I SS. CUORI DI GESU E DI MARIA LA SALVEZZA DEL MONDO LE LORO APPARIZIONI, PROMESSE E RICHIESTE

D. ALFONSO CENNI

NIHIL OBSTAT EX PARTE ORDINIS IL P. GENERALE D. PIERDAMIANO BUFFADINI 24 Febbraio 1949

IMPRIMATUR Sublaci 3 Junii 1949 +SIMON LAURENTIUS O. S. B. Ep, tit. Abb. Ord.

 

PREFAZIONE

Chi non vede oggi il mondo in preda alle più furiose passioni, immerso in ogni genere di delitti, brancolante tra le dense tenebre dell' ignoranza religiosa e dell' incredulità, dell' apostasia da Dio e della corruzione! Terrorizzato da una guerra di 5 anni, di cui è cessato il fragore delle armi ma non l' dio e l'esasperazione degli spiriti che ne prepàrano un'altra immensamente più catastrofica.

Di fronte a così torbido avvenire, ci lascieremo forse invadere dalla paura e dallo spavento

No, il Papa in un recente discorso ci esorta a far guerra alla paura, indegna di quella fede che ha vinto il mondo, ai trionfi avvezza e capace dei più stupendi eroismi.

Siano pur gravi ii pericoli dell' anima e del corpo, noi abbiamo un duplice e dolce asilo da' sicurezza nei SS. Cuori di Gesù e di Maria che c' invitano con tanta insistenza e con tanto amore che rifiutarsi sarebbe un delitto imperdonabile.

Ben radicati nel culto e nella tenera devozione a questi dice Cuori, saremo al sicuro da ogni peccato, specialmente dal più rovinoso, l' immoralità che dilaga dopertutto in proporzioni allarmanti e, tutto minaccia contaminare, non che dal furore delle potestà infernali e terrestri che fatano ogni sforzo e niente lasciano intentato per distruggere la Chiesa, l'unico mezzo di salvezza figurato nell'arca di Noè. Questi Cuori sono due luminari che splendono di luce divina in mezzo alle tenebre dell' errore, dell' incredulità e della corruzione, dite fari che c' indicavo il cammino da percorrere per giungere alla nostra salvezza eterna

 

I. VISIONI DI ANIME PRIVILEGIATE

Per renderci conto del periodo che attraversiamo, e dei pericoli che ci attendono, volgiamo lo sguardo allo spettacolo che ci offre un mondo tutto immerso nell'iniquità, nella malizia e in ogni genere di peccati, specialmente in quelli della lussuria, e tutto sconvolto da odi, sedizioni e minacele... Chi non vede uno stato di cose da farci temere un avvenire apocalittico. Ovunque ormai si parla di ordigni infernali, ultimi ritrovati della scienza, che incutono terrore al. solo pensiero d' una nuova guerra che in poche ore ridurrebbe a mucchi di rovine intere città. Alle previsioni umane si aggiungono quelle di persone eminenti per santità di vita, che vedono le cose in una luce superiore. Tra queste persone, credo bene ricordare la Ven. Suor Domenica dal Paradiso, nata nel 1473, e morta nel 1553, tanto conosciuta e popolare in Toscana. Tel corso della sua vita ebbe a sostenere prove d' ogni genere: persecuzioni, malattie, tentazioni, tutte superate col suo candore, con la sua semplicità e specialmente con la sua profondissima umiltà, per cui meritò favori segnalati. Operò splendidi prodigi e predisse numerosi avvenimenti, relativi ai Granduchi di Toscana, a diverse famiglie di Firenze e alle sue monache. Le profezie relative ai tempi passati si sono avverate, come risulta dalla storia. Una delle più terribili è la seguente.

Gesù le mostrò la spada; tutta sfoderata, mentre altre volte era sfoderata soltauto in parte. Secondo questa profezia, il mondo sarà quasi distrutto e non rimarranno che pochissimi uomini, come seme di una futura società, completamente rinnovata, che condurrà una vita veramente cristiana. Ecco quanto si legge nella sua vita: «L'ostinazione dei peccatori mi pone in mano questa spada, strumento della mia giustizia, perchè strapazza la mia croce, strumento del mio amore. Io ti ho mostrato altre volte questa spada riposta nel fodero, per significarti la mia misericordia: te l'ho anche fatta vedere mezza sfoderata per darti ad intendere la pazienza, con la quale aspettavo i peccatori a, penitenza. Ma ora ti mostro questa spada tutta nuda, perchè tu sappi, o sposa, che io, voglio atrocemente punire i torti fatti alla mia, pietà... Funestissimi saranno, sposa mia, i futuri avvenimenti, perchè il mondo sarà quasi distrutto, saranno rovinate le ville, desolate le città, e cangiati i giardini in selve e in sterpi, i palazzi e le fabbriche superbe, in tane di fiere e nidi di serpi. Allora la, mortalità divorerà quasi tutti i viventi, e quei pochissimi che rimarranno vivi, si vedranno stupiti e tremanti per i passati e pe' freschi orrori della giustissima mia vendetta. Ma questi saranno i semi della nuova santità della mia Chiesa, e le primizie del ripreso antico spirito apostolico, perchè sprezzeranno le ricchezze e seguiranno la povertà e la pietà, s'ameranno con un cuore unico e solo d' amore fraterno, preparati a morire scambievolmente 1' uno per l'altro: e così adorando Dio in spirito e verità, la Chiesa militante tutta bella, e rivestita d' oro e del ricco e fregiato manto de' suoi antichi, godrà una vita, celeste in terra ».

Tra le profezie della Ven. Suor Domenica dal Paradiso, questa, non sembra ancora avverata. L' autore della sua vita accenna ad alcune ragioni per affermare che si riferisce al periodo attuale, in cui dopo essere stati spettatori d'immense rovine causate dalla guerra di 5 anni, ancora la povera e disgraziata umanità, in pena dell' ufficiale apostasia da Dio, non è allietata da quella pace che il mondo non può dare e che invano attende dagli uomini, i quali non possono fare altro che dichiarare un clamoroso fallimento delle loro innumerevoli sedute e conferenze. Perchè non riconoscere che la pace e ogni bene vengono solo da Dio! Tanta cecità, dovuta al diabolico orgoglio di voler fare senza Dio, ci sbalordisce e non può non essere punita.

E ciò che ci dicono le profezie della Ven. Suor Domenica dal Paradiso e di altre anime favorite di celesti carismi.

Quelli che, dopo tante grazie e tanti richiami dei Cuori di Gesù e di Maria, persisteranno nell' apostasia da Dio e si ostineranno nella ribellione contro 1' Onnipotente negandone non solo i diritti ma persino 1' esistenza, avranno quello che meritano, la pena e lo sterminio. La natura di questo castigo non viene determinata chiaramente. Sembra che sia diretta specialmente contro gli empi e contro gli ostinati che non si sono voltiti arrendere nè alle numerose apparizioni della Madonna né ai suoi materni avvertimenti nè alle profezie e minacce di altre persone privilegiate.

Alcune di queste profezie parlano come quelle della Ven. Taigi, di tenebre orribili, altre di una peste sterminatrice che però non dovrebbe comprendere che poche vittime tra gl' innocenti, mentre degli empi e negatori di Dio farebbe una strage generale.

Quando si pensa a quanto ha fatto il Signore in favore delle sue creature e come queste abbiano corrisposto con ingratitudine insopportabile ai suoi innumerevoli e incomprensibili benefici, non solo il castigo ci sembra giusto e ragionevole, ma ci meravigliamo piuttosto come la giustizia divina abbia potuto aspettare fino ad oggi: vedere le nazioni che non solo permettono le più orribili bestemmie e la professione dell' ateismo, ma che giungono, come la Russia, perfino a proibire che si parli ai bimbi di Dio, ad erigere monumenti a satana, a Caifas, a chiamare la religione l'oppio del popolo... chi non freme di sdegno di fronte a simili provocazioni!

Basta riflettere alle manifestazioni e ai miracoli dei SS. Cuori di Gesù e di Maria, alle apparizioni di Lourdes, di Fatima e a quelle che avvengono in Italia, in Gerinania, in Iugoslavia, in Russia, in America, per darci un'idea di quanto desideri il Signore la conversione dei poveri peccatori e quanto questi siano duri nell' accogliere i paterni inviti di Dio, i dolci e amorosi richiami del Padre celeste. è cosa che strazia il cuore il vedere come 1' ostinazione non si pieghi davanti ai prodigi di Fatima e alle prove innumerevoli di bontà e di misericordia usate a tutti, anche ai più empi peccatori, da Gesù e da Maria. Quello che fa la Madonna in favore della povera umanità, specialmente per richiamare a penitenza i peccatori, è tale che dovrebbe convertire anche i più ostinati.

Che cosa dovremo dire di fronte allo spettacolo che ci offre la perversione umana! Si stancherà la Madonna di richiamare a penitenza o lascierà libero il braccio di Dio di scaricare i fulmini della sua vendetta che viene provocata da tanto tempo da uomini empi e scellerati con ogni genere di peccati e d' ingratitudini! Io non dubito di rispondere che se vi saranno molte vittime e molte anime ferventi che non cessino di pregare, vi sia tempo ancora, a sperare e luogo alla misericordia. Si, perche Dio è un Padre tanto buono che ci corregge per 1' amore che ci porta e per il desiderio della nostra conversione e che non sa decidersi a punire che quando é costretto dalla malvagità umana che non si vuole arrendere nè alle promesse di ricompense ineffabili ne alle minaccie di spaventevoli castighi.

Ma tra le numerose profezie, di cui si parla un pò dapertutto, nessuna assume un tono così allarmante, terrorizzante per gli empi ostinati e rassicurante per chi si trova in grazia di Dio, come le apparizioui di Gesù e di Maria a Heede in Germania. Queste si sono ripetute dal'1 novembre 1937 fino alla fine del 1945 giungendo (quelle di Maria) a più di 100. Le favorite sono 4 giovinette del suddetto paese, uno dei meno noti della diocesi di Osnabrueck. Le giovinette che dopo le appariziuni si sono totalmente trasformate e divenute veri angeli di bontà, si chiamano: Anna Schulte, Greta e Maria Ganseforth e Susanna Bruns, dai 12 ai 14 anni.

Mentre le suddette giovinette stavano ornando le tombe nel cimitero, situato accanto alla chiesa, nel giorno 1 novembre 1937, una di loro vede sopra un cespuglio di bassi cipressi una Signora circondata di luce. A tal vista presa da grande timore, corse a farne consapevoli le compagne, le quali, tuttochè non prestassero fede alla veggente, s'incamminarono verso il luogo indicato, dove caddero in ginocchio pregando devotamente la Madonna che teneva in braccio il Bambino e sorrideva dolcemente. La benignissima Signora si degnò rivolgere alcune parole alle attonito veggenti e dopo averle invitate a tornare nello stesso luogo, scomparve.

Tanto nella prima, come nelle altre apparizioni, la Madonna stava librata in aria circa un metro dal suolo posando i piedi sopra una nuvoletta piuttosto azzurra e portando sul capo una corona d'oro. Tanto la Madonna come il Bambino che teneva in braccio, erano biancovestiti. La Vergine mostrava 1' età di una ventina d' anni, il suo viso era amabile e sorridente, specialmente quando le veggenti pregavano e cantavano. Non fu però sempre uguale 1' atteggiamento di Maria, poichè datando dal periodo del 1940, appariva piuttosto seria e preoccupata. Espresse il desiderio di essere invocata: Regina dell'universo e Regina delle anime del Purgatorio.

Dal 1940 le apparizioni non ebbero più luogo finchè, cessato il rombo del cannone nel 1945, apparve Gesù stesso che lanciò al mondo il seguente messaggio:

«L'umanità non ha ascoltato la mia santa Madre, rivelatasi a Fatima per esortarla a far penitenza. Ora sono Io stesso, in quest' ultima ora, per ammonire il mondo. I tempi sono gravi! Gli uomini facciano finalmente penitenza dei loro peccati; si allontanino con tutto il cuore dal male e preghino, preghino molto, affinchò si plachi lo sdegno di Dio. Specialmente recitino spesso il S. Rosario: Questa preghiera può molto presso Dio. Meno divertimenti e passatempi » !

« Io sono molto vicino. La terra tremerà e si scuoterà. Sarà terribile: un giudizio in piccolo! Ma voi non temete. Io sono con voi. Voi vi rallegrerete e mi ringrazierete. Quelli che mi aspettano, hanno il mio aiuto, la mia grazia, il mio amore. Ma per coloro che non sono in stato di grazia, sarà spaventoso. Gli Angeli della giustizia sono già sparsi per il mondo. Mi darò a conoscere agli uomini. Ogni anima mi riconoscerà per il suo Dio. Io Vengo! Sto alla porta. La terra tremerà e gemerà ».

« Il mio amore ha ideato quest' opera prima della creazione del mondo. Gli uomini non ascoltano le mie chiamate; chiudono le orecchie, resistono alla mia grazia e rifiutano la mia misericordia, il mio amore, i miei meriti. Il mondo è peggiore che ai tempi del diluvio. Agonizza nel pantano della colpa. L' odio e 1' avidità riempiono il cuore degli uomini. Tutto ciò è opera di Satana; Il mondo giace in dense tenebre. Questa generazione meriterebbe di essere annientata; Ma Io voglio mostrarmi misericordioso. Le coppe dell' ira di Dia sono già versate sulle nazioni. Ma 1' Angelo della pace non tarderà a scendere sulla terra. Io voglia risanare e salvare. Sulle ferite che ora sanguinano, la misericordia. vince e trionfa sulla giustizia. Ma i miei fedeli non dormano come i discepoli nell' orto degli ulivi anzi attingano dal tesoro dei miei meriti e soddisfazioni per sè e per gli altri. Si preparano cose grandiose. Quel che avverrà, sarà terribile, come non mai fin da principio del mondo. Vengo lo stesso e manifesterò la mia volontà.»

« Tutti coloro che hanno patito in questi ultimi tempi, sono miei martiri e preparano la mia messo per la Chiesa. Essi hanno preso parte alla mia via dolorosa. Quello che avverrà tra poco, supererà di gran lunga ciò che è avvenuto. La Madre di Dio e gli angeli vi prenderanno parte. L' inferno si crede ormai sicuro della vittoria, ma gliela strapperò Io di mano. Molti mi bestemmiano e devo perciò permettere che si abbattano sul mondo delle sventure; poichè per tal mezzo si salveranno moltissimi. Beati coloro che sopportano tutto in riparazione per quelli che mi offendono. Io vengo e con me verrà la pace. Con un piccolo numero di eletti edificherò il mio regno. Questo regno verrà repentinamente, più presto di quel che si crede... Farò splendere la mia luce; luce che agli uni sarà benedizione e agli altri tenebra. L' umanità riconoscerà il mio amore e la mia potenza.

« Miei cari figlioli, 1'ora si avvicina. Pregate incessantemente e non sarete confusi. Io raduno i miei eletti. Essi converranno insieme da ogni parte del mondo e mi glorificheranno. Io vengo! Beati coloro che sono preparati, beati coloro che mi attendono ».

Le parole di Gesù non potrebbero essere più gravi, imponenti e significative. Si vede a chiare note tutto il cuore d' un Dio infinitamente misericordioso che ricorre a tutti i mezzi possibili e immaginabili per salvarci. La parte perciò più importante e quella che più c' interessa, riguarda 1' amore di Dio verso di noi e il suo desiderio ardentissimo d' indurci a lasciare il peccato, a pentirci sinceramente e a pregare. E tra le preghìere si noti in modo particolare come Gesù ci esorti a recitare il santo rosario. Il che significa raccomandarci la devozione alla Madonna e confermare gl' insegnamenti della medesima.

Il messaggio parla di misericordia e di avvenimenti grandiosi e spaventevoli. Ciò non si accorderebbe se non si ammettesse almeno una parte dei castighi riservati ai soli ostinati. Ma anche per questi il buon Dio non dimentica di essere Padre tutto bontà e misericordia che non sa decidessi a punire, che fa di tutto per non essere costretto dalla giustizia ad usare rigore. Questo è lo scopo senza dubbio, a cui tende in modo particolare il messaggio di Gesù che minaccia gli ostinati, ossia quelli che sono in disgrazia di Dio, e rassicura quelli che lo attendono e desiderano dicendo che questi si rallegreranno e che lo ringrazieranno; mentre sarà terribile e spaventoso per chi si rifiuta, dopo tanti messaggi e richiami, di ritornare a Dio. Gesù non fa che ripetere, ora per mezzo della Madonna nelle numerose apparizioni che tutti conoscono, ora direttamente in questo importantissimo messaggio, che finalmente il peccatore si penta e lasci il peccato, affinchè nella sua venuta che annunzia imminente, non sia trovato colpevole e punito.

Chi non vede e non ammira l'infinita bontà di Dio che usa tutte le industrie per indurre il peccatore a detestare la colpa e gettarsi nelle braccia della sua misericordia che vuole non la morte ma la vita dei figli che vivono lungi dal Padre pietoso e benigno. Egli soltanto per nostro bene non ci rivela il giorno e 1' ora precisa del gastigo che minaccia di essere superiore a tutti quelli del passato, perchè il mondo, dice Gesù, è peggiore che ai tempi del diluvio e sarà perciò terribile come non mai in dal prìncipio del mondo e supererà di gran pinga ciò che è già avvenuto.

Quelle espressioni: Io vengo (ripetute quattro volte), sto alla porta, Io sono molto vicino, l'Angelo della pace non tarderà a scendere sulla terra, Io vengo presto, molto presto, 1' ora si avvicina... sono troppo chiare per non metterci sul' attenti e riconoscere le mirabili industrie del Padre celeste che ammonisce e preavvisa con tanto amore e bontà. Esse ci dicono di stare preparati, di essere in grazia di Dio e pregare... Con un piccolo numero di eletti edificherò il mio Regno. Questo regno verrà repentinamente, più presto di quel che si crede... La Madre di Dio e gli angeli vi prenderanno parte... nota lasciano luogo a dubitare che la venuta di Gesù e i grandiosi avvenimenti preannnuziati non tarderanno a compiersi e che saranno beati coloro che attendono il Giudice e il suo giudizio (sic pure ivi piccolo).

Una circostanza molto propizia e che ci apre il cuore a grandi speranze è la presenza di Maria al giudizio, piccolo in confronto di quello universale tanto grandioso da superare tutto ciò che è avvenuto nel passato. Sappiamo chi è Maria e come altre volte abbia trattenuto il braccio di Gesù steso ora per colpire ora per annientare l'ingrata umanità. Essa è la paciera, la Madre di bontà e di misericordia, l' omnipotentia supplex, 1' arbitra dei nostri destini, la dispensatrice di tutti i doni e grazie celesti, la Regina dell' universo, l'avvocata dei peccatori... titoli che Le convengono senza dubbio, che li ha ben meritati e che mai li smentirà. Essa non vi prenderà parte certamente per condannare. Ormai La conosciamo bene, sappiamo quanto è buona; e misericordiosa. Ricordando e ravvicinando quanto ha fatto Maria per la povera umanità dolorante, possimno sperare che essa in tutto o in parte impedisca il castigo.

Gesù minaccia nelle surriferite profezie della Ven. Suor Domenica dal Paradiso di non lasciarsi togliere la spada, sfoderata da nessuno, ma noi sappiamo che Maria può fermare il braccio del Figlio e togliergli di mano la spada. Se molte anime ricorreranno ad Essa con fiducia, e s'immoleranno per la salvezza del mondo, tutto si può e si deve sperare. Anzi le richieste (ripetute piuttosto spesso da Gesù ad anime privilegiate) di numerose vittime che con le loro pene e sofferenze plachino lo sdegno di Dio, c'inducono a pensare che il Signore voglia perdonare e che desideri mitigare o ridurre in gran parte i minacciati flagelli.

In quanto alla nostra cara Mamma celeste non c' è dubbio alcuno che voglia impetrarci perdono e misericordia, come si legge abbia praticato in altri periodi burrascosi, specialmente ai tempi in cui vivevano S. Domenico, S. Francesco d' Assisi, S. Vincenzo Ferreri... Il Signore minacciava di farla finita con questo mondo perverso, ma la Madre delle misericordie riuscì a disarmarlo. Anche contro Nineve (che doveva essere distrutta entro 40 giorni) la sentenza era chiara, eppure non venne eseguita per la condizionale inerente a molte profezie: se i peccatori non faranno penitenza o se la Vergine potentissima non interverrà per impedire le divine minaccie... S. Vincenzo Ferreri predicò in termini che non ammettevano dubbio alcuno la fine del mondo e provò la sua missione con numerosi prodigi, ma invece della temuta catastrofe la Chiesa si rallegrò del ritorno a Dio d' innumerevoli peccatori e di un rinnovamento spirituale in proporzioni consolanti.

Non sarebbe agire e pensare da prudenti credere troppo facilmente alle profezie o interpretarle in senso incondizionato e ritenerle sempre autentiche e sicure. Due volte (per riferire un caso avvenuto a me) mi sono state consegnate profezie del P. Pio da Petralcina e due volte me le ha smentite in pieno. Bisogna andare perciò molto cautamente in fatto di profezie e non esagerarne l'importanza, ma nemmeno essere troppo facili nel disprezzarle, poichè ne troviamo molte che si sono avverate e sono state feconde di bene, come leggiamo nella vita di S. Margherita Alacoque, nelle apparizioni di Maria a Lourdes, a Fatima...

Riguardo al messaggio di Heede pare che sia contrario, almeno in parte, a ciò che la Madonna avrebbe detto in altre apparizioni, in cui promette di salvare 1' Italia, specialmente Roma, il Papa... Non è necessario estendere il suddetto messaggio a tutto il mondo (nemmeno il diluvio sommerse tutta la terra) e non solo possiamo ammettere delle eccezioni, ma molto sperare e confidare nei Cuori benignissimi di Gesù e di Maria che non solo possono impedire i più tremendi castighi, ma volgere in disegni di bene le minaccie divine, impetrare che tutto finisca in un meraviglioso rinnovamento spirituale con la conversione delle nazioni a Dio e fare sì che sorrida all' universo una pace splendida e meravigliosa (quod est in votis).

Ad ogni modo, la spada di Damocle pende sulle nostre teste e a buon intenditor poche parole. La Madonna dice a Berta Petit (di cui parleremo in seguito) che la giustizia divina s'impone per la purificazione dei popoli e per la salvezza delle anime. Ai tempi del diluvio non si ascoltò Noè, ma il castigo venne e travolse tutti nella rovina (et tulit omnes).

 

II

LE APPARIZIONI E LE PROMESSE DEI SS. CUORI D1 GESU' E DI MARIA

Non sono passati ancora tre secoli dalle mirabili apparizioni del S. Cuore di Gesù (la prima avvenne il 27 dicembre 1575) e già ne vediamo i frutti abbondantissimi, le innumerevoli conversioni di peccatori, la pietà e la santità di numerose anime che hanno aderito in pieno alle richieste divine e compresi gl' immensi tesori nascosti nelle devozioni rivelato a s. Margherita Alacoque. Nè diversi potevano essere i risultati, se consideriamo 1' eccellenza di questa devozione e 1' inarrivabile generosità, delle promesse di Gesù.

Non c' è dubbio che 1' antichità conferisca pregio e fama tanto alle opere che alle istituzioni. Da questo lato sappiamo che 1' oggetto formale della devozione in parola è l' amore e perciò niente può immaginarsi di più antico, poiché 1' amore è eterno come Dio, col quale s'indentificaDeus charitas est . Anche nei secoli anteriori a S. Margherita Alacoque le divine e ineffabili bellezze di questa devozione non furono ignote ad alcune anime, tra le quali tiene il primo luogo S. Geltrude, tanto eminente nella santità che meritò da Dio i più segnalati favori. Ma questi divini tesori erano riservati ai nostri tempi, in cui la carità si è raffreddata in molte anime, e perciò in tutto il loro splendore non dovevano manifestarsi che nel tempo stabilito da Colui che tutto dispone con armonia perfetta per il bene degli eletti. Grati e riverenti adoriamo gli eterni decreti e non cessiamo di ringraziare commossi l' inesauribile e amabile Provvidenza che ha voluto riservare agli ultimi tempi grazie così singolari e ricchezze immense e superiori ad ogni immaginazione.

Che cosa infatti si può pensare di più eccellente e prezioso di ciò che ci viene direttamente inculcato e con tanta insistenza e tenerezza raccomandato da Gesù, 1' Uomo Dio? E' il Maestro stesso che vuole questa devozione, che 1' insegna con accenti commoventissimi, che la conferma con grazie e miracoli senza numero. Non si può dubitare pertanto che, o si considerino la natura e lo scopo di questa eccellentissima devozione, oppure 1' origine e lo sviluppo, essa sia sempre così feconda e salutare che non solo si raccomanda di se stessa ma s'impone ad ogni cristiano che ami la propria salvezza e santificazione. Essa infatti riconosce per proprio autore non qualche santo, sia pure inclito ed eminente sotto ogni rapporto, oppure qualche dottore insigne ma lo stesso Maestro dei maestri, la sapienza incarnata. E per mostrarci che tutto ciò che si riferisce ad essa, è opera esclusiva di Gesù, viene scelta come strumento una povera claustrale che sembrava la meno adatta per introdurla e propagarla in tutte le nazioni del mondo. Ciò non ostante, è riuscita ad abbattere barriere che sembravano insuperabili facendosi strada in mezzo a difficoltà innumerevoli e spandendo luce e conforti immensi a tutte quelle anime che l'hanno praticata con viva fede e profonda convinzione.

Nè la Vergine Madre si è mostrata meno benigna e generosa verso i devoti del suo Cuore Addolorato e Immacolato. Vediamo in essa la tendenza a facilitare la nostra salvezza per mezzo della devozione al suo Cuore Addolorato e Immacolato, non che molti fatti e prove che ci costringono a riconoscere in Lei maggiore condiscendenza, poichè per assicurarci la sua materna protezione in vita e in morte non ha chiesto che sole 5 confessioni e comunioni riparatrici nei primi sabati d' ogni mese e un quarto d' ora di meditazione che abbia per oggetto i misteri del Rosario, di cui nelle antiche e recenti apparizioni non fa che raccomandarci la recita. Chi non si sente tutto penetrare d' immensa tenerezza e gratitudine verso la Vergine Madre che per salvare e consolare la povera e dolorante umanità si degna mostrarci il suo amabilissimo Cuore, pronto ad effondere innumerevoli tesori e grazie inesauribili?

Nel vedere come oggi la devozione al Cuore di Maria ci viene inculcata con tanta insistenza da Gesù stesso nel messaggio a Berta Petit, dobbiamo aderire in pieno a questi sacri inviti ed unire insieme la devozione ai Cuori di Gesù e di Maria. A ciò ci spinge pure il considerare che anche le promesse di Gesù e di Maria hanno ambedue per oggetto il nostro bene, specialmente la nostra eterna salvezza che ha un valore incomparabilmente superiore a tutte le glorie e ricchezze e a tutti i tesori del mondo, tanto superiore che tutte le glorie e grandezze terrene sono cose da niente. I SS. Cuori di Gesù e di Maria, sono così generosi e benigni che si estendono ai nostri bisogni temporali, ma ciò, che ci deve essere immensamente cara e preziosa è la salvezza dell' anima che urge procurare con tutti i mezzi possibili e immaginabili e conseguirla ad ogni costo. E per metterla al sicuro sarebbe per noi cosa insignificante esigere sacrifici innumerevoli e pene atroci e spaventevoli. Invece i SS. Cuori di Gesù e di Maria giungono a tale eccesso di bontà e di condiscendenza che non sembrerebbe credibile se non ci fornissero prove indubitabili. Al vedere tanta generosità siamo costretti a dire che il Paradiso ci viene aperta quasi gratuitamente e concesso a condizioni così blande da poterlo ritenere il regalo più prezioso e generoso che nessuno avrebbe potuto sperare o immaginare. Solo i SS. Cuori di Gesù e di Maria potevano essere capaci di un dono che ci dovrebbe riempire di tanta gratitudine e gioia da farci andare in estasi.

Invece la maggior parte degli uomini non si è nemmeno degnata di rispondere a così amoroso e paterno invito non facendone conto alcuno e preferendone meschinissime comodità, ridicoli interessi e spregevoli passatempi. Ogni anima onesta, ogni cuore ben fatto si sente ardere di sdegno e fremere d' incoercibile indignazione di fronte a simile atteggìamento da parte degli uomini, non so se più inconsapevoli o malvagi, o piuttosto privi di fede o di ragione, o meglio dell'una e dell'altra. Ci vuole proprio la pazienza e longanimità dei benignissimi Cuori di Gesù e di Maria che mai si stancano di aspettare i peccatori a penitenza e mai cessano di beneficare gli uomini col valersi di tutti i secreti, i più atti a commuoverli e a tirarli al loro amore (e con esso al possesso d' ogni bene, poiché senza la carità ogni sforzo è vano e con essa tutto è possibile). Non ostante però 1' umana resistenza, non ostante la nostra perversità e cecità, i Cuori di Gesù e di Maria non si danno per vinti e lungi dall' indietreggiare di fronte alla caparbia ostinazione di tanti sciagurati, continuano a chiamarci e a ricolmarci di benefici, risoluti a moltiplicare le promesse e le minaccie ed usare gli ultimi tentativi per superare la nostra viltà, fiaccare la nostra superbia e muovere i nostri cuori. E trionferanno e regneranno con la piena disfatta dei loro nemici e con la piena vittoria della Chiesa, perchè sono onnipotenti, 1' uno per natura, e 1' altra per grazia. Ambedue si sono impegnati con solenne promessa e noi viviamo nella dolce attesa del loro regno: regno di pace e di amore, di giustizia, di verità e di grazia. Ormai l'umanità si sente stanca del giogo di satana che l' opprime in mille modi, che la strazia orribilmente, che 1' inganna con menzogne e con astuzie d' ogni genere, degne del suo antico livore e della sua invidia e rabbia impotenti.

La devozione ai SS. Cuori di Gesù e di Maria è troppo bella per battere in ritirata e molto meno cedere a chi la contrasta e a chi non se ne cura. Cadranno gli ostacoli e gli uomini riconosceranno chi sono i loro veri amici e chi solo può darci la, vera pace e felicità.

Noi, più che fiduciosi, arditi per la speranza che c' infondono i SS. Cuori, ci abbandoniamo al loro amore completamente, sicuri di trovare in loro il più sicuro dolce rifugio, la difesa e protezione in tutti i pericoli, le sorgenti inesauste di tutte le grazie e doni celesti. In questa devozione consiste tutto il nostro bene, poichè i SS. Cuori di Gesù e di Maria vogliono e significano amore. E l'amore è 1' essenza della vita cristiana, il compendio di tutta la legge, il segreto esclusivo d' ogni perfezione e santità. Senza questa virtù utto è apparenza, vanità e inganno, mentre con essa anche le piùpiccole cose hanno un valore immenso. Senza la carità tutte le opere buone, anche le preghiere, perfino il martirio, non valgono un bel niente. è ormai l'ora di capire questa verità che ci venne insegnata fin dall' inizio dell' umanità e di cui l'ignoranza ci conduce a rovine incalcolabili privandoci di grazie innumerevoli, impedendo o almeno ritardando il nostro profitto e santificazione. L' argomento è di una importanza enorme e tale che merita di essere trattato a parte e perciò riteniamo necessario aggiungere il seguente capitolo, il quale costituisce 1' essenza della devozione ai SS. Cuori di Gesù e di Maria e la parte predominante e assolutamente indispensabile dell' opera.

 

III

L'AMORE DI DIO E DEL PROSSIMO

Non si può fare un elogio più significativo e convincente del pregio inestimabile della devozione, ai SS. Cuori di Gesù e di Maria che dimostrare lo scopo principalissimo della medesima essere quello di condurre le anime all' amore, in cui consite tutta la perfezione della legge divina. Ciò risulta d' una evidenza assoluta quando si considera che Dio è carità e che Gesù è Dio e amare significa immedesimarsi in Dio. L' amore produce l'unione [qui manet in caritate, in Deo manet et Deus in eo ] e 1' unione ci rende simili a Lui, ci trasforma in lui fino a divenire partecipi della sua natura. Saremo come Dio, poichè lo vedremo com è in se stesso, ci dice la S. Scrittura.

Se 1'amore ci santifica talmente da renderci simili a Dio, si comprende come 1' efficacia del medesimo sia veramente portentosa e produca effetti meravigliosi e incomprensibili. Non solo giunge ad annientare tutti i peccati e tutta la pena se è intensissimo, ma ci arricchisce inoltre d' innumerevoli meriti e ci comunica la stessa natura divina secondo l' ardita e geniale espressione di S. Agostivo: Dio si è fatto uomo, affinchè 1' uomo divenisse Dio.

Non si può pensare niente di più sublime e niente di più consolante. La bellezza di questa verità è tale che tutta la nostra attività si dovrebbe esaurire nell' acquisto, nell' esercizio e nell' aumento dell' amore, nel vivere e morire d' amore, persuasi che tutto il tempo, speso in altre cose è perduto. Ciò risulta dall' immensa efficacia e virtù del puro muore, di cui un solo atto vale più di tutte le opere buone e di tutto l' apostolato dell1' universo secondo gl' insegnamenti dell' esimio e mistico Dottore S. Giovanni della Croce e il B. Eymadr.

Da ciò deriva un'altra verità di capitale importanza: tutte le opere e tutte le nostre azioni, preghiere, meditazioni ricevono il loro valore soprannaturale dall'amore e tanto più vi mettiamo di questa divina virtù, cioè quanto più sono animate e vivificate dalla carità, tanto più valgono. Lo stesso martirio, anche il più crudele, come dare il proprio corpo alle fiamme, non ha merito alcuno senza 1' amore, mentre la vera carità conferisce meriti incalcolabili alle opere più comuni e basse, anzi ai soli desideri. Quando 1' anima si trova nell' ìmpossìbilìtà di operare, i desideri efficaci, frutti immancabili del vero e puro amore, sono tanto accetti a Dio quanto le opere ed avranno lo stesso premio, come ebbe lo stesso elogio, anzi superiore ai ricchi, la vedova del Vangelo che diede pochissimo in lealtà ma più di tutti col desiderio. Intesa in questo senso, 1' attività dell' amore non cessa mai e si esercita in ogni genere di atti che comprendono tutto quanto vi è di buono e capace di onorare Dio.

L'anima ben sapendo quanto sia grato a Dio ogni atto che compie per amarlo e farlo amare, non vive che per questo scopo e non cerca altro in questa terra che di vedere amato sempre per il suo Creatore. E perché conosce bene esservi innumerevoli ostacoli che impediscono a tanti di amare il Signore, fa tutto il possibile per toglierli di mezzo.

I principali ostacoli sono: 1' amore e 1' attacco eccessivo e disordinato a se stesso e alle creature, ai piaceri, alle ricchezze, agli onori... Dobbiamo combattere perciò con ogni ardore e con odio implacabile 1' amor proprio, 1' orgoglio, la sensualità, l'avarizia, tutte le passioni e tutti i peccati, ben consapevoli che Dio esige la perfezione (la volontà di Dio è la, vostra santificazione). Ora la perfezione non è possibile non solo con molti peccati ma nemmeno con uno solo, memori di quella importantissima verità non raramente dimenticata che per essere cattivi e imperfetti basta un solo peccato, mentre per essere buoni occorrono tutte le virtù. Chi ama, non vorrebbe occuparsi che del solo amore e perciò rimuove non solo chi gli può impedire 1' esercizio del medesimo ossia gli ostacoli e i nemici di questa eccellentissima virtù ma anche le cose indifferenti o meglio tutto ciò che non promuove o non accresce la carità.

Ma nessuno ci può insegnare meglio di Maria che è madre di tutte le virtù e specialmente del bell' amore, 1' eccellenza della carità ch'è un tesoro immensamente superiore a tutte le ricchezze e a tutti i beni di questo mondo e preferibile per conseguenza a tutto ciò che vi è di più bello e di buono in questa terra. Ascoltiamo questa nostra madre e celeste maestra con ogni riverenza e con volontà decisa a mettere in pratica le sue preziose parole. Essa giustamente condanna la sapienza degli uomini che inganna il mondo con ogni sorta di errori e col suo orgoglio lo precipita nell' abisso d' ogni male (non solo va compresa la sapienza degli uomini perversi ma in parte anche di quelli buoni e onesti che non sanno preferire la sapienza dell' amore immensamente superiore a tutte le altre scienze).

Ecco alcune frasi insegnate molto recentemente da Maria ad un' anima: « Io guardo... una sapienza che molto spesso sfugge anche alle anime buone, ed è la SAPIENZA DELL' AMORE. Le anime che veramente mi amano sono quelle che operano nell' umiltà e nella purezza delle intenzioni. Infatti il mio Cuore non si delizia nelle lunghe preghiere, se non sono unite alle opere; ma si rallegra solo quando con le labbra vengo chiamata coi più dolci titoli! Non si riposa in chi prega solo con atteggiamento esterno! Si addolora per quelle anime che s' impongono delle penitenze per apparire perfette agli occhi delle creature. Si allontana (da quelle anime che si credono perfette e giudicano il prossimo senza misericordia, portando sempre come esempio se stesse. Si ritira da quelle anime che compiono qualche opera di carità per essere lodate.

Queste anime vivono nella falsa pietà ed hanno ricevuto la loro ricompensa dalle creature; quando esse compariranno alla presenza dell' Altissimo, le loro vesti saranno lacere e sporche, le loro lampade spente...

Il mio Cuore si delizia in quelle anime che compiono opere di carità verso il prossimo, solo guardando me e cercando il nascondimento e i servi più umili... grandemente consolato da quelle che docilmente si sottomettono e godono nell' ubbidire... Io mi sento particolarmente attratta verso le anime che cercano di rispecchiare la mitezza e dolcezza del mìo Cuore Immacolato. I miei figli fedeli non possono essere diversi da me, poiche il mio cuore è asilo sconfinato di dolcezza per il giusto e per il peccatore. Questo mio Cuore è sempre pronto a ricevere, a sollevare, a compatire, a perdonare, a dimenticare... Chi può dubitare di essere ricevuto da questo cuore? Che forse si ricorda alcuno che picchiando alla porta di questo dolce asilo, sia rimasto deluso? Sia rimasto fuori al freddo, abbandonato? Figliuoli miei, non c' è misura all' amore ed il mio Cuore non misura mai, Ecco come voglio i vostri cuori.

Non amo le vane parole, la sapienza degli uomini. Vane queste cose, rendono le anime povere »...

Mi sono limitato a riferire ben pochi di questi celesti insegnamenti, veramente preziosi, perchè hanno bisogno di essere documentati e ciò non si può fare che in seguito. Del resto dell' amore se ne parla assai da tutte le buone persone, sebbene mai abbastanza, poiché è la virtù più necessaria e preziosa di tutte le altre. La sua efficacia è tale che anche le difficoltà più dure vengono superate facilmente, poichè tutto è possibile a chi ama e nulla gli può resistere.

Gli effetti dell' amore sono veramente meravigliosi e degni di essere meditati continuamente, desiderati e chiesti con insistenza indefettibile. L' autore dell' imitazione di Cristo li riassume in modo eccellente con poche parole:

8. « Gran cosa è I' amore, anzi il massimo d'ogni bene; perchè rende leggero ogni peso e sopporta con animo eguale ogni cosa ineguale.

9. Poichè sopporta il peso senza peso e ogni cosa amara la rende dolce e saporita.

10. L' amore di Gesù è veramente nobile e spinge ad operare cose grandi ed eccita a desiderare cose sempre più perfette.

11. L' amore mira a cose sublimi nè soffre di essere trattenuto da alcuna cosa bassa.

12. L' amore vuole essere libero e lungi da ogni umana affezione affinchè 1' interno sguardo non venga mai impedito; affinchè non si trovi implicato per causa di temporali comodità oppure soccomba per le avversità.

13. Niuna cosa è più dolce dell' amore; niente più forte, niente più sublime, niente più largo niente più piacevole, niente più pieno nè migliore; perchè 1' amore è nato da Dio: nè può trovare se non in Dio il suo riposo sopra tutte le cose.

14. , L' amante vola, corre e si rallegra: è libero e non è tenuto da impedimenti. Dà tutto per il tutto e possiede tutto in tutte le cose perchè riposa solo in chi è sommo e superiore a tutte le cose dal quale fluisce e proviene ogni bene.

16. Non guarda al dono ma si volge sopra ogni bene al donatore.

17. L'amore spesso non conosce misura: ma s'infiamma sopra, ogni misura.

18. L'amore non sente il peso, non tiene conto delle fatiche, desidera più di quello che possa; non si preoccupa dell' impossibilità; perché crede che ogni cosa gli sia possibile e lecita. 19. Crede dunque di poter tutto; compie molte cose e le traduce in atto: mentre chi non ama vien meno e cade affranto».

Non finirebbe mai chi volesse riferire tutti gli effetti dell'amore. Basta dire che rimette tutti i peccati e, se è perfettissimo e intensissimo, toglie tutta la pena eterna e temporale, arricchisce l'anima di meriti innumerevoli e niente è più atto a spingere le anime all'eroismo e ad operare in noi e negli altri la santificazione. Ecco la scienza delle scienze che ognuno dovrebbe imparare con ogni impegno e insegnare agli altri con ogni cura e diligenza. Ecco il secreto dei secreti, ecco il tesoro dei tesori, ecco la vera letizia di S. Francesco d' Assisi. L' imitazione di Cristo dice che 1' amore spesso non conosce misura, ma la Vergine insegna assolutamente che non c' è misura all'amore e che il suo cuore non misura mai, come abbiamo visto testè.

Tra tutti gli effetti dell' amore nessuno è più eccellente, prezioso e desiderato di quello di morire di amore. Fortis ut mors dilectio (Cast. 86). Sì, l' amore può giungere a tale intensità da produrre la morte, come si legge di alcune persone, tra le quali la Vergine santissima, di cui anzi si crede comunemente che solo per un miracolo sopravvisse alla morte di Gesù e al desiderio ardentissimo di riunirsi al suo Diletto.

Si riferiscono altri esempi di peccatori e peccatrici che sono morti per la forza dell' amore (e del dolore dei peccati) e piamente si crede che non siano passati per le fiamme del purgatorio ma che siano volati immediatamente in Paradiso. Tra questi faccio ben volentieri menzione di quel grande peccatore riferito da Tommaso di Cantimbrè e da Antonio Zaccaria (a pag. 251 del suo tesoro di racconti). Questi si confessò con tale dolore e singhiozzi dei suoi peccati che il suo confessore Pietro de Corbeil, Arcivescovo di Sens, ne fu tutto stupito e non cessava di ammirare la bontà e misericordia di Dio verso quel peccatore, cui volle imporre una penitenza molto leggera. Alle richieste insistenti e supplichevoli di una penitenza molto superiore, il santo Arcivescovo vedendolo disposto a qualuuque sacrificio, la diminuì ancora e la ridusse quasi a niente, cioè ad un solo Pater noster. Il penitente ne fu talmente commosso e il dolore dei suoi peccati giunse a tal punto che cadde morto ai piedi del confessore.

Il sullodato A. Zaccaria ci parla di due grandi peccatrici, di cui la vita e la fine furono quasi identiche. Ambedue commisero tali enormità che non si crederebbero possibili se non si conoscesse a quali eccessi conducono la corruzione e le passioni non mortificate. Queste due povere vittime del peccato al sentire predicare le meraviglie della bontà e misericordia di Dio, si commossero talmente che versarono torrenti di lacrime e morirono di dolore. Di una di queste, il confessore conobbe per divina ispirazione che non era passata per le fiamme del purgatorio. La seconda non si può dedurre una diversa conclusione avendo fatto ana fine del tutto identica.

Anche al buon ladrone, tutto non sia morto di dolore (lei propri peccati, se gli venne fatta la promessa del Paradiso si deve all' efficacia del suo pentimento intensissiuio o sincero.

Da ciò si può dedurre di quanti meriti si arricchisca colui che fa continui atti d' muore perfetto e puro.

 

IV

MESSAGGI E RICHIESTE DEI SS. CUORI DI GESU' E DI MARIA.

Se vogliamo che la devozione ai SS. Cuori di Gesù e di Maria sia veramente accetta ai medesimi e che ci conduca alla necessaria trasformazione spirituale che è opera esclusiva dell' amore, si richiedono da parte nostra non soltanto pie pratiche e preghiere ma specialmente una volontà ferma e risoluta di assecondare i loro desideri in tutto. Noi conosciamo i desideri dei SS. Cuore di Gesù e di Maria, poichè si sono degnati di manifestarceli. Non solo dobbiamo amare ed odorare immensamente questi Cuori benignissimi, ma impegnarci a fondo nell' accogliere ed eseguire fedelmente le loro richieste che mirano senza dubbio al nostro perfezionamento e alla nostra.salvezza, non che al regno della pace e del benessere.

Tra le varie e molteplici richieste dei SS. Cuori di Gesù e Maria, le principali sono: La penitenza, la fuga del peccato, la pratica delle virtù e la santità del costume; di cui tratterò nel modo il più ristretto possibile, ma prima credo opportuno inserire 1' estratto dei

Messaggi di Gesù e di Maria a Berta Petit (Belgio)

« Il Cuore di Mia Madre ha diritto al titolo di doloroso e io lo voglio posto prima di quello d'Immacolato perchè se lo è acquistato.

La Chiesa ha riconosciuto in Mia Madre ciò che io stesso le ho dato. Ora è necessario e io voglio che sia riconosciuto e compreso il diritto che Mia Madre ha ad un titolo di giustizia che si è acquistato con la identificazione a tutti i miei dolori, con le sue sofferenze, i suoi sacrifici, la sua immolazione sul Calvario, accettata in una piena corrispondenza alla mia grazia e sopportata per la salvezza dell' umanità.

E soprattutto in questa corrispondenza che fu grande e perciò io domando, che 1' invocazione "Cuore Addolorato e Immacolato di Maria pregate per noi" così come io 1' ho dettata sia approvata e diffusa in tutta la Chiesa come quella indirizzata al mio Cuore e che sia recitata da ciascuno dei miei sacerdoti dopo il sacrificio della S. Messa. Essa, ha già ottenuto delle grazie e ne otterrà ancora più. Essa sarà diffusa in attesa che, attraverso la consacrazione al Cuore Addolorato e Immacolato di Mia Madre, la Chiesa sia risollevata e il mondo rinnovato.

Ciò che io voglio sgorga da ciò che io ho fatto sul Calvario. Donando a Mia Madre Giovanni come figlio non le ho io confidata la maternità dolorosa del mondo intero i le peggiori calamità che io avevo predetto sono scatenate, perciò è giunto il tempo e io voglio che i popoli si volgano verso il Cuore Addolorato di Mia Madre.

Che uno stesso grido parta da tutti i cuori « Cuore Addolorato e Immacolato di Maria pregate per noi! ».

Che questa preghiera indicata dal mio amore come ultimo rifugio, sia approvata e indulgenziata, non solo parzialmente e per una sola parte del mio gregge, ma per tutto il mondo, affinchè si diffonda come un soffio riparatore e purificatore che placherà il mio sdegno.

Questa devozione al Cuore Addolorato e Immacolato di Maria rianimerà la fede e la speranza nei cuori spezzati e nelle famiglie distrutte, aiuterà a riparare le rovine, addolcirà i dolori, sarà una nuova forza per la mia Chiesa, portando le anime non solo alla confidenza nel mio Cuore, ma anche all' abbandono al Cuore Addolorato di Mia Madre... L' umanità va verso una tormenta spaventosa essa dividerà ancor più i popoli, ridurrà al nulla le combinazioni umane, dimostrerà che nulla sussiste senza di me e che io resto il padrone dei destini dei populi.

E attraverso il Cuore Addolorato e Immacolato di Mia Madre che io voglio trionfare perchè, dopo aver cooperato alla redenzione delle anime, questa Cuore ha diritto ad una stessa cooperazione nella manifestazione della divina giustizia e del mio amore.

Grande è rnia Madre in tutto, ma specialmente nel suo Cuore martoriato, trapassato dalla stessa ferita del mio.

Perciò, volendo per questo Cuore un trionfo clamoroso, io ho atteso l'ora della miseria universale che trova una eco nel Cuore Addolorato e Immacolato di Mia Madre, senza limiti come il mio. Adottare questa devozione e diffonderla è compiere la mia volontà e rispondere all' attesa del mio cuore...

I cuori devono essere cambiati e ciò non si farà che attraverso questa devozione conosciuta, sviluppata, predicata e consigliata dapertutto.

L' ultimo rifugio che Dio dona prima della fine dei tempi...

Un uragano spaventoso si prepara. Si vedranno scatenate tutte le forze preparate con rabbia. E' questo il momento o mai più, di abbandonarsi al Cuore Addolorato e Immacolato di Mia Madre. E attraverso l'accettazione del Calvario che mia Madre ha partecipato a tutti i miei dolori. La devozione al Suo Cuore unito al Mio donerà la vera pace tanto desiderata e così poco meritata »...

Messaggio della Vergine SS. a Berta Petit.

« Gli avvenimenti si approssimano come una ombra che s' ingrandisce e si estende senza che si tenga conto, mentre essa nasconde delle scintille che ripiomberanno le nazioni nel fuoco e nel sangue. Oh! terribile prospettiva! Il mio Cuore di Madre si spezzerebbe se io non vedessi fino a qual punto la giustizia di Dio s'impone per la salvezza delle anime e per la purificazione dei popoli. Guarda la ferita del mio Cuore simile a quella di cui è ferito mio Figlio e i torrenti di grazie pronti a scaturire.

Non lasciarti abbattere da nessuna pena, da alcun inganno, da alcuna sofferenza.

Tu hai compresa quali dolori abbia sopportato il mio Cuore, quali sofferenze affrontò il mio essere per la salvezza del mondo.

Io mi sono chiamata 1' Immacolata Concezione. A te mi dico la Madre del Cuore Addolorato. Questo titolo che il mio Figlio vuole, mi è caro più d' ogni altro e per lui saranno accordate e sparse dapertutto delle grazie di Misericordia e di Salvezza. La una volontà invincibile che mio Figlio vuol vedere le anime accorrere al mio Cuore Addolorato. Io attendo questo movimento di anime col cuore traboccante di tenerezza, non chiedendo che di poter ridire al Cuore di Mio Figlio tutto ciò che sarà confidato al Mio, per ottenere per tutti delle grazie di salvezza ».

Cuore Addolorato e Immacolato di Maria, Pregate per noi

Cor Jesu Dulcissimum Miserere Nobis

Questo messaggio che mi è stato consegnato quando avevo già terminato il manoscritto, mi ha costretto ad aggiungere alcune cose e a fare alcune modificazioni che, spero, non saranno del tutto inutili. Le parole dei due messaggi riassumono tutto il pensiero e tutto il contenuto dell' opera. Non so ridire perciò la gioia che provai nel vedere chiaramente confermati il piano e lo scopo di questo lavoretto da quelli stessi che ne sono i protagonisti. Del resto, è la verità stessa che si impone e della quale non pochi hanno pure scritto e parlato, ma forse non conosciuta ed apprezzata in tutto il suo valore e larghezza. Da una tale comprensione le anime ne avrebbero tratti frutti abbondantissimi. Ad ogni modo, meglio tardi che mai.

Speriamo che i presenti e i posteri sappiano attingere a piene mani alle sorgenti inesauribili di tutte le grazie e si arricchiscano senza misura di tesori così preziosi che non ci possono involare nè i ladri, nè la morte.

Le divine parole di Gesù e di Maria meritano non solo di essere lette con ogni attenzione, ma di essere meditate spesso col fermo proposito di farne la norma della nostra vita impegnaudosi a fondo per eseguirne in tutto i preziosi insegnamenti. La fiducia della povera umanità, profondamente scossa dalle vane attese e promesse degli uomini che non vogliono capire che invano si costruisce senza Dio, viene mirabilmente rianimata da Chi tiene nelle mani le sorti del mondo.

L' immenso cumulo di rovine che hanno desolato la terra, trova la sua origine e spiegazione nell' abbandono di Dio, nell' indifferentismo religioso e non raramente nell' odio e avversione al soprannaturale. Gli uomini si ostinano a negare questa verità; ma ciò conferma in pieno 1' ignoranza e le tenebre, da cui sono dominati. E non solo quelli che non hanno studiato ma specialmente gl' intellettuali che si distinguono dagl' illetterati per una maggiore ignoranza nelle cose religiose e tenacia nell' aderire all' errore.

E se le conseguenze della scienza moderna (o meglio di una gran parte degli scienziati moderni) che non ha per base Dio, si arrestassero alla professione dell' errore speculativo, non sarebbero così disastrose; ma ciò che più spaventa, sono le distruzioni senza precedenti e i timori di ciò che si sta preparando, un avvenire addirittura catastrofico in caso di nuovi conflitti (quod Deus avertat).

In momenti così tristi ci sentiamo grandemente confortati dai due messaggi celesti, così opportuni e atti a rianimare la fede e la speranza in Dio che non dimentica le sue creature in caso di urgenti bisogni e molto più quando trattasi di estreme necessità.

Le parole di Gesù, si noti bene, non potrebbero essere più significative e forti per giungere fino al nostro cuore e per indurci a tenerle nella massima stima. Egli afferma con termini inequivocabili che la devozione al Cuore Addolorato di Maria è l' ultimo rifugio che ci addita prima della fine dei tempi.

Del resto, una volta convinti che il titolo di Cuore Addolorato è alla Vergine più caro di tutti gli altri, come risulta dalle sue parole, chi potrà dubitare che sia altresì il più vantaggioso per noi? Ciò deriva dal fatto della necessità di cooperare alla propria e all' altrui salvezza per mezzo del dolore che purificar redime, arricchisce 1' anima di meriti e la santifica. Esso è così prezioso che diventerebbe oggetto di rapina se non ci fosse ignoto il suo valore. Una giornata crocifissa supera in merito cento anni di tutti gli altri esercizi secondo la Ven. Suor M. Vittoria Angelini.

Ma se 1' efficacia del dolore è incommensurabile, non si può dubitare del valore immensamente superiore quando si tratta delle sofferenze della Madre di Dio. In Lei il dolore raggiunse gli ultimi gradi e non poteva non essere accetto a Gesù in modo tutto particolare. Basta pensare che chi soffre è madre per rendersi conto di questa verità. Nessuno può ragionevolmente dubitare che il dolore di Maria, come Madre di Dio, superi ogni eccesso tanto nell' intensità come nell' efficacia riparatrice e purificatrice.

GI'incomprensibili meriti del suo martirio spirituale Le conferiscono il titolo, non meno onorifico che meritato, di Corredentrice del genere umano, che le deve essere riconoscentissimo ed invocarne spesso il Cuore Addolorato.

Si consideri in fine che la devozione all' Addolorata è una delle più raccomandate dalla stessa Madre di Dio e dalle anime favorite di doni celesti.

Tra queste anime faccio menzione della nostra consorella D. Crocifissa Veraci, cui S. Pietro d'Alcantara apparsole, così le parlò: « Se bramì, o figlia, onorare e dar gusto alla gran Vergine Addolorata, sappila di tutto cuore compatire... Bisogna altresì che ogni anima devota dei dolori di Maria, alla compassione vi unisca ancora una vigilate premura di mitigarle le pene, con attendere a non disgustare il suo Divin Figlio, e procurare che da altri non venga offeso, essendo ciò la causa dei suoi dolori vedendo che gli uomini rinnovano con i loro peccati la dolorosa Passione al suo Diletto Figlio, con anche maggiore scempio di quello che fecero i Giudei. Questa esser deve la vera e soda devozione verso la Vergine Addolorata, che le sarà grata, e compartirà particolari grazie a tutte quelle anime che sapranno praticarla, ed otterranno con certezza nel punto della loro morte la di Lei assistenza e l'eterna salute... ».

«Figliuola, sappi che allor quando io mi presento davanti al divin trono con questo mio petto trapassato da queste sette spade di dolori da me sofferti per essere ancor io col mio Figlio Corredentrice di tutto 1' uman genere, ne riporto in abbondanza le grazie per dispensarle a' miei veri devoti ed a tutti i miei figli, che figli sono de' miei dolori, onde di tutti io son sollecita... »

Ma soprattutto noi dobbiamo meditare e praticare con ogni impegno e diligenza la devozione ai SS. Cuori di Gesù e di Maria uniti. All'unione e devozione di questi Cuori dolcissimi e benignìssimi viene promesso un trionfo clamoroso contro 1' odio satanico che non cessa di perseguitare la Chiesa, e ingannare con ogni genere di astuzie e menzogne gl' incauti figli di Eva. I Cuori di Gesù e di Maria sono stati trapassati dalla stessa ferita. Ciò non si dimentichi mai nel nostro culto ai SS. Cuori. Amare e compatire questi due Cuori con ogni dedizione con ogni ossequio e tenerezza di figli costituire un dovere che non possiamo trasciare. Come una stessa ferita li ha trapassati, così uno stesso timore da parte nostra li deve unire negli atti di pietà, invocarli e onorarli insieme con lo stesso ardore e devozione.

A questa condizione sono legate le promesse di grazie, di misericordie e di salvezza, non che del rinnovamento spirituale dei popoli e del dono della pace, tanto desiderata e così poco meritata.

Siano perciò a Dio, Uno e Trino, ai Cuori Addolorati e Immacolati di Gesù e di Maria e a tutta la Corte celeste infiniti onori, benedizioni, lodi..

Questa preghiera che nella nostra intenzione deve comprendere tutti gli atti buoni che si possono fare per onorare Dio, i SS. Cuori di Gesù e di Maria e tutti i cittadini celesti, sia sempre nelle nostre labbra e più nei nostri cuori.

 

V

PENITENZA E FUGA DEL PECCATO

Tra le condizioni imposteci, troviamo in primo luogo la penitenza e la fuga del peccato. Non c' è cosa di cui il mondo abbia tanto orrore come della prima, ma non per questo è meno necessaria, anzi indispensabile. Basta comprendere il vero e genuino significato di penitenza per essere pienamente convinti di questa verità. Essa significa detestazione, odio e orrore del peccato e dell' offesa che reca a Dio. Chi non vede in questo senso la penitenza essere assolutamente indispensabile per riacquistare la grazia e ottenere la salvezza eterna!

Le parole di Gesù non potrebbero essere più esplicite: Se non farete penitenza, ossia se non vi pentirete di vero cuore, perirete tutti. Così pure si esprime il suo precursore S. Giovanni Battista. Anche la Madonna nelle sue apparizioni a Lourdes, a Fatima e altrove non fa che ribadire la necessità della penitenza se vogliamo sfuggire alla dannazione eterna e ai divini castighi.

Dio concede tale efficacia al vero e sincero pentimento che un atto di contrizione perfetta toglie tutti i peccati dell'anima, non solo veniali ma anche mortali. E se 1' atto è intensissimo (alcuni peccatori sono morti di dolore) distrugge anche tutta la pena temporale, per cui l'anima non ha bisogno di purificarsi nel Purgatorio. Rimane l'obbligo della confessione, ma nel caso che non sia possibile, il peccatore si salva senza la medesima.

Chi non ammira la bontà di Dio che ci concede il più ampio perdono a così facili condizioni e chi non vede l'enorme ingratitudine del peccatore che non si cura di ritornare in grazia di Dio col pentirsi ma si ostina nel male ?

Intesa come mortificazione della carne, astinenza dai cibi di grasso, riduzione di quelli permessi, di riposo a divertimenti, di comodità, ricreazioni... è di consiglio per tutti e di obbligo, almeno in alcuni casi, per i peccatori e per quelli che non possono in altri modi evitare il peccato. Quando non è possibile superare una tentazione senza imporsi un sacrificio, una rinunzia, o senza fuggire uu' occasione pericolosa o senza fare a meno di una soddisfazione, come quella di leggere un libro che tratta di cose piacevoli e poco serie, pecca non raramente chi ricusa di valersi dei sopraddetti mezzi.

Sia per opera diabolica o in forza di pregiudizi, oggi il solo nome di penitenza, nessuno 1' ignora, incute spavento a molti, specialmente ai rammolliti dai piaceri e dalle eccessive comodità, per cui si rifugge anche dalle mortificazioni più leggere e dalle più piccole rinuuzie senza riflettere che in tal guisa il fedele si priva di molti meriti e grazie, 1' anima e il corpo s'infiacchiscono sempre di più e si rendono di giorno in giorno meno disposti a sostenere le avversità, a superare le dure prove, le tremende lotte della vita e ciò che più importa, a praticare il bene e la virtù. E tutto questo perchè non si pensa ai frutti dolcissimi che la penitenza ci fa gustare nel tempo e nell' eternità.

Ma i danni maggiori provengono dalla falsa opinione (radicata talmente da formare un errore comune) che poco o niente la penitenza influisca al nostro profitto spirituale e che sia nociva alla sauità corporale. Alcuni appoggiano la loro sentenza sull' esempio dei Santi moderni, specialmente di S. Teresa del Bambin Gesù, che non hanno praticate le austerità dei primi secoli della Chiesa e del medioevo, non considerando che non pochi Santi moderni sono stati austeri e che altri non hanno potuto praticare gravi privazioni per motivi di salute e che altri ne sono stati impediti dall' ubbidienza. Niente perciò di più erroneo e infondato, niente di più arbitrario e contrario alla dottrina dei Santi, non che agl' insegnamenti dell' arte salutare, di cui i più illustri esponenti attribuiscono 1' origine di molte malattie all' eccessiva e troppo squisita nutrizione (erbaggi ed acqua, non vino e carne). Se il superfluo dei ricchi venisse erogato ai poveri, quante malattie di meno, dovute alla ipernutrizione degli uni e alla denutrizione degli altri! Se venisse ridotto in gran parte il lusso delle vesti, delle abitazioni e degli alimenti da parte dei privilegiati, si avrebbe il magnifico equilibrio, voluto dal Vangelo, non che il benessere sociale, l'amore reciproco in luogo dell'odio e la concordia delle nazioni in luogo delle rivoluzioni e guerre civili. Lo spettacolo dei bimbi, privi d' un pezzo di pane, e di cani nutriti a profusione, non è soltanto ributtante, ma un vero delitto e disprezzo contro i miseri.

La divina giustizia minacciava gravi castighi ai Fiorentini, come si legge nella vita della Ven. Suor Domenica dal Paradiso, per la loro crudeltà verso i poveri (ricusare il soccorso ai miseri è una vera crudeltà, non semplice mancanza alla carità, come vien chiamata blandamente da alcuni). Oggi la società non è rinsavita e perciò la divina giustizia è già in azione per mezzo dei comunisti che hanno distrutto immense ricchezze e sono ancora ben lungi dall' arrestare la loro marcia.

Il Peccato. Che mostro orrendo deve essere il peccato se pur distruggerlo, oltre la Vittima d' infinito valore, 1' UomoDio, il Signore richiede le sofferenze di altre vittime innocenti, onde placare la divina giustizia! Occorre dunque la penitenza non solo dei malvagi ma anche dei buoni per ottenere il perdono del maledetto peccato. Prima di commetterlo tutti dovrebbero riflettere alle inaudite sofferenze di tante creature innocenti che s' immolano per le colpe altrui.

Il peccatore per un vile piacere e non raramente senza alcun vantaggio offende Dio, si espone al pericolo di perdersi eternamente, fa soffrire vittime innocenti e non inorridisce e non indietreggia di fronte alla colpa. Ecco il mistero d' iniquità che nemmeno i più grandi geni, come 1'Aquinate, hanno potuto comprendere.

Nè potrebbe essere diversamente, poichè il peccato è in qualche modo un male infinito recando offesa a Dio, bene sommo e illimitato, tende a distruggere il Creatore nel senso che il peccatore non vorrebbe che Dio esistesse e lo punisse. L' offende perchè disubbidisce alla sua legge e cerca sottrarsi al suo supremo dominio che nega apertamente o implicitamente. Egli, come creatore, dominatore e governatore dell'universo possiede assolutamente diritti inalienabili alla totale e perfetta sudditanza e dipendenza della sua creatura che ha ricevuto tutto nell' ordìne naturale e più direttamente in quello soprannaturale, di cui la minima grazia ha un valore immensamente superiore ad ogni tesoro terreno. Chi non comprende da ciò come la giustizia non solo richiede da noi ogni ossequio e rispetto verso il Creatore ma soprattutto somma gratitudine e ardentissimo amore! Ora tutto ciò viene dimenticato ‹dal peccatore, il quale rifiuta a Dio i suoi pensieri, affetti desideri, devozione, adorazione, lodi, benedizioni, ringraziamenti e tutto ciò che Gli è dovuto per darlo a se stesso e alle creature.

Ciò significa emanciparsi da Dio e concentrarsi in se stesso, violando in pieno il primo e più essenziale dovere della creatura verso il suo Creatore, dare tutto a Dio, perchè è tutto e merita tutto e soltanto dentro certi limiti, il giusto alle creature ma non senza relazione al Datore d' ogni bene, in modo che 1' onorato e adorato sia sempre Dio o direttamente in se stesso o indirettamente nelle creature. Chi loda una statua, una pittura, un libro, abbia o non abbia 1' intenzione, 1' elogio si rifonde nello scultore, nel pittore, nello scrittore. Questa è una verità che rifulge talmente da non potersi negare senza cadere nel ridicolo. Per questo noi dobbiamo vedere in tutto e tutto in Dio, formare spesso 1' intenzione di glorificarlo in tutto e a riferire tutto a Dio e sempre risalire alla prima causa, cui sia ogni onore e gloria per tutta quanta 1' eternità.

Il peccato rompe quella bella e mirabile armonia che regna nell' universo, in cui ogni essere inferiore ubbidisce al suo superiore e tutti al Creatore con tale perfezione che tutte le cose inanimate e tutti gli animali non vengono mai meno nell' eseguire gli ordini di Colui che tutto muove, dirige, ordina e governa con infinita sapienza e conduce le creature ragionevoli ad un fine unico e supremo la gloria di Dio e la nostra felicità. Ribellarsi all' ordine stupendo (che ammiriamo da per tuttoe c' incanta e invita potentemente a glorificare il sommo Dominatore che tutto regola con arte che mai falla) col negarGli il dovuto omaggio e assoluta e totale dipendenza, constituisce il peccato, di cui non si può pensare niente di più orribile e detestabile.

Il peccato, il peggiore di tutti i nemici e l' assassino il più crudele di qualunque altro, spoglia, 1' anima di tutto ciò che possiede di bello e prezioso e la rende talmente deforme che nessuno potrebbe sopportarne la vista. Se fosse ornata di meriti e fosse più progredita di qualunque altra, creatura nella perfezione e superasse nella bellezza, anche i Cherubini, con un solo peccato mortale perderebbe tutto. Dalle braccia del più tenero dei padri cadrebbe in balia del più duro e crudele dei tiranni, il demonio, e da figlia di Dio (e come, tale la sua dignità ha qualche cosa d' infinito) ed erede del Paradiso, diventerebbe meno che niente e ludìbrio (lei suoi nemici infernali.

Ecco gli effetti orrendi e le conseguenze spaventevoli del peccato che si commette da molti senza riflettervi, mentre si dovrebbe temere più di qualunque male ed evitare ad ogni costo. Non per niente i Santi e gli scrittori sacri affermano che non si dovrebbe commettere un peccato, anche veniale, per qualunque vantaggio che si potesse ottenere o per qualunque male che si potesse evitare... Fanno perfino 1' ipotesi impossibile della liberazione di tutti i dannati dall' inferno e dicono che se per questo si dovesse commettere un peccato veniale,. la pena di tuttì i reprobi sarebbe un male minore dell' offesa di Dio. E, se per un' ipotesi più assurda ancora, tutti i Santi e gli Angeli del Paradiso dovessero perire e ciò si potesse impedire con un solo peccato veniale, non si dovrebbe commettere. Da ciò risulta che non vi può essere un danno più, grave del peccato e che nessun vantaggio, si trattasse anche di tutti i tesori del mondo, ci scusa dalla colpa.

Se per un solo peccato di pensiero sono precipìtati innumerevoli angeli nell' inferno e se per la colpa dei nostri primogenitori vediamo il mondo immerso in una colluvie di mali che c' inorridisce e ci spaventa, quali pene e conseguenze orribili non devono aspettarsi e temere quelli che commettono peccati d' ogni genere e senza numero? Ma tra tutti gli argomenti che si possono riferire, nessuno vale quanto quello della morte di Gesù. Non sono i Giudei o Pilato che uccidono 1' autore della vita, 1' UomoDio, dai quali Egli si liberò tutte le volte che Gli attentarono la vita, ma soltanto il peccato 1' indusse ad immolarsi per noi, a darsi nelle mani dei suoi nemici e subire la morte per liberarci dalla morte eterna e donarci la vita. Il peccato dunque ha fatto morire non solo gli uomini ma anche Dio. Se questo pensiero che dovremmo tenere sempre presente, non è capace a farci fuggire il peccato come l'unico e sommo male, non si può dedurre altra conclusione, che si tratta di persone prive non solo di fede ma anche di ragione, non d'altro degne che del manicomio o della prigione.

 

VI

LA SUPERBIA

Non c' è dubbio che noi dobbiamo odiare e detestare tutti i peccati, perchè tutti sono abbominati (la Dio, autore di tutte le cose belle e nemico del male, di cui non si può immaginare niente di più brutto ed orribile. Ma tra i peccati ve ne sono di quelli più gravi e dannosi, causa, origine e radice di tutti gli altri. Contro questi è necessario manovrare le prime armi, dirigere i colpi più poderosi e fare ogni sforzo per abbatterli, sicuri che, perito il padre, sarà distrutta anche la numerosa prole, ossia tutti gli altri peccati.

Tutti riconoscono che i vizi capitali sono la putrida sorgente e la diabolica fucina d' ogni peccato, ma di tutti il condottiero più pericoloso e l'animatore indefettibile d' ogni iniquità è la maledetta superbia (initium omnis peccati est superbia). Da questa madre scellerata e perversa nascono 1' amor proprio, 1' ambizione, la vanagloria, 1' egoismo, il disprezzo degli altri, le prepotenze, le discordie, le inimicizie, le vendette, gli odi, le mormorazioni, le ingiurie, le detrazioni... La natura umana è così inclinata a questo vizio che nasce tre giorni prima di noi e muore tre giorni dopo. E' così inerente all'uomo che tutti, più o meno, ne sono schiavi, spesso senza accorgersene, e nessuno ne trionfa perfettamente senza una grazia. o meglio privilegio speciale. E' un appetito disordinato della propria eccellenza, un attaccamento esagerato alla propria stima, una ricerca, più o meno affannosa e persistente, degli onori, della fama, un desiderio che non ci abbandona quasi mai di essere ben voluti e presi in considerazione. E' un vizio accentratore che tende a togliere tutto al Creatore e al prossimo per darlo a se stesso mettendo il proprio io al luogo di Dio. Il superbo dimentica Dio e gli altri per ricordarsi soltanto di se stesso e di chi gli è utile; non vede i meriti altrui ma solo i propri, non riferisce tutto a Dio dandone a lui solo onore e gloria, non apprezza i divini benefici, in una parola non cerca che se stesso e non vive che per se stesso. è invidioso, mormoratore, detrattore, uno scellerato che non esclude nessun vizio, che non conosce alcuna virtù, che non ha nessun rispetto o riguardo per alcuno, che nega ogni diritto, che si crede capace di grandi cose, mentre è incapace d' ogni bene a capace d' ogni male.

Non c' è un peccato che Dio abbia più in odio e punisca con umiliazioni più spaventevoli. Gli angeli e i nostri primogenitori che decaddero dallo splendore di doti eminenti e d' immensa felicità sono gli esempi più noti e le vittime più disgraziate. Tutti quelli che li hanno imitati, hanno incontrata la stessa sorte. Si pensi ad un Nobucodonosor che credendosi Dio, diviene come una bestia, mangia 1' erba e striscia per terra come un animale. Nè meno spaventosamente venne punito Aman, grande favorito del re Assuero e divenuto quasi onnipotente alla sua corte. Per amore di brevità non posso riferire tutte le circostanze della sua caduta che lo costrinsero a portare in trionfo Mardocheo, tanto da lui disprezzato che fece tutto il possibile per, ottenere dal re il permesso di farlo morire, perché non voleva piegare dovanti a lui le ginocchia e adorarlo come dio. La Superbia di quel mostro giunse a tale eccesso che per un puntiglio d' onore avrebbe sacrificata la vita non solo di Mardocheo ma di tutto il popolo ebreo, se Dio, stanco per tanta perfidia, non 1' avesse impedito, anzi non avesse disposte le cose in tal guisa che avvenisse tutto il contrario. Assuero, infatti, venne informato di tutto, riconobbe 1' empietà del suo ministro, andò sulle furie e lo condannò a perire su quella stessa forca che aveva preparato per Mardocheo. Iddio non sempre aspetta il sabato a far giustizia. Quando i delitti sono tali che non ammettono dilazione, colpisce subito.

Gesù non perdona nemmeno alle persone più care, quando vede in esse 1' orgoglio, sia pure in proporzioni non gravi. S. Pietro si ritenne più forte di quello che non era vantandosi che gli sarebbe venuta meno prima la vita che la fede. E Gesù gli predisse subito la sua triplice caduta che l' umiliò fino alla polvere e 1' indusse a piangere fino alla morte il suo peccato con tale abbondanza di lacrime che ne rimasero impresse le traccìc nel suo viso. E buon per lui che non dubitò della bontà del Maestro. Il che gl' impedì di fare la fine di Giuda, come sappiamo essere avvenuto a tanti altri impenitenti.

Fra questi è doloroso dover ricordare quel povero e disgraziato Fra Giustino, giunto a tal grado di virtù e di contemplazione che ben sovente si vedeva elevato in estasi. Il papa Eugenio IV, fatto consapevole di ciò che si diceva di F. Giustino, volle vederlo. Lo trattò con tanta benignità e lo ricolmò di tali onori che il demone della superbia s'impossessò di lui e lo fece cadere in gravissimi eccessi, finchè, imprigionato, finì miseramente i suoi giorni. S. Giovanni da Capistrano che lo incontrò al suo ritorno dal Vaticano; gli disse che era entrato angelo nel palazzo del papa e ritornato demonio.

Ecco in quali abissi precipita 1' orgoglio, se non combattiamo con ogni impegno questa perversa passione che ci rende odiosi a Dio e insopportabili agli uomini. Quante altre clamorose cadute potrei riferire, dovute all' orgoglio, causa di tutti, i vizi, se non me l'impedisse la brevità.

 

VII. L'AVARIZIA

Il vizio che dobbiamo combattere con ogni impegno per le innumerevoli anime che travolge nella colpa e nella rovina, è 1' avarizia, ossia il disordinato attaccamento alle ricchezze e ai beni terreni. Gesù non proibisce il desiderio e lo sforzo per migliorare le proprie condizioni economiche e molto meno la ricerca dei mezzi per provvedere alle proprie necessità, anzi ciò, specialmente pei padri di famiglia, costituisce un sacrosanto dovere che non si può violare senza commettere una vera empietà verso i propri cari. Ciò che Gesù aborrisce e colpisce a caratteri di fuoco, sono le soverchie sollecitudini e le continue preoccupazioni per il futuro, per ciò che ci occorre per nutrirci, vestirci...

Gesù vuole da noi un perfetto abbandono e una piena fiducia nella bontà del Padre celeste che vede tutto e provvede a tutti i nostri bisogni con abbondanza e larghezza, degne della sua onnipotenza. Ogni dubbio e qualunque mancanza di fede nella olivina Provvidenza offende immensamente il Padre nostro che è tutta bontà e misericordia. Lui che pensa a rivestire i gigli e i fiori di tanto splendore e nutrisce gli uccellini dell' aria, potrà dimenticare i suoi figli, di cui il valore supera senza paragone le altre creature? Chi non vive tranquillo e sicuro nelle mani di Dio, mostra, di non avere piena confidenza nell'infinita bontà del Creatore. E' necessario escludere ogni sue perfezioni.

Le parole di Gesù che chiamano beati i poveri di spirito minacciano guai ai ricchi e dicono che non si può servire a due padroni, a Dio e alle ricchezze, sono una tale portata che non è facile raggiungerla con la nostra intelligenza. Noi sappiamo che anche per gli altri vizi innumerevoli anime si perdono, mentre Gesù nomina soltanto il peccato dell' avarizia che impedisce di servire Dio e di salvarci. Da ciò risulta troppo chiaro che 1' abuso del danaro conduce a commettere tutti gli altri peccati e che è il principale alleato del demonio e di tutti i vizi. Infatti, a nessun' altra cosa si pensa così spesso come al danaro e nessun' altra cosa tiene avvinto il cuore e la mente degli uomini come il vile metallo, davanti al quale si piega ogni ginocchio e trova sempre e dovunque innumerevoli adoratori (pochi veri adoratori del vero Dio, Uno e Trino e molti quelli del dio quattrino). Gesù perciò, a cui niun' altra cosa sta a cuore come la nostra salvezza, e la nostra perfezione, insiste con espressioni geniali sulla necessità di non occupare il nostro spirito più del necessario nella ricerca delle cose terrene, in modo particolare del danaro. Egli ha voluto impegnare la sua parola con 1' assicurarci che, se metteremo in Dio tutta la nostra fiducia e cercheremo con ogni sollecitudine la gloria di Dio e le cose celesti, non ci mancherà ciò che ci occorre per il corpo. Dio provvederà, anche con miracoli, operati spesso dai Santi nelle loro necessità, mentre se cercheremo il danaro oltre i limiti dell' onesto e abuseremo di essa per soddisfare alle proprie passioni, come ordinariamente avviene, con la morte perderemo i beni terreni e quelli celesti. Tra gl' innumerevoli esempi di spaventevoli delitti, ai quali induce 1' avarizia, riferisco quello d' un vecchio che, fattosi portare un sacco pieno di monete (l'oro, si mise a parlare con tanta gioia che non potendo reggere la sua debolissima salute all' intensa commozione rese l'ultimo respiro. Morire di gioia in vista di tesori che sarebbero stati perduti per sempre! Non so se si può immaginare una morte più orribile.

D' un altro avaro, in possesso d'una, vistosa somma (un milione e mezzo), si narra che metteva tutta la sua cura nel custodirla, chiuso in una casa, tutta munita di ferro dentro e fuori. Per la paura di perdere i suoi tesori non usciva mai fuori e non si nutriva che molto scarsamente, finchè venne colpito dalla morte in condizioni degne di così ributtante avarizia.

La persona che si recava una volta la settimana a portare la ben ridotta provvista di alimenti al ricco avaro, batte alla porta e non ricevendo risposta, immagina ciò che era successo. Avverte la polizia che, penetrata nella squallida abitazione, vi trovò disteso il cadavere putrefatto del misero avaro, circondato (la sacchetti d'oro e d'argento).

Nella città di Poltava si svolse un dramma atrocissimo che finì con la distruzione tragica e completa d' una famiglia. Un giovane polacco, arruolatosi volontario nell' esercito russo, riuscì a farsi una considerevole fortuna. Dopo un' assenza piuttosto lunga, spinto dal desiderio di rivedere i suoi cari, si mise in cammino per ritornare in patria. Giunto non lungi dalla sua famiglia e incontratosi con la sorella, si manifestò per suo fratello e le palesò tutto 1' accaduto. E perchò la sorella non poteva rientrare in famiglia che il giorno appresso e il fratello desiderava che tutti fossero presenti alla festa, pensò di presentarsi ai genitori senza farsi conoscere. Alloggiato come pellegrino, i genitori concepirono 1' infame disegno d' impadronirsi dei suoi tesori che dal peso delle valigie argomentarono rilevanti. E così fecero.

Al ritorno, la sorella domandò dove fosse il fratello, raccontando il suo felice incontro. Da principio, i genitori pensarono che la povera figliola fosse impazzita, ma quando vennero a conoscere tutti i particolari del colloquio tra fratello e sorella, s'accorsero a qual punto li aveva condotti 1' infame cupidigia del denaro e caddero in tale disperazione che il padre s'impiccò, la madre e la figliola perirono di dolore .

 

VIII. LA LUSSURIA

Il vizio che regna universalmente e sotto molti aspetti più rovinoso e deleterio di qualuque altro, compresa la superbia, consiste nell' appetito disordinato e nell'abuso dei piaceri sensuali, leciti soltanto tra i coniugi.

Il superbo pecca da angelo, il lussurioso da bestia, di cui spesso si rende più brutale, esoso e più abbietto con atti contro natura e con eccessi orribili.

Quale orrore vedere 1' uomo, specialmente il cristiano, creato ad immagine di Dio e insignito d' una dignità incomparabile, abbandonarsi a tali depravazioni da farlo discendere ad un livello inferiore a quello degli animali immondi! Chi non freme di sdegno e di ribrezzo di fronte a tali eccessi di libidine che imbrattano 1' anima e il corpo rendendo la prima degna del fuoco eterno e il secondo preda di così schifose malattie che le persone pie non osano nemmeno nominare!

Povera umanità, così nobile per la sua origine e divinizzata da Colui che ci ha amato fino a morire in croce per distruggere il peccato, tanto avvilita da questo vizio, che basta visitare un ospedale, dove si curano le sue vittime, per concepirne un odio e un'avversione indelebile! Solo chi non riflette alle innumerevoli famiglie rovinate e alle nazioni distrutte, non che alle malattie ignominiose che conducono un numero incalcolabile di giovinezze fiorenti alla tomba dopo atroci sofferenze nelle carni martoriate e impudridite (e tutto questo è niente in confronto delle fiamme eterne che divoreranno le anime) può pensare a bere la feccia del piacere che copre i suoi schiavi di vergogna e priva degli eterni godimenti del Paradiso.

Ma, purtroppo 1' umana fragilità giunge a tal grado che nè la forza degli argomenti nè le minaccie più spaventevoli o qualunque altra considerazione valgono a frenarla e tenerla lungi dal peccato impuro, come insegna la dolorosa storia dell'umanità dagli inizi fino ad oggi, inzozzata e depravata dal brutto vizio che contamina dovunque ogni genere di persone d' ogni età, sesso e condizione. Non tutti gli educatori, confessori e predicatori mettono ogni impegno nell' approfondire l'eccezionale gravità del problema morale nè tutti sono pienamente convinti dell' immense rovine prodotte dalla corruzione. Per questo non usano tutti i mezzi, di cui potrebbero disporre per arginare il male e non fanno quanto potrebbero e dovrebbero per salvare la povera umanità dal nemico più pericoloro che fa strage ogni giorno d'innumerevoli vittime. Pare che non si creda ai Santi, unanimi nell' affermare che quasi tutti si dannano per il vizio della carne, anzi S. Alfonso non dubita di affermare che tutti si perdono per questo o almeno non senza questo peccato.

Tutto ciò dovrebbe spaventare ognuno ed impedirgli di profanare il tempio di Dio, ossia il proprio corpo, e rispettare la sublime dignità di cristiani ma nè la visione dei danni temporali nè di quelli eterni ci terranno lontano dal precipizio. La vittoria totale non possiamo aspettarcela che dall' aiuto di Dio e dai SS. Cuori di Gesù e di Maria che ci promettono tutta la loro protezione e ogni sorta di grazie.

Da Gesù e dalla più pura tra le creature attendiamo ciò che nessuno ha potuto ottenere: la salvezza del genere umano dal naufragio quasi universale dell' immoralità che riempie il mondo d' infelici e 1' inferno di dannati. Nel patrocinio e nelle promesse di questi due Cuori benignissimi noi fondiamo la nostra speranza, sicuri che Gesù regnerà a dispetto dei suoi nemici e che Maria trionferà e che molte anime si salveranno per mezzo della devozione al suo Cuore Immacolato. Noi perciò ricorriarno con fiducia al suo Cuore Immacolato, fonte inesauribile di grazie, fortezza e speranza dei deboli, dolce e sicuro rifugio nelle tempeste. Per Lei e con Lei noi lotteremo con tutto 1' àrdore possibile e immaginabile fino alla vittoria contro 1' astuto serpente, dal suo virgineo piede confuso e debellato. Si, lo studio del problema morale e 1' esperienza ci costringono ad ammettere che nessun altro vizio acceca la mente e indurisce il cuore, abbrutisce i suoi schiavi come quello della carne che popola gli ospedali d'infelici. Poche sono le famiglie che non contino tra i loro membri qualche vittima di questa lupa insaziabile, divoratrice di anime, di sostanze, di onore, di salute fisica, mentale e morale; lupa che, dopo il pasto, ha più faine che pria, come dice il poeta.

Una volta caduti in balia dello spirito immondo, ben presto si contraggono pessime abitudini, le quali diventano in seguito necessità e catene che soltanto grazie specialissime potranno spezzare. Ciò che più ci rattrista e spaventa è il vedere che spesso le povere vittime tentano scuotere il giogo di schiave e liberarsi dalla perversa passione ma troppo spesso senza successo e senza perseverare fino alla morte, come la preda che stretta dalle orribili spire del serpente boa, invano si dibatte e compie sforzi disperati per potersi svincolare. E' tanto difficile emendarsi del tutto per gli schiavi da questa passione, la più forte e pericolosa di tutte le altre, che alcuni, riusciti vincitori, sono in seguito ricaduti, non ostante tutti i propositi, le esortazioni e le minaccie degli uomini e del Cielo.

Ma le difficoltà cessano del tutto con 1' efficacia della grazia che si ottiene infallibilmente da chi prega sempre e dovunque e con le debite condizioni, da chi usa tutti i mezzi per non ricadere e fugge tutte le occasioni, ma specialmente, come abbiamo detto, da chi ricorre ai SS. Cuori di Gesù e di Maria e ripone in essi tutta la sua fiducia.

Tra gli esempi che dovrebbero incutere terrore alle vittime della turpitudine che le rende insensibili e refrettarie a tutto, abuliche e restie a qualunque richiamo, riferisco quello d' un ricchissimo signore che viveva immerso nelle più infami sozzure e che non volle abbandonare nemmeno dopo tre apparizioni (in sogno) di S. Saviniano. Rimase alquanto turbato alla prima, ma non solo non si arrese alle parole del celeste personaggio, patrono di quel castello ma se ne burlò dicendo che era tanto santo da meritare le visioni. Alla terza visione che lo minacciava severamente, parve scuotersi il misero giovane ma la passione e i cattivi compagni vinsero anche allora.

E così poco dopo fu trovato dai servi moribondo. Atterriti da quello spettacolo, credettero di trovarsi di fronte ad un malore improvviso, ma egli stesso li disingannò dicendo che era stato avvisato. E l' impenitente spirò tragicamente.

Un altro giovane non ricevè grazie tenori e non fece una fine meno disperata. In sogno vide 1' eterno giudice in atto di precipitarlo nell' inferno per le sue sozzure, se la Vergine Santissima non gli avesse ottenuto il perdono.

Questa visione e 1' improvvisa uccisione d' un compagno che si opponeva alla sua conversione, 1' indussero a confessarsi con abbondanti lacrime e risolversi a vestire 1' abito religioso. Ma 1'esito di queste magnifiche promesse fecero vedere ancora una volta quanto sia rara una vera conversione quando il vizio ha messo profonde radici. L'infelice giovane non solo non distribuì il danaro ai poveri, come aveva promesso, ma lo consumò tutto in crapole e dissolutezze, immergendosi nel fango d'ogni immondezza peggio di prima. Prostrato di forze fisicamente e moralmente, come avviene a tutti i viziosi, vide 1' inferno spalancato e se non vi cadde fu solo per 1' intercessione di Maria che per la seconda volta si degnò d'intervenire in suo favore. Ristabilito in salute, non perseverò a lungo nella buona via, ricadde nel peccato e nella miseria. Gli sorrise ancora la fortuna, poichè recatosi nel Perù, vi fece lucrosi acquisti. Anche questa volta però, consumò tutto nei vizi, per cui cadde ammalato e come tale venne accolto in un ospedale. Ricuperata anche questa volta la salute dell' anima e del corpo per bontà di Dio e per lo zelo del P. Perlino, illustre missionario, non seppe perseverare nel bene, abusò ancora di tanti benefici, finchè morì disperato, agitato come una furia infernale e urlando come uu ossesso davanti al suddetto Padre che per caso si trovò presente a così tremendo castigo.

« Di somiglianti fatti terribilissimi se ne potrebbero raccontare senza numero. Guai a chi non se ne approfitta »

 

IX. LA BESTEMMIA.

l. Delitto il più grave, sciocco, irragionevole, Intollerabile, Incredibile. 2. Obbrobrioso primato. 3. Castighi.

1. Il secondo peccato, di cui ci parla la Madonna a Fatima, è la bestemmia, contro la quale non si inveisce mai abbastanza. è il delitto più orribile che si possa immaginare, più detestabile e perverso, di cui nessuna lingua, nessuna penna potranno esprimere la gravità e l' offesa che reca a Dio. Anche Gesù nel suo messaggio a Heede in Germania ci dice che molti Lo bestemmiano e che perciò dovrà permettere che molte sciagure si abbattano nel mondo, per mezzo delle quali moltissimi si salveranno. Le parole di Gesù, tuttochè condannino tutti gli altri peccati, ci fanno pensare che la bestemmia sia la causa principale dei gravissimi castighi che Egli ci minaccia. E non a torto, poichè la bestemmia è un peccato gravissimo, enorme, d'una malizia peggiore di quella satanica. Infatti il demonio bestemmia, perchè viene punito atrocemente dalla giustizia divina, mentre 1' uomo cade in tale delitto quando la mano di Dio lo ricolma d' innumerevoli benefici. Si tratta perciò della più nera e infame ingratitudine, talmente ributtante che non si dovrebbe tollerare da nessunò. Ogni peccato, dice S. Tommaso, è leggero in confronto della bestemmia, di cui non si può immaginare un atto più vile e sciocco.

Ciò risulta dal fatto che il bestemmiatore offende Dio in un modo diretto, non solo nega gli attributi divini ma Gli attribuisce i peggiori difetti e le più detestabili azioni. Negli altri peccati 1' uomo ne ricava qualche utile o soddisfazione, mentre dalla bestemmia non ricava altro vantaggio che il disonore, il rimorso della propria coscienza, la perdita del Paradiso e 1' acquisto dell' inferno, per tutta 1' eternità. Come è possibile sopportare una tale perversità contro il più generoso dei benefattori che ci ha dato la vita e ce la conserva, che è morto per salvarci e ricolmarci d' ogni bene? Eppure non solo si tollera, ma si permette che si bestemmi con estrema facilità dagli amici, dai parenti e dipendenti in ogni luogo e in ogni tempo senza riflettere che si rende riprovevole chi non impedisce il male quando si può, senza gravi difficoltà. La bestemmia è un delitto che offende ogni credente, come non si possono offendere i figli senza recare ingiurìa ai genitori o viceversa. Ora nessuna persona ci può essere più cara di Dio, perchè nessuna è più congiunta con noi e più benefattrice di Dio. Ognuno perciò dovrebbe insorgere e difendere 1' onore di Dio con tutti i modi e mezzi possibili e additare i bestemmiatori come la causa dei gravissimi gastighi che ci colpiscono.

2. Quando si pensa che questo vizio è divenuto così comune in Italia che ne detiene l' obbrobrioso primato, non si può non provare una pena atrocissima e versare lacrime di sangue. La nazione privilegiata e così illustre non solo per la grandiosità delle imprese militari, per il numero e per il pregio di monumenti artistici, sacri e profani, per le rare bellezze dei suoi monti, delle colline e pianure, per la sua storia gloriosa, per i suoi eroi, ma specialmente per i suoi Santi e per la sede pontificia, dimentica le sue glorie e si degrada per un vizio il più grave, ridicolo, sciocco e irragionevole.

Arrossire di appartenere ad una nazione insigne per colpa di lingue blasfeme che la disonorano e ne allontanano i visitatori con detrimento del nostro prestigio e in parte anche delle finanze, costituisce un reato che tutti dobbiamo combattere con ogni mezzo. E questo infame e detestabile primato E` tanto più orribile quanto più assume proporzioni gravissime in confronto di altre nazioni. In alcune zone della Germania tanto la bestemmia come il turpiloquio esulano quasi del tutto, mentre in alcune regioni dell' Italia tale diabolico linguaggio abbonda in modo allarmante. Quale ignominia e confusione per noi il dover costatare che la bestemmia è divenuta la nostra tessera di riconoscimento!

Mi fece fremere di sdegno immenso ciò che riferisce un nostro missionario. Dopo 25 anni di apostolato in Cina, ritornato in patria, proferì queste parole che ci dovrebbero far meditare per tutta la vita. « In tutto il tempo passato in Cina non ho mai udito una bestemmia nè veduto un uomo ubriaco ». In Italia non si può vivere per simili disordini che si moltiplicano in modo spaventevole ed insopportabile.

3. Non c'è da stupire se i popoli bestemmiatori siano puniti con flagelli tremendi e siano disprezzati e aborriti da Dio e dagli uornini. Anche le leggi umane hanno proceduto con somma severità contro i bestemmiatori condannandoli ad essere bruciati vivi, al taglio delle labbra, all' amputazione della lingua...

Nell' antica legge Dio comandò che i bestemmiatori fossero lapidati. Nei secoli passati e specialmente in tempi recenti alcuni sono stati puniti con la morte alla prima bestemmia. Tra i numerosi esempi di uomini inveterati in questo vizio esecrando credo bene riferire quello di un ostinato ubriacone che in una taverna con altri compagni non faceva che vomitare le più orribili ingiurie contro Dio e le cose più sante. Corretto, invece di rinsavire, rincarò la dose osando sfidare Dio stesso: «M'impedisca Egli se lo può di tracannare questo bicchiere di vino ». Nell' istante cadeva a terra cadavere... (D. Antonio Zaccaria Tesori di racconti, pag. 269).

Accenno di volo a due fatti recenti, riferitimi da un vescovo, il quale mi assicurò che esistono documenti sicuri. Si tratta di un miscredente, il quale osò sputare in faccia alla statua di S. Francesco di Paola. Non aveva ancora compiuto l'atto empio e pazzesco che cadeva morto a terra con la lingua bruciata. L'altro riguarda una signora che per non essere stata esaudita gettò la statuetta del medesimo sotto le scale, per cui venne dal Santo gravemente percossa.

Termino con una lettera scritta da un nostro soldato nel 1915: « Lungi dai nostri paesi la bestemmia ... Ho visto poco fa la fine spaventosa d' un besterniniatore!

La mia compagnia si trovava accantonata in una casa colonica, nei muri della quale si vedevano pendere parecchie immagini sacre. Uno dei nostri soldati si ostinava a dire che le cose per lui andavano male, molto male; e per tale motivo preso in mano un crocifisso, lo trattava con dei titoli i più empi e innominabili. Infine con un calcio lo gettò fuori della stanza, e il Crocifisso, cadendo a terra, andava in pezzi. Dio mio! non l'avesse mai fatto.

Verso sera noi, come di consueto, uscimmo da quella casa per riprendere il nostro lavoro; e quel disgraziato rimase dentro, dicendo di non sentirsi bene.

Poco dopo, essendo la compagnia allontanata abbastanza, su quella casa cadeva una granata che, perforando il tetto, colpiva in pieno petto quel bestemmiatore e ne mandava le membra in frantumi! Erano così sminuzzati e sparsi i suoi miseri avanzi che non si potè nemmeno pensare a dargli una sepoltura.

Si trovavano in quella medesima casa pochi altri soldati, ma questi non ebbero che delle leggere ferite. Sono qui dal principio della guerra, e molti miei compagni ho visto cadere; quello che posso accertare si è che la morte più orribile 1' hanno fatta sempre i bestemmiatori!

Potrei narrare altri cento e mille di simili fatti, ma basta questo. Esso prova ancora una volta che la maledetta, bestemmia è quella funesta calamita che attira all' uomo le maledizioni del cielo »

Il bestemmiatore, invece di scagliarsi contro 1' Autore d' ogni bene, Iddio, dovrebbe sfogare la sua ira contro 1' autore d' ogni male, il peccato e il demonio, dicendo: Mannaggia al peccataccio, mannaggia al diavolaccio...

 

X. L' INCREDULITA'

A chi non fa versare lacrime di sangue il vedere come più della metà dei nostri fratelli e sorelle è priva di fede! E tra quelli che credono, un numero grandissimo non pratica la fede ma vive come i pagani. Non c' è dubbio che Dio voglia tutti salvi e che tutti giungano alla verità, ma come per la vita fisica esige il concorso amano, così per quella spirituale non opera senza la nostra cooperazione. Da ciò il dovere sacrosanto di lavorare non solo per noi ma anche per la salvezza del nostro prossimo, chi per mezzo della penna, chi per mezzo della parola, chi per mezzo della preghiera, del sacrificio, del buon esempio...

Tutti dobbiamo far capire l' obbligo gravissimo che incombe a ciascuno di cercare con ogni mezzo la verità e di conoscere la vera religione e i doveri di cui è tenuta ogni, creatura verso il suo Creatore usando tutti i mezzi e imponendosi qualunque sacrificio, poichè si tratta della cosa più urgente e necessaria. Se per la conquista della scienza si compiono sforzi incredibili e si giunge fino all' eroismo, che cosa non si dovrebbe fare per 1' acquisto della fede e della nostra eterna salvezza! Se ognuno è tenuto a soccorrere il prossimo nelle necessità corporali, aiutarlo nei bisogni spirituali in tutto 1' ambito del possibile col provvederlo di libri adatti, indirizzarlo a persone competenti... è un dovere immensamente superiore e una delle opere più eccellenti e degne di premio.

Uno degli errori che va più messo in evidenza e che riscontriamo in molti è la stupida pretensione di volere non solo discutere ma giudicare di materie religiose senza studiarle, mentre non si osa farlo in altre scienze. Si giunge a tale cecità che si proibisce ogni studio relativo alla religione lasciando che ognuno scelga quella che più gli piace o, peggio ancora, le rigetti tutte a suo piacimento senza conoscerne alcuna, come si pratica in vari luoghi, specialmente in Russia. Tali orribili aberrazioni non si crederebbero nemmeno possibili e si prova tanta indignazione che non è facile frenare. Con tali sistemi non si può arrivare che alla totale negazione d' ogni verità religiosa, come purtroppo è avvenuto e si deplora in varie località.

In generale tutti sono in grado di mettere in ridicolo simili errori e spesso non manca che un pò di coraggio che fornisce anza agli avversari di seminare la zizzania e ingannare i semplici.. A scemenze così banali e grossolane, come a quella di negare 1' esistenza di Dio, non occorre molto studio per rispondere che Dio solo ha potuto creare 1' universo e tante cose belle, poichè 1' uomo ancora non è riuscito a produrre dal niente nemmeno un atomo e a dare la vita ad un filo d' erba o ad un insetto, anzi non sa nemmeno che cosa sia la vita. è stolta presunzione voler comprendere le cose di Dio, mentre non conosciamo tante altre verità più facili e sensibili. Ammettere soltanto ciò che si vede e si tocca coi sensi significa cadere in tale assurdità che non si crederebbe nemmeno possibile in un uomo ragionevole. Anche il pensiero non si vede, ma nessuno ha 1' ardire di metterlo in dubbio. E il pensiero non può essere che il frutto dello spirito, altrimenti si dovrebbe trovare anche nelle bestie.

La Scrittura ci parla di numerosi avvenimenti grandiosi, tra i quali le dieci piaghe d'Egitto, il passaggio degli ebrei in mezzo al Mare Rosso, l'acqua del Giordano che ritorna verso la sorgente, la caduta delle mura di Gerico senza colpo ferire, il sole che ritarda il suo tramonto, una vergine che concepisce e da alla luce un figlio che trasforma il mondo... Di questo Figlio, Salvatore del mondo, parlano le profezie molti secoli prima della sua nascita e ne descrivono i particolari così chiaramente che sembra leggere una storia. I miracoli operati da Gesù Cristo, dai suoi discepoli, dai Santi, specialmente dalla Madonua, sono così numerosi, così splendidi, come la risurrezione di Lazzaro e di altri morti, i fatti di Lourdes, di Fatima, che solo quelli che si lasciano ingannare dall' astuto serpente e accecare dalle più vili passioni possono rifiutare il loro assenso.

Del resto, la vita rigogliosa della Chiesa, 1' eroismo dei Santi, la propagazione del Cristianesimo che, in luogo di cedere alle persecuzioni d' ogni genere e venir meno, come avviene a tutte le istituzioni umane, trionfa d' innumerevoli nemici ed ostacoli, è un miracolo che tutti non soro possono ma dovrebbero vedere ed ammirare. La propagazione del Cristianesimo e la sua indistruttibilità non si spiegano senza ammettere una forza soprannaturale, il digitus Dei. Chi osserva serenamente il cristianesimo assalito da furiose e continue lotte che non solo non lo distruggono ma lo rendono più solido, mentre le opere umane (anche le più colossali e quelle cho portano scritto: aere perennius) si dileguano come 1' ombra e s' infrangono come il vetro, non può negare 1' intervento di Dio che atterra e suscita, che mortifica e vivifica. Quanti uomini e quanti imperi hanno fatto tremare il mondo e sono scomparsi appena nati, come quelli di Alessandro Magno, d' Hitler, di Mussolini, ed ora non rimane di loro che un nome vano e spesso cattiva fama che è quanto dire meno che niente!

Col negare 1' esistenza di Dio, l' incredulità giunge al massimo grado della degradazione e dell'ignoranza, poichè, negando Dio, principio e base di tutte le cose, crolla ogni scienza, non esiste più verità alcuna e dopo morte i più perversi ed infami delinquenti vengono equiparati ai più grandi Santi, anzi allo stesso nostro Signore. Per gli atei il vizio e le virtù non differiscono, perchò non esiste un essere superiore a loro che possa premiare o castigare.

Ecco a quali eccessi conduce 1' ateismo, sintesi di tutti gli errori e segno sicuro della più avvilente degradazione umana.

Chi vincerà l'incredulità, la più orribile aberrazione intellettuale, causa d' infinite rovine! Non certo la penna degli scrittori, no 1' eloquenza dei predicatori o la forza della parola umana, ma il solo binomio soprannaturale, i Cuori Immacolati di Gesù e di Maria, o meglio il loro amore verso di noi e 1' amore nostro verso di loro, unione assolutamente indispensabile per formare tutta la nostra felicità e tutto il nostro bene. La Regina degli apostoli non agisce in modo diverso da quello di Gesù che scelse poveri operai illetterati per fondare il suo regno, che nascose tante cose ai sapienti e le rivelò ai piccoli. Essa apparisce più spesso alla povera gente e ai giovanetti e giovanette ed insegna la vera sapienza, quella dell' amore, che opera prodigi e conversioni, che santifica e trasforma il mondo e che consiste nella semplicità e nella retta intenzione, nel dare tutti i nostri pensieri ed affetti a Dio, nel fare continui atti di carità, i più perfetti e puri possibili, e nell' abbandono totale nei Cuori di Gesù e di Maria, dai quali attendiamo, fiduciosi e sicuri, i più splendidi trionfi, immancabili, perchè sono onnipotenti, il primo per natura, 1' altra per grazia.

Ad essi soltanto è riservata la finale vittoria, quella vittoria che è frutto esclusivo della nostra fede cattolica, vincitrice di tutte le potestà terrestri ed infernali. Non la sapienza umana che studia troppo ed ama poco, ma la.sapienza cieli amore, unita alla fede viva ed inierollabile, e la devozione ai SS. Cuori di Gesù e di Maria salveranno il mondo.

 

XI. LA VANITA'

Tra tutti i mezzi proposti per evitare il peccato e sfuggire all' eterna dannazione, non se ne trova uno più efficace di quello indicatoci dallo Spirito Santo: Tutto è vanità, fuorchè temere il Sigriore. Questa verità è di tanta forza e chiarezza che non può essere ignorata se non da quelli che chiudono gli occhi davanti alla luce e amano le tenebre più che il sole. Si tratta di una verità che la stessa morte mette nella più indiscutibile evidenza. E perchè nessuno può mettere in dubbio 1' esistenza della morte e nessuno impedirla, così nessuno può negare che al termine dei nostri giorni tutto è niente, tutto è perduto, che nulla si porta con noi, ad eccezione del bene e del male. Il più ricco di questo mondo può diventare il più povero di tutti se cessa di vivere carico di peccati e privo di opere buone. Egli non solo non porterà con sè nessun tesoro, anche se fosse suo tutto 1' oro del mondo, ma s'accorgerà allora di avere da pagare un debito che tutte le ricchezze della terra non sono sufficienti a soddisfarne la millesima parte. è dunque il più povero e povero per sempre e incapace di annullare il suo debito, superiore a tutti i beni materiali che si possono accumulare dagli uomini, passati, presenti e futuri. E non gioveranno allora nè gli amici, nè gli avvocati, nè le aderenze, nè la potenza, nè gli accorgimenti, nè tutte le qualità fisiche e intellettuali. Allora 1' uniche e vere ricchezze sono le opere buone, le preghiere, i sacrificii, le virtù, specialmente gli atti d' amore, di cui 1' assenza rende inutili anche le azioni più sante.

I poveri figli degli uomini, di fronte ad una verità così smagliante, non si sono ancora disillusi, si lasciano sempre sedurre dai falsi miraggi di felicità e seguono gl' inganni, falsi ideali e idoli bugiardi e così divengono abbominevoli come le cose che amano e periscono con loro. Sono così accecati da non accorgersi che la vita senza Dio e senza la virtù non è che un'illusione fatua, evanescente, ingannatrice che non merita di essere vissuta. Non aprire gli occhi dopo tante migliaia di anni da che 1' uomo venne all' esistenza, non sembrerebbe possibile a menti sane e normali, poichè la vanità è troppo palese per non imporsi anche ad una corta intelligenza. Non occorrono sforzi poderosi nè lunghi studi per rendersene ragione. Basta riflettere per un solo istante per vedere che tutto il passato è scomparso e di tutte le grandezze e glorie umane non rimangono che miseri ruderi e pallidi ricordi. E la stessa sorte attende 1' avvenire, tuttochè sia molto progredito ed abbia il vanto di scoperte meravigliose.

Poveri figli degli uomini, ci avverte lo Spirito Santo nelle Scritture, fino a quando amerete la vanità e andrete dietro alla menzogna? Si, tutto è inganno e menzogna nella vita e tutto si perde nel niente e nell' oblio in noi e attorno a noi. Sono caduti ad uno ad uno i sogni dorati come la neve al sole, come la cera al fuoco, senza lasciarne traccia o segno alcuno. E come, in un attimo, quasi senza accorgersene, si è dileguata la fanciullezza, così scomparirà 1' età adulta e poi quella senile. Molti anzi non vedranno nemmeno la luce del sole e non pochi altri periranno appena nati. Nessuno può dirsi padrone nemmeno di un minuto di tempo.

E una simile situazione non è spaventevole, anzi non è umiliante fino all' estremo grado in un istante possiamo perdere non solo la vita e tutto quanto possediamo, ma ciò che è da temersi immensamente più, possiamo precipitare nell' inferno e bruciarvi eternamente. Tutto perduto in un momento: corpo, anima... e per sempre.

Per trovare innumerevoli e continui esempi della vanità delle cose umane che ci predicano e mostrano il nulla delle glorie e grandezze terrene, degli onori, dei piaceri, delle ricchezze e dei beni perituri, basta aprire gli occhi. Non vediamo che avanzi di ciò che fu e ogni cosa non ci mostra che le vittime della morte, la sola che tutto distrugge e la sola che resiste a tutte le distruzioni, non ostante tutti gli sforzi dell' intera umanità per sottrarsi al suo dominio.

Che cosa rimane di quei fulmini di guerra che fecero tremare il mondo e ne assoggettarono gran parte al loro dominio! Dove sono Alessandro, Cesare, Napoleone?... Dove sono tutti gli scenziati e filosofi di Atene, e di Roma e delle altre parti del mondo? Di una parte non rimane nemmeno il nome, di altri appena il nome o qualche rudero o monumento, destinato a scomparire, anche se porta scritto: Aere perewtius.

Più resistente del bronzo, veramente eterno e che sopravvive non solo ma si perfeziona, è soltanto lo spirito e ciò che produce di bene: le virtù, le opere buone, le sofferenze sopportate con pazienza, i meriti acquistati con 1' osservanza della legge divina e specialmente col fare atti di amore di Dio... In ciò consiste l'unica e sola grandezza, gli unici tesori che mai perderemo.

Quanti giovani sposi, belli, ricchi, li vedete oggi passegiare allegri e pieni di vita e alcuni, dopo pochi giorni, altri dopo pochi anni, tutti dopo alcuni lustri scendono nel sepolcro!

Una giovinetta, più vana che religiosa, insegnò alle sue pari che una fine orrenda a che cosa giovano la legiadria, gli ornamenti e i fidanzati quando manca il timor di Dio. Mostrò al fidanzato tanto desiderio di possedere una pelliccia che per contentarla, visto che la sua salute deperiva e tossiva maledettamente, commise un furto. La vanerella fu tutta ricolma di gioia al vedere la pelliccia, ma ben presto il gaudio si convertì in lutto spaventoso. Scoperto il furto, il povero giovane venne chiuso in prigione. A tale notizia, l'infelice fidanzata, in preda alla disperazione, corse alle porte della prigione e quivi pose termine ai suoi giorni, indossando la troppo casa pelliccia, tanto cara che le costò la vita. La vita del corpo e forse anche quella dell' anima che vale immensamente di più.

Quanto è più bello e grazioso l'episodio di un' altra signorina, tutta diversa dalla suddetta, spirante non alle nozze terrene ma a quelle dell'Agnello immacolato. Ne parla il "Messaggero del S. Cuore„ nell' anno 1876. La pia giovinetta viveva in Varopodio, tutta dedita alle opere di pietà, devotissima del S. Cuore. Aveva in orrore le vanità più di quello che non siano amate dalle sue pari e non aspirava che a chiudersi in un monastero e vivere tutta per il suo Sposo celeste. Ma così non la pensavano i suoi genitori che I' avevano destinata sposa ad un giovane scelto da loro. A nulla valsero tutte le proteste di quel cuore angelico, cui si faceva così ingiusta violenza. Alle suppliche e alle lacrime di lei si rispondeva con le minaccie che non davano alcuna speranza di cedere. La giovinetta però non temeva di nulla, pregava e confidava in Colui che tutto può e mai abbandona. Era tanto sicura di essere esaudita che aveva assicurato le sue amiche che sarebbe morta prima di sposarsi. E così avvenne. Mentre nel giorno stabilito si stava preparandola e ornandola con vesti di lusso e con ogni genere di vezzi, la pia verginella cade ammalata e la sera verso le ore 4,30 se ne volò allo Sposo divino, il solo degno di tanto ardore e di tanta purezza.

Una giovane, addotta al servizio di una famiglia molto ricca, non poteva trovarsi in circostanze più adatte per riflettere alle vanità mondane. Sorpresa da improvviso malore e creduta morta, venne sepolta e coperta di terra. Riavutasi comprese tutto il pericolo e 1' orrenda morte che 1' attendeva. In mezzo alla più cupa disperazione si diede a gridare e percuotere la cassa.

Udita dal becchino, venne tolta dalla cassa e salvata. Apprese così bene la lezione della morte che si fece suora orsolina e visse e morì santamente.

 

XII. L' UMILTA'

Alla triplice concupiscenza degli onori, dei piaceri, delle ricchezze, ai tre nemici principali: demonio, inondo e carne urge opporre tre virtù d' un pregio inestimabile: umiltà, purezza e povertà.

La prima è la madre, il fondamento e la custode di tutte le virtù ed ha per base la cognizione di Dio e di noi stessi, anzi questa cognizione è così inerente all' umiltà e talmente inseparabile che in gran parte s'identifica con essa, per cui non erra chi osa affermare che 1' umiltà è verità e cognizione di noi stessi.

L' umiltà però quando ascende agli ultimi gradi della perfezione, non si appaga dell'intima persuasione del proprio nulla, della propria incapacità. Vi è ancora la parte più rara e difficile: quella di credersi i più grandi peccatori e non solo amare 1' oscurità e gli offici più bassi, ma la disistima, le ingiurie e le calunnie d' ogni genere. Proprio in questo grado, nel desiderare e cercare le umiliazioni, consiste la, massima difficoltà di questa virtù. In momenti di fervore o di visite speciali da parte di Dio, 1' anima vede le bellezze e i pregi inestimabili delle umiliazioni e, lungi dal temerle, le chiede al Signore e le affronta coraggiosamente. Ma se le prove di questo genere si protraggono assai e premono l'anima da ogni parte, sopravvengono spesso la stanchezza e la malinconia che mettono non raramente in serio pericolo la perseveranza. E così perde gl' innumerevoli frutti di tante lotte per essere venuta meno quando era vicino alla vittoria finale.

Le umiliazioni, detrazioni, mormorazioni, parole pungenti, le calunnie sono più dolorose delle ferite e malattie corporali e perciò l'anima finisce con l'abbattersi, lamentarsi, rispondere alle accuse con le accuse e respingere così le medicine più salutari e le grazie più belle che si degna inviarle il buon Dio. Dall' atteggiamento e dalla generosità dell' anima riguardo a simili prove dipende il suo profitto e l'avanzamento nelle vie della santità. Se l'anima non si sottomette docile e generosa con sopportare tutto per amore di Dio, s'arresta nelle vie della perfezione e corre il rischio di rovinarsi, perchè Dio le toglie le umiliazioni che hanno un valore immenso nel campo ascetico. Privandosi di grazie così preziose e di aiuti validissimi, non progredisce nell' umiltà e in conseguenza nemmeno nelle altre virtù, e così incomincia a scivolare nei vizi, mai inseparabili dalla superbia, la quale ci avvicina a satana e ci allontana da Dio che dà la grazia agli umili e resiste ai superbi.

E' inoltre essenziale all' umiltà riferire a Dio solo tutto ciò che vi è di buono, di bello e di santo nelle sue creature ed essere convinti in pieno che il male è opera nostra esclusiva. A. questa verità è necessario attribuire un valore altissimo e una portata eccezionale e va tenuta sempre presente, se non vogliamo mancare alla gratitudine verso Dio, autore e padrone assoluto d' ogni bene, e alla virtù dell' umiltà, requisito indispensabile per costruire e far progredire ogni edificio spirituale. Sembrerebbe la cosa più facile di questo mondo, poichè tutto viene esclusivamente da Dio nè di ciò esiste il minimo dubbio trattandosi di verità di palmare evidenza, messa in piena luce dalla rivelazione e dalla ragione, ma in pratica avviene tutto il contrario e nessun dovere è più trascurato di questo, spesso senza avvertenza ma non senza detrimento spirituale.

Aggiungo in ultimo, come insegnamento il più necessario, che noi mai riusciremo a praticare a perfezione questa virtù se non la chiederemo a Dio con preghiere umili e insistenti.

 

XIII. LA VIRTU' DEGLI ANGELI.

La Vergine SS., madre della più perfetta purezza, non può non odiare e aborrire cordialmente il brutto vizio. Non per niente a Fatima si è lamentata dell'impurità e ha detto che i più si dannano per questo maledetto peccataccio e che s'introduranno mode, che offendono molto il Signore. Non potrebbe essere diversamente, poiché la santità del costume non è semplicemente una virtù ornamentale e di semplice consiglio, ma assolutamente iudispensabile e necessaria. Dio ci ha creati per le cose belle, anzi per Se stesso che è la stessa bellezza e perfezione e non per le bassezze dei sensi e della carne, proprie degli animali più vili e immondi. Non è degno del Creatore chi, dimentico della sua origine e del suo destino, si abbandona ai piaceri sensuali, si dà in braccio alle creature e cerca in esse quella pace e felicità che si trova solo in Dio.

Ilo mondo corrotto e corruttore non apprezza la bellezza dell' angelica virtù, non ammira il celestiale candore delle anime vergini, non è capace di sollevarsi alle cose del Cielo e di formarsi un concetto di ciò che è spirito e perciò non può nutrire stima per una virtù troppo superiore ai suoi istinti bestiali e bassi ideali. La sua cecità giunge fino al punto di vantarsi delle più degradanti oscenità, farne oggetto di allegre conversazioni e di abbominevoli risate. Invece di lavarle con una santa confessione nel sangue di Gesù e tenerle segretissime col sigillo sacramentale, le spiffera a chi è depravato al pari di lui e così si disonora e semina scandali. Non solo non si rimpiange questo tesoro d' immenso valore quando viene perduto, ma si mette in ridicolo chi lo possiede e si tendono innumerevoli insidie all' innocenza tanto amata e protetta da Gesù. Egli lancia le più terribili minaccio contro chi osa scandalizzare i piccoli, ai quali appartiene il regno dei Cieli. è tale il trasporto di Gesù per le anime vergini che le ammette alle più dolci intimità e non ha secreti per loro. Esse seguono l'Agnello dovunque vada, come dice la Scrittura, e godono il privilegio esclusivo di cantare un inno speciale.

Il Verbo incarnato, Il Figlio di Dio, il giglio delle convalli, non ha saputo resistere al fascino, al profumo e all'incanto verginale di Maria, nel cui seno si fece uomo per opera dello Spirito Santo non togliendo ma santificando la verginità della madre. Egli non volle intorno a sè che anime purissime, Maria e Giuseppe, i due Giovanni, il Battista e l' Evangelista. Tutti dovremmo fare ogni sforzo ed usare tutti i mezzi per custodire in noi e negli altri un così prezioso tesoro.

Sarebbe poi da stolti pretendere la perfezione di questa divina virtù senza la protezione di Dio e una grazia speciale che non si può conseguire se non pregando continuamente e con le debite condizioni. Nè tutto questo è sufficiente. è necessario assolutamente usare tutti ì mezzi e fuggire tutte le occasioni favorevoli al brutto vizio, specialmente la compagnia di persone immorali, l'indecenza nei vestire, nel tratto, le letture pericolose e soprattutto la libertà degli sguardi.

Non vi è materia che ecciti tanto la nostra curiosità, come tutto ciò che si riferisce al sesto comandamento, mentre si dovrebbe ignorare fino ad un'età conveniente da stabilirsi secondo gli ambienti e le persone. Perchè non si vigila che poco o niente riguardo alla necessità di frenare la curiosìtà, non s' impediscono le occasionì che forniscono i mezzi per apprendere la malizia e cadere nella corruzione, anzi col modo di vestire i bambini, specialmente le bambine, così scandaloso e col dare troppa libertà di frequentare compagni e compagne e praticare giuochi e divertimenti non del tutto sicuri, essi contraggono l'abitudine del vizio e depravazione morale con effetti, deleteri da parte della famiglia, della società e specialmente delle anime. E qui non si finirebbe più se si dovesse inveire contro il vizio solitario che conduce a rovine incalcolabili e che richiede da ognuno, specialmente dagli educatori, ogni sforzo per combatterlo e vincerlo in se stesso e negli altri.

Tutte le persone che hanno il vero spirito di Dio e specialmente i Santi hanno amato e stimato immensamente la virtù angelica, come l'ideale più bello e fulgido a cui possa aspirare la creatura che cerca svincolarsi dalla materia e spiccare il volo verso le cose celesti. Si rimane sbalorditi di fronte agli elogi che ne fanno e alle cure e sollecitudini che si sono prese delle anime consacrate a Dio col voto di castità. Fin dai primi secoli del cristianesimo le sacri vergini erano immensamente onorate e riguardate come la porzione eletta del gregge cristiano. Non occorre del resto aggiungere altro, poichè i Santi hanno esaurito il loro repertorio di encomi in favore della bella virtù.

ESEMPI.

Troviamo qualche bell' esempio di eroismo relativo alla verginità anche in mezzo ai pagani, ma gli eroismi nella Chiesa Cattolica, sono veramente mirabili e immensamente superiori. Tra questi ci passa davanti come uua visione celeste la candita e cara figura della giovane Eufrasia, caduta schiava in mano d'un soldato. Ognuno può immaginare il pericolo della santa verginella, innocente colomba nelle fauci dello sparviero. Ma che cosa non sa inventare 1' innocenza per salvare il suo profumato e candido giglio i Eufrasia dice al soldato che conosce un eccellente segreto, fornito di tali qualità da rendere invulnerabili le parti del corpo. Per un soldato non si poteva proporre una cosa più desiderabile. Alla schiava che gli suggerisce di far la prova su se stessa, promette di rispettarla e concederle tutto. Essa raccoglie alcune erbette, ne forma un unguento, col quale unge il collo e lo presenta al soldato, tutto impaziente di far la prova. Al primo colpo, il capo dell'eroina rotola per terra e l'anima candida, imporporata del proprio sangue; spicca il volo verso il Cielo.

Se dai primo secoli passiamo ai successivi, gli esempi si moltiplicano fino ai giorni nostri con grande edificazione di tutti i fedeli.

Tra le giovinette eroiche che s' impongono alla nostra ammirazione per una singolare modestia e per uno speciale amore e attaccamento alla verginità, primeggia senza dubbio Eufemia che superava tutte le sue compagne non solo per la bellezza dell' anima ma anche per quella del corpo.

Questa graziosa e santa giovinetta seppe opporre al padre così vigorosa resistenza che ci colpisce di stupore. Ricevuto l'ordine dal padre di ornarsi con ogni cura e diligenza per accogliere un conte che desiderava sposarla, si ritirò, pianse amaramente e ispirata da Dio, si sfregiò tutto il viso con un rasoio. Al vederla in tale stato, il padre la scacciò di casa e la fece condurre in campagna, dove venne trattata barbaramente dai contadini. Un giorno però la stalla, dove la poverina era stata condannata a vivere, fu veduta tutta illuminata. La Madonna accarezzava Eufemia e la rendeva più bella di prima. Riferito l'accaduto al padre, si pentì della sua crudeltà, le fece costruire un monastero, dove visse e morì santamente con altre giovani.

 

XIV. LA POVERTA'

Ai delitti e ai mali innumerevoli causati dalla sordida avarizia porge efficacissimo rimedio la povertà, congiunta con la generosità, liberalità e distacco dai beni terreni.

Non c'è virtù contraria alle aspirazioni e massime del mondo come la povertà, quanto amata e raccomandata da Gesù, altrettanto odiata e disprezzata dagli uomini, non illuminati dal Vangelo. Non per questo cesserà di essere una delle virtù più meritorie e benefiche per l'umanità, non che il rimedio più efficace e il baluardo più potente contro i vizi più comuni e deleteri che abbruttiscono l'uomo e lo spingono alle più orribili scelleratezze. Pazzi perciò tutti quelli che abborriscono la povertà che ci fa poveri per così poco tempo e dopo la morte ci rende ricchi per tutta quanta l'eternità.

La considerazione di questa verità dovrebbe bastare a farci ammirare l'insegnamento di Gesù Cristo che chiama beati i poveri in così stridente contrasto col pensiero dell' uomo ricco e mondano. L' immensa maggioranza dei miseri figli di Eva vive nella triste illusione di trovare nelle ricchezze quella poca felicità che si può raggiungere in questo mondo e perciò per conseguirle si abbandona ad ogni genere d'infamie e scelleratezze. Ma l'esperienza di tutti i secoli e le innumerevoli testimonianze degli uomini più ricchi e illustri che hanno cercato la felicità nell'abbondanza dei beni terreni, non hanno potuto vincere la cecità nè togliere la folle illusione di un errore antico quanto il mondo e illuminare le fitte tenebre dell' umana ignoranza, non ancora superata dal progresso scientifico e meccanico, di cui non si possono negare i ritrovati stupendi e le scoperte meravigliose.

Fino a quando il Vangelo non terrà il primo posto e non sarà studiato, meditato continuamente e praticato a perfezione in tutti i suoi insegnamenti, specialmente quelli concernenti la povertà, gli uomini non raggiungeranno la felicità. Quando l'infallibile e divino Maestro pronunziò l'inaudita e inaspettata sentenza: Beati i poveri di spirito, poichè di essi è il regno dei Cieli, le menti degli uomini l'ascoltarono attonite, ma non la comprese che un numero esiguo di persone, pochissimi la praticarono e quasi tutti continuarono a cercare la felicità in ciò che non ha consistenza, come sono tutte le cose materiali, compreso

105

l'oro che, sebbene non venga divorato dalla ruggine, ci viene tolto dai ladri e infallibilmente dalla morte, inesorabile e implacabile non meno contro il ricco che contro il povero, rendendo simili gli scettri alle zappe. E nessuno potrà distruggere la verità, perchè la sentenza divina non può essere smentita da nessuno in tutti gi secoli, essendo unica la ricchezza verace e consistente: il possesso di Dio promesso ai poveri di spirito. In ciò soltanto consiste la felicità che non potremo conseguire se non rinunziando ai desideri e attacchi disordinati, ai beni perituri di questa terra.

Disgraziatamente la dottrina di Gesà relativa alla beatitudine della povertà, come alle altre, non solo non è stata ma giudicata una dai gentili.

Non tutto però è perduto. Rimane ancora, un tesoro inestimabile: l'insegnamento speculativo, non senza le possibilità d' un'attuazione più o meno integrale. Ciò che non è possibile agli uomini, è facilissimo a Dio.

L'umanità, nessun ne dubita, è incamminata verso il progresso e direttati verso le ascensioni sempre più sublimi. Quando, costretta dall'esperienza, riconoscerà con sicurezza che, fuori del Vangelo, non esistono il benessere e il vero progresso, non più ondeggiante tra la verità e l' errore, seguirà Gesù e troverà la felicità. Basta ormai aprire gli occhi per vedere dove ci conducono quelli che pretendono di fare senza Dio e di costituire un ordine nuovo. Le stragi e le distruzioni delle ultime guerre sono prove indiscutibili non di felicità ma d'immense e incalcolabili rovine, talmente paurose da far temere, ad alcuni, prossima la fine del mondo. E non si tratterebbe di un timore infondato, se l'avvenire non fosse nelle mani di Dio, Padre tutto bontà e misericordia, che minaccia e non sa decidersi a gasticare, che vuole non la morte ma la conversione del peccatore, o meglio se non avesse decretato di tutto concedere a Maria, la quale, al vedere i figli in pericolo, corre subito a disarmare il braccio di Dio.

E Dio si compiace immensamente di trovare chi Gl'impedisce di esercitare il rigore della sua giustizia. Egli desidera con amore infinito che le anime vittime s'immolino per la salute delle sue creature, onde perdonare le une e rimunerare le altre.

Le anime vittime, salvando i colpevoli, giovano immensamente e agli altri e a se stesse rendendosi meritevoli d' un premio e gloria incomparabili.

Tra gli esempi non potremo trovarne uno più insigne e stupendo di quello lasciatoci da Gesù Cristo che, padrone assoluto del Cielo e della Terra, nacque e visse così povero che potè dire di se stesso: le volpi hanno le loro tane e gli uccelli i loro nidi e il Figliuolo dell' Uomo non dove riposare il capo. Egli, la stessa increata Sapienza, l'infinita Potenza, non poteva ingannarsi sul valore dei veri tesori nè, poteva errare circa la scelta. Per conseguenza non abbiamo nessuna ragione per dubitare del valore immenso della povertà, da Lui preferita a tutte le ricchezze e tesori del mondo che erano suoi e di cui poteva servirsene a suo piacimento. Egli li disprezzò ed insegnò a noi a fare altrettanto promettendo non solo il centuplo in questa vita ma un premio eterno e immenso nel Cielo. L'esempio di Gesù ha popolato i deserti di solitari e il mondo di monasteri e di conventi, abitati da centinaia di migliaia di religiosi e di suore che, per mezzo dei tre voti: povertà, castità, ubbidienza, si sforzano d'imitare il Divino Maestro e di giungere, alla stessa perfezione in Terra e alla stessa gloria in Cielo.

Dopo Gesù, non esiste una creatura che abbia amato la povertà più di Maria, perfetta imitatrice del divino Maestro in tutte le virtù, ma specialmente nel supremo distacco da tutte le cose di questa Terra. Essa, tuttochè discendente dalla reale famiglia di David, seppe conservare il suo cuore immune da ogni desiderio di beni e grandezze umane, visse e mori povera come Gesù, non desiderando nulla che non fosse conforme alla divina volontà che sola cercò ed eseguì in tutto. Abbiamo un numero immenso di personaggi insigni per ricchezze e per qualità fisiche e intellettuali che si fecero poveri volontari con Cristo per essere ricchi nel cielo. Tra questi sono degni di essere ricordati i re Geolulfo, Carlomanno, Rachis... che dal supremo fastigio del potere si ridussero a lavorare la terra e a pascolare i greggi. Potremmo aggiungere innumerevoli principi e dignitari che hanno professato i tre voti di povertà, castità e obbedienza rinunziando a tutte, le grandezze della terra per conquistare quelle del Cielo, ma dobbiamo astenercene per ragioni di brevità. Non possiamo però non ricordare il nome immortale e glorioso di S. Francesco d'Assisi che spinse l'amore e la pratica della povertà ad un grado tale che suscita l'aminirazione universale e cha brilla d'una gloria, forse non superata e non superabile.