LE APPARIZIONI DI MARIENFRIED  scarica

Il Messaggio di Marienfried riguarda la fine dei tempi. Esso ci presenta, in dimensione grandiosa, la "Bestia" in opposizione alla "Donna": (Apoc. 12, 14)

Molti si domandano: "Come mai non abbiamo ancora sentito parlare di questo Messaggio? E' stato nascosto o misconosciuto?"

Per dirla in breve: dopo un sonno di 20 anni, Biancaneve si è svegliata alla vita, e dopo altri 10 anni ha ricevuto a poco a poco il suo valore nella Chiesa, disposto da Dio. Nel corso degli anni esso potè quindi portare dei frutti e maturare, poichè le Grandi Cose crescono nel silenzio, ma portano molti frutti.

Marienfried ci mostrerà che ha da occupare un grande posto nella storia della salvezza del mondo, perchè rappresenta ed è come il coronamento delle grandi apparizioni di Maria.

A Parigi, nel 1830, cominciò la serie delle grandi visite di Maria. Esse sono continuate a La Salette, Lourdes, Fatima e in altri luoghi. Marienfried ha in questo coronamento un particolare significato. L'Apocalisse si manifesta qui in una luce chiarissima. Il Messaggio finisce con il grandioso Inno dei Cori Angelici. La vittoria di Cristo, Re, viene annunciata.

Le apparizioni della Madonna oggi sono combattute e sono accolte con molto scetticismo ed avversione. Il noto teologo Carlo Rahner tuttavia disse: "Le apparizioni della Madonna sono per loro natura un "imperativo" (comando).

 

LE APPARIZIONI DI MARIENFRIED

"Il Santuario di Marienfried significa per me una sintesi della devozione mariana del nostro tempo.

Esso appartiene ai più importanti santuari mariani della Chiesa cattolica dove la Madre di Dio è venerata in forme così molteplici".

Mons. Venanclo Pereira Vescovo di Fatima

 

"Chi studia attentamente il messaggio di Marienfried, scopre l'interpretazione dell'Apocalisse, c. 12, dove il "gran Dragone rosso" perseguita la donna vestita di sole, cercando di annientare Lei e suo Figlio".

Mons. Rudolf Graber, Vescovo di Ratlsbona il 25 luglio 1976

 

Permesso ecclesiastico di stampa accordato il 16 novembre 1970 per l'edizione tedesca:

"Die Erscheinung in Marienfried"

 

PREFAZIONE

Da diversi anni il mondo cattolico ed in particolare la Diocesi di Augsburg si sta occupando dei fatti di Marienfried, nella parrocchia di Pfaffenhofen. Vi affluiscono pellegrini venuti da vicino e da lontano, perfino dall'estero, e vengono non solo per pregare, ma pure per fare delle indagini sulle origini, il significato religioso e l'efficacia spirituale di questo luogo di preghiera.

E si ritorna continuamente alla carica per richiedere un rapporto completo sulle origini di Marienfried, sulla posizione della Chiesa nei confronti di questo messaggio e sul suo valore spirituale. Questo opuscolo si propone di rispondere a queste domande.

Non essendo io un teologo, mi rendo perfettamente conto delle difficoltà di questo tentativo. Ma, dal momento che i teologi competenti non hanno scritto nulla a questo proposito, quantunque sarebbe stato necessario, io ho cercato di colmare questa lacuna, servendomi semplicemente dei fatti accaduti, seguiti da una mia modesta interpretazione teologica. Quantunque questi avvenimenti siano ritenuti solo "naturali" dal Vescovo competente di Augsburg, in seguito al rapporto di un teologo che ha fatto l'inchiesta su Marienfried, il numero dei pellegrini che credono all'autenticità di queste apparizioni aumenta continuamente.

Anch'io appartengo a questo numero,e prego il lettore, che voglia fare delle critiche, di pazientare e di tener conto del testo che segue. Se nei capitoli seguenti le apparizioni sono ritenute come vere, ciò non impegna che me stesso. Come autore io parlo in virtù della mia esperienza personale, come qualcuno che ne è profondamente convinto, in seguito alle grazie ricevute da Maria. Però rispetto ogni opinione ed ogni presa di posizione critica senza avermente a male se qualcuno, per ragioni personali, non si sente di credere all'autenticità dei fatti.

Si può presupporre che il tempo porti molte persone a Marienfried, persuadendole sulla autenticità del Messaggio, su cui la Chiesa non ha ancora preso posizione alcuna. Ma la parola della S. Scrittura sarà determinante: "L'albero buono porta frutti buoni, e quello cattivo frutti cattivi. Voi lo riconoscerete dai suoi frutti".

Marienfried ha già dato i suoi frutti: la prova è data dai pellegrini che, sempre in numero crescente, vengono a Marienfried da vicino e da lontano.

Io sono venuto a Marienfried quattro anni fa. E non ci sono venuto per ammirare il luogo idillico dove sorse la cappella, ma per sentire il mistero che questa cappella svela ad ogni cuore, aperto ai messaggi della Madonna. Io stesso ho potuto esperimentare in larga misura la potenza di Maria, Mediatrice di tutte le grazie.

Mi sta quindi particolarmente a cuore aprire anche ad altre anime il cammino verso Marienfried con questo modesto lavoro.

25 aprile 1970 Josef Kùnzli .6.

ANTEFATTO DI MARIENFRIED

Il Rosario dell'Immacolata

Era il 13 maggio 1940, il lunedì di Pentecoste. Barbara Ruess di Pfaffenhofen fece una passeggiata nel bosco. Allora aveva 16 anni, faceva e volentieri belle camminate. Andava spesso nel bosco di suo padre, vicino a Marienfried. Anche il giorno prima, la domenica di Pentecoste, aveva fatto la stessa strada, recitando il Rosario, ma aveva perso senza accorgersi la corona. Rifaceva quindi il lunedì la stessa strada sperando di ritrovarla.

Mentre si stava incamminando, domandandosi che Misteri del Rosario doveva recitare, i gloriosi o i gaudiosi, una signora la raggiunse, dicendo dopo un breve saluto: "Tu stai pensando che corona devi recitare. Io ti voglio insegnare un altro Rosario, e così pregheremo insieme". Barbara le chiese: "Scusi, come mai conosce il mio pensiero? Chi è Lei?" La signora rispose: "Non è importante saperlo; se tu reciterai con diligenza questo Rosario, imparerai a conoscermi meglio". E le insegnò il Rosario dell'Immacolata.

In questo Rosario, dopo i soliti misteri, vengono recitate le invocazioni seguenti:

Per la tua Immacolata Concezione, salvaci!

Per la tua Immacolata Concezione, proteggici!

Per la tua Immacolata Concezione, guidaci!

Per la tua Immacolata Concezione, santificaci!

Per la tua Immacolata Concezione, governaci!

La signora volle recitare il Rosario con Barbara per la "Patria", poichè si era nel periodo della seconda guerra mondiale, quando Hitler riportava vittoria su vittoria e aveva sottomesso territori su territori. Così recitò con lei il Rosario dell'Immacolata per la Patria:

"Ave Maria...

Per la tua Immacolata Concezione, salva la nostra Patria!".

Recitate le dieci Ave Maria, seguì il secondo mistero con l'invocazione: "Per la tua Immacolata Concezione, proteggi la nostra Patria!"

Poi il terzo con l'invocazione: "Per la tua Immacolata Concezione, guida la nostra Patria!".

Poi il quarto e il quinto con le invocazioni: "santifica" e "governa".

La signora disse anche che secondo il bisogno si poteva scegliere l'intenzione sia per una singola persona che per una comunità. (Quindi, per esempio, aggiungere il nome se si recita il Rosario privatamente per una persona o per una specifica comunità. In genere si può dire "noi" (es. salvaci); se è una comunità a recitarlo, ognuno può mettere la propria intenzione). Ma una cosa era strana: la donna non recitava che una parte dei Rosario, il "Padre Nostro" e il "Gloria Patri".

Appena ebbero finito di recitare il Rosario, la signora si allontanò, seguendo una strada laterale in un'altra direzione. Il viso di questa signora, vestita semplicemente, fece un'impressione indimenticabile su Barbara. Questo viso irradiava una forza straordinaria di spiritualità, di purezza e di bontà tali che Barbara sentì il desiderio di poterla conoscere meglio, e di incontrarla ancora. Da allora Barbara recitò spesso il Rosario dell'Immacolata, tenendo però per sé quanto le era successo, e non raccontando nulla a nessuno. Solo cinque anni dopo raccontò ciò che le era accaduto alla sua amica Anna Humpf.

 

II gruppo di Schònstatt

Il 29 settembre 1943, festa di S. Michele Arcangelo, il parroco Martin Humpf prese possesso della parrocchia di Pfaffenhofen. Sua sorella Anna l'aiutava con il suo lavoro, non solo come donna di casa, ma anche come collaboratrice nella cura d'anime. Si occupava pure dei giovani.

Pfaffenhofen contava allora 1300 abitanti. Appena il parroco ebbe cominciato il suo lavoro pastorale, sua sorella Anna si occupò subito della gioventù femminile. Essa riunì alcune ragazze, che si radunavano di tanto in tanto in casa parrocchiale, chiamando questi incontri "l'ora di canto", per non entrare in conflitto con le leggi del Terzo Reich. A quei tempi era difficile educare religiosamente la gioventù, poichè il Regime Nazionalsocialista cercava di influenzare la gioventù contro la Chiesa.

Circa una ventina di persone, dai 15 ai 25 anni, si riunivano per "l'ora di canto", che seguivano assiduamente. Certe volte, in primavera o di estate, si facevano anche dei giri in bicicletta. Anna Humpf sapeva entusiasmare e guidare le giovani. Esse andavano quindi volentieri a queste riunioni, poichè trovavano un ideale nell'istruzione religiosa: MARIA!

La signorina Humpf era sempre stata un membro attivo nel movimento di Schónstatt. Esso è un movimento di apostolato religioso, che cerca di educare le ragazze, proponendo loro Maria come modello. Anna voleva dare loro un orientamento spirituale, e vi riuscì molto bene. Quest'ideale affascinò queste ragazze, formandole per tutta la vita. Una di queste giovani era appunto Barbara Ruess.

Per poter fare un ritratto esatto di lei, conforme alla realtà, io voglio riportare verbalmente ciò che Anna Humpf scrisse di quell'epoca: "Dapprima conoscevo Barbara solo perché la vedevo alle sacre funzioni in Chiesa. Qualche volta si inginocchiava vicino a me, e fui subito colpita dal raccoglimento di questa giovane: quando pregava si capiva benissimo che la sua vita interiore era assai ricca. Faceva la Comunione quasi sempre, anche se a quei tempi non era molto in uso. Dapprincipio, Barbara non veniva all`ora di canto", poichè era gravemente ammalata. Nel 1945 venne ai nostri incontri e collaborò a formare, con la sua maniera del tutto originale, una bella associazione.

Più tardi essa mi confidò che veniva all'associazione femminile perchè io avevo sempre presentato la Madonna come l'ideale della donna e della ragazza.

Barbara aveva uno spirito molto critico e faceva molte riflessioni ed obiezioni su Schónstatt. Dal 25 novembre al 2 dicembre 1945 ci fu la settimana religiosa, tenuta nella nostra parrocchia dal Padre Bezler di Schónstatt, che era l'assistente ecclesiastico della gioventù femminile di Schónstatt. Egli predicava ai mattino e alla sera, e teneva anche delle conferenze durante il giorno per la gioventù femminile sul movimento di Schónstatt. Padre Bezler è conosciuto come un pensatore dalle idee chiare e profonde, che ha il dono di persuadere la gente con argomenti basati sul ragionamento e non sul sentimentalismo. E questo era proprio lo stile che piaceva a Barbara. Io notai, nel corso delle discussioni, che Barbara faceva tanta domande, e capivo che aveva ancora tarai dubbi nei riguardi di Schónstatt. Essa tuttavia cercava di esporli lealmente, discutendo con rispetto e dignità. Fra l'altro essa chiese se uno, che si fosse già consacrato prima totalmente alla Madonna, potesse rinnovare questa consacrazione nel senso dell'atto di amore e donazione a Maria. Dopo la lucida spiegazione e risposta di P. Bezler essa rimase tranquilla e contenta e il 2 dicembre fece con grande consapevolezza la sua consacrazione con le sue compagne.

 

La cappella

Durante la predicazione mariana del maggio dell'anno di guerra 1944 il parroco d. Humpf aveva lanciato l'idea, vedendo che la catastrofe si stava avvicinando, di fare un voto alla Madonna: se Ella proteggerà la parrocchia di Pfaffenhofen, allora in ringraziamento si edificherà una cappella in Suo onore. Il pericolo era grande per Pfaffenhofen, poichè ogni giorno la zona veniva sorvolata dagli aerei nemici, e nessuno era ormai più al sicuro. Alcuni mesi prima Ulm era stata bombardata dagli aerei. Vicino a Pfaffenhofen c'erano importanti obbiettivi militari. Un'importante strada strategica di ritirata per le truppe tedesche passava per Pfaffenhofen. Quasi ogni settimana sostavano automezzi militari sulla piazza e attorno alla Chiesa. C'era da aspettarsi il peggio. Chi avrebbe potuto salvare il paese da questo pericolo? In questa situazione la comunità parrocchiale si rivolse a Colei che è l'Aiuto dei Cristiani", non solo con la preghiera, ma promettendoLe di edificare una Cappella, se Ella fosse venuta loro in aiuto.

Anche il Parroco Humpf aveva fatto questa proposta, anche perchè, fin dai primi anni del suo sacerdozio, aveva desiderato di avere un piccolo santuario mariano nella sua parrocchia. Così il grande spirito di fede, spinto dalla necessità, e il desiderio amoroso del parroco si incontrarono per fare la promessa alla Madonna.

La fiducia dei parrocchiani non fu delusa. La guerra finì senza disastri per Pfaffenhofen. Le bombe pesanti, che avrebbero dovuto esser lanciate su Pfaffenhofen, caddero nel bosco vicino, dove scavarono parecchi e profondi crateri. Sarebbe bastata una di queste bombe a distruggere il centro di Pfaffenhofen. Questa salvezza non era forse la risposta della Madonna al voto dei suoi figli? La risposta dei parrocchiani non poteva essere che questa: darsi da fare per mantenere la promessa fatta. Tutta la parrocchia era pronta a costruire la Cappella promessa in voto a Maria. Ma dove si doveva costruire? A sudest di Pfaffenhofen sorgeva una collina coperta di alberi. Che ci sarebbe stato di più bello di una Chiesetta al margine del bosco? Si trattava di scegliere fra due posti: uno al margine a ovest dei bosco, e l'altro al margine opposto, ad est. A Pfaffenhofen c'era l'usanza che, la domenica in AIbis, i bambini della prima comunione facessero un'escursione, assieme al Parroco, ad una cappella di Lourdes. Quell'anno si volle celebrare una ora solenne di preghiera, in onore della Madonna, sui luogo dove sarebbe dovuta sorgere la cappella. Era quindi necessario abbellire un po' il luogo.

Anna, la sorella del parroco, preparò un'immagine della Madonna di Schónstatt per l'edicola. Ma lasciamo parlare di nuovo Anna Humpf, di ciò che accadde in quel 25 aprile: "Quando nel pomeriggio del 25 aprile uscimmo di casa alle tre per cercare il luogo adatto per la cappella e per dissodare il terreno, il parroco, Barbara di 22 anni ed io di 26, avevo preso con me l'immagine della Madonna di Schónstatt. Il parroco avrebbe voluto servirsene solo provvisoriamente per ornare l'oratorio, poiché voleva mettere poi nella cappella una statua della Madonna scolpita in legno. Ma questa si trovava dal restauratore, e per il 25 aprile non era ancora finita. Io stavo pensando: "Ciò che si è offerto una volta alla Madonna e Lei ha preso ed accettato come cosa Sua, lo deve anche tenere". Nessuno di noi pensava che succedesse o che potesse succedere qualcosa di nuovo o di straordinario. I due posti scelti per la cappella sembravano ugualmente adatti, per cui la scelta era difficile.

Mentre stavamo andando a vedere i due posti dove avrebbe potuto sorgere la cappella, il parroco ci raccontò la storia dell'origine della Basilica di S. Maria Maggiore in Roma. Poi soggiunse: "Ora bisognerebbe sapere quale sarebbe il posto adatto per costruire la cappella. Un segno come quello di Roma ci faciliterebbe la scelta". Ma, mentre parlava in questo modo, egli pensava ad un segno dei tutto naturale, come, per esempio, ad un passante che arrivasse all'improvviso e scegliesse il posto adatto. Noi andammo quindi insieme al primo posto, recitando il Rosario. Appena arrivammo, ci mettemmo a dissodare il terreno attorno ad un giovane ciliegio. Noi volevamo appunto appendere all'albero il quadro che avevamo portato con noi.

Il parroco, Barbara ed io eravamo occupati in questo lavoro, e non pensavamo per nulla a qualcosa di straordinario, ma ci davamo molto da fare. Il parroco dissodava col piccone la grande sterpaglia, mentre noi due, tutte sudate, strappavamo con la zappa le ortiche e le altre erbacce. Era assolutamente assurdo che noi pensassimo ad un'apparizione. Tutto ciò che successe, arrivò come un fulmine a ciel sereno; fu una cosa inaspettata ed allo stesso tempo incomprensibile. Barbara stava lavorando a sinistra, a un metro da me. Improvvisamente alzò la testa, tendendo l'orecchio: "Mi ha chiamato qualcuno". Io non avevo sentito nulla. "Eppure" , essa corre un po' verso il bosco, si ferma, in modo che io la posso ancora vedere, e mi accorgo che parla e guarda come se qualcuno stesse davanti a lei. Io, in quel momento, non ci faccio caso, e continuo a lavorare. Essa ritorna dopo qualche minuto e mi dice raggiante di gioia e tutta eccitata: "Hai visto la signora?" E' la signora che ho visto allora, e che mi ha insegnato il Rosario dell'Immacolata. Non l'ho mai potuta dimenticare. Vorrei proprio sapere chi è questa signora. Ma essa non me l'ha detto ". Io le risposi che non avevo proprio visto nulla, e che non avevo prestato alcuna attenzione. Continuammo a lavorare sodo per strappare almeno le erbacce attorno all'albero. Dopo circa mezz'ora, Barbara mi disse: "Adesso mi chiama di nuovo". Io dissi: "Chi?" "Deve essere quella signora", disse Barbara. Essa fu chiamata ancora una terza volta. Io dissi: "Và e fermati, se ti chiama". "No, non ci vado, perchè essa parla di cose che non capisco. Deve parlarmi in modo che si capisce. Io, per esempio, parlo chiaro". Io insistetti: "Se qualcuno ti ha chiamato, tu devi andare". Allora Barbara si allontanò di cinque o sei passi verso destra, fermandosi poi e parlando con una persona che noi non vedevamo. Mio fratello mi disse a mezzavoce, un po' seccato: "Ma che cos'ha?" Io prima non dissi nulla, poi scuotendo la testa, mi misi ad ascoltare ciò che Barbara stava dicendo: "Ma chi è Lei? Dove abita?". Poi scosse la testa, come se non capisse. "Io non capisco ciò che dice". "E Lei come lo sa? Sì, accadde sei anni fa: era il lunedì di Pentecoste". Poi essa si mise di nuovo in ascolto e rispose: "Sì, accadde esattamente un anno fa, all'arrivo degli Americani". Stette ancora un momento in ascolto. Mio fratello mi domandò a voce bassa: "Ma che cos'ha Barbara?" Io gli dissi: "Lei vede qualcosa che noi non vediamo". Stavolta era distante circa quattro metri da noi, guardava e parlava. Poi si volse indietro, e disse in tono sicuro: "Ma stavolta anche voi l'avete vista!" Il parroco disse: "E chi?" "Ma la signora! disse Barbara Stava lì in piedi. Dovete pure averla vista!" Noi scuotemmo la testa, dicendo: "Noi non abbiamo visto nulla". Barbara si inquietò, e disse: "Ma qui, in questo posto; è pur stata qui!" E ci fece vedere esattamente il posto. "Io non vedevo certo un fantasma! Essa ha detto qualcosa anche a voi". "Che cosa?" "La pace di Cristo sia con voi e con tutti coloro che qui pregano", disse Barbara.

Noi affermammo ancora una volta di non aver visto nè sentito nulla. ."Macchè! disse io sono sana di mente, io so benissimo ciò che ho visto!" Ed era molto irritata con noi. In quel momento arrivarono cinque o sei ragazze del gruppo che, finito il loro lavoro, volevano aiutarci a preparare bene il posto per la cappellina. Così fu soltanto il giorno seguente, dopo la S. Messa, che Barbara ci raccontò tutto in canonica.

La settimana seguente, nel nostro stretto cerchio di persona, riflettendo sul nome adatto da dare alla cappella, ne venne fuori la proposta di chiamarla "Marienfried", la "Pace di Maria". E questo nome fu scelto pensando al silenzio ed alla quiete di questo angolo di bosco, al bisogno di quell'ora, al desiderio ardente di una vera pace, ma soprattutto pensando alle parole piene di significato della signora: "La pace di Cristo sia con voi e con tutti coloro che qui pregano".

 

IL MESSAGGIO DI MARIENFRIED

L'apparizione del 25 aprile 1946

Quando il parroco Humpf chiese a Barbara ciò che la signora le aveva detto nel bosco, essa rispose: "Quando le chiesi chi fosse e dove abitasse Ella rispose: "Se non avessi il velo, tu mi riconosceresti!" Era la medesima signora che avevo incontrato il lunedì di Pentecoste del 1940, mentre stavo incamminandomi verso il bosco. Io non la conosco, ed Ella disse queste cose che io non capisco: "Io sono il Segno del Dio vivente. Io imprimo il Segno sulla fronte dei miei figlioli. La Stella perseguiterà il mio Segno, ma il mio Segno vincerà la Stella.

Io stabilirò la pace là dove la fiducia è maggiore, e là dove si insegna agli uomini che Io posso tutto presso Dio. Poi, quando tutti gli uomini crederanno nella mia potenza, verrà la pace". Congedandosi, Ella disse: "La pace di Cristo sia con tutti voi e con tutti coloro che qui pregano". Allora il parroco fece questa riflessione: "Queste espressioni non possono essere che della Madonna".

Ma Barbara non era ancora capace di adattarsi a quest'idea.

 

L'apparizione del 25 maggio 1946

Il mattino del 25 maggio 1946, Barbara fu invitata dall'Angelo che le appariva spesso e che si era chiamato l'Angelo della Grande Mediatrice delle grazie, di recarsi quel giorno a Marienfried. Dopo la S. Messa, essa pregò Anna, la sorella del parroco, di accompagnarla. In mattinata però mandò ad Anna un biglietto, a mezzo della sua sorellina, in cui le comunicava che non sarebbe andata a Marienfried, poichè pensava che tutto fosse un'illusione. Il parroco invece era di parere contrario, e le consigliò di ubbidire all'Angelo, come aveva sempre fatto. Infine essa si lasciò a malincuore convincere di recarsi a Marienfried. Poco dopo le 5 pomeridiane, Anna e Barbara uscirono insieme, andarono alla cappelletta l'ornarono di fiori e si misero a pregare. Il padre di Barbara stava allora passando casualmente di là in automobile. Come proprietario di una segheria aveva molto da fare nel bosco. Barbara allora disse ad Anna: "Vieni, ritorniamo a casa in macchina", ma Anna non voleva, poichè di solito quando andava in macchina stava male. Inoltre le strade del bosco erano brutte, piene di sassi e di dossi. Essa disse: "Non c'è fretta", poichè voleva ancora star lì a pregare. E così si fermarono e non ritornarono in macchina. Marienfried non dista che dieci o quindici minuti da Pfaffenhofen.

Improvvisamente Barbara vide l'Angelo vicino all'albero che indicava con il dito verso destra. Là c'era la misteriosa Signora in piedi. Più tardi la descrisse così: "Era vestita tutta di bianco. Portava un mantello bianco, simile ad uno scialle. I suoi capelli erano scuri, divisi in mezzo, e i suoi occhi erano pure scuri. Dagli occhi e da tutto il viso irradiava una tale chiarezza, una luminosità, un candore e una grande bontà". Barbara non aveva notato tutte queste cose prima, come questa volta. Nell'apparizione del 25 aprile, la signora disse: "Se io non avessi il velo, tu mi riconosceresti!" Non si trattava dunque di un velo materiale, altrimenti Barbara l'avrebbe visto. Ma i suoi occhi erano semplicemente impediti, cosicchè essa non riconobbe subito Maria, come successe ai discepoli di Emmaus, cui si accompagnò Gesù e non lo riconobbero, perchè i loro occhi erano velati. Poi le sembrò che la Madonna volesse sollevare un pochino quel velo. Barbara fu tutta presa dalla visione della Signora, e subito capì di vedere Maria davanti a sè. Gridò: "Maria!".

A questo punto la Signora incominciò a parlare con lei: "Sì, Io sono la Grande Mediatrice di tutte le grazie. Allo stesso modo in cui il mondo non può trovare misericordia presso il Padre se non per il sacrificio del Figlio, così voi non potete essere ascoltati da mio Figlio che per mezzo della mia intercessione. Cristo è così poco conosciuto, perchè Io non sono conosciuta. Per questo motivo il Padre riversa la sua ira sui popoli, poichè essi hanno rifiutato suo Figlio. Il mondo è stato consacrato al mio Cuore Immacolato, ma questa consacrazione è diventata per molti una terribile responsabilità. Io chiedo al mondo di vivere questa consacrazione. Abbiate una fiducia illimitata nel mio Cuore Immacolato! Credetemi, Io posso tutto presso mio Figlio!

Mettete al posto del vostro cuore macchiato dal peccato il mio Cuore Immacolato, ed allora sarò Io che attirerò la forza di Dio, e l'amore del Padre riprodurrà nuovamente in voi l'Immagine perfetta di Cristo. Esaudìte la mia preghiera, affinchè Cristo possa presto regnare come Re di Pace!"

Poi fu detto a Barbara qualcosa che essa doveva tenere come un segreto. Dopo la Signora riprese a dire: "il mondo deve bere fino all'ultima goccia il calice dell'ira divina a causa degli innumerevoli peccati dai quali viene offeso il suo Cuore. La Stella dell'Abisso s'infurierà sempre più ferocemente e farà sempre maggiori distruzioni, perchè sa che il suo tempo è breve, e perchè vede che ormai molte anime si sono schierate sotto il mio Segno. Su costoro la Stella non ha potere alcuno, anche se ne potrà uccidere molti. Ma sono appunto queste vittime a me offerte che accresceranno la mia potenza, e condurranno il piccolo resto degli eletti alla vittoria per Cristo. Alcuni hanno già accettato di lasciarsi imprimere il mio Segno, e il loro numero aumenterà continuamente. A voi Io voglio dire, miei figlioli diletti: non dimenticate che proprio nei giorni più sanguinosi questa Croce è una grazia, e ringraziate sempre il Padre per questa grazia! Pregate e sacrificatevi per i peccatori! Offrite, per mezzo mio, voi stessi e ogni vostra azione al Padre! Mettetevi totalmente a mia disposizione! Recitate il Rosario! Non chiedete tante grazie d'ordine materiale! Ora si tratta di pregare per qualcosa che vale molto di più. Non aspettatevi nè segni, nè miracoli! Io voglio agire nel nascondimento, come la Grande Mediatrice di grazie! E' la pace del cuore che Io voglio concedervi, se però voi farete ciò che Io vi chiedo. La pace dei popoli potrà essere costruita solo su questa pace. Poi Cristo regnerà su tutti i popoli come Re di Pace".

Dette queste parole, la Signora diede l'ordine a Barbara di far conoscere tale messaggio al mondo intero. Ma Barbara le disse: "Io non riesco a ricordare tutto". La Signora rispose: "A tempo opportuno, tu ricorderai esattamente ogni parola". Sembrò che per settimane e mesi Barbara sentisse queste parole come incise nella memoria. Infatti le poteva ripetere senza fatica, e senza un particolare sforzo mentale. Ed erano proprio le parole della Signora, eppure non aveva per nulla studiato il messaggio a memoria. Durante l'apparizione, come subito dopo, essa non prese nessun appunto, poichè sia Barbara che Anna non avevano con sè niente per scrivere. Esse non potevano assolutamente immaginare il motivo per cui Barbara era stata invitata dall'Angelo a recarsi a Marienfried.

In relazione all'incarico affidato a Barbara, la Signora le disse ancora quanto segue: "Il demonio potrà manifestare una tale potenza apparente, che tutti coloro che non saranno profondamente ancorati a Me, si lasceranno ingannare. Verrà un tempo in cui tu sarai proprio sola e ti calunnieranno, poichè il demonio è abilissimo nell'accecare gli uomini, tanto che anche i migliori si lasceranno ingannare. Ma è assolutamente necessario avere una fiducia cieca in me. Là dove gli uomini non avranno fiducia nel mio Cuore Immacolato il demonio potrà dominare. Ma là dove gli uomini metteranno il mio Cuore Immacolato al posto del loro cuore macchiato dal peccato, egli non avrà nessun potere. Tuttavia egli perseguiterà i miei figlioli diletti, essi saranno disprezzati, ma il demonio non potrà far loro alcun male. Come prova dell'autenticità dell'apparizione, la bella Signora diede a Barbara l'ordine di andare a Kellerberg, suIla strada da Pfaffenhofen a Beueren.

"Là, disse Ella c'è un uomo che si trova in grave pericolo. Tu lo devi aiutare. E questo sarà il segno che tu non sei vittima di un inganno.

Ed a proposito del dubbio che Barbara aveva avuto al mattino, pensando che tutto fosse una terribile illusione, la Signora le disse: "Vedi, stamattina Io ti ho lasciata proprio sola, la mia grazia non era con te. Tu lo esperimenterai ancora spesso. Io ho bisogno di vittime. Le grazie maggiori devono essere pagate a prezzo di tali sofferenze".

Poi la Signora disse: "Tu devi ritornare qui la festa di San Guglielmo abate.

Dopo il colloquio, l'Angelo, che era presente, recitò una preghiera alla Madonna, con diverse invocazioni, di cui alcune erano queste: "Opera come Madre di grazie! Opera come meravigliosa Madre di meravigliose grazie!... Tu, via della pace!... Tu, Madre degna di fiducia!... Salvezza della cristianità!... Tu, grande! Tu, fedele! Tu, Mediatrice di tutte le grazie!" Ad ogni invocazione Barbara rispondeva: "Prega per noi". Allora l'Angelo, rivolgendosi verso Barbara ed Anna, disse: "Inginocchiatevi!" Poi la Madonna diede la sua benedizione, aggiungendo: "Io vi trasmetto la pace di Cristo, in nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo!"

Mentre la Signora parlava con Barbara, Ella aveva lo stesso aspetto come in principio. Le sue mani erano giunte. Però, quando l'Angelo incominciò a pregare, Ella divenne splendente e luminosa, indescrivibilmente bella. Allargò le braccia. Lo splendore che appariva prima sul suo viso si riflettè su tutta la sua persona. Sul capo si vedevano tre cerchi radiosi, che formavano come una corona. Mentre dava la sua benedizione, Ella divenne tutta trasparente, e molto più luminosa di un lampo di luce. Barbara dovette distogliere lo sguardo, perchè era rimasta come abbagliata da quella visione. Quando alzò di nuovo gli occhi, la apparizione era scomparsa.

Barbara si rimise subito in cammino verso Kellerberg. Là incontrò effettivamente un uomo che sembrava nella più squallida miseria spirituale, ed era completamente stravolto. Egli nascondeva qualcosa sotto l'abito. Barbara gli domandò: "Che cosa tieni nascosto sotto il tuo vestito?" Egli rispose: "Nulla". "Tu hai una corda", gli disse Barbara.

Allora egli rispose: "E' così pesante! Puoi aiutarmi?" Barbara gli disse: "Io personalmente non ti possono aiutare, ma ti condurrò in un posto dove troverai aiuto". E lo condusse a Marienfried, dove lo lasciò solo.

Cammin facendo, egli disse a Barbara che era per lui un fatto straordinario quello di lasciarsi condurre da lei così docilmente. Egli non riconosceva più se stesso.

La sera alcune ragazze andarono alla cappellina. Vi trovarono una corda che pendeva da essa. La Madonna aveva salvato quell'uomo!.

 

L'apparizione del 25 giugno 1946

Il 25 giugno 1946, festa di San Guglielmo abate, il parroco Humpf accompagnò Barbara e sua sorella alla cappellina. Essi avevano mantenuto un rigoroso segreto su tutto ciò che era accaduto, poichè volevano evitare sorprese sensazionali, e attendevano ancora lo svolgimento di tutta la vicenda. Arrivati alla cappelletta, essi pregarono un po' in silenzio. Barbara volle improvvisamente tornare a casa, ma Anna le parlò e la pregò di restare ancora un poco. Subito dopo, Barbara vide l'apparizione e gridò: "Maria! quanto sei bella!" Allora la Madre di Dio incominciò a parlare: "Io sono la Grande Mediatrice delle grazie. Il Padre vuole che il mondo riconosca questo compito alla Sua Ancella. Gli uomini devono credere che Io, continuando ad essere la Sposa dello Spirito Santo, sono la fedele Mediatrice di tutte le grazie. Il mio Segno sta per apparire. Così vuole il Signore. Solo i miei figli diletti lo riconoscono, perchè esso si manifesta in segreto, e perciò essi glorificano Dio. Io non posso manifestare adesso la mia potenza nel vasto mondo. Ora devo ritirarmi assieme ai miei figli. Io compirò miracoli nel segreto delle anime, finchè il numero delle vittime sarà completo. Dipende da voi abbreviare i giorni delle tenebre. Le vostre preghiere ed i vostri sacrifici distruggeranno l'immagine della Bestia. Allora Io mi potrò manifestare al mondo intero a gloria dell'Onnipotente. Scegliete il mio Segno, affinchè presto il Dio Uno e Trino sia adorato ed onorato da tutti.

Pregate e sacrificatevi a Dio per mezzo mio! Pregate sempre! Recitate il Rosario! Al Padre domandate tutto quanto vi occorre per mezzo del mio Cuore Immacolato! Egli concederà quanto chiedete, se questo sarà a Sua maggior gloria. Recitate quel Rosario, sì ricco di grazie, dell'Immacolata, come io ti ho insegnato. Con questo Rosario non chiedete beni materiali, ma chiedete grazie per ogni anima, per le vostre comunità, per i popoli, affinchè tutti amino ed onorino il Divin Cuore. Continuate ad onorare il sabato a me dedicato, come Io ho chiesto. E' necessario che gli apostoli ed i sacerdoti si consacrino particolarmente a Me, affinchè i grandi sacrifici che l'Imperscrutabile vuole appunto da loro, venendo posti nelle mie mani, aumentino in santità e valore.

Offritemi molti sacrifici! Fate che la vostra preghiera sia un sacrificio! Non siate egoisti! Oggi la cosa che solo vale è questa: offrire all'Eterno gloria e riparazione. Se vi metterete completamente a mia disposizione, a tutto il resto provvederò Io. Io caricherò i miei figli diletti di croci, pesanti, profonde come il mare, perchè Io li amo nel mio Figlio immolato. Vi prego: siate pronti a portare la croce, affinchè venga presto la pace. Sceglietevi il mio Segno, perchè presto sia onorato il Dio Uno e Trino.

Io esigo che gli uomini eseguiscano presto i miei desideri, perchè questa è la volontà del Padre Celeste, e perchè questo è necessario oggi e sempre alla Sua maggior gloria e onore. Il Padre annuncia uno spaventoso castigo per coloro che non si vogliono sottomettere alla Sua volontà: Poi la Madonna incaricò Barbara di far conoscere quanto aveva comunicato. Questo infatti era il Suo messaggio per il mondo e bisognava farlo conoscere. Ella le disse: "Io voglio che gli uomini lo accolgano esattamente come Io l'ho dato, parola per parola. Notalo bene. Barbara chiese come avrebbe potuto farlo. La Madonna disse: "Di' agli uomini che Io ho un nuovo messaggio per il mondo. Non è necessario svelare le circostanze esteriori ed i dettagli. La cosa importante è solo questa, che si conosca la mia volontà, che è la volontà del Padre. Gli spiriti si divideranno a causa di questo messaggio. Moltissimi si scandalizzeranno, ma una piccola schiera lo capirà esattamente e lo apprezzerà. Queste persone riconosceranno in esso la mia volontà, e ne saranno felici. Questa schiera ha riconosciuto il mio posto nei tempi attuali, e mi ha dato una gran gioia; essa ha i suoi rappresentanti in molti paesi, e questi provvederanno a diffondere il mio messaggio. Molti, fra questa mia schiera, hanno già potuto vedere i miei miracoli nascosti. Essi hanno riconosciuto che Io sono la "Madre ammirabile, e mi onorano con questo nome".

La Madonna disse pure a Barbara che proprio nella sua patria si erano visti i primi gruppi, e ciò Le aveva fatto molto piacere. (Si noti che Barbara è oriunda della Baviera, e proprio in Baviera è nata la prima congregazione mariana tedesca).

Poi, conforme a quanto aveva richiesto il parroco, Barbara pregò la Madonna di voler dare un segno visibile, affinchè gli uomini prestassero fede al Suo messaggio. La Madonna rispose: "Io darò i segni solo se gli uomini eseguiranno la mia volontà. Allora Io compirò dei miracoli molto più grandi di quanto non ne abbia mai fatto, e precisamente miracoli nelle anime. Io ho già dato spesso dei segni esteriori, e molte persone sono venute qui soltanto per questi segni esteriori. Ci troviamo di fronte a un tempo in cui tutti coloro che credono solo ai segni esteriori saranno ingannati. I segni saranno per loro solo un motivo di maggior responsabilità.

Allora Barbara Le chiese se era la Sua volontà che la cappella venisse costruita in quel luogo. La Madonna rispose: "Io ho esaudito il vostro desiderio, ora voi adempite la vostra promessa".

Barbara chiese che quadro si dovesse scegliere per ornare la cappella. L'apparizione le indicò il quadro lì vicino, dicendo di prendere il quadro della "Madre tre volte ammirabile", poichè Lei avrebbe raccolto anche qui una piccola schiera che aveva già pregato molto ed offerto sacrifici.

"Io ho accettato questi sacrifici, e voglio che vengano condotte davanti a questo quadro ancora molte persone che, essendo "vittime consacrate" a me, mi diano il potere di creare il Regno del Re di pace. Se questo gruppo sarà disposto a fare la mia volontà, allora Io comincerò a fare i primi e più grandi miracoli. Là dove gli uomini riconosceranno e seguiranno il mio messaggio, là Io farò i primi e più grandi miracoli, che saranno però visibili solo ai miei figli diletti, perchè essi si compiranno solo nel nascondimento".

Poi la Madonna invitò Barbara a pregare, dicendo: "E' necessario che i miei figlioli lodino, glorifichino e ringrazino di più l'Eterno. Egli li ha creati proprio per questo, per la sua Gloria". Alla fine di ogni Rosario, si devono recitare queste invocazioni: "Tu grande, Tu fedele Mediatrice di tutte le grazie!" "Si deve pregare molto per i peccatori. Per questo è necessario che molte anime si mettano a mia disposizione, in modo che Io possa dar loro l'incarico di pregare. Ci sono tante anime che stanno aspettando solo la preghiera dei miei figli.

Appena la Madonna ebbe finito di parlare, subito le si fece intorno una sterminata schiera di Angeli.

Essi indossavano vesti lunghe e bianche, erano inginocchiati a terra e si inchinavano profondamente. Recitavano una preghiera speciale, una "preghiera di lode al Padre". In principio fu espressa come un "cantico nuovo". Poi una parte degli Angeli fece un'altra preghiera al Padre. Un gruppo ripetè ogni invocazione come un'eco. Poi di nuovo un altro gruppo, ed erano moltissimi, intonarono: "Santo, santo, santo".

Quando finirono di pregare, l'Angelo che era lì fin da principio, disse a Barbara di ripetere la preghiera. Essa ubbidì, recitandola con lingua scorrevole, senza intoppi. Dopo l'Amen, l'Angelo disse: "Tu, grande Mediatrice di grazie". Barbara rispose: "Prega per noi".

Poi seguì allo stesso modo una lode al Figlio. I personaggi vestiti di bianco recitarono una magnifica preghiera, che iniziava anche con le parole "un cantico nuovo".

Seguì poi un'altra preghiera recitata allo stesso modo come quella in onore del Padre. Barbara ripetè nuovamente la preghiera. Seguì la invocazione: "Tu, fedele Mediatrice di grazie". Barbara rispose: "Prega per noi".

Poi ci fu una lode alla SS. Trinità con l'invocazione: "Tu Mediatrice di tutte le grazie". Barbara rispose: "Prega per noi". Questo inno di lode alla SS. Trinità, Barbara lo recitò a voce alta. Mentre il parroco e sua sorella, durante il colloquio con l'apparizione non sentirono nulla, ma osservarono solo Barbara che muoveva le labbra, essi udirono Barbara recitare la preghiera di lode, parlando chiaramente con ritmo scorrevole. Il parroco Humpf l'ha stenografata. Essa suona così:

Ave, o Eterno Sovrano,

Dio vivente, che esisti dall'eternità!

Giudice tremendo e giusto,

Padre sempre buono e misericordioso!

A te sia resa nuova ed eterna supplica,

Lode, onore e gloria, per mezzo della

Tua Figlia vestita di sole, Nostra ammirabile Madre! Amen.

"Tu, grande Mediatrice di grazie, "Prega per noi!"

Ave, o Uomo Dio immolato Agnello sanguinante,

Re della pace, Albero della vita,

Tu nostro Capo, Porta di ingresso al Cuore del Padre,

'Figlio eterno del Dio vivente,

Che con Colui che è, regni in eterno!

A Te sia data potenza, ora e nei secoli,

E gloria e grandezza,

E adorazione e riparazione e lode,

Per mezzo della Tua Immacolata Genitrice,

Nostra ammirabile Madre! Amen.

"Tu, fedele Mediatrice di grazie, "Prega per noi!"

Ave, o Spirito dell'Eterno, Sorgente inesauribile di santità,

Operante in Dio dall'eternità!

Torrente di fuoco dal Padre al Figlio,

Uragano impetuoso,

Che spiri forza, luce e fuoco

Nelle membra del Corpo mistico!

Tu eterno incendio d'amore,

Spirito di Dio che operi nei viventi,

Tu rosso torrente di fuoco

Che scorri eternamente vivo nei mortali,

A Te sia data gloria, potenza e bellezza

Ora e in tutta l'eternità

Per mezzo della Tua Sposa coronata di stelle,

Nostra ammirabile Madre! Amen.

"Tu, Mediatrice di tutte le grazie". "Prega per noi

In seguito l'Angelo recitò la stessa preghiera alla Madonna come in maggio. Poi la Madonna disse che era contenta, perchè il suo gruppo aveva promesso la domenica precedente di recitare il Rosario così ricco di grazie. Essa volle benedire l'associazione e recitare il Rosario con noi. Recitammo tutti la corona.

La Madonna diceva sempre "Amen" e recitava da sola il "Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo", e recitandolo, faceva un inchino profondo. Lo stesso faceva anche quando pronunciava il nome di Gesù. Anche le figure vestite di bianco facevano la stessa cosa. L'Angelo chiese anche a noi di fare così. Le figure recitavano con noi la prima parte dell'Ave Maria, la seconda parte solo poche. Come chiusura, l'Angelo recitò le tre invocazioni alla Mediatrice di grazie.

Poi la Madonna diede la sua benedizione come in maggio. Ella allargò le braccia per benedire, e disse una preghiera alla SS. Trinità. Pregò pure per la Chiesa, perchè riconoscesse questo suo titolo, e rispettasse la volontà del Padre. Ella pregò il Dio Uno e Trino, affinchè benedicesse per mezzo suo la Chiesa, e volesse accordare la pace.

Già fin da principio la Madonna appariva molto più bella e gloriosa che in maggio, era tanto buona ed amabile. Sul suo volto però c'era qualcosa come un grande dolore. Si lamentò anche perchè i suoi figli l'abbandonavano e perciò Lei non poteva condurli al Signore. E questo era un grande dolore per Lei.

Quando la schiera cominciò a pregare, Ella apparve ancor più bella, irradiata da una luce tutta chiara e brillante. La triplice corona radiosa sul suo capo era così luminosa e così grande che copriva il cielo.

Barbara racconta: "Quando Ella diede la benedizione allargò le braccia come il sacerdote prima della consacrazione, ed io allora vidi uscire dalle sue mani soltanto raggi che passavano attraverso quelle figure e attraverso noi. I raggi venivano dall'alto alle sue mani. Per questo le figure e anche noi divenimmo tutti luminosi. Allo stesso modo i raggi uscivano dal suo corpo, attraversando tutto ciò che era lì attorno. Ella era diventata tutta trasparente e come immersa in uno splendore che non si può descrivere. Era così bella, pura e luminosa, da non poter trovare parole adatte per descriverLa. lo ero come accecata. Avevo dimenticato tutto ciò che era lì attorno. Non sapevo che una cosa: che Ella era la Madre del Salvatore.

Improvvisamente, gli occhi incominciarono a farmi male per il chiarore. lo distolsi il mio sguardo, ed in quell'attimo Ella disparve con tutto quel chiarore e quella bellezza.

 

INTERPRETAZIONE RELIGIOSA ED IMPORTANZA DEL MESSAGGIO

La Stella e il Segno di Dio

"Io sono il Segno del Dio vivente. Io imprimo il mio Segno sulla fronte dei miei figlioli. La Stella perseguiterà il mio Segno, ma il mio Segno vincerà la Stella.

Con un linguaggio strettamente biblicoprofetico, Maria si definisce come il "segno del Dio vivente", il Segno che, per essenza e titolo si riferisce sempre e solo a Dio, e perciò è specialmente odiato e perseguitato dal Nemico di Dio, che Maria chiama "Stella". Il 25 maggio lo chiama più chiaramente "Stella dell'Abisso". E qui c'è certamente un'allusione all'Apocalisse (9:112): "Allora vidi una Stella cadere dal cielo sulla terra (come precipitano i demoni)..."

Come Segno misterioso di Dio Maria si imprime anche nei "suoi figli". Per questo motivo anche Lei viene perseguitata con loro e in loro dal Nemico di Dio, la Stella, ma non vinta. Anzi, al contrario: "Ma il mio Segno vincerà la Stella". Maria interviene qui proprio nel senso del Protoevangelo (Gen. 3,15) e dell'Apocalisse, come la grande Nemica vittoriosa del Serpente, contro la quale il Dragone infuria, ma alla fine non ha alcun potere. Maria è la "vincitrice perseguitata", ma "invincibile" della Stella.

Così già in questa apparizione premonitoria di Marienfried, Cielo e Inferno si affrontano in dimensioni grandiose, uno contro l'altro, in perfetta linea con il Santo del giorno di questa apparizione, l'evangelista San Marco, che, prima di tutto, rappresenta nel suo vangelo Cristo come il potente vincitore dei demoni.

Un ulteriore rapporto con il "Segno" della Bibbia sembra messo in evidenza anche da queste parole: "Dio stesso vi darà un segno"... (Isaia: 7,14) e... "un gran segno apparve nel cielo..." (Apoc. 12,1) La Signora si presenta con la parola "Segno": Come la Vergine della Rivelazione (Isaia 7,14) Come la Coadiutrice del Redentore. Come la vittoriosa Avversaria di Satana. Ma che cosa si intende con questo "Segno"? Maria stessa, come "Segno del Dio vivente" è la perfetta immagine di Dio fra tutti gli esseri creati. Con la promessa: "Io imprimo il mio Segno nei miei figli", non si può intendere altro che la rassomiglianza più perfetta possibile con la Madre di Dio, la formazione mariana di un'anima nella fede, speranza e carità, con la consacrazione a Maria, fatta e vissuta con il massimo impegno. "Io esigo che si viva questa consacrazione". A Marienfried, come coronamento a questa consacrazione vissuta, si aggiunge lo scambio del cuore con Maria, al quale poi, per opera dello Spirito Santo, segue lo scambio del cuore con Gesù. La trasformazione nel cuore di Maria esige pure logicamente il possesso di Dio. Egli é il vincitore finale. Egli vuole trionfare nel cuore degli uomini. Maria é solo la Porta, attraverso la quale Egli entra nei cuori, dopo che Lei li preparó per Gesù.

A questo punto però noi ci troviamo davanti allo scopo reale del suo messaggio; per questo Ella prega così insistentemente: "Lasciatevi imprimere il mio 'Segno', perchè dalla disposizione e dalla donazione totale degli uomini dipende la vittoria finale contro Satana. Satana deve essere vinto per mezzo dei figli, che sono diventati simili a Cristo attraverso il mistero dello scambio del cuore con Maria. Maria ci mette tutto ciò sotto gli occhi come piano di Dio per la fine dei tempi.

 

La grande Mediatrice di grazie

L'apparizione si presenta in questi termini: "Io sono la grande Mediatrice di grazie". Maria ci dà con assoluta chiarezza il significato del titolo che Ella si è scelto: "Come il mondo non può trovare misericordia presso il Padre se non per il Sacrificio del Figlio, così voi non potete essere ascoltati dal Figlio se non per mezzo della mia mediazione". Se a qualcuno la frase della Signora "Io posso tutto", detta nell'apparizione del 25 aprile, può forse sembrare azzardata, ora Maria dà degli schiarimenti che non lasciano alcun dubbio sulla natura della sua attività onnipotente: essa riguarda la sua "Mediazione" presso il Figlio, che è voluta da Lui solo per la nostra salvezza e santificazione. Essa si differenzia fondamentalmente dalla posizione mediatrice di Gesù, che la Madonna chiama l'Unico Mediatore per ottenere misericordia dal Padre. Per maggior chiarezza queste due realtà sono messe qui parallelamente: presso il Padre: Misericordia per il Sacrificio del Figlio; presso il Figlio: Esaudimento attraverso l'intercessione di Maria!

Nel messaggio del 25 giugno, Maria stabilisce il suo compito di mediatrice quando afferma: Il Padre vuole che il mondo riconosca questo compito della Sua Ancella. E' necessario che gli uomini credano che Io, come eterna Sposa dello Spirito Santo, sono la fedele Mediatrice di tutte le grazie. Il mio Segno sta per apparire. Così vuole Dio".

La mediazione di grazie da parte di Maria significa per noi non solo: Mediatrice presso il Figlio, ma anche guida per arrivare al Figlio.

Ciò si capisce chiaramente dalle parole di Maria: "Cristo è così poco conosciuto, perchè Io non sono conosciuta".

La mediazione di grazie da parte di Maria é il pensiero centrale del messaggio. Il significato più profondo della sua parola è questo: "Io voglio e posso operare come la grande Mediatrice di tutte le grazie!"

Dio mi ha chiamata e stabilita per questa missione, perchè io sono l'eterna Sposa dello Spirito Santo, e perciò io compio fedelmente la mia missione.

Questa dichiarazione fatta al mondo e alla Chiesa merita la massima attenzione.

 

L'aiuto alla cristianità

Il messaggio di Marienfried vuol far capire quanto profondamente la Madonna si prenda a cuore i compiti, le sofferenze ed i pericoli del popolo di Dio. Ciò è evidente da quanto segue:

1) Il messaggio è legato a un grave avvenimento per il mondo: la grande guerra mondiale. "Il Padre ha fatto cadere la sua ira suoi popoli, poichè essi hanno rifiutato Suo Figlio".

2) Esso ricorda un evento nella vita della Chiesa: "Il mondo è stato consacrato al mio Cuore Immacolato..." (Consacrazione della Chiesa e del mondo al Cuore Immacolato di Maria da parte del Papa Pio XI l, nel 1942).

3) La Signora accenna ai pericoli incombenti sul mondo e sulla Chiesa, e al punto culminante dell'urto fra Cristo e Satana, come è già preannunciato nell'Apocalisse. "Il mondo deve bere la coppa dell'ira fino all'ultima goccia... La Stella dell'Abisso si infurierà sempre più ferocemente, e farà sempre maggiori devastazioni... "

4) La Signora mette in evidenza la vittoria finale di Cristo come Re della Pace: "Poi Cristo regnerà su tutti i popoli come Re di Pace" Il riferimento del messaggio di Marienfried al passato e al futuro gli dà un'urgenza profetica e una particolare forza di convinzione.

 

La Regina della pace

Il messaggio di Marienfried è anche un messaggio di pace, come già indica il nome: "Pace di Maria". Questo messaggio che fu dato dopo la seconda guerra mondiale all'umanità, ci fa sentire la grande ansia degli uomini e dei popoli verso la pace.

"Io stabilirò la pace là dove si insegna agli uomini che Io posso tutto presso Dio. Poi, quando tutti gli uomini crederanno nella mia potenza, ci sarà la pace. E' la pace del cuore che Io voglio concedervi, se voi farete ciò che Io vi chiedo. La pace dei popoli potrà essere costruita solo su questa pace. Poi Cristo regnerà su tutti i popoli come Re di Pace"

La parola della pace del cuore e della pace dei popoli mostra quanto questo messaggio sia attuale ed urgente. Esso conviene anche all'atmosfera particolarmente spirituale della cappella come luogo di preghiera e di pace: "La pace di Cristo sia con tutti coloro che qui pregano.

 

La Sposa dello Spirito Santo coronata di stelle

Il messaggio di Marienfried traccia una chiara linea di condotta della vera pietà cattolica, che non separa Maria, Madre di Dio, dal suo Figlio Gesù, ma la vede sempre in comunione di vita e di azione con Lui: Maria conduce a Cristo.

E' in questo senso che va capita l'affermazione: "Io sono il Segno del Dio vivente". Maria non vuole tenere nulla per sè, e non vuole nemmeno essere il "punto di arrivo" della nostra pietà, Ella vuole condurci alla SS. Trinità, che ha rivolto il Suo sguardo a noi, per mezzo dell'Incarnazione del Figlio.

In ciascuna delle tre divine Persone è chiaro l'ordinamento della devozione a Maria, a Gesù ed alla Trinità.

Proprio l'ultimo messaggio colpisce per il suo chiarissimo indirizzo trinitario. Esso termina con questo invito: "I miei figli devono lodare e glorificare di più l'Eterno e rendere grazie a Lui. Per questo egli ci ha creati. per la Sua gloria". E' evidente qui che la devozione a Maria è ordinata completamente alla glorificazione della SS. Trinità. L'ultima pietra miliare di questo cammino è l'Inno alla SS Trinità, recitato dagli Angeli, dagli uomini e dalla SS. Vergine. L'alto linguaggio figurato, la sua precisione dogmatica e la sua profondità mistica imprimono a tutto il messaggio il sigillo della sua provenienza soprannaturale. Esso si rivolge alle tre Persone divine in tre versi. Ogni strofa incomincia con un saluto ("Gloria al nostro Dio... Apoc. 7,10), che accentua con diverse frasi, collegate fra di loro dogmaticamente, l'attività della Persona. Ogni strofa finisce con una lode a Maria, la Figlia del Padre vestita di sole, l'Immacolata Genitrice del Figlio, la Sposa dello Spirito Santo coronata di stelle. "A Te ora e in tutta l'eternità, la potenza, la glorificazione e la bellezza per mezzo della Tua Sposa coronata di stelle, la nostra ammirabile Madre.

II parroco Humpf, che sentì questo inno di lode dalla bocca di Barbara e lo stenografò, ne fu così impressionato che da allora credette al messaggio. Come a lui, ciò accadde a moltissimi altri.

 

L'amore della croce

Il messaggio di Marienfried non cerca il sensazionale, nè il prodigioso in campo materiale: "Non aspettatevi nè segni, nè miracoli! Io voglio agire nel nascondimento come la grande Mediatrice di grazie".

Ella esige soprattutto l'intima disposizione al sacrificio e a portare la croce. "Le vostre preghiere e i vostri sacrifici distruggeranno l'immagine della Bestia. Io compirò miracoli segretamente nelle anime, finchè sarà completo il numero delle vittime. Io caricherò i miei figli diletti di croci pesanti, profonde come il mare, poichè Io li amo nel mio Figlio immolato. Vi prego, siate pronti a portare la croce, affinchè venga presto la pace!"

Con questo pensiero, il messaggio accenna all'apporto che la Madonna si aspetta dai suoi figli fedeli: "Dipende da voi abbreviare i giorni delle tenebre. Allora Io potrò manifestarmi al mondo intero, a gloria dell'Onnipotente.

 

La consacrazione a Maria e scambio del Cuore

La vera devozione alla Madonna consiste nella vissuta consacrazione a Lei. Fu soprattutto questo il desiderio espresso a Fatima, ma ora lo chiede ancor più intensamente: "Io esigo che la consacrazione sia vissuta: Solo la "consacrazione vissuta" crea la premessa per lo scambio del Cuore per l'ultimo e più grande mistero nel "suo Cuore ammirabile". La consacrazione è nello stesso tempo la semente che, attraverso lo scambio del cuore, viene fatta fruttificare dallo Spirito Santo. Ma a sua volta questo sarà possibile se anche l'uomo saprà dire il suo "Sì" a Dio e contemporaneamente il "Sì" a Maria. Chi si affida a Lei e a Lei si abbandona, si abbandona ad una vita tutta vissuta per Iddio.

Nella preghiera a Maria per il compimento dello scambio del Cuore si dice consapevolmente il "Sì" a Dio, come è detto nell'annuncio dell'Angelo: "Avvenga a me Io sono l'Ancella del Signore". Ci si vuole identificare con Lui, essere a Sua completa disposizione.

Ma c'é un secondo desiderio: Si crede e si riconosce Maria come Mediatrice di tutte le grazie. Questa mediazione è nel piano di Dio, e solo coloro che crederanno potranno esprimere la sua veridicità. Dove regna il dubbio e l'incredulità Maria non può fare nulla. Lei stessa era "Piena di Fede", perciò chiede ai suoi Figli di credere al suo ruolo di "Mediatrice di grazie", e crederlo, perchè così vuole il Padre. Ecco la sua preghiera: "Mettete al posto del vostro cuore macchiato dal peccato il mio Cuore Immacolato, ed allora sarò Io che attirerò la forza di Dio, e l'amore del Padre riprodurrà di nuovo in voi la Immagine perfetta di Cristo.

Con ciò si affermano tre cose:

1) che la consacrazione a Maria, vissuta, conduce allo scambio del Cuore con la Madre di Dio;

2) che lo scambio del Cuore diventa efficace per mezzo della Mediazione di grazie operata da Maria;

3) che lo scambio del Cuore attira lo Spirito Santo attraverso "l'amore del Padre", ed è Lui che porta divinamente a termine la nostra vita in Cristo.

Qual è lo scopo di questa consacrazione? Maria vuole che molti, come vittime a Lei consacrate, Le diano il potere di stabilire il Regno del Re della Pace". Ella dice: "Esaudite la mia preghiera, affinchè Cristo possa presto regnare come Re di Pace!"

 

ELEZIONE E MISSIONE PER MEZZO DI MARIA

Donazione totale e disponibilità per Maria

I messaggi, che Maria ha indirizzato al mondo da Marienfried, sono molto energici, e quasi di scongiuro. Essi non sono capiti dalla massa della gente, poichè sono straordinari. Sono parole dirette ai suoi Figli, che Lei vuole svegliare dall'ignavia e scuotere energicamente.

Maria ha molti figli dispersi nel mondo, ma su quanti di essi può veramente contare? La maggior parte non ha forse uno spirito buono e nobile, che li spinge ad offrirsi a Dio, e a voler fare tutto per Lui? Ma questo spirito ha bisogno di un forte risveglio apostolico. Le intenzioni di queste persone sono buone: ma Maria le vuole rendere "attive". Ella si presenta loro come la guida scelta da Dio, che, in nome Suo, conduce e dirige la battaglia contro Satana. Maria vuole chiamare i suoi figli a combattere assieme e schierarli nel suo esercito. Il "Segno" che Lei porta per grazia di Dio, devono portarlo anche i suoi figli, ed è per questo che Ella vuole imprimerlo in loro, in modo che essi formino con Lei una sola e stretta unità. Così Ella raduna il suo esercito per la lotta contro Satana.

Ma Satana riconoscerà presto questi figli fedeli, a Lei consacrati, come i suoi nemici più acerrimi, poichè riescono a strappargli molte anime. Egli condurrà una battaglia feroce contro di loro, ma non riuscirà a vincerli, proprio perchè essi portano impresso sulla fronte il "Segno di Maria".

La trasformazione in Cristo per mezzo di Maria Dio avrebbe potuto ricondurre a sè e salvare gli uomini in diverse maniere. Ma Egli scelse la via dell'Incarnazione del suo divin Figlio, per mezzo della Vergine Maria. Lei potè dare agli uomini il Salvatore. Ma Lei può anche continuare a trasmettere agli uomini le grazie del Salvatore, perchè Dio si serve di Maria come del suo strumento per trasmettere e dare le sue grazie. Questo non è un compito che Ella si scelse, come credono alcuni cristiani oggi, ma è Dio stesso che Le ha affidato questo compito. Allo stesso modo in cui Dio volle che il Salvatore venisse per mezzo di Maria, così Egli vuole che tutte le grazie che Egli elargisce al mondo siano anch'esse trasmesse per mezzo di Maria. Quindi non è presunzione la sua quando nel messaggio dice: "Io sono la grande Mediatrice di grazie. Allo stesso modo in cui il mondo non può trovare misericordia presso il Padre se non per il Sacrificio del Figlio, così voi non potete essere ascoltati da mio Figlio che per mezzo della mia intercessione". Con queste parole Maria ci mette sott'occhio il piano di Dio, secondo il quale suo Figlio, come Salvatore, merita le grazie, che Lei, a sua volta, distribuisce. Il Figlio vuole donare tutte le grazie agli uomini per mezzo di Lei. Di conseguenza, la devozione a Maria non può essere una "manifestazione marginale" o accessoria nell'ambito della Chiesa, ma essa deve essere la guida principale e fondamentale di ogni buon cristiano.

Questa asserzione porta dunque a questa ultima conseguenza: Chi rifiuta Maria come Mediatrice di tutte le grazie, chiude il flusso delle grazie. Per costui la vita spirituale intima si va man mano spegnendo. Il suo lavoro e il suo darsi da fare diventa infruttuoso, nonostante il suo zelo e i suoi sforzi.

La Chiesa di Roma ha bensì riconosciuto di fatto, attraverso la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria ad opera del Pontefice Pio XII nel 1942, che Maria è la Mediatrice delle grazie. Ma i cristiani però non hanno tratto le conseguenze necessarie. Ciò che il Papa ha fatto, consacrando il mondo al Cuore di Maria, non può essere o restare un atto puramente esteriore e formale; ora ogni cristiano deve veramente vivere questa consacrazione e considerare Maria come sua Madre spirituale, dispensatrice di grazie, e instaurare un vivo rapporto con Lei in una parola, Maria vuole trasformarci e farci crescere conformi all'immagine di suo Figlio per mezzo della sua potente mediazione di grazia. Per questo motivo Ella pronunciò quelle parole così significative: "Mettete al posto del vostro cuore macchiato dal peccato il mio Cuore Immacolato, e allora sarò Io che attirerò la forza di Dio, e l'amore del Padre riprodurrà nuovamente in voi l'immagine perfetta di Cristo.

Gesù, il Figlio di Dio, ci offre la sua carne ed il suo sangue, affinchè noi viviamo in Lui. Maria, sua Madre, ci offre il suo Cuore, perchè noi accogliamo degnamente Gesù, donandoci completamente a Lui. Se noi ci doneremo totalmente a Dio, senza riserve, come ha fatto Maria, Egli potrà trasformarci completamente. Donarsi totalmente non è una cosa facile per l'uomo: al contrario è la cosa più difficile che ci sia. Però se abbiamo la buona volontà e siamo pronti a servire Dio in modo totale, allora noi siamo in sintonia con la Madonna, e formiamo così un cuore solo con Maria e Gesù. Maria poi farà il resto nel suo ufficio di Mediatrice di tutte le grazie. Mentre essa nel compimento dello scambio del Cuore ci va formando secondo l'immagine di Gesù, imprime in noi il suo "Segno", la sua immagine. Il suo Segno di elezione da parte di Dio è la sua". Immacolata Concezione". Questo è un privilegio che la mette al di sopra di tutte le creature, che il Signore Le ha concesso in vista della sua divina maternità. Se i suoi figli sono con Lei e con suo Figlio una cosa sola per mezzo dell'unione dei cuori, allora Ella concede loro tutte le grazie che Dio le ha dato per la salvezza del mondo. Queste riguardano naturalmente il Figlio, e non mirano ad altro che alla salvezza delle anime. In questo modo Dio viene ad essere glorificato, per questo Ella dice: "Date ascolto alla mia richiesta, affinchè Cristo possa presto regnare come Re di Pace".

Maria vuole costruire il Regno di suo Figlio, perchè Lei sa che Lui vuole formare per gli uomini un Regno di Pace, di amore e di veri beni. Cristo cerca unicamente la nostra salvezza, per questo appunto Egli fa la volontà del Padre, che l'ha inviato sulla terra per questo scopo. Se ciò avviene, allora il volere del Padre si compie in tutti, e ridonda su di Lui, a gloria ed onore del Padre.

Questo è il piano di Dio per l'umanità, che sedotta da Satana, è caduta nell'errore. Ma poichè Satana ora vede come l'uomo peccatore trova di nuovo il modo di arrivare a Dio, egli cerca con tutte le forze di scompigliare e confondere il piano di Dio, per allontanare gli uomini da Cristo e da Maria. Nel suo furore, egli userà tutta la sua potenza e condurrà al martirio molti figli di Maria. Nonostante la loro estrema necessità, essi non perderanno la cosa più preziosa: la pace con Dio. Anche nella più dura battaglia dello spirito, essi saranno felici e riconoscenti a Dio nell'intimo del loro cuore.

Satana si servirà delle seduzioni più sottili e raffinate per ingannare molte anime, perfino i migliori cristiani, e per condurli nell'errore. Questo gli sarà possibile con coloro che rifiutano Maria come Mediatrice di grazie. Così, a causa di questo loro rifiuto, i doni di grazia non fluiranno più, o solo scarsamente, in loro, ed essi diventeranno presto spiritualmente poveri e vuoti. Così essi si lasceranno ingannare da belle parole, come una volta Eva nel Paradiso terrestre: essi correranno per le vie dell'errore, perderanno la sicura e felice guida di Maria, e si allontaneranno dà Dio. E ciò sarà possibile perchè alla fine dei tempi Satana avrà un ben grande potere. Ma questo grande potere di Satana sarà debolezza per coloro che si saranno donati totalmente a Maria, per coloro che vivranno e lavoreranno al servizio di suo Figlio. Per costoro la potenza di Satana non potrà nulla, egli non potrà ingannarli, perchè essi portano in sé il "Segno dell'Immacolata". Nel suo messaggio, Maria insiste specialmente sul fatto che noi dobbiamo riconoscere la gravità della ora attuale, e metterci senza riserva alcuna a sua disposizione per la salvezza delle anime.

Al servizio di Maria per il mondo e per la Chiesa Ancora oggi si conosce troppo poco l'importanza di Maria per il mondo e per la Chiesa. Perfino molti cristiani hanno un atteggiamento molto riservato verso Maria, o non se ne curano affatto. Ma questo contegno non corrisponde alla volontà del Padre, che ha scelto Maria come Sposa dello Spirito Santo, dalla quale venne a noi il Cristo. Maria rappresenta pure la Chiesa in maniera misteriosa. Maria è la figura della Chiesa, Sposa dello Spirito Santo, e da Lei sono nati Cristo e spiritualmente tutti gli uomini redenti. Queste non sono parole altisonanti, nè un semplice gioco di pensiero, no: questa è invece la realtà voluta dall'Eterno Padre. Per questo motivo Maria insiste: "Il mio Segno sta per apparire. Così vuole Iddio" Con ciò Maria vuole indicarci che quanto più noi ci avviciniamo agli ultimi tempi, tanto più si sta realizzando il piano di Dio. Prima di tutto il Segno verrà riconosciuto solo da coloro che vivono completamente nello spirito di Dio, e sono i suoi figli migliori. Ad essi viene manifestato ciò che resta nascosto agli altri. Inoltre essi ricevono la grazia e la forza di darsi più interamente a Dio per la salvezza delle anime.

In queste persone Maria opera nel segreto e le porta alla più grande rassomiglianza con Dio. Con loro e per loro condurrà e vincerà la battaglia decisiva contro Satana. Quando ciò sarà accaduto, essa potrà mostrarsi al mondo come la grande vincitrice di Satana. Ella mostrerà davanti a tutto il mondo come Dio avrà condotto e vinto la battaglia assieme ai più piccoli e coloro che il mondo ignora. Essi sono pieni dello spirito di donazione a Dio, come Maria. Per mezzo dello scambio del Cuore Lei ha preparato i loro cuori, perchè siano trasformati in Cristo. Per questo sopportano croci e pene, ma anche la gioia dei figli di Dio nello spirito di Cristo: essi sono vittime riparatrici per la salvezza delle anime. Essi hanno una tale potenza riparatrice, perchè sono intimamente uniti a Gesù e a Maria, così che essi operano "miracoli nelle anime". Tutto questo Maria vuole compierlo nel nascondimento, perchè altrimenti non può crescere nè maturare ciò che è grande, perchè il nemico tormenterebbe troppo duramente le anime. Ma tutto sarà chiaro ai suoi figli come segno e prova che è Lei a condurli con la sua grazia. Per amor suo, essi pregheranno e glorificheranno Dio e, riconoscenti, renderanno onore e gloria al Dio della Trinità con tutti gli Angeli e i Santi.

Essi giubileranno e canteranno: "Questo è il cantico nuovo.... Essi si uniranno al canto dell'Inno, come lo hanno cantato assieme in un potentissimo coro gli angeli in onore della SS. Trinità, quando fu manifestato il nuovo Messaggio della Madre di Dio. Questo Inno è la glorificazione di Dio, Trinità Santissima, con Maria e per mezzo di Maria, la quale con i suoi figli ha combattuto la sua battaglia ad onore e gloria dell'Altissimo, e ne è uscita vittoriosa. E' un canto di ringraziamento e di gioia di tutti coloro che hanno preso parte a questa battaglia. Ciò riguarda angeli e uomini che entrarono in campo per la salvezza delle anime. Per questo motivo il "Cantico di lode" è un potente canto di ringraziamento e di vittoria in cielo e sulla terra, uscito dalla bocca di tutti i redenti, di tutti gli angeli e dei santi.

 

IMPORTANZA DEL MESSAGGIO PER I FIGLI DI MARIA

Marienfried e S. Lodovico Maria Grignion de Monfort

Per molte persone S. Luigi Maria Grignion non è più uno sconosciuto. E' stato proclamato santo dalla Chiesa nel 1947. La sua canonizzazione avvenne così nel tempo in cui cominciava a fiorire e maturare ciò per cui egli aveva combattuto e lavorato. Egli coniò la parola "scambio del cuore" che anche la Madonna ha pronunciato a Marienfried.

Luigi Maria Grignion visse in Francia. Nacque il 31 gennaio 1673 a Monfortsur Meu, e morì già a 43 anni, durante una missione al popolo. La sua vita fu tutta intessuta di attività, sacrificio e sofferenza. Il suo lavora fu tutto per Gesù Crocifisso, al cui servizio egli voleva condurre i giovani. Il segreto di tutta la sua attività fu l'amore a Cristo, infiammato dal grande amore alla Madonna, la Mediatrice di tutte le grazie. Il suo motto era: "A Gesù per mezzo di Maria!". Egli capì che noi amiamo tanto più Gesù, quanto più Lo amiamo nello spirito di Maria. E per questo egli desiderava ardentemente possedere il Cuore di Maria per poter servire Cristo nello spirito del di Lei amore. Dio ha dimostrato con segni e miracoli, che ciò si adempì miracolosamente. Per questo Dio lo ha scelto come apostolo e maestro della vera Imitazione di Cristo davanti agli occhi di tutto il mondo. Nei suoi preziosi scritti che ha pubblicato, egli vuol portare alla imitazione di Cristo condotti come per mano da Maria. Le sue istruzioni mostrano la via alla "donazione totale a Nostro Signore Gesù Cristo per le mani di Maria". Non è forse questo anche il programma che la Madonna ha proposto al mondo a Marienfried? Ciò che Grignion tanto tempo prima aveva stabilito e proposto alla Chiesa nei suoi scritti, fu poi confermato personalmente dalla Madonna nelle apparizioni di Marienfried. Essa dice: "Cristo è così poco conosciuto, perchè io non sono conosciuta". Ne deriva che non si può avere un amore profondo a Cristo senza un profondo amore a Maria. Dove è Maria, ivi è suo Figlio, e dove è suo Figlio, ivi è la Madre sua.

Luigi Maria Grignion non fu solo un grande maestro della Chiesa, ma anche un profeta . Si può credere con certezza che egli scrisse la sua dottrina mariana per la fine dei tempi, tutta dietro illuminazione dello Spirito Santo. Dai suoi scritti si capisce che egli era ispirato e che potè anche vivere in ispirito il frutto della sua dottrina. Egli dice: "Non senza fondamento si può pensare che verso la fine dei tempi Dio susciterà grandi uomini pieni di Spirito Santo e dello Spirito di Maria. Per loro mezzo la nostra Signora opererà cose meravigliose nel mondo, per rompere il dominio del peccato e per costruire il Regno di Cristo, suo Figlio, sulle rovine del mondo corrotto".

Benchè Grignion apparentemente ottenesse poco successo e riconoscimento, egli potè tuttavia fondare una congregazione maschile e una femminile, che ebbe il compito di far conoscere il valore della sua dottrina e di diffonderla. Col passare del tempo le congregazioni dovettero attraversare delle prove e subire persecuzioni. Ma esse sono rimaste fedeli al loro fondatore e lavorano ai nostri giorni ancor più di un tempo. Esse operano nel silenzio. Ciò corrisponde anche alla volontà della Madonna, che dice nel messaggio: "Io devo ritirarmi con i miei figli. Io opererò cose meravigliose nel nascondimento, finchè il numero delle vittime sarà completo. Dipende da voi abbreviare i giorni delle tenebre". I tempi avvenire dimostreranno che le cose più grandi per la gloria di Dio sono state fatte dagli umili e dai piccoli. Lo scopo principale della dottrina di Grignion sta in questo: preparare i fedeli a una consacrazione totale a Gesù Cristo come vittime, e condurli a questo grandissimo ideale. Questa consacrazione a Cristo attraverso la donazione totale a Maria è diventata una convinzione nella Chiesa cattolica. Essa è anche il germe nascosto da cui è nata la diffusione e la formazione dei tanti gruppi mariani nel corso degli ultimi decenni e secoli. Si riconosce sempre di più che proprio la consacrazione a Maria è la premessa per una più profonda unione di vita con Cristo. Solo colui che si consacra a Dio con tutto il cuore rende evidente che vuol fare qualcosa di straordinario per il Signore Iddio. E Dio dà ad ogni volonteroso la sua approvazione e la sua risposta. Ma Dio prima prova e purifica i cuori per vedere a quale lavoro essi possano servire.

Barbara, veggente di Marienfried, aveva già fatto segretamente, alcuni anni prima delle apparizioni, la consacrazione a Maria, secondo il Grignion. Così si era messa al servizio della Madonna. Con i "Messaggi" essa si era caricata sulle spalle un peso gravissimo: la croce del Signore. Ma Dio desidera che ogni uomo sia là dove Egli vuole, e che "porti la croce che Lui gli impone. E' sempre la croce del Signore. Il suo termine è sempre il Golgota.

 

Marienfried e i Santi Angeli

E' un fatto addirittura essenziale per il messaggio di Marienfried che gli Angeli occupino un posto così significativo sia nella vita della veggente, come pure nei messaggi.

"L'Angelo della grande Mediatrice di grazie" viene da lei e le ordina di pregare per singole persone: per sacerdoti, per moribondi, ma soprattutto per il S. Padre.

Barbara domandò un giorno ad Anna Humpf: "Chi è il 'Pastor Angelicus'? Durante la notte mi sono svegliata: la mia stanza era illuminata. Pensando di aver dimenticato di spegnere la luce, io girai l'interruttore. Ma la stanza rimase illuminata. Improvvisamente vidi in questa luce una figura che disse: "Io sono l'Angelo della grande Mediatrice delle grazie. Oggi devi pregare per il "Pastor Angelicus". Egli ha grandi preoccupazioni. Domani è il suo grande giorno". Anna potè spiegare che il "Pastor Angelicus" (l'angelico pastore) era il Papa Pio XII che, secondo la vecchia profezia di S. Malachia, porta questo titolo il suo grande giorno era l'anniversario della sua incoronazione, che infatti avvenne il giorno dopo. Poichè questo Angelo la svegliava spesso di notte per farla pregare, divenne troppo per lei, tanto che si lamentò ed espresse il desiderio di poter dormire indisturbata. Ma poichè un giorno venne da lei una persona per cui aveva dovuto pregare e l'assicurò sull'esito della sua preghiera, essa ne fu impressionata, e non si lamentò più.

Spesso riceveva anche l'ordine di andare a pregare in Chiesa anche a tarda ora. In questo caso essa poteva entrare in Chiesa, anche se essa era chiusa.

Nella notte del 25 maggio, fu invitata dall'Angelo ad andare di nuovo alla piccola cappella. Appena arrivata, vide l'Angelo in piedi a sinistra del quadro. Egli fece un segno con la mano verso destra, dove essa vide in piedi la "Signora". Molto impressionante fu l'esperienza con gli Angeli il 25 giugno 1946. Essa vide grandi schiere di "figure bianche".

"Quando la Signora cessò di parlare, subito si fece attorno a Lei una schiera di figure che indossavano lunghe vesti bianche; si inginocchiarono a terra, e si inchinarono profondamente. Recitarono il magnifico inno alla SS. Trinità. AIl'inizio lo si disse un "canto nuovo"; poi una parte di essi aveva recitato un'altra preghiera al Padre. Come un'eco altri ripeterono la medesima parte. Poi, di nuovo, un gruppo numeroso cantò: "Santo, Santo, Santo". Quando fu finita la preghiera, l'angelo disse a Barbara di rispondere. Essa ripetè la preghiera. Dopo l'Amen, l'angelo disse: "Tu grande Mediatrice delle grazie". Barbara rispose: "Prega per noi!"

Dai fatti citati risulta chiaro che il ciclo delle apparizioni di Marienfried è stato preparato dagli Angeli. Ma c'è un fatto che si può sempre constatare nella storia della Chiesa: gli Angeli prestano i loro servizi alle persone che si mettono totalmente a disposizione di Dio. Gli Angeli vogliono mettere gli uomini al loro vero posto per il servizio di Dio. Essi sono gli esecutori del divino Volere. Dio li usa come messaggeri, come collaboratori nell'opera della Redenzione, come Egli usa anche gli uomini che si mettono a Sua disposizione.

Egli mandò un angelo a Tobia, per indicargli la strada. A Pietro in carcere, mandò un angelo per condurlo fuori. AL SIGNORE nell'Orto degli Ulivi mandò un angelo per confortarlo. Così gli angeli stanno come fratelli a fianco degi uomini per aiutarli a compiere la volontà di Dio. Essi vogliono indirizzare tutto alla gloria di Dio, e non cessano mai di servire alla causa di Dio. La scelta, con o contro Dio, avvenne in cielo tra le schiere degli Angeli. Lucifero si rivoltò, perché voleva essere come Dio. San Michele e gli angeli fedeli a Dio insorsero contro di lui, e lo precipitarono con il suo seguito nell'abisso. Ora la lotta continua sulla terra contro Dio, perchè non ci fu più posto per loro in cielo (Apoc. 12, 8).

Ora, spinti da un odio feroce, gli angeli ribelli escono dall'inferno per spingere gli uomini contro Dio per farli loro servitori. Ma gli angeli vittoriosi e fedeli stanno a fianco degli uomini e offrono il loro aiuto e la loro protezione. Essi parlano agli uomini con la voce della coscienza. Chi presta loro ascolto non cade sotto l'influsso malefico e non cede alle tentazioni del Maligno. Maria è la Regina degli Angeli. Chi si mette al suo servizio, si mette pure a disposizione degli Angeli. Essi coopereranno in ogni occasione nella quale Maria darà un incarico a una persona.

Essi ci insegnano anche ad essere perspicaci ascoltatori dei desideri di Maria. La loro voce i fa sentire solo nel silenzio, nella meditazione e nella preghiera. Noi ci dobbiamo quindi raccogliere sempre "nella cella interiore", perchè l'angelo ci possa parlare. Nella preghiera, nella meditazione, noi riusciamo a scoprire quanto Mara soffre per i suoi figli fuorviati. Ella desidera che tutti siano salvi. Nella preghiera ci viene chiarito il mistero della riparazione, e noi impariamo, in unione con il Cuore materno di Maria, ad amare le pecorelle smarrite e per le quali Egli si è sacrificato. Maria, con la preghiera riparatrice, ci conduce nel centro del Cuore di suo Figlio. Ci affida i "suoi ordini di pregare", perchè tantissimi suoi figli aspettano il Suo aiuto". (Messaggio del 25 giugno).

Gli Angeli portano a onorare e glorificare il Signore, e desiderano veder compiuta ovunque la volontà di Dio. Se noi siamo disposti a fare la volontà di Dio, gli Angeli di Dio si mettono al nostro fianco. Noi possiamo fidarci del loro fraterno consiglio, possiamo camminare e parlare con loro come con le persone. Essi ci sono vicini come fratelli. Solo colui che li stima e li ascolta con attenzione avvertirà la loro presenza.

Gli Angeli non riposano: essi operano giorno e notte, perchè anche il Maligno non si dà pace. Là dove Satana intacca gli interessi di Dio, è presente anche l'Angelo di Dio. La battaglia si svolge attorno all'uomo, che con il suo libero arbitrio, deve decidersi con, oppure contro, Dio. Nel momento in cui si stava giocando il destino dell'umanità, Maria, la Regina degli Angeli, ha pronunciato in nome di tutti gli uomini la parola che ha trovato la maggiore risposta d'amore presso Dio: "Io sono l'Ancella del Signore, sia fatto di me secondo la tua parola". Da quando l'Arcangelo Gabriele sentì questa parola piena di fede e di fiducia, egli sta a fianco degli uomini, e vorrebbe imprimere in tutti lo spirito di Maria, perchè Ella ha trovato grazia presso Dio" e vuole che anche noi troviamo grazia davanti a Dio.

Le prove, a cui sono sottomessi gli uomini, le molte tentazioni e gli astuti assalti del demonio possono sempre essere vittoriosamente superati se si ascolta la voce dell'Angelo. Per vincere una tentazione ci vuole sempre lo spirito di sacrificio che mette in fuga il nemico, perchè con esso si cammina sulla via del Signore. L'uomo deve affrontare le tentazioni più terribili quando dubita della presenza di Dio e dubita della Divina Provvidenza e dell'aiuto della grazia. Ci può essere di conforto ciò che la Madonna disse in questo messaggio: "Io ho bisogno di vittime. Le grazie più grandi si possono avere solo a prezzo di questi dolori".

In queste prove e sofferenze noi siamo uniti al Signore nell'Orto. Se, noi nella notte della tentazione abbiamo per lo meno fiducia e ci offriamo incondizionatamente, senza dire una parola o senza fare delle domande, allora il Padre che è nei Cieli manderà anche a noi un angelo come a Gesù nel Getsemani. Egli ci darà forza, affinchè possiamo percorrere la Via Crucis di Gesù fino alla fine con Maria Sua Madre.

 

L'ERA MARIANA

Parigi 1830

Le apparizioni mariane che precedettero il Messaggio di Marienfried confermano in modo impressionante, proprio con l'apparizione di Marienfried, quanto la Madonna aveva detto o aveva voluto nelle precedenti apparizioni. Ogni Messaggio ha in qualche modo un riflesso con Marienfried. Si possono anche rilevare e stabilire sviluppi da un Messaggio all'altro. C'è pure il fatto che un Messaggio conferma l'altro mediante il contenuto e la materia che viene annunciata.

Si può fare anche una constatazione negativa, perchè, fra un Messaggio e l'altro, il mondo diviene sempre più contrario al contenuto dei Messaggi e alle loro richieste. E non è solo il mondo che reagisce in questo modo, ma bensì molti circoli ecclesiastici e molti fedeli.

Quando nel 1830, a Parigi, la Madonna apparve a Caterina Labouré allora novizia, esprimendole il desiderio che voleva una medaglia che portasse la sua immagine con l'invocazione: "O Maria, concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi!" il suo direttore spirituale, Padre Aladel, dopo una prima esitazione, fece inoltrare il desiderio della Madonna all'Arcivescovo di Parigi. Questi fu subito disposto a realizzare il desiderio della Madonna. Egli non perse tempo col dubitare dell'autenticità del messaggio, e diede la sua approvazione perchè venisse coniata la Medaglia. Egli stesso volle avere la prima. Nella Medaglia egli vide solo un mezzo per onorare la Madonna. Portando egli stesso la Medaglia, volle crearsi la convinzione che essa avrebbe ottenuto le abbondanti grazie promesse dalla Madonna. E le sue speranze non furono deluse: egli stesso potè per primo esperimentare il miracolo grande di una conversione. L'apostata Arcivescovo di Malines si convertì in una maniera straordinaria in punto di morte. Da allora la medaglia fu chiamata dal popolo la "Medaglia miracolosa", e divulgata in milioni di esemplari. L'apparizione di Parigi ha molte affinità con quella di Marienfried. In ambedue i casi la Madonna parla a persone che si erano già consacrate a Lei. Caterina Labouré come Barbara avevano perduto la mamma in giovane età. Per questo nel seguito della loro vita si affidarono alla Madonna. L'aiuto che Maria vuole portare a Parigi come a Marienfried è di natura spirituale. In tutti e due i casi si tratta soprattutto della salvezza delle anime, e Maria appare alla medesima maniera: Ella allargò le mani e da esse uscirono dei raggi che si posarono sopra le persone.

A Parigi la Vergine desidera che si porti la Medaglia con la sua immagine e la sua preghiera. A Marienfried, Ella offre il suo Cuore e il Rosario dell'Immacolata, indicandolo come il Rosario ricco di grazie.

La preghiera che la Vergine dà a Parigi ha come oggetto la sua Immacolata Concezione. A quel tempo il dogma dell'Immacolata Concezione non era ancora stato annunziato. Ma la preghiera: "O Maria,concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi!", esprime in altri termini la stessa cosa.

Sul fondamento del suo privilegio, cioè della Immacolata Concezione, Ella concede le grazie promesse, in concomitanza con la medaglia che porta la sua immagine. A Marienfried Lei vuole operare i suoi miracoli di grazia per mezzo di quelle persone che posseggono il suo Cuore, cioè per mezzo di coloro che hanno realizzato lo scambio del cuore. La preghiera che Ella chiede è il Rosario dell'Immacolata, che racchiude le invocazioni: "Per la tua Immacolata Concezione, salva... proteggi... guida... santifica... governa...

Con il Messaggio di Parigi la Vergine raccoglie i suoi figli in una congregazione. A Marienfried Ella parla ai suoi figli della congregazione e vuole guidarli all'ultima decisiva battaglia contro le potenze demoniache e armarli delle sue armi potenti. Marienfried può essere indicata come il coronamento di tutti i Messaggi mariani. Se il messaggio non sarà compiuto dai figli che Maria ha chiamati, allora sorgerà il serio pericolo che allo scoppio della battaglia decisiva gli eserciti mariani combattenti rifiutino le armi più potenti.

 

La Salette 1846

L'apparizione a La Salette avvenne esattamente 100 anni prima che a Marienfried (18461946). Il messaggio fu rivolto a due pastorelli, Massimino di 11 anni e Melania di 15. La Vergine era seduta su un sasso e piangeva. Il suo dolore era di vedere che gli uomini non si curavano più di Dio, del suo dilettissimo Figlio. Ella piangeva perchè gli uomini erano immersi nelle cose terrene e disprezzavano i Comandamenti di Dio. Il primo pensiero del Messaggio della Madre di Dio a La Salette dice: "Se il mio popolo non si vuole sottomettere, lo sono costretta a lasciar cadere il braccio di mio Figlio". L'ultima parte del Messaggio a Mariendried dice: Il Padre annunzia una fine spaventosa a coloro che non vogliono sottomettersi alla sua Volontà: Anche a Marienfried la Vergine si lamentò perchè i suoi figli l'abbandonavano. E ciò procurava a Lei un grande dolore. La veggente comprese che per questo motivo aveva un'espressione così triste.

A La Salette, dopo aver esortato alla preghiera e alla penitenza, per riparare la miseria spirituale, la Vergine avverte e scongiura gli uomini di non provocare l'ira di Dio. Ella vuole che essi servano Dio e non Mammona. Il Messaggio di La Salette per mezzo dell'immagine della "Madonna che piange" ha ormai commosso molti cuori e li ha condotti e riconciliati a suo Figlio. Come prova dell'autenticità dell'apparizione la Vergine fece scaturire dal terreno pietroso una sorgente che ha compiuto sui fedeli innumerevoli miracoli. Già dopo cinque anni la Chiesa ha riconosciuto "vero" questo Messaggio. Il Vescovo di Grenoble fece costruire sul luogo della apparizione un grandioso Santuario per i pellegrinaggi.

 

Lourdes 1858

A Lourdes la Madonna è apparsa per ringraziare e confermare il dogma dell'immacolata Concezione", quattro anni dopo la sua proclamazione solenne (1854 1858). Durante l'apparizione Ella dichiarò: "Io sono l'Immacolata Concezione".

Il Messaggio di Marienfried seguì quattro anni dopo la consacrazione del mondo al Cuore immacolato di Maria, fatta dal Papa Pio XII, nel 1942 (1942 1946).

A Mariendried l'apparizione operò come Segno della verità un miracolo di conversione. Maria salvò un uomo da una profonda miseria spirituale. Essa disse a Barbara: 'là si trova un uomo in grave pericolo che tu devi aiutare. Mandalo qui; qui egli sarà aiutato. Questo sarà un segno che tu non sei affatto vittima di un inganno". Specialmente oggi questa parola della grande Mediatrice di grazie è importante: la Madonna vuole e può aiutare tutti gli uomini, che sono immersi in una grande miseria spirituale e pieni di fiducia cercano aiuto in Lei. Ma anche noi dobbiamo aiutare e confortare a parole e a fatti queste creature di Maria.

A Lourdes la Vergine Maria si mostrò come "L'Immacolata Concezione". A Marienfried Ella regala il Rosario dell`Immacolata Concezione: A Lourdes accentua e raccomanda soprattutto la recita del S. Rosario e prega il popolo fedele di usarlo come arma di sicura vittoria. A Marienfried Ella insegna il Rosario dell'Immacolata, con il quale si possono chiedere per mezzo del suo Cuore Immacolato tutti i mezzi di grazia necessari alle anime.

A Lourdes lascia come segno l'aver Ella ottenuto da Dio il potere di operare per i suoi figli molti miracoli visibili, affinchè gli uomini anche i non credenti vedano e credano.

A Marienfried promette di compiere dei miracoli nascosti di grazia, e parla ai suoi figli diletti che credono fermamente in Lei. Perciò essa evita i miracoli esteriori, visibili, perchè questi per molti uomini non servono che ad aumentare la loro responsabilità. In tal modo però essa vuole tenere lontane da Marienfried quelle masse di persone che si rivolgono a Lei solo per un profitto personale (per es. guarigione di malati, ecc.). Per questo Ella dice: "Ora si tratta di una cosa molto più importante". Si tratta della "lotta decisiva" Dio o Satana si tratta della salvezza delle anime".

I miracoli della grazia avverranno solo quando i suoi eletti incominceranno sul serio e totalmente a fare la sua volontà. Maria allora farà le grandi meraviglie e i grandi miracoli ma in segreto essi resteranno nascosti agli occhi del mondo. Il nemico non deve essere messo troppo in allarme. Essa vuole vincerlo con le sue schiere in maniera tattica, quando egli crederà di aver ormai vinta la battaglia e di aver la vittoria in pugno.

 

Fatima 1917

La prima apparizione di Maria a Fatima incominciò il 13 maggio 1917. La prima apparizione a Marienfried avvenne pure in un 13 maggio, nel 1940. In questo primo incontro a Marienfried l'apparizione non si lasciò riconoscere come la Vergine. Solo nei messaggi seguenti Ella fece un accenno a questo primo incontro, quando disse: "Recitate il Rosario dell'Immacolata, il Rosario ricco di grazie, come lo te l'ho insegnato". Più tardi Ella disse alla veggente di recitarlo per la patria. Allora la Germania era vittoriosa in guerra, e pareva che il suo governo senza Dio volesse sottomettere il mondo intero. Senza dubbio la Madonna aveva intenzione di far prendere una diversa piega alla guerra, mediante la recita di quella preghiera, e mettere una barriera alle forze diaboliche. In effetti successe così. Naturalmente, in simili circostanze, innumerevoli fedeli di tutto il mondo hanno pregato, ma forse fu proprio questo Rosario il fatto determinante della nuova piega della guerra, altrimenti la Madonna non l'avrebbe fatto conoscere proprio in quei giorni così gravi e cruciali. E se a questo scopo Ella apparve in incognito, lo fece solo perchè il suo nemico non rendesse inutile in partenza il suo aiuto.

L'avvenimento dell'apparizione a Fatima fu preparato e preannunziato da un angelo, che si proclamò l'Angelo del Portogallo. A Marienfried la veggente ebbe pure frequenti visite di un angelo. Questi si proclamò "l'Angelo della grande Mediatrice di grazie" (probabilmente egli era l'Arcangelo Gabriele).

A Fatima, prima dell'inizio dell'apparizione l'angelo insegnò una preghiera di riparazione, offerta alla SS. Trinità, che pure l'angelo recitò assieme.

A Marienfried, al termine del terzo Messaggio non appare solo l'angelo che era presente alla seconda e terza apparizione, ma innumerevoli angeli, e fra di loro di quelli eccezionalmente grandi e potenti. Essi pregarono assieme alla Madonna e alla veggente, cantando un inno di ringraziamento, di adorazione e di glorificazione alla SS. Trinità. Questo mette in evidenza che la più grande lode e glorificazione a Dio viene celebrata e offerta per mezzo di Maria, la "Madre ammirabile". Questo cantico suona come un inno di ringraziamento dopo la vittoria. Qui il cantico ricordò ciò che la Madonna aveva predetto a Fatima: "Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà" .

Nel Messaggio di Fatima la Madonna mostrò ai veggenti il suo "Cuore ferito" che ripara e soffre per il mondo assieme al Figlio di Dio. A Marienfried Ella dona il suo Cuore, affinchè i suoi figli, intimamente uniti a Lei, possano operare per la salvezza delle anime. In un ulteriore Messaggio la Madonna disse a Lucia, la veggente di Fatima: "Dopo esser ricorsa a tutti i mezzi che sono stati disprezzati da molti uomini, io do con un brivido di paura l'ultima ancora di salvezza: me stessa". A Marienfried noi troviamo l'adempimento di questa parola nella preghiera della Madre di Dio, di compiere lo scambio del cuore con Lei. Essa dice: "Mettete al posto del vostro cuore macchiato dal peccato il mio Cuore Immacolato, allora sarò lo che attirerò la forza di Dio e l'amore del Padre riprodurrà nuovamente in voi l'Immagine perfetta di Cristo. Adempite la mia richiesta affinchè Cristo possa presto regnare come Re di pace!"

Si danno però ancora ulteriori e più significativi rapporti con il suo Messaggio di Fatima. Senza fare espressamente il nome di "Fatima", il messaggio di Marienfried viene per così dire ricostruito e sviluppato.

A Fatima la Madonna chiede preghiere, penitenza e riparazione da tutto il mondo e così pure la venerazione del suo Cuore ferito dai peccati degli uomini. Ella compì un grande e potente miracolo del sole, visto da almeno 50.000 persone, credenti e non credenti, affinchè il mondo riconoscesse la verità del messaggio e credesse. A Marienfried la Madonna si lamentò e disse: "Io ho dato frequenti segni, e solo a causa di questi segni molti vennero. Ora noi ci troviamo davanti all'epoca in cui coloro che credono solo a causa dei segni esteriori saranno tratti in inganno. l segni saranno per loro solo un motivo di maggiore responsabilità" (Messaggio del 25 giugno 1946).

Nel suo messaggio a Marienfried Maria dà un ulteirore e significativo riferimento al suo messaggio di Fatima, quando dice: "Celebrate il sabato a me dedicato, secondo il desiderio da me espresso. Nel 1,925, il 10 dicembre, espresse questo desiderio, quando disse a Lucia: "Figlia mia, guarda questo mio Cuore circondato di spine, che gli uomini ingrati trafiggono continuamente con i loro peccati e ingratitudine. Almeno tu cerca di consolarmi. A coloro che il primo sabato, per 5 mesi consecutivi, faranno la confessione e comunione, recitando il Rosario, e mi terranno compagnia per un quarto d'ora con la meditazione dei misteri del Rosario, con l'intenzione di onorarmi in tal modo, Io prometto che sarò vicina nell'ora della loro morte, con quelle grazie necessarie alla salvezza delle anime:

Con questo esercizio la Madonna vuole raccogliere figli e combattenti, per prenderli totalmente al suo servizio. Se costoro con la meditazione dei misteri del Rosario riconosceranno l'amore del suo Cuore materno nel cooperare con il suo divin Figlio, essi stessi esperimenteranno in sè il desiderio di diventare una sola cosa con il Cuore della Madre. La pratica dei primi sabati in onore del Cuore Immacolato di Maria è una sorgente particolare di grazie, e dovrebbe essere maggiormente raccomandata e diffusa.

 

Amsterdam 1945 1959

Il Messaggio di Amsterdam può essere considerato come una messaggio parallelo a quello di Marienfried.

La veggente di Amsterdam vide la Madonna in piedi sulla Germania. Essa aprì le mani e guardò molto triste verso la Germania, dicendo alla veggente: '"Figliola, io ci ho posto sopra ambedue i miei piedi. La Germania deve essere salvata. Mio Figlio ti ha portata qui appunto perchè tu possa comprendere meglio. (Questo Messaggio non fu dato ad Amsterdam, ma in Germania quando la veggente vi era di passaggio). Io ho fatto guarire molti malati" (e fece accenno a Lourdes e ad altri luoghi.) "Capisci ora che cosa voglio dire? Qui ci sono tante anime malate, che devono essere salvate". (Messaggio del 16.11. 1950).

Con queste parole risulta abbastanza chiaro che Lei vuole costituire in Germania un centro di grazie come a Lourdes. Ma a differenza di Lourdes qui non pensa a guarire malati di corpo, ma ammalati dell'anima. Così il 25 maggio 1946 a Marienfried come segno della verità del suo Messaggio ha operato il primo miracolo nell'anima di quell'uomo che si voleva togliere la vita.

A Lourdes, come segno della verità del suo Messaggio, aveva guarito improvvisamente un bambino che era in punto di morte. Quindi da una parte un miracolo visibile, tangibile, dall'altra un miracolo spirituale, che non si poteva toccare nè vedere.

In un altro punto del Messaggio di Amsterdam dice, a proposito della Germania: "Qui c'è una grande, gravissima apostasia. Un lavoro molto difficile. Io vi avverto soltanto. Gli altri si danno molto da fare per allontanare il popolo tedesco da Roma (dalla vera dottrina cattolica). Mio Figlio vuole portare il suo particolare aiuto e mi ha mandata, per venire in soccorso alla Germania. Ma essi devono venir spronati a fare ciò che io dico" Un ulteriore accenno all'apparizione di Marienfried si può dedurre dal primo Messaggio di Amsterdam. La Vergine alza tre dita, poi quattro, poi cinque dita. E aggiunge allo stesso tempo: "Le tre dita indicano il mese di marzo, le quattro l'aprile, le cinque dita il maggio". Che cosa vuol dire questo?

Il 25 marzo 1945 incominciarono i Messaggi di Amsterdam. Il 25 aprile 1946 avvenne il primo Messaggio a Marienfried. Il 5 maggio 1945 finiva, in Olanda, la seconda guerra mondiale. La Vergine in tal modo vuol dire che, finita la guerra, il suo programma per la salvezza del mondo doveva essere portata avanti partendo dalla Germania, perchè tutti i popoli hanno diritto al suo Messaggio, mentre Lei è appunto la Signora di tutti gli uomini, di tutti i popoli. A Marienfried la Madonna disse che questo era "il suo Messaggio al mondo". "Io voglio che gli uomini lo accolgano esattamente come io l'ho dato, parola per parola" (25 giugno 1946).

Nel Messaggio di Amsterdam essa parla agli uomini di tutto il mondo, parla ai singoli paesi, ai singoli popoli. Essa dà degli avvertimenti, ma anche ammonizioni, consigli. Ella insegna una preghiera che va bene per tutti i popoli e tutte le razze, ed essa deve far venire sulla terra lo Spirito Santo. Ella insiste dicendo che Lei è anche Miriam, la Vergine, che è molto venerata anche dai Maomettani. Anche questi devono pregare Gesù e invocare la venuta dello Spirito Santo sulla terra.

A Marienfried, a differenza di Amsterdam, Maria parla solo ad un determinato gruppo di persone, la sua Elite, quelle, che in tutto il mondo stanno espiando per la salvezza e la salute di tutti gli uomini. Ella assicura loro tutti i mezzi migliori di aiuto, che ha a disposizione: il "Rosario dell'Immacolata e il suo Cuore". Queste sono cose, che può capire veramente soltanto uno che è legato profondamente alla Madre di Dio. I suoi figli devono essere contemporaneamente fondamento e terreno, su cui essa può piantare il piano di salvezza e di pace di suo Figlio. I suoi figlioli devono operare con atti di riparazione in unione con Lei e con suo Figlio il mutamento dei cuori degli uomini e dei popoli.

Che di fatto la Vergine e Madre, Maria, voglia questo, lo manifesta chiaramente ai suoi figli nel caso della veggente di Amsterdam. Questa, molte volte durante le apparizioni, dovette mettersi davanti alla Croce del Signore, e dovette provare i più atroci dolori del Salvatore crocifisso, tanto che quasi non li poteva sopportare. E questo durò finchè potè mettersi da una parte e la Madre di Dio prese di nuovo il suo posto davanti alla Croce. (dolori di riparazione con il Signore in Croce).

A Mariendried la veggente esperimentò la stessa cosa in un modo simile. Il Signore la introdusse intimamente nei suoi dolori di Redentore. Maria conferma così ciò che disse nel Messaggio di Marienfried: "Io caricherò i miei figli diletti di croci, pesanti e profonde come il mare, perchè Io li amo nel mio Figlio immolato. Vi prego: siate pronti a portare la croce, affinchè venga presto la pace" (25 giugno 1946).

Ad Amsterdam la Vergine mostrò il Rosario e disse: "Si deve ringraziare questo, ma perseverare". (Messaggio del 25 marzo 1945). Forse la Vergine vuole alludere al Rosario dell'Immacolata, che essa insegnò il 13 maggio 1940 a Marienfried? Essa pregò la veggente di recitarlo per la patria, indicandolo come il Rosario delle "abbondanti grazie". I due messaggi trovano una significativa integrazione in riferimento alla Mediazione di grazie di Maria. Ad Amsterdam la Signora disse: "Osserva bene le mie mani. Da esse provengono raggi di grazia, salvezza e pace" (6). I raggi illuminano tutti i popoli, tutte le pecorelle. A Marienfried la Vergine si presentò come la "grande Mediatrice di tutte le grazie". Gli uomini devono credere che lo, come "eterna Sposa dello Spirito Santo, sono la fedele Mediatrice di tutte le grazie" (25 giugno 1946). Con questi due messaggi che si completano vicendevolmente e che devono essere considerati nella loro interdipendenza come un tutto unico, la Vergine rivela le intenzioni dell'Eterno Padre, finora velate. Egli manda la "Signora", la Madre del Figlio, nel mondo perchè raccolga i figli dispersi e sconfigga Satana che è la causa dell'odio e della rovina. Dio le affida i tesori di quelle grazie che sono necessarie alla salute e alla salvezza degli uomini. Mediante lo scambio del cuore, lo Spirito Santo deve rigenerare Cristo nei di Lei figli. La Chiesa il Cristo mistico sarà così condotta alla perfezione. Ma poichè questo meraviglioso progetto non è capito dalla maggior parte degli uomini e da molti, perfino dai ministri della Chiesa, non è voluto, la situazione diventa assai pericolosa. Maria prega perciò insistentemente e dice: "E' tempo stringe" (Amsterdam). Il nemico lavora febbrilmente per tirare il mondo sotto il suo dominio. Egli vuole prevenire la Vergine con le di Lei schiere. Perciò esso fa di tutto perchè non vengano conosciuti i Messaggi di Amsterdam e di Marienfried. E in parte ci riesce. Ma quando il loro tempo, secondo il progetto di Dio, verrà, nessuna potenza demoniaca potrà più impedire la loro divulgazione.

Marienfried e "La rivelazione dell'Amore divino" (Il testo si trova sul sito in "libri")

La "Rivelazione dell'Amore divino" sono comunicazioni di Gesù e di Maria a Mamma Graf, della Svizzera (1906 1964). Esse mostrano gli sforzi che fa il Cielo per la salvezza del mondo.

A causa del peccato dei Progenitori venne la maledizione nel mondo sopra gli uomini. In luogo del paradiso si ebbe "l'ingrata terra", che produce triboli e spine, e richiede dagli uomini fatica e sudore per il loro sostentamento, cui si aggiunge alla fine la morte corporale. Dio però, quando cacciò i Progenitori dal Paradiso, promise che un giorno egli avrebbe ripristinato la situazione del Paradiso, e perciò ci mandò come "Salvatore" il Suo unico Figlio, per mezzo di Maria. Ma Egli non vuole compiere l'opera della Redenzione da solo, cioè senza la cooperazione dell'uomo, poichè la maledizione cadde sulla terra "per causa dell'uomo", e gli uomini devono cooperare, per porre fine al dominio del peccato. Per questo motivo Dio si sceglie degli uomini che sono totalmente disposti a fare la sua volontà, e diventano i suoi strumenti per l'esecuzione dei suoi consigli divini. Essi devono ristabilire l'amore tolto a Dio, e devono svergognare Satana, il nemico di Dio e degli uomini. Già nel Paradiso Dio dice al Serpente che ha ingannato Eva: "lo porrò inimicizia fra te e la Donna, fra la tua discendenza e la sua discendenza. Questa ti schiaccerà il capo". (Gen. 3, 15).

Tutto ciò si va sempre più realizzando, visibilmente però soltanto per coloro che hanno occhi per il soprannaturale e il divino, particolarmente visibile per coloro che sono chiamati a ristabilire sulla terra l'ordine andato perduto. Queste persone si sottomettono alla Vergine Maria, perchè è Lei, che è scelta, a stritolare con i suoi figli il capo del Serpente.

Nel Messaggio di Marienfried noi troviamo a proposito una parola molto chiara: "La vostra preghiera e i vostri sacrifici distruggeranno l'immagine di Satana. Allora mi potró manifestare a tutto il mondo, a onore dell'Onnipotente. Scegliete per voi il mio "Segno", perchè il Dio Uno e Trino venga pregato e onorato da tutti". Maria vuole dunque che noi tutti cooperiamo a ridare a Dio il Suo onore. Occorre perciò che noi uniformiamo e sottomettiamo completamente la nostra volontà al Volere di Dio, affinchè diventiamo nuovamente "Uno" con lo Spirito di Dio. E qui ritorna evidente e a proposito il pensiero dello scambio del cuore con Maria, che nell'unione con Cristo, che è un solo Dio col Padre e lo Spirito Santo, trova il suo perfezionamento.

Nella "Rivelazione dell'Amore divino", tutti questi pensieri trovano là loro eco. Essi danno un quadro chiaro e completo di tutta l'opera della Salvezza. Ci viene però anche rivelato che tutto ciò deve essere compiuto per mezzo di Maria, la Madre della nuova stirpe umana, e che perciò noi ci dobbiamo mettere a sua disposizione e consacrare a Lei. Così, come Satana tenta di allontanare da Dio tutti gli uomini e tirarli dalla sua parte, così Maria è la Donna scelta da Dio per portare a Lui tutti gli uomini. Maria è la preannunciata nemica di Satana. In questa grandiosa lotta ciò è evidente.

A conferma di tutto questo, Gesù disse a Mamma Graf le promettenti parole: "Io voglio togliere la maledizione del peccato da coloro che mi chiedono misericordia per mezzo di Maria e voglio donare loro la mia pace". Questo ci dice che dobbiamo offrire a Gesù un servizio di Amore, e questo lo facciamo consacrandoci completamente al servizio di Maria. Lei é chiamata a ricostruire l'Ordine andato perduto, perciò Essa prende al suo servizio delle persone, i suoi figli. E' quindi un "grande onore" per l'uomo essere al servizio di Maria, e nessuna fatica e nessun sacrificio devono essere troppo gravosi. E' però importante che noi sottoponiamo la nostra volontà alla sua, perchè è Lei la Condottiera e unica Vittoriosa secondo il Volere di Dio; i suoi figli eletti sono il suo esercito per il combattimento. Tutti questi pensieri si rispecchiano nel Messaggio di Marienfried, perchè esso è il messaggio della elezione dei figli di Maria per la battaglia finale. Si tratta quindi di una piccola schiera di intrepidi che rinunciano a tutti gli interessi terreni e sono totalmente dediti al servizio di Dio. Presso tutti gli altri uomini essa trova opposizione e rifiuto. E' un Messaggio diametralmente opposto allo spirito del mondo. E' però anche un messaggio che nasconde e allude alla vittoria finale con le parole: "La Stella dell'abisso s'infurierà sempre più ferocemente e farà sempre maggiori distruzioni, perchè sa che il suo tempo è breve, e perchè vede che ormai molte anime si sono schierate sotto il mio Segno. Su costoro la Stella non ha potere alcuno, anche se ne potrà uccidere molti Ma sono appunto queste vittime che accresceranno la mia potenza, e condurranno il piccolo resto degli eletti alla vittoria per Cristo".

Da tutto ciò nasce la seguente conclusione: ciò che Maria ci domanda nel Messaggio di Marienfried è quello che di più grande si può domandare, ma è anche una chiamata, una grazia gratuita da parte di Dio. Dio non compie nulla per la nostra salvezza senza Maria: Lei può realizzare tutto con la nostra cooperazione a gloria di Dio. Maria ha detto una volta, in piena coscienza, il suo "Sì" al progetto della Redenzione. Maria vuole che anche noi, suoi figli, le diciamo il nostro "sì" e ci mettiamo incondizionatamente al servizio di Dio. Ciò è necessario, perchè oggigiorno Satana ccmbatte apertamente, con ogni mezzo e in ogni campo, contro Dio e la salvezza degli uomini, in modo tale che molte persone si danneranno; perciò anche i figli di Dio devono decidersi e darsi con l'anima e col corpo al servizio di Dio. A questo ci chiama e richiama la Vincitrice di ogni battaglia, la nostra Madre Maria. A tutti i suoi figli fedeli Ella imprime il suo Segno sulla fronte. E' il suo sigillo, il suo segno della totale donazione a Dio, ma anche il segno della completa unione con Gesù e con Maria. Come Cristo si è totalmente sacrificato per la salvezza del genere umano, così anche i figli di Maria si offriranno, e in Cristo e con Cristo otterranno la vittoria sul peccato e sulla morte. Ciò avverrà tanto più quanto più forti e pericolosi saranno gli attacchi di Satana. Maria non cessa di preparare nuove schiere per la causa di Dio, suo Figlio. II genere umano si trova di fronte alla scelta più difficile, poichè si tratta della salvezza eterna. Dobbiamo scegliere: o cadere in avvenire sotto il dominio di Satana, o consacrare la nostra vita futura a Dio. II mondo diventerà nuovamente il paradiso di Dio e degli uomini, oppure Satana, come principe del mondo, vi pianterà il suo dominio per sempre?

Apparentemente, sembra che egli sia vicino al suo scopo, ma non gli riuscirà, perchè Maria raccoglierà le sue schiere per l'attacco decisivo. Alla fine il suo Cuore materno trionferà, perchè non ha mai cessato di compiere la volontà del Padre celeste.

 

Marienfried e l'Apocalisse

Chi conosce la misteriosa Apocalisse sa che essa è un libro oscuro, sigillato, molto difficile da capire e da interpretare. Tuttavia questo libro è stato il grande Libro per la consolazione della cristianità nel, corso dei secoli. Riguardo a Marienfried è sintomatico che il Messaggio del 25 aprile 1946 apparve ugualmente incomprensibile ed oscuro alla veggente. Essa non riuscì a capire il Messaggio datole dalla Madonna, nelle parole di esso v'è non il linguaggio della terra, ma il linguaggio dell'Apocalisse, che si manifesta in tutti i messaggi di Marienfried.

Il messaggio del 25 aprile rende comprensibile il combattimento che è descritto nell'Apocalisse al capitolo XII. Il tempo del suo compimento è vicino, e la Madonna viene per annunziarlo. Si mettono ora qui successivamente i testi più importanti dell'Apocalisse, che sono in relazione ai messaggi di Marienfried. Le parole dette a Marienfried sono messe in rapporto con questi testi: non pare necessario commentarli, poichè il tutto è detto in un linguaggio molto chiaro e comprensibile.

"Un gran Segno apparve nel Cielo:una Donna maestosa vestita di sole". (Apoc. 12, I). Marienfried: "Io sono il Segno del Dio vivente. Io imprimo il mio Segno sulla fronte dei miei figlioli". (25 aprile 1946)

"Figlia vestita di sole" (25 giugno 1946). "E un altro segno apparve nel Cielo: un gran dragone rosso di fuoco (figura del demonio), che aveva sette teste e dieci corna, e sulle sue teste sette corone, e la sua coda fece cadere un terzo delle stelle del Cielo e le riversò sulla terra. E il dragone si rizzò davanti alla Donna che stava per partorire, per divorare il suo bambino appena essa avesse partorito" (Apoc. 12, 3 4).

Marienfried: "La Stella perseguiterà il mio Segno, ma il mio Segno vincerà la Stella" (25 aprile 1946).

"La Stella dell'Abisso" (25 maggio 1946). "Ed essa partorì un bambino, che regnerà con scettro regale sopra tutti i popoli (il Messia). E il figliolo di Lei fu rapito verso Dio e il Suo trono" (Apoc. 12, 5).

Marienfried: "Esaudite la mia preghiera, affinchè Cristo possa presto regnare come Re della pace" (25 maggio 1946).

"Poi Cristo regnerà su tutti i popoli come Re di pace" (25 maggio 1946).

"Io voglio che ancor molti, come vittime, a me offerte, mi diano il potere di creare il Regno del Re di pace" (25 giugno 1946). "Poi ci fu una terribile lotta in Cielo: Michele e gli angeli suoi combatterono contro il Dragone,e il Dragone e i suoi angeli combatterono, ma non vinsero, e in cielo non ci fu più posto per loro. E il Dragone fu precipitato, chiamato Satana e il Nemico, che inganna tutta la terra, e fu precipitato sulla terra, e con lui furono precipitati anche i suoi angeli" (Apoc. 12, 7 9).

"Ma guai alla terra e al mare, perchè il demonio è caduto sopra di voi con ira potente, sapendo di avere solo poco tempo" (Apoc. 12, 12). Marienfried: "La Stella dell'Abisso si infurierà sempre più ferocemente e farà sempre maggiori distruzioni, perchè sa che il suo tempo è breve, e perchè vede che ormai molte anime si sono schierate sotto il mio Segno" (25 maggio 1946).

"E dopo che il dragone vide che era precipitato sulla terra, egli perseguitò la Donna che aveva partorito il bambino" (Apoc. 12, 13). Marienfried: "La Stella perseguiterà il mio Segno" (25 aprile 1946).

"Su costoro (i miei figli) la Stella non ha potere alcuno, anche se ne potrà uccidere molt".

"Là dove non si avrà fiducia nel mio Cuore Immacolato, il demonio potrà dominare. Ma là, dove gli uomini metteranno il mio Cuore Immacolato al posto del loro cuore macchiato dal peccato, egli non avrà alcun potere. Tuttavia egli perseguiterà i miei figlioli diletti: essi saranno disprezzati, ma egli non potrà far loro alcun male" (25 maggio 1946).

"Allora il serpente soffiò acqua dalla sua bocca dietro la Donna come un torrente, per farla annegare, ma la terra venne in aiuto alla Donna, essa aprì la sua bocca e inghiottì il torrente, che il Dragone aveva fatto uscire dalla sua bocca" (Apoc. 12, 15 16).

Marienfried: "Io devo ritirarmi con i miei figli. lo compirò miracoli nel segreto delle anime, finchè il numero delle vittime sarà completo. Dipende da voi abbreviare i giorni delle tenebre. Le vostre preghiere e i vostri sacrifici distruggeranno l'immagine della Bestia" (25 giugno 1946).

"Allora il Dragone si infuriò contro la donna e si mosse per far guerra contro i rimanenti figli, che osservano i Comandamenti di Dio e testimoniano coraggiosamente Gesù" (Apoc. 12, 17). Marienfried: "Su costoro la Stella non ha potere alcuno, anche se ne potrà uccidere molti. Ma sono appunto queste vittime a me offerte che accresceranno la mia potenza, e condurranno il piccolo resto degli eletti alla vittoria per Cristo. Alcuni hanno già accettato di lasciarsi imprimere il mio Segno e aumenteranno continuamente. A voi lo voglio dire, miei figlioli diletti: non dimenticate che proprio nei giorni più sanguinosi questa Croce è una grazia, e ringraziate sempre il Padre per questa grazia" (25 maggio 1946).

"E' necessario che gli apostoli ed i sacerdoti si consacrino particolarmente a Me, affinchè i grandi sacrifici, che l'Imperscrutabile vuole appunto da loro, posti nelle mie mani, aumentino in santità e valore". (25 giugno 1946).

"Ed io udii una voce potente dal tempio, che diceva ai sette angeli: "Andate e versate le sette coppe dell'ira di Dio sulla terra" (Apoc. 16, I). Marienfried: "Per questo motivo il Padre riversa la coppa della sua collera sui popoli, perchè essi hanno rifiutato suo Figlio" (25 maggio 1946).

"Ed essi combatteranno l'Agnello; ma l'Agnello sarà vittorioso su di loro: perchè Egli è il Signore dei Signori e il Re dei Re, e coloro che appartengono a LUI, i Chiamati, gli Eletti e i Fedeli" (trionferanno). (Apoc. 17, 14).

Marienfried: "Il mio Segno però vincerà la Stella" (25 aprile 1946).

"Ma sono appunto queste vittime a me offerte che accresceranno la mia potenza, e condurranno il piccolo resto degli eletti alla vittoria per Cristo" (25 maggio 1946).

"E vidi l'Agnello ritto sul monte Sion e con LUI centoquarantaquattromila persone (la Società dei Santi) che avevano scritto sulle loro fronti il suo nome e il nome del Padre suo".

E udii una voce dal Cielo come un fragore di molte acque e come un rimbombo di forte tuono (di cori degli angeli); e la voce che udii era come di suonatori che cantano sulla loro cetra. Essi cantavano un "nuovo cantico" davanti al trono e davanti ai quattro Viventi e ai vegliardi; e nessuno poteva comprendere e imparare quel canto se non quei centoquarantaquattromila, i riscattati della terra" (Apoc. 14, 13).

Marienfried: "Appena la Madonna ebbe finito di parlare, subito le si fece intorno una sterminata schiera di Angeli. Essi indossavano vesti lunghe e bianche, si inginocchiarono a terra e si inchinarono profondamente. Recìtarono una preghiera speciale, una "preghiera di lode al Padre". In principio fu espressa con un "cantico nuovo": Poi una parte delle figure fece un'altra preghiera al Padre. Un'altra parte di esse ripetè ogni versetto come un'eco. Poi di nuovo un altro gruppo, ed erano moltissimi, cantarono: "Santo, santo, santo... ". Poi seguì allo stesso modo un canto di lode al Figlio. Dapprima una meravigliosa preghiera da parte delle bianche figure, che pure cominciava: "Un canto nuovo... ". Seguì un'altra preghiera, che fu recitata allo stesso modo come quella in onore al Padre. Seguì poi allo stesso modo un inno di lode allo Spirito Santo" (25 giugno 1946).

Nell'apocalisse noi troviamo la descrizione del tempo dell'Anticristo. Di lui si dice: "Esso opera segni grandissimi, sino a far scendere fuoco dal cielo sulla terra, davanti agli occhi della gente. Egli ingannerà gli abitanti della terra con dei segni che gli è concesso di operare dinnanzi alla Bestia (per suo ordine)"' (Apoc. 13, 13 14).

A Marienfried la Madonna ci ha parlato con un linguaggio apocalittico, poichè Ella vuole mostrarci i "segni dei tempi", come Cristo stesso ci ha insegnato. "Quando voi vedrete accadere queste cose, sappiate che il tempo è vicino" (Marco, 1329).

E' significativo il fatto che Lei non abbia operato un miracolo visibile nè a Marienfried nè ad Amsterdam, come prova dell'autenticità del suo messaggio. Essa operò solo miracoli "visibili", poichè il nemico, l'avversario, sta alla porta, ed egli cerca di trarre in inganno anche i figli diletti di Maria con segni e prodigi. Per questo Ella disse: "Io voglio agire in segreto come la grande Mediatrice di grazie". La Madonna vuole avvertirci, per evitare che noi ci facciamo trascinare e sedurre dai segni e prodigi dei falsi profeti. Alla fine dei tempi l'Anticristo avrà il potere di dare molti segni e di fare miracoli, per trarre in errore perfino gli eletti (Marco, 13, 2223). A Marienfried la Madonna ci dà degli avvertimenti, in perfetta armonia con le parole di suo Figlio: "Ci troviamo di fronte a un tempo in cui tutti coloro che credono solo ai segni esteriori saranno ingannati" (25 giugno 1946).

Noi dobbiamo orientarci soltanto secondo il Vangelo, lasciar da parte la ricerca dei miracoli, cercando di fare la volontà di Dio con tutta umiltà, nello spirito di Maria.

 

LO SVILUPPO DI MARIENFRIED

Costruzione e consacrazione della cappella

All'inizio del 1946 si cominciò a preparare il progetto e il preventivo per la costruzione della cappella, in esecuzione al voto fatto. Trovato il posto adatto, si trattava di ottenere l'approvazione del progetto da parte della Chiesa e dello Stato, che si ottennero senza difficoltà. Il terreno per la costruzione fu dato gratuitamente dal proprietario, signor Giuseppe Inhofer. Più tardi cedette, con un contratto di vendita, i suoi 3000 mq di bosco, situato ai due lati della cappella, alla fondazione ecclesiastica di Pfaffenhofen. Si aggiunse a questo, nel 1965, un prato della grandezza di due giornate lavorative a oriente della cappella, che fu regalato dalle sorelle Lore e Giuseppina Spiegler di Pfaffenhofen.

Numerosi furono i parrocchiani e le persone che aiutarono con offerte materiali e prestazioni di lavoro per la costruzioni della cappella. Così si volle sciogliere il voto fatto alla Madonna nei difficili tempi della guerra, nel 1944. La comunità di Pfaffenhofen visse gli anni di guerra senza subire gravi danni.

Meditando le parole della Madonna, si puó dedurre che le cose sarebbero andate ben diversamente senza un suo speciale intervento. Infatti essa disse a Barbara: "Io ho esaudito il vostro desiderio; voi ora mantenete la vostra promessa!"

Ora tutta la parrocchia era pronta e piena di entusiasmo per costruire una bella cappella, degna della SS. Vergine. Il posto scelto al margine del bosco era veramente adatto, e i lavori procedevano bene. Tutte le pietre per la costruzione furono prese dalle rovine della casa del Sindaco di Ulma, dr. Nuiss. Il denaro necessario provenne da offerte. Il capomastro Giuseppe Eberhardinger fece i progetti e diresse i lavori. Il direttore Voilert di Augusta contribuì decisamente ad elaborare i piani.

Il parroco Don Martino Humpf voleva in un primo tempo mettere nella cappella una statua della Madonna. Ma quando l'apparizione disse, il 25 giugno, che bisognava prendere l'immagine della "Madonna tre volte ammirabile", egli si sottomise a questo desiderio. Fece eseguire dal Prof. Otto Riàckert, direttore dell'Accademia delle belle arti di Monaco, un gran dipinto, che trovò posto nel coro sopra l'altare. E' una bellissima Madonna col Bambino Gesù, che parlava al cuore dei devoti. L'anno 1971 la pala fu tolta dalla cappella, perchè il gruppo di Schónstatt trasformò la cappella in una "cappella di Schónstatt" rispondente al Santuario originale di Schónstatt. Finita la chiesa di emergenza, nel 1972, per desiderio dei pellegrini di Marienfried il quadro assieme all'altare di Marienfried ritornò nel vano della Chiesa. Purtroppo nell'incendio della chiesa di legno, il 3 agosto 1973, essa si bruciò. Il pittore Alfredo Schmid tentò di restaurare l'Immagine miracolosa, ma non riuscì del tutto conforme al quadro originale, per cui si pensò di far fare in seguito un'immagine più bella.

Sulla parte anteriore dell'altare si mise questa iscrizione:

"Descendat Maria ut fiat Germania sancta Mariana"

"Scendi, Maria sulla terra, affinchè la Germania diventi una terra consacrata a Te".

Sul rialzo destinato ai candelieri, che sta sull'altare, sono scritte le parole:

"Io sono la grande Mediatrice di tutte le grazie". A sinistra e a destra del tabernacolo ci sono dei bassorilievi raffiguranti angeli che arricchiscono il tabernacolo. Lo scultore Siegfried Fricker di Jestetten eseguì il tabernacolo con rivestimento di bronzo. Le figure del tabernacolo rappresentano la Madonna come Mediatrice di grazie, che conduce i suoi figli diletti al sacrificio della Croce di suo Figlio. Questa raffigurazione si adatta molto bene alla cappella della "Madre ammirabile" e Mediatrice di tutte le grazie.

La Ditta Zettler di Monaco creò le bellissime vetrate a colori con la meravigliosa simbologia raffigurante la relazione fra la vita di Gesù e di Maria. Queste otto finestre di stile barocco lasciano entrare molta luce e danno all'interno della cappella un carattere particolarmente intimo, creano un'atmosfera familiare, come si fosse nella bella stanzetta della Madonna. Dalla grande pala d'altare i suoi occhi salutano chi entra a trovarla con dolcezza e serietà. Si ha l'impressione che i suoi occhi materni scrutino nel più intimo dell'anima in qualsiasi posto uno sia, nella corsia centrale o in ginocchio in un banco.

Il primo paio di finestre porta l'iscrizione: "Tu Rex g!oriae Christe!" Tu Cristo, Re della gloria.

"Regina coeli!" Regina del Cielo. Il secondo paio di finestre: "Hostia sancta, hostia immacolata". Ostia santa e immacolata.

"Consors et spossa Cristi!" Coadiutrice e Sposa di Cristo.

Il terzo paio di finestre:

"Mediatrix omnium gratiarum". Mediatrice di tutte le grazie.

"Rosa mystica". Rosa mistica.

La cappella può dirsi ben riuscita: essa ha un fascino perfettamente mariano. Il 18 maggio 1947 la cappella potè "essere benedetta, con una cerimonia solenne, dal Decano Sac. Edoardo Schmid di Weissenhorn. A questa cerimonia presero parte molte persone venute dalle vicinanze e anche da lontano.

Nel 1971 fu ingrandito il vano dei coro, secondo il primitivo Santuario di Schónstatt. Il nuovo altare di Schónstatt venne inaugurato il 31 maggio 1971 dal Presidente diocesano della "Famiglia Schónstatt", dott.Adalberto Vogel. L'altare originale fu portato nella Chiesetta che, purtroppo, bruciò nell'incendio del 1973.

 

L'inchiesta ecclesiastica

Dopo le apparizioni dell'anno 1946, il parroco del luogo, don Martino Humpf, fece una relazione scritta degli avvenimenti e la trasmise all'Ordinariato di Augusta il Vescovo dapprima si mantenne in riserbo. Formò comunque subito una Commissione che, sotto la direzione del Dott. Kumpfmiiller (morto il 9 febbraio 1949), e poi sotto il suo successore, Dott. Freundorfer, incominciò l'inchiesta dal 1947 al 1950.

La Commissione concluse che assolutamente sia nei Messaggi, sia nelle circostanze ad essi connesse, non si trovava alcunchè di contrario alla fede cattolica. Si sa che come criterio sulla autenticità si richiede un miracolo, per esempio un'improvvisa guarigione da una malattia che non si potesse affatto spiegare naturalmente. Ma poichè non c'erano miracoli visibilmente evidenti, non si poteva riconoscervi un'origine soprannaturale. In conclusione la Commissione inquirente concluse che un'apparizione della Madonna non si poteva riconoscere, e nemmeno la si poteva divulgare.

Finita perciò l'inchiesta con la conclusione che abbiamo visto, fu proibito al parroco del luogo (Don M. Humpf) di parlare delle apparizioni nelle prediche o di divulgare messaggi o diffondere notizie in materia. Nella cappella si poteva andare a pregare come prima: essa restava aperta giorno e notte per i visitatori.

Nel foglio diocesano di Augusta non apparve alcuna proibizione ufficiale. Così il Messaggio di Marienfried passa per il pubblico e per la Chiesa come non fosse nè riconosciuto nè negato, quindi ognuno ha il diritto di crederci.

 

Marienfried nella prova

Per la gente di Pfaffenhofen, che era molto legata alle apparizioni, la proibizione di parlare, imposta al parroco, fu una prova assai dura. Ciò che la Madonna aveva detto alla veggente si verificò molto presto: "Verrà un tempo in cui tu ti troverai tutta sola e sarai terribilmente calunniata, poichè il demonio sa accecare gli uomini in modo tale che anche i migliori si faranno ingannare".

Tutto questo si avverò alla lettera, sia nei riguardi della veggente, che di quelli che ne ebbero qualche parte. In questa grave prova essi si sottomisero al decreto vescovile, tenendo un contegno altamente rispettoso verso la Chiesa. Che la prova sia stata superata bene da parte di coloro che furono coinvolti con le apparizioni e i Messaggi, ne dà testimonianza il fatto che il parroco don Humpf non fu rimosso da Pfaffenhofen per castigo, nè fu richiamato all'ordine. E sarebbe senz'altro successo se egli non avesse obbedito al suo Vescovo.

Delle apparizioni non si parlò in pubblico. Tuttavia c'erano sempre delle persone che pregavano in silenzio sul luogo dell'apparizione. La cappella era a disposizione di tutti coloro che ci venivano a pregare da vicino o da lontano. A Pfaffenhofen il "gruppo di Schónstatt" teneva regolarmente le sue riunioni e celebrazioni solenni nella cappella, e così pure le solite funzioni. La vita religiosa prese a fiorire sempre di più nella parrocchia di Pfaffenhofen. Non si poteva quindi negare che una benedizione tutta speciale irradiasse sulla parrocchia di Pfaffenhofen. Durante i 20 anni dai fatti delle apparizioni ci furono almeno 20 vocazioni sacerdotali o religiose nate in quella parrocchia. Alcuni di questi chiamati dichiararono di aver sentito la chiamata al servizio di Dio nella cappella di Marienfried.

Tutti questi fatti confortanti non servirono comunque ad ottenere dalle aurorità ecclesiastiche di Augusta una nuova inchiesta, affinchè il fatto delle apparizioni venisse nuovamente esaminato. Il parroco volle lasciare tutto in mano alla Madonna, perchè aveva piena fiducia che Lei avrebbe condotto tutto a buon fine, se lui si manteneva fedele ed ossequiente alla Chiesa. Egli pensava che non avrebbe potuto far nulla di meglio per il bene della Causa.

 

Marienfried si sviluppa e diventa un luogo di preghiera

Il lunedì di Pentecoste, il 20 maggio 1966 vennero molti pellegrini da vicino e da lontano per celebrare il ventesimo anniversario della cappella e quello del Messaggio di Marienfried. L'anno giubilare 197071 l'afflusso dei pellegrini fu molto grande. La cappella era sempre troppo piccola per accoglierli tutti, così maturò l'idea di costruire una ChiesaSantuario. Essa potè essere consacrata il 23 luglio 1972 dal Vescovo Ausiliare di Augusta, Monsignor Schmid. In quell'anno aumentò ancor di più il numero dei pellegrini a Marienfried. La maggior parte di essi veniva da lontano, perfino dall'estero, dall'Austria e dalla Svizzera. Si dovette provvedere a un parcheggio per i pullman che, specialmente la domenica, vi portavano numerosi pellegrini. Talvolta venivano anche dei sacerdoti con loro; e poichè il Messaggio di Marienfried era in sintonia con i fatti di Schónstatt, Fatima, Lourdes e il pensiero di S. Lodovico Maria Grignion di Monfort, non mancavano ai predicatori i punti di aggancio per i loro discorsi.

Una particolare forza di attrazione proveniva da Marienfried sui membri dei grandi movimenti mariani, dai movimento mariano di Schónstatt, all'Armata Azzurra di Maria, alla Legione di Maria e all'Opera Angelica (Opus Angelorum). Tutte le restrizioni da parte delle autorità ecclesiastiche dell'Ordinariato Vescovile di Augusta furono sospese dal 1966. Da questa data si possono celebrare S. Messe nella cappella e conservare il SS. Sacramento (13 settembre 1966). Si ottenne pure il permesso ecclesiastico per la stampa del Rosario dell'Immacolata e dell'Inno alla SS. Trinità (27 ottobre 1966), e per il Messaggio di Marienfried, il 14 febbraio 1969, nella pubblicazione del signor Giuseppe Kùnzli: "Io sono il Segno" ("Ich bin das Zeichen"). Questo libretto ha ottenuto l'autorizzazione ecclesiastica di stampa, però non si dice nulla circa il carattere soprannaturale del Messaggio, tuttavia se ne riconosce la consonanza con la Verità della Fede cattolica.

Nonostante molte difficoltà ed ostacoli Marienfried diventa di anno in anno più importante. Dopo l'incendio della Chiesetta dell'anno 1973 fu proposto di costruirne una nuova. Essa fu finita nel 1974 e solennemente benedetta dal Vescovo, Mons. Stimpfle di Augusta il 5 ottobre 1974, assieme con la "Casa Marienfried", la casa per i sacerdoti, che ha camere per gli ospiti e sale per riunioni. La solenne cerimonia si svolse davanti a un numeroso popolo e pellegrini provenienti da ogni parte. Le spese vennero coperte con offerte, perchè da parte ecclesiastica non si potevano ricevere sovvenzioni. L'abbondanza delle offerte dimostra che i pellegrini sono disposti. a dare molto per Marienfried. Benchè durante tutto l'anno arrivino privatamente molti devoti da località vicine e lontane, per pregare nella cappella di Marienfried, tuttavia si innalzano come fari gli "Stellati Pellegrinaggi" dell'Armata Azzurra di Maria" (Apostolato di Fatima) fra la marea di pellegrini.

Nel 1974, per la prima volta, un Vescovo prese parte al "pellegrinaggio stellato" a Marienfried, e precisamente il maggiore rappresentante del Movimento Fatima, il Vescovo Venancio Pereira di Fatima, in Portogallo. Nel suo discorso di saluto egli disse: "che da tempo desiderava venire a Marienfried, perchè Marienfried e Fatima sono strettamente uniti fra di loro. A Fatima il luogo dell'apparizione si chiama "Cova da Iria", Valle di pace, e Marienfried vuol dire "Pace di Maria". Ambedue i luoghi hanno da Dio la speciale missione di portare al mondo, alla Chiesa, alle persone, all'umanità; la tanto desiderata pace".

Durante la principale e grande celebrazione tenuta all'aperto, dato l'eccezionale numero di pellegrini, egli parlò con convinzione e con chiarezza della "Devozione al Cuore Immacolato di Maria e del significato della consacrazione a Maria". Nel pomeriggio parlò davanti ad una folla di circa 6000 persone il Priore Tommaso Niggl di Weltenburg sul Messaggio di Marienfried. Le sue parole piene di convinzione provenivano dal cuore e quindi trovarono tanta accoglienza, gioia e riconoscenza nell'animo dei numerosi pellegrini. Questo pellegrinaggio fu per tutti i partecipanti un grande avvenimento e segnò una punta mai raggiunta prima per Marienfried. Tutti compresero allora che Marienfried e Fatima avevano fra di loro stretti rapporti. L'anno seguente, nel 1975, il Vescovo di Fatima non potè fare a meno di unirsi di nuovo al pellegrinaggio dell'Armata Azzurra a Marienfried, perchè in quell'occasione intendeva presiedere alla benedizione della Gretta di Fatima, che fu costruita a Marienfried come segno dello stretto rapporto che lo lega a Fatima.

La statua di Maria giunse direttamente da Fatima, e fu donata dai membri dell'Armata Azzurra. Il Vescovo di Fatima consacrò solennemente la grotta e incoronò la statua della Madonna.

In segno di venerazione e fedeltà fu pubblicamente e solennemente rinnovata la consacrazione alla Vergine Maria. Una folla di pellegrini, mai fino allora raggiunta a Marienfried, circa 10.000, prese parte a questa grande giornata di preghiera e di riparazione dell'Armata Azzurra di Maria. Il Vescovo di Fatima ne raccolse il significato con le parole: "Il Santuario di Marienfried significa per me una sintesi della devozione di Maria del nostro tempo. Esso appartiene ai più importanti Santuari mariani della Chiesa cattolica, dove la Madonna viene venerata in forme così molteplici".

Il 25 luglio 1976 il pellegrinaggio dell'Armata Azzurra di Maria raggiunse la cifra di 12.000. Il pontificale solenne con il discorso fu celebrato dal Dott. Mons. Rodolfo Graber, Vescovo di Ratisbona. Le sue parole trovarono in tutti i pellegrini un'eco potente, perchè esse rilevarono la serietà dell'ora, e mostrarono che nel Messaggio di Marienfried era stato offerto a tutti noi protezione ed aiuto per l'apocalittico contrasto che divide tanti spiriti. Data l'importanza del discorso del Vescovo Monsignor Graber, esso viene riportato integralmente alla fine del libro.

Quanto più infuria la lotta spirituale contro la potenza delle tenebre dentro e fuori della Chiesa, tanto maggiore importanza assume il Messaggio di Marienfried. Esso è un baluardo contro le potenze sataniche, e diventa decisivo per ottenere la vittoria per Cristo. E questo però non a parole, ma con azioni e precisamente da parte di coloro che si sono totalmente consacrati a Maria, per realizzare il Regno di Cristo, il Principe della Pace. Le generazioni future lo riconosceranno con gratitudine, concedendo a Marienfried quel posto che Dio gli ha destinato nel piano della Salvezza. Noi però siamo chiamati a vivere il Messaggio e a testimoniare l'azione di grazie da parte di Maria, mentre con Maria siamo "Segni di Dio".

 

Il furto sacrilego nel Santuario di Marienfrien

Dove la Madonna si manifesta e prende una particolare posizione, intervengono presto o tardi anche le forze diaboliche. La profezia del Protoevangelo: "Ella ti schiaccerà il capo e tu tenterai di mordere al suo tallone", si rinnova continuamente nella storia della Chiesa e nella vita dei santi.

Questo si è rivelato fin dal principio a Marienfried: lotta, anzi denigrazione ed ostilità. Le potenze oscure e diaboliche divennero sempre più palpabili ed evidenti.

Dal 24 ottobre 1966, festa dell'Arcangelo S. Raffaele, il Dio Eucaristico Re è continuamente presente nella cappella, con l'autorizzazione del Vescovo. La Madre e il Figlio, Maria e Gesù sono uniti. Una vera devozione alla Madonna conduce necessariamente ad una vera e profonda unione, anzi intimità con Cristo.

Il 4 giugno 1970, la vigilia della Festa del Sacro Cuore di Gesù, mani sacrileghe hanno profanato e devastato il Santuario di Marienfried. Fra le 15 e le 16 fu strappato e portato via il tabernacolo con il santissimo (il Ciborio contenente circa 200 Ostie, la custodia con la grande Ostia per l'Ostensorio), con una violenza brutale e feroce. In questa settimana la cappella era particolarmente bella a motivo del Patrocinio del 31 maggio: essa era adorna di gigli e di rose. Dopo l'irruzione la cappella presentava l'immagine della devastazione: i vasi di fiori rovesciati, i fiori calpestati. Un grosso bellissimo cero con l'immagine della "Patrona Bavariae" (Patrona della Baviera) fu ridotta in tre pezzi, la grossa candela ornamentale al centro e i candelieri dell'altare rovesciati ed ammaccati. Alla statua di S. Giuseppe erano state tagliate tutte le dita della mano sinistra, con cui egli teneva Gesù Bambino con un gesto di protezione. Nel libro dei pellegrini era stato strappato un foglio su cui un pellegrino aveva scritto le sue petizioni, e messo per parodia dove prima stava il tabernacolo. Nell'armadietto, forzato e rotto, sotto lo scrittoio, tutto era stato rovesciato; la patena della comunione piegata in due, l'incenso sparso per terra. La lampada del Santuario era stata spenta dai profanatori della cappella nella piena consapevolezza del loro sacrilegio. Da tutte le circostanze si deduce che in questo caso si tratta di un attacco al Cuore della cappella, il Tabernacolo, la presenza di Cristo eucaristico, e di una voluta profanazione e disprezzo del sentimento religioso. Qui viene in mente una parola della Sacra Scrittura: "Quando vedrete nel Santuario l'abbominio della desolazione..." (Matteo, 23). La cappella fu rimessa in ordine dopo l'inchiesta della polizia, fatta fra il 4 e il 5 giugno. Questa violenza al carattere religioso della cappella ha profondamente offeso il sentimento religioso di tutti gli amici della cappella.

Il sabato fu celebrata la prima S. Messa in riparazione. In seguito, tutti coloro che desideravano riparare l'ingiuria ed offesa a Dio, sia quelli della parrocchia, sia quelli fra i pellegrini, si sono sforzati con sacre funzioni e preghiere riparatrici ed espiatorie di riparare al grande sacrilegio. L'attacco sacrilego contro la cappella di Marienfried ebbe come risposta un più grande amore e maggior fedeltà a Gesù ed a Maria.

Il 25 giugno 1970, ventiquattresimo anniversario dell'ultima apparizione, fu arrestato il primo criminale, e poco dopo gli altri tre. Il fatto che proprio il 25 giugno (data dell'ultima apparizione) fosse catturata la banda dei criminali, e che proprio in questo giorno si fosse deciso di contrapporre al criminoso attacco del Demonio un'amorosa ed impegnativa offerta di amore e riparazione, è sicuramente dovuto ad uno speciale piano della Divina Provvidenza.

Il 25 giugno venne spontaneamente un sacerdote dell'Opera angelica, Padre Michele Prader da Scheffau, Tirolo, per celebrare nella cappella di Marienfried una S. Messa riparatrice. Io pure venni con lo stesso scopo in quel giorno a Marienfried, e fui così testimonio di commoventi preghiere riparatrici in ore notturne, protratte fino a mezzanotte. Si associarono a noi, senza preavviso alcuno, circa una cinquantina di pellegrini della regione di Memmingen, e un certo numero di persone della parrocchia di Pfaffenhofen e dintorni. Durante questa sacra funzione essi rivolsero a Gesù ed a Maria la supplica e la fervente preghiera seguente:

1) Come risposta contro il sacrilegio e alla profanazione del Santuario e l'attacco contro la Presenza reale di Cristo nel Sacramento dell'Eucarestia e per Suo amore, noi preghiamo il Vescovo di stabilire qui un luogo dell'Adorazione riparatrice, le cui Suore (adoratrici) curino questo sacro luogo, e con l'adorazione perpetua e la riparazione effettuino ciò che la Madonna aveva espresso come suo desiderio il 25 giugno 1946: "Ora è assolutamente necessario offrire all'Eterno gloria e riparazione".

2) E' necessario che tutti si sentano chiamati, in seguito a questo avvenimento, a contrapporre alla superficialità, alla mancanza di rispetto a Dio e alla mancanza di preghiera del nostro tempo, insurrezione cioè della vita interiore, l'adorazione al Santissimo e la cosciente vita di preghiera.

In compenso tutti devono cercare di offrire, con più elevato amore, riparazione e timor di Dio. La Congregazione di Schónstatt di Pfaffenhofen, la sera del 17 di ogni mese, terrà regolarmente, dalle 19 alle 21, due ore di adorazione, e il giorno 18, dalle ore 13 alle 16. Ognuno cerchi di assistere alla S. Messa, anche nei giorni feriali, con tutto il cuore in vero spirito di sacrificio, di amore e di donazione totale, modellando la sua vita su quella di Gesù e di Maria.

Nel Messaggio del 25 giugno 1946 si legge: "E' necessario che i miei figli lodino, glorifichino e ringrazino di più l'Eterno. Egli li ha creati proprio per questo, per la sua Gloria".

3) Il sacerdote dell'Opera angelica, d'accordo con il parroco del luogo, ha consacrato il Santuario di Marienfried e i dintorni ai santi Angeli, durante la S. Messa di riparazione alle ore 23. Essi devono proteggere il Santuario della loro Regina, vegliare sul loro Re sotto le specie del Pane, provvedere ai suo onore e alla sua glorificazione. Anche nella preghiera di lode del 25 giugno 1946 ascoltiamo l'invocazione: "A Te sia lode, onore e riparazione".

Tutti devono conoscere questo desiderio degli Angeli a Marienfried, e continuarlo nelle loro case.

Come particolare atto di amore, i partecipanti alla S. Messa di riparazione chiesero la conversione dei profanatori. "Come il ladrone crocifisso, possano essi ottenere la grazia della conversione, il miracolo interiore di un mutamento della loro anima!"

Tutti gli amici di Marienfried possono unirsi a pregare e a riparare per questa intenzione, affinchè possano essere accolte le giuste proposte per lo sviluppo di Marienfried.

Questo fatto si presenta come un segnale di risveglio per tutti: pare che ora si sia spalancata una porta alla missione di Marienfried secondo il Volere di Dio.

 

Preghiera di consacrazione

Ecco la preghiera recitata il 25 giugno 1970, durante la S. Messa di riparazione, dal sacerdote dell'Opera angelica:

"ETERNO PADRE, glorifica la tua Figlia Immacolata e manifesta lo splendore della Corona che essa ha ricevuto da Te.

SIGNORE GESU' CRISTO, Agnello immolato, Sommo Sacerdote del mondo, glorifica la tua Madre Immacolata e manifesta lo splendore della Corona che essa ha ricevuto da Te.

SPIRITO SANTO, glorifica la tua Sposa Immacolata e manifesta lo splendore della Corona che essa ha ricevuto da Te.

Il suo Cuore Immacolato sia il nostro calice nei quale noi mettiamo la nostra risposta, che Tu oggi aspettavi da noi, per l'orribile sacrilegio, che fu compiuto la vigilia della Festa del Sacratissimo Cuore di Gesù. Noi comprendiamo perchè questo delitto avvenne qui. La Mediatrice di tutte le grazie prende tutto dal CUORE di DIO, nel Sacrificio santo, che noi ogni giorno, migliaia di volte, possiamo presentare alla Santa Chiesa. Gli altari delle nostre Chiese sono la mensa sotto la Croce. Il santo Sacrificio è la rinnovazione attuale del Sacrificio della Croce. Il sacrosanto Corpo e il preziosissimo Sangue sono il frutto della Croce, che in ogni Consacrazione si rinnova sui nostri altari come Pane di vita, per tutti gli uomini e per tutti i popoli. Qui la Mediatrice di grazie ottiene sempre di nuovo tutto ciò che osa chiedere. Per questo fu qui profanato il Santissimo, per questo dovette sparire dalla cappella votiva.

O Mediatrice di tutte le grazie, per il tuo Cuore Immacolato permetti che noi possiamo finalmente dare la nostra risposta al PADRE e al FIGLIO e allo SPIRITO SANTO: noi chiediamo e preghiamo con Te, per ottenere la grazia che gli autori sacrileghi, come un giorno il ladrone, ottengano la grazia della conversione.

Noi chiediamo al Vescovo di creare qui un luogo di riparazione e di adorazione, e le suore adoratrici abbiano cura di questo luogo santo e con l'adorazione perpetua realizzino quello che Tu, o Madre di tutte le grazie, hai chiesto.

Noi consacriamo questo luogo santo della Grande Mediatrice di tutte le grazie agli Angeli Santi, perchè essi lo proteggano come loro tempio, e custodiscano il loro Re nella umiliazione del Pane e Lo glorifichino.

Tu, gloriosa Madre e Regina, accogli questa preghiera e presentala al PADRE, per il nostro SIGNORE GESU' CRISTO, tuo Figlio, nell'unità dello SPIRITO SANTO, per la sua gloria, secondo la sua volontà e nel suo Amore!

E così io consacro questa cappella e i suoi dintorni ai Santi Angeli, in forza del mio potere sacerdotale e in accordo con il Signor Parroco del luogo, in nome del PADRE, in nome del FIGLIO e in nome dello SPIRITO SANTO! Amen.

 

APPENDICE

Predica

Questo discorso fu tenuto il 25 luglio 1976 dal Vescovo di Ratisbona, Mons. Rodolfo Graber a conclusione della giornata di preghiera dell'Armata Azzurra di Maria a Marienfried.

"Marienfried celebra quest'anno il suo Giubileo. Precisamente trent'anni fa,quasi una generazione,il 25 aprile, il 25 maggio e il 25 giugno 1946 deve essere apparsa qui la Madre di Dio. Dico esplicitamente "deve essere apparsa", perchè non voglio prevenire il giudizio della Chiesa. Ciò vale per tutte le mie citazioni o affermazioni. Possiamo comunque fare una cosa. Noi possiamo esaminare e studiare ciò che Maria disse allora, possiamo vede re se le cose dette da Maria sono in contraddizione con i grandi rivelazioni: e se fosse così, allora la faccenda che riguarda Marienfried sarebbe finita per sempre. E questo non è avvenuto. Possiamo fare però qualche altra cosa. Possiamo confrontare ciò che fu detto allora, trent'anni fa, con il momento presente. Se risulterà che molte cose corrispondono o si realizzano ai nostri giorni, non si potrà tuttavia ancora parlare di origine soprannaturale nelle così dette rivelazioni; esse sono tuttavia un segno che ci fa capire il nostro tempo, e sono un ammonimento ed un avviso che dobbiamo prendere sul serio. Inoltre io esamino e cito i testi alla lettera e li prendo come sono, come per esempio citerei Nietzsche con le sue espressioni sul nichilismo europeo, oppure Dostojewski con le sue parole: "L'occidente ha perduto Cristo, perciò deve andare in rovina", oppure lo spagnolo Donoso Cortés, il quale ritiene "inverosimile un salutare rinnovamento religioso dell'Europa", oppure Caterina Emmerich, la quale nel 1820 vide come tanti uomini portavano grembiuli con strisce bianche e azzurre e con "cazzuole da muratori" alla cintola cercavano di demolire la Chiesa di San Pietro in Roma. lo non dirò mai che tutte queste espressioni sono di origine soprannaturale, però io le prendo tutte molto sul serio, le esamino e le metto a confronto con l'attuale situazione. Nessuno mi proibisce di fare anche nei confronti di Marienfried la stessa cosa, affermando però ancora una volta che nulla è stato finora detto sulla natura soprannaturale di queste così dette rivelazioni. Noi le consideriamo esclusivamente come un prodotto dell'anno 1946, e le interpretiamo confrontandole con quest'anno 1976.

Incominciamo con il pensiero dominante: "Io sono la Grande Mediatrice di grazie", una parola che oggi urta e allontana molta gente. Ma la parola "Mediatrice" è stata sanzionata dal Concilio, e cosa ancor più importante, il Concilio si richiama alle affermazioni dei Papi Leone XIII, S. Pio X, Pio XI e Pio XII. Con un'osservazione a parte, io penso e ho l'impressione che molti, che vorrebbero rinnegare il Concilio per il suo preteso modernismo, non hanno studiato bene nè i testi e tanto meno hanno osservato e rilevato le numerosissime note, nè le hanno consultate. II Concilio elabora e sviluppa la Tradizione molto più di quanto noi crediamo. Così disse Leone XIII: "Ecco Colei che una volta fu coadiutrice nel mistero della Redenzione del genere umano, ora si deve anche vedere come la "Dispensatrice di tutte le grazie... e a questo scopo le fu dato un potere quasi infinito".

Pio IX e Pio X chiamarono Maria "la potente Mediatrice e Riconciliatrice di tutto il mondo, e Pio XII, il Papa della Madonna, dice: "Cristo, l'unico Mediatore fra Dio e gli uomini, ha messo al suo fianco la sua Mamma, come Avvocata dei peccatori, custode e dispensatrice (Mediatrice) della grazia". Marienfried è in accordo sia con il Concilio che con la Tradizione. Inoltre quest'anno sono passati 100 anni da quando S. Caterina Labouré ritornò a Dio. Essa è la santa della Medaglia Miracolosa. Allora Maria disse alla giovane suora: "I raggi (che uscivano dalle mani di Maria) sono un simbolo delle grazie che io versò sopra coloro che mi pregano". Marienfried è la continuazione di Parigi, 1830, alla Rue du Bac. La Chiesa nel vecchio Messale fra le "Messe per certi luoghi" aveva un formulario in onore di Maria Mediatrice di tutte le grazie (8 maggio) e uno in onore di Maria Immacolata della Medaglia Miracolosa (27 novembre). Dispiace moltissimo che queste Messe non siano state riprese nel nuovo Messale.

Quello che è importante per noi e che ci riguarda di più è che noi invochiamo ora molto più di prima Maria come la Grande Mediatrice di tutte le grazie.

La Grande Mediatrice di grazie muove contro il Demonio, "Stella dell'Abisso", come è chiamato. Ed ecco qui un accenno all'Apocalisse 9, I dove il Veggente di Patmos vede una stella cadere dal Cielo sulla terra, che a suo tempo spalanca l'abisso dell'inferno e libera un esercito di demoni sotto forma di locuste e scorpioni. Potrebbe essere il caso di ricordare anche il primo libro di Enoc, che risale a circa 70 anni avanti Cristo, dove sette stelle del Cielo precipitate nell'abisso cadono nel fuoco. Marienfried crede nel diavolo, non ha quindi messo da parte o negato il diavolo, come possiamo leggere oggi, per il semplice motivo che senza peccato, senza diavolo e senza inferno si può vivere più facilmente e più allegramente. Fa quello che vuoi e goditi la vita. Abbiamo buttato via e negato tante cose, adesso diamo l'addio anche al diavolo. Come disse Papa Paolo VI il 29 giugno 1972: "Il fumo di Satana, attraverso certe fessure, è entrato nel tempio di Dio", cioè nella Chiesa. Marienfried è con il Papa.

Noi dovremmo stare molto attenti a quello che è detto qui a proposito del diavolo. Quando si parla di "giorni delle tenebre", non si è forse in armonia con quello che dice il Santo Padre "dell'ora delle tenebre" e della "notte senza stelle", che incombe oggi sopra l'umanità? Ma ancor più importante di questo è quanto segue. Se si studia bene Marienfried, allora vi troviamo l'interpretazione dell'Apocalisse 12, dove il "grande dragone rosso" muove guerra contro la Donna vestita di sole e cerca di uccidere Lei e il suo Bambino. Che è detto qui? "La Stella dell'Abisso s'infurierà sempre più ferocemente e farà sempre maggiori distruzioni... il demonio avrà una tale potenza visibile, che tutti coloro che non saranno bene ancorati a me si lasceranno ingannare, perchè il diavolo è abilissimo nell'accecare gli uomini tanto che anche i migliori si lasceranno ingannare". lo mi domando con tutta serietà se non è proprio questo che ora avviene. Nella massa di lettere che io ricevo, torna sempre la domanda: che cosa dobbiamo credere? E' tutto sbagliato ciò che prima abbiamo fatto? Oggi si è trovata una meravigliosa parola per giustificare questo stato di aberrazione, e questa parola magica si chiama "pluralismo": con essa si può definire tutto. Se uno nega l'esistenza del diavolo, e l'altro e questo è il Papa nel suo Credo del popolo di Dio parla del fuoco inestinguibile, allora è Pluralismo. Se uno nega l'infallibilità della Chiesa e il Papa la afferma, ecco ancora il Pluralismo. Se uno nella S. Messa vede solo una cena e l'altro con il Papa vi vede un sacrificio, anche qui è Pluralismo. Se per uno Cristo è solo "un grande ambasciatore, un fiduciario fidato di Dio", per noi invece è il Vero Figlio di Dio, il Verbo eterno, generato dal Padre prima di tutti i secoli e con Lui consostanziale, anche questo è Pluralismo. Se per uno la Chiesa è un grande movimento per la rivoluzione sociale, per la liberazione dal colonialismo, e per la rivoluzione alla Teilhard, e per gli altri invece è il popolo di Dio pellegrino sulla terra, che si completa al di là dei tempi nella gloria eterna, anche questo è soltanto Pluralismo. Allora se le cose stanno così, allora la verità è menzogna e la menzogna è verità, allora chiudiamo le chiese e gridiamo: fa quello che vuoi, che tutto va bene!

Ancora una cosa risulta evidente in questo contesto. Nell'Apocalisse si parla della Donna vestita di Sole, che si sottrasse al Dragone e fuggì nel deserto (12, 614). A Marienfried vengono poste sulla bocca a Maria queste parole: "lo devo ritirarmi assieme ai miei figli". Ciò non fa forse pensare al titolo di un libro: "Congedo da Maria", seguito però da un punto di domanda. lo mi domando: non c'è forse un intimo legame quando da una parte si dà l'addio al diavolo e dall'altra parte alla Madre di Dio? Maria fino dai giorni del Paradiso terrestre è posta come il polo opposto al serpente. Fra coloro che danno l'addio a Maria metto anche i fautori di "Ave Eva". Essi possono dirci migliaia di volte, che con questa "frase" vogliono proprio inserire Maria nel nostro presente; essi ci devono dire se anche uno solo di quelli che sono d'accordo con questa osservazione è cresciuto nel suo amore a Maria e se si è deciso di recitare il Rosario. Essi possono dirmi migliaia di volte che in questa frase non viene negato alcun dogma: d'accordo, però i dogmi non sono degli assiomi di matematica, ma annunciano verità soprannaturali, alle quali io mi devo accostare con incommensurabile rispetto. Che ciò sia ignorato, dimostra già quanto profonda sia la spaccatura nella Chiesa e che non solo il "fumo di Satana", ma Satana stesso è penetrato nel Santo dei Santi ed acceca anch i migliori. Marienfried non dipinge un quadro terrificantedel nostro tempo?

Abbiamo già detto da principio che Marienfried conferma ciò che Maria ha detto a Caterina Labouré nel 1830. Marienfried sottolinea anche il Messaggio di La Salette. Sulla solitaria montagna del Delfinato, nel 1846, Maria si lamenta, che essa "è costretta a lasciar cadere il braccio di suo Figlio; è così pesante che non posso più trattenerlo". A Marienfried si dice compiuto il castigo preannunciato. "Il Padre versa il calice della sua ira sui popoli, perchè essi hanno rinnegato Suo Figlio... Il mondo deve bere il calice dell'ira di Dio fino all'ultima goccia, a causa degli innumerevoli peccati dai quali è offeso il Suo Cuore". A Lourdes, nel 1858 la Vergine si era presentata a Bernadette come l'Immacolata Concezione. A Marienfried Ella raccomanda il Rosario dell'Immacolata. Dall'Immacolata Concezione di Maria consegue la Redenzione e la Salvezza della nostra Patria. Così non fa meraviglia che Marienfried abbracci pure il Messaggio di Fatima. Allora in Portogallo la SS. Vergine ha chiaramente e con accentuazione prospettato l'alternativa: O si adempie alla sua preghiera della Consacrazione della Russia al suo Cuore Immacolato e si offre la S. Comunione riparatrice il primo sabato del mese, o si avrà la guerra, la persecuzione alla Chiesa: "I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre dovrà molto soffrire, molte nazioni saranno distrutte". Ma anche allora la consolante parola: "Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà".

Marienfried parla delle "giornate di sangue" che verranno, parla del diavolo che "perseguita i miei figli". Ma anche qui si apre sempre di nuovo la speranza della vittoria di. Dio. "La Stella perseguiterà il mio Segno, ma il mio Segno vincerà la Stella". E' una lotta gigantesca, che infuria, nella quale appunto questo segno di Maria sostiene una parte di prim'ordine. "Molte anime si sono schierate sotto il mio Segno... Alcuni hanno già accettato di far imprimere il mio Segno, e il loro numero aumenterà continuamente... II mio Segno sta per apparire. Così vuole il Signore. Solo i miei figli diletti lo riconoscono, perchè esso si manifesta in segreto... Scegliete il mio Segno, affinchè presto il Dio Uno e Trino sia adorato ed onorato da tutti". Queste sono parole misteriose. Che cosa intende per questo Segno? Nel Profeta Ezechiele (9, 46) vengono contrassegnati con il Tau, una croce sulla fronte "tutti coloro che si lamentano per gli errori che vengono compiuti fra loro", e per questo sono risparmiati dalla morte e dalla distruzione; similmente i 144.000 contrassegnati sullfi fronte col nome di DioPadre, che "seguono l'Agnello ovunque egli vada" (Apoc. 14.14). Non è Maria stessa il "grande Segno" che appare nel Cielo, come è scritto nell'Apocalisse (12)? Anche qui Marienfried concorda perfettamente: "Io sono il Segno del Dio vivente. lo imprimo il mio Segno sulla fronte dei miei figli. La Stella perseguiterà il mio Segno, ma il mio Segno vincerà la Stella". In ogni caso una cosa è certa: noi ci schieriamo attorno al Segno del Dio vivente, Maria.

Ma questo ha le sue conseguenze. con ciò tocchiamo quella parte di Marienfried, che ci rivolge delle serie richieste. Finora tutto procede abbastanza bene, e la preannunciata coppa dell'ira di Dio riguarda gli altri, non noi, che ci sentiamo farisaicamente nascosti sotto il manto protettivo di Maria e alla quale è lasciata la vittoria sulla Stella dell'Abisso. Ma ora tocca a noi, sì proprio a noi. Il Messaggio dice: "Il mondo è stato consacrato al mio Cuore Immacolato, ma questa consacrazione è diventata per molti una terribile responsabilità. lo chiedo al mondo di vivere questa consacrazione ". Appunto per questa affermazione io vorrei ritenere vera Marienfried, perchè essa finalmente tocca il punto cruciale, che non è proprio secondo i nostri gusti.Non è forse vero che noi continuamo a muoverci nei limiti più bassi, cioè a fare quello che ci fa comodo, e non è forse vero che continuiamo a recitare formule di consacrazione e crediamo che questo sia sufficiente, invece di convincerci che qui si tratta di vita o di morte? E proprio questo ci viene a dire senza tanti preamboli Mariendried: "Mettetevi totalmente a mia disposizione... Offritemi molti sacrifici... lo caricherò i miei figli diletti di croci pesanti e profonde come il mare...Vi prego:siate pronti a portare la croce..." Queste parole suonano, ben diversamente di quanto noi crediamo. Forse che oggi non si presenta un Cristianesimo a prezzo molto basso e come tale svenduto? Si fa tutto facile. Viene diminuita l'importanza del Comandamento festivo. La confessione personale viene sostituita da una funzione penitenziale, o sostituita da un'assoluzione generale, il precetto dell'astinenza al venerdì é praticamente tolto. Con ironia feroce è descritta da Urs von Balthasar l'attuale situazione della Cristianità: Davvero non dobbiamo credere che "essendo stati tolti i Cavalli da battaglia della sacra Inquisizione dal Santo Uffizio, si possa entrare nella celeste Gerusalemme cavalcando il mite asinello dell'evoluzione, sotto gli sventolii di palme". Questo è scritto nel libricino "Cordula o Emergenza—. Di questa emergenza parla Marienfried. Uno spaventoso "Guai" annunzia il Padre a coloro che non vogliono sottomettersi al Suo Volere. Questo libretto "Cordula" porta alla fine un dialogo immaginario fra un comunista ed un cristiano, il quale cerca di avviare il dìscorso: "Sì, anche noi siamo per la rivoluzione mondiale, per la libertà, l'eguaglianza e la fraternità. Ma riceve poi la risposta: "II vostro cristianesimo non merita neppure un colpo di moschetto a polvere... Voi siete liquidati da voi stessi, e così ci risparmiate la fatica di una persecuzione".

Marienfried contrappone invece la mobilitazione al sacrificio ed alla Croce. Non si fanno tante circonlocuzioni e. non viene tutto minimizzato con un "illuministico decotto", in cui nuotano un paio di sparute verità di fede, ma si esige invece e si chiede: "E' necessario che gli Apostoli e i sacerdoti si consacrino particolarmente a Me, affinchè i grandi sacrifici che l'Imperscrutabile vuole appunto da loro, essendo posti nelle mie mani, aumentino in santità e in valore. Oggi si tratta solo di questo, che vega reso all'Eterno onore e riparazione". Ci troviamo così di fronte ad un ultimo pensiero, che sviluppa il discorso fatto fin qui. Chi pensa oggi all'onore e alla riparazione da dare a Dio? Si pensa sempre all'uomo. Perfino il sevizio divino diventa servizio dell'uomo. Fin dapprincipio si devono salutare i presenti, e alla fine si deve augurare loro una buona domenica. Nell'Eucarestia Cristo viene subordinato all'uomo. Dov'è andata l'adorazione, primo dovere che abbiamo verso Dio? L'uomo è al centro, non Dio. Marienfried è ritorno al Cristocentrico: "Offrite voi stessi e quello che fate, per mezzo mio al Padre... Se vi mettete senza riserve a questo servizio, al resto provvederò io". Come disse Cristo: "Cercate prima il Regno di Dio, e la sua Giustizia, tutto il resto vi sarà dato in sovrappiù". Non è forse questa una concomitanza degna di nota?

Ma non ci mancano forse le forze per offrire questi sacrifici che ci vengono richiesti per la gloria di Dio?Ecco che Marienfried ci propone qualcosa che penetra addirittura nelle profondità della mistica, e precisamente lo scambio dei cuori "Là dove non si avrà la fiducia nei mio Cuore Immacolato, il demonio potrà dominare.Ma là dove gli uomini metteranno il mio Cuore Immacolato al posto del loro cuore macchiato dal peccato, egli non avrà nessun potere... Mettete al posto del vostro cuore macchiato dal peccato il mio Cuore Immacolato, e allora sarò lo che attirerò la forza di Dio,e l'amore dei Padrériprodurrà nuovamente in voi l'Immagine perfetta di Cristo". Non sono forse queste delle parole meravigliose? La mistica ricorda non meno di 38 nomi, di persone (Santi)nelle quali si operò questa cosiddetta sostituzione del cuore.

Qui si tratta di una direzione nel campo mistico. Il pensiero, i sentimenti, le azioni di Maria devono poter entrare talmente in noi da renderci capaci di realizzare in noi Cristo. Evidentemente noi sentiamo di toccare qui un mistero, che per la prima volta ci mostra veramente che cosa è in realtà il Cristianesimo. Questo pensiero si

accorda pure con quanto dice un grande santo dell'Evo moderno, San Lodovico Maria Grignion di Monfort. Si accorda pure con un altro pensiero di Marienfried quando dice: "Cristo è così poco conosciuto, perchè io (Maria) non sono conosciuta"; così aveva scritto già 250 anni fa il Grignion: "Se Gesù Cristo, secondo il sicuro e certo decreto di Dio, deve essere conosciuto e deve regnare nel mondo, ciò può avvenire soltanto se prima sarà conosciuta Maria e sarà esteso il suo Regno". Oggi ci si chiede tante volte il perchè le Chiese sono poco frequentate, e il perchè del crollo della vita religiosa e cristiana: ebbene, per noi devoti di Maria il motivo è chiaro ed evidente. L'aver abbandonato Maria ha per necessaria conseguenza il distanziamento da Cristo. Non ci dovrebbero essere più discussioni in proposito.

Ci vengono proposti grandi sacrifici e pesanti croci. Questo si accorda con un Vangelo che è la lieta novella? Ma certamente! C'è ancora una parola che non dobbiamo dimenticare. Ritorna sempre una parola di fiducia: "Là dove è maggiore la fiducia... lo diffonderò la pace... Abbiate una fiducia incondizionata nel mio Cuore Immacolato... Siate certi, credete che lo posso tutto presso mio Figlio..." La fiducia viene ricompensata. A Fatima Maria disse: "Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà"; e qui dice: "Quando tutti gli uomini crederanno alla mia potenza, allora ci sarà la pace... Le vostre preghiere e i vostri sacrifici distruggeranno l'immagine della Bestia. II sacrificio offerto a me, mi darà il potere di instaurare il Regno del Re della Pace".

lo ho una lettera di Lucia di Fatima, dell'ultima veggente ancor viva. Lucia aveva scritto quella lettera il 19 marzo 1940 al Prof. di Bamberga, Lodovico Fischer,

che per primo aveva fatto conoscere Fatima in Germania. Questa lettera finisce con queste parole, che tradotte suonano così: "Nella mia povera preghiera io non dimgntico la Germania. Essa ritornerà ancora nel gregge di f Cristo. Questo momento si avvicina molto, molto lenta~ente, ma arriverà alla sua conclusione. E i Sacratissìmi Cuori di Gesù e di Maria domineranno colà nel massimo splendore". Parole che meritano grande attenzione. Sono esse una profezia? lo non lo so. Qui io devo soltanto ricordare il tema del mio discorso: "II tempo di Maria è in cammino". Esso sta avanzando anche per i nostri amici evangelici. II parroco evangelico Riccardo Baumann ha scritto due libri: "Avanza l'ora di Maria" (Marias Stunde kommt) e "Con Maria nel futuro" (Mit Maria in die Zukunft). "Venga il tuo Regno, Signore, fa che venga il Regno di Maria", dice il Grignion.

Ciò che abbiamo sentito finora, ci ha confermati nel pensiero che Marienfried noncontiéne nulla che sia contro la divina rivelazione, ma anzi si inserisce Perfettamente nella Tradizione mariana della Chiesa, e dà un'importante visuale del nostro tempo. Ancora un'ultima parola. Dobbiamo opporci ancora una volta all'idea che la devozione a Maria distolga lo sguardo dal Cristo, e quindi impedisca e blocchi i nostri sforzi ecumenici. Marienfried rappresenta invece proprio la Teologia classica perchè tutto converge verso il Dio Uno e Trino. Incontriamo spesso le parole: "L'Eterno, l'Onnipotente, il Dio Uno e Trino, l'Imperscrutabile, il Volere del Padre Celeste, l'Amore del Padre, il Dio vivente".

E la conclusione ci offre la più bella e profonda glorificazione alla SS. Trinità, che cerca e può trovare forse l'eguale soltanto nella Storia della Mistica. E' un'e

co del Canto dell'Apocalisse, che la grande schiera, che nessuno può numerare, canta con gli Angeli e i Seniori, prosternata avanti al trono di Dio e all'Agnello: "Gloria al nostro Dio, che siede sul trono e all'Agnello... Lode e Glorificazione, Sapienza e Ringraziamento, Onore, Potenza e Forza al nostro Dio per tutta l'Eternità".

Marienfried dà a questo Cantico di lode l'accento mariano. Maria si interpone per noi. Ella presenta all'Eterno Dominatore, all'Agnello immolato, allo Spirito dell'Eterno, all'Eterna Santità, perenne Adorazione, Lode, Onore e Riparazione e Glorificazione".

E questi cantici dell'Eternità, che risuonarono trent'anni fa in questo luogo, ci avvolgono, senza che li sentiamo, durante la Consacrazione. Un giorno, anche noi potremo unirci a questo Cantico mariano di Lode alla Trinità divina.