande catastrofe mondiale." (10.5.1953)

Ma come farà? "Quando il dogma, l'ultimo dogma della storia mariana sarà proclamato, allora la Signora di tutti i Popoli donerà la pace, la vera pace al mondo. I popoli devono pregare la mia preghiera insieme alla Chiesa!" (31.5.1954)

Vedete, solo con i messaggi di Amsterdam si può dimostrare quale potenza e quale grazia produrrà questa incoronazione di Maria, e che il tempo stringe. Maria promette che lo Spirito Santo scenderà in una nuova pienezza sulla Chiesa e sul mondo.

Ma come può un dogma mariano causare una nuova Pentecoste? Con la proclamazione solenne del più grande dogma mariano, la Chiesa mette Maria 'in mezzo a sé', nel suo cuore come allora nel cenacolo di Gerusalemme. E cosa successe quando gli apostoli presero la Corredentrice, la Mediatrice e l'Avvocata in mezzo a loro? Sulla Chiesa primitiva discese lo Spirito Santo in lingue di fuoco.

"E la Signora rimase tra i suoi apostoli finché venne lo Spirito. Così la Signora può anche venire dai suoi apostoli e popoli di tutto il mondo, per riportare loro nuovamente lo Spirito Santo." (31.5.1954)

 

LA CHIAVE PER IL TRIONFO DI MARIA

Questo dogma mariano è la chiave della porta attraverso la quale entriamo in un nuovo tempo, in una nuova epoca, nell'epoca dello Spirito Santo. Quando avverrà questa incoronazione di Maria, satana avrà perso una volta per tutte. Ida ha visto questa sconfitta di satana con immagini drammatiche: "Ho visto il drago contorcersi, poi cadere afflosciato e sfinito e precipitare". La voce disse: "La tua potenza è spezzata e la tua forza è diminuita. La tua superbia e il tuo orgoglio saranno calpestati." (11.2.1975) "Tutto questo accadrà." (25.3.1975)

Come non pensare alla visione di Don Bosco? Egli vede il papa, che dopo una dura battaglia in mare, lega la nave della Chiesa a due colonne: alla colonna della Madre di Dio e alla colonna dell'Eucaristia. Non è lecito pensare, dopo tutto quello che abbiamo sentito, che questo gesto di legare la nave alla colonna di Maria si realizzerà con la proclamazione del dogma?

"Alla fine il mio Cuore trionferà!", cosi' aveva detto Maria a Fatima. Sono sicuro che questo trionfo di Maria si compirà solo con la proclamazione del più importante e del più grande dogma mariano.

E la colonna dell'Eucaristia? Quali rapporti vi sono fra la Santa Eucaristia e Amsterdam? Moltissimi! Maria dice il 20 marzo 1953 che ha scelto Amsterdam perché è la città del miracolo, la città del miracolo eucaristico avvenuto 600 anni prima. Il 23 luglio 1946, 50.000 olandesi festeggiarono il 600° anniversario del miracolo di Amsterdam.

Inoltre la S. Eucaristia è così al centro per la SIGNORA DI TUTTI I POPOLI che parallelamente ai messaggi, a partire dall'anno 1958 incominciarono per Ida le cosiddette esperienze eucaristiche.

 

UNA LOTTA SPIRITUALE

Ringrazio tutti quelli che hanno chiesto al Santo Padre questo dogma con la loro firma. Sono già quattro milioni di credenti, 470 vescovi di tutti i continenti e già oltre 40 cardinali.

Ma esistono anche molte persone che sono contrarie, cari amici, dovete saperlo: ci sono cardinali influenti, non pochi vescovi, sacerdoti, teologi, molti fratelli e sorelle nella fede che, da un punto di vista umano, per buoni e comprensibili motivi, non sono d'accordo con la proclamazione di un nuovo dogma mariano. Dobbiamo rispettare le loro convinzioni con amore.

I professori continueranno a studiare e discutere se sia giusto o no teologicamente chiamare Maria, la Corredentrice. Ma per potere dimostrare quale potente e benefico effetto questo dogma mariano avrà sulla Chiesa e sul mondo, abbiamo bisogno dei messaggi di Amsiterdam.

Allo stesso modo solo con le parole della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI si può provare che il tempo stringe e che Dio vuole questo dogma ora. Facciamo tutto il possibile perché il Santo Padre possa proclamare solennemente il più presto possibile questa verità che porta la salvezza.

Sicuramente sentite sempre più fortemente che la vostra firma non può bastare. La vera forza consiste nel collaborare con coraggio e zelo ardente al piano di amore che Maria chiama "opera di redenzione e di pace" (v. 1.4.1951) e anche "azione mondiale". (v. 11.10.1953)

Voi tutti potete collaborare a questa opera di redenzione e di pace perché è una azione universale sostenuta soprattutto dai piccoli e dai deboli.

 

L'AZIONE MONDIALE ATTRAVERSO LA PREGHIERA E L'IMMAGINE DELLA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI

Che cos'è? Questa azione è molto semplice ed è alla portata di tutti. Portate quest'immaginetta con la preghiera oppure il manifesto con la preghiera nelle vostre famiglie, dagli amici, dai conoscenti, dai colleghi di lavoro o nei gruppi di preghiera, nelle carceri, ospizi e ospedali perché la preghiera di chi soffre in questi luoghi è quella che sarà la più potente.

La Madonna incoraggia la veggente: "Hai paura? Ti aiuto, vedrai, la propagazione andrà da sé." (15.4.1951) "Maria prende su di sé la responsabilità." (4.4.1954)

Ida potè vedere molti anni prima l'effetto di questa azione: "Come i fiocchi di neve mulinano sopra il mondo e cadono in uno spesso strato sul suolo, così la preghiera e l'immagine si propagheranno per il mondo e penetreranno nei cuori di tutti i popoli." (1.4.1951)

Madre Ida è stata impegnata per anni a mandare immaginette e messaggi stampati con l'approvazione ecclesiastica a tutti quelli che lo richiedevano.

Il sacerdote olandese P.J. Sanders racconta un bell'esempio sulla straordinaria diffusione dell'immaginetta. Mentre egli 30 anni fa si trovava nell'Iraq islamico per studi linguistici, un giorno qualcuno lasciò sotto alla porta della sua stanza una immagine della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI con la preghiera: "Rimasi senza parole", dice lo studioso olandese.

A quelli che vogliono vedere un miracolo ancora prima di lavorare per Maria, lei dice: "Orsù incominciate quest'opera di redenzione e di pace con ardore e poi vedrete il miracolo." (1.4.1951)

Anche noi dobbiamo soltanto come hanno fatto gli apostoli nella moltiplicazione dei pani dividere i doni di Dio. Egli farà il miracolo e Maria sa come toccare i cuori dei suoi figli.

Comprendete ora per quali vie di grazia la MADRE DI TUTTI I POPOLI prepara lei stessa il suo ultimo e più grande dogma? L'azione voluta da Dio in questa attuale lotta spirituale durissima, rappresenta la preparazione pacifica e l'introduzione diretta al dogma.

Non ci si può immaginare quale esplosione di grazia avverrebbe se tutti i quattro milioni di persone che hanno firmato venerassero anche l'immagine miracolosa della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI e recitassero la sua preghiera con molto amore, i religiosi nei loro conventi, i sacerdoti nelle loro parrocchie, i vescovi nella loro diocesi...

Lavoriamo per questo!

SIGNORE GESù CRISTO, FIGLIO DEL PADRE, manda ora il tuo SPIRITO sulla terra. Fa abitare lo SPIRITO SANTO nei cuori di tutti i popoli, affinché siano preservati dalla corruzione, dalle calamità e dalla guerra. Che la Signora di tutti i Popoli, che una volta era Maria, sia la nostra Avvocata. Amen.

 

*************************

TESTIMONIANZE

 

L'AZIONE MONDIALE DELLA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI

"Questa azione non vale soltanto per un paese, ma per tutti i popoli... Maria prende su di sé la responsabilità". (Messaggio di Amsterdam dell' 11.10.1953)

Nel giorno dell'incontro di preghiera, il 31 maggio, 105 grandi immagini in della "Signora di tutti i popoli" hanno iniziato il loro pellegrinaggio nei Paesi Bassi. Maria sarà portata di settimana in settimana nelle famiglie, nelle parrocchie e in altri luoghi, perché tutti quelli che pregheranno davanti a questa immagine possano sperimentare il Suo amore materno. Le immagini saranno riportate solennemente ad Amsterdam l'anno prossimo per il secondo incontro internazionale di preghiera. Abbiamo già ricevuto le prime notizie su questa "Azione".

 

L'AMORE RENDE INGEGNOSI

Poco tempo fa un membro olandese dell'azione ha ordinato al santuario molte immaginette nelle lingue più svariate: russo, tedesco, inglese, svedese, coreano, portoghese, olandese. Sorpresi, gli abbiamo chiesto come mai un olandese avesse bisogno di questa preghiera in così tante lingue. Ci ha risposto visibilmente felice: "Mi servono per un festival di danza al quale sono invitati ballerini di molti paesi. Poi il nostro coro andrà in Germania: che bella occasione per distribuire la preghiera e l'immagine!" Tre settimane dopo, lo zelante attivista ci ha raccontato pieno di gioia che le immaginette erano state tutte distribuite e che i ballerini avevano anche promesso di pregare la preghiera della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI. E cosa è successo dopo? Con molta risoluzione il nostro caro amico ha ordinato altre immaginette in molte altre lingue, perché ha trovato un'altra occasione per distribuirle: il 31 luglio si sarebbe tenuto un festival internazionale di danza con la partecipazione di ballerini di 24 paesi!

 

MARIA VA A SCUOLA

Come tanti altri fedeli anche la signora Mulder di Haastrecht ha preso un'immagine della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI per portarla per un anno, ogni settimana, in un luogo diverso dove pregare. Suo fratello lavora a Gouda come maestro elementare. Egli, pieno di entusiasmo, decide di esporre in classe per una settimana l'immagine della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI per pregare con i bambini. Nonostante l'opposizione e l'ostilità dei suoi colleghi, egli rimane fermo nella sua decisione e torna a casa per prendere l'immagine: appena la toglie dalla scatola, si sparge un meraviglioso intenso profumo di rose. Con lacrime di gioia egli ringrazia la MADRE DI TUTTI I POPOLI per averlo incoraggiato così a proseguire nel suo impegno.

 

I BAMBINI PORTANO FIORI A MARIA 

Caterina Grootenhuis, una dottoressa di Zwolle, unica praticante nella sua famiglia che è protestante, ci racconta un fatto simpatico. Mentre l'immagine si trovava a casa sua per una settimana, dei bambini del vicinato molto incuriositi erano venuti da lei. Essi osservavano quelli che pregavano, li ascoltavano, ma non potevano pregare dato che erano stati educati del tutto senza fede. Ogni giorno però venivano regolarmente all'ora della preghiera per portare dei fiori alla Madre di tutti i Popoli. Un giorno, siccome l'orario dell' incontro di preghiera era stato spostato, i bambini trovarono la porta chiusa; essi allora misero semplicemente i loro "fiori quotidiani" nella cassetta delle lettere.

Un esempio impressionante di come la SIGNORA DI TUTTI I POPOLI desideri riunire e riconciliare tutte le nazioni è rappresentato dal fatto seguente, apparentemente di poco rilievo, avvenuto durante l'incontro di preghiera. Una signora indonesiana chiese con insistenza il permesso di salire sul palco dell'auditorium e di toccare la bandiera nazionale giapponese. Anche se questa richiesta sembrò in un primo momento insolita, le fu dato volentieri il permesso. Così la signora salì sul palco e toccò con le sue mani la bandiera del Giappone. Lo stesso giorno essa spiegò al Signor Leeman, presidente della fondazione "Signora di tutti i popoli", cosa significava per lei quel gesto: "Da quel momento", disse "ho ricevuto la grazia del perdono: sono stata imprigionata per 3 anni e mezzo in un campo di concentramento giapponese dove ho molto sofferto. E oggi per la prima volta ho sentito la forza di perdonare questo popolo".

 

MA COME E' BELLA QUESTA PREGHIERA!

A Bergen, vicino a Alkmaar, la cuoca della parrocchia si è incaricata dell'immagine della Madre di tutti i Popoli. L'ha esposta nella casa parrocchiale e ha incominciato a pregare il rosario e la preghiera della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI ogni giorno a mezzogiorno, con due o tre fedeli. Il parroco, che all'inizio non voleva questa immagine in casa, neanche in cucina, alla fine è venuto alla preghiera guidando anche il rosario. Alla fine della settimana c'erano già 2830 persone davanti all'immagine. Infine, venuto il momento di portarla in un'altra casa, il parroco promise alle sue zelanti pecorelle che per tutto il mese del rosario l'immagine sarebbe potuta rimanere nella sua chiesa. Ed egli esclamò: "Ma come è bella questa preghiera!"

 

LA LUCE VIENE DALL'ORIENTE

Dall'India ci è pervenuto un esempio, documentato da bellissime foto, di come gli uomini di tutto il mondo si siano uniti spiritualmente all'incontro di preghiera di Amsterdam.

Un semplice laico di nome Th. Thomas ha organizzato il 31 maggio un incontro di preghiera nella millenaria cattedrale di S. Tommaso di Palai Kerala (India). Laici, suore di varie congregazioni, bambini e adulti si sono riuniti per la Santa Messa e l'adorazione davanti al Santissimo Sacramento esposto. Si erano preparati tutto il mese di maggio per questa festa portando l'immagine della Madonna ogni giorno in una famiglia diversa. I fedeli indiani hanno pregato il rosario e la preghiera della SIGNORA DI TUTTI I POPOLI per implorare una rapida proclamazione del dogma di "Maria Corredentrice, Mediatrice e Avvocata".

Essi si sono lasciati toccare in modo tale dalla grazia, che hanno deciso di proseguire quest'azione di preghiera per tutto l'anno.