La meravigliosa storia di Fatima

 

FRANCESCO E GIACINTA VIDERO UNA SIGNORA DI LUCE

 

Il Portogallo é nato per la Fede

 

Molti e molti anni fa, all'epoca dei castelli e delle cattedrali, c'era un nobile guerriero chiamato D. Afonso Henriques. Era un grande paladino cristiano nella guerra contro i mori invasori. Tutti lo ammiravano perché era forte e coraggioso, ma ancora più grande era la sua fede. Una certa notte, alla vigilia di una battaglia, quando dormiva tranquillamente nella sua tenda, una voce lo chiamò dal campo. Indossò rapidamente l'armatura, prese la spada e nella notte scura andò in cerca di chi lo chiamava. Vide improvvisamente un chiarissimo raggio di luce. Cadde immediatamente in ginocchio per terra, poiché in mezzo a questa intensa luce vide Gesù Cristo crocifisso, suo creatore e redentore. Emozionato, d. Afonso disse con grande fiducia: Signore, perché appari a me che già credo e non a quegli infelici che non credono? Al che nostro Signore rispose, allegro vedendo tanto amore nel cuore del cavaliere: Afonso, Io non vengo per aumentare la tua fede, ma per fortificare il tuo cuore. Voglio che il Portogallo sia un regno e che tu sia il suo re. Che questo regno porti la fede a molte altre nazioni. E perché i tuoi discendenti sappiano che fui Io a dare loro il regno, poni sulla bandiera come simbolo le mie cinque piaghe. Così nacque il Portogallo, una nazione che Dio scelse per servirlo. Passarono molti anni e il Portogallo diventò una nazione forte e desiderosa di servire Dio. Ma non sapeva come portare la fede alle lontane e sconosciute nazioni pagane. Verso l'anno 1450, allora un altro cavaliere, Henrique, principe di Sagres, sentiva grande desiderio di solcare i mari, affrontando l'ignoto, per portare la religione cristiana ai popoli lontani. Inizialmente, insegnò ai suoi capitani a costruire navi migliori e a non perdersi nella vastità degli oceani. Tutti i portoghesi, come una sola famiglia, lavoravano e pregavano con lui. Poco tempo dopo, le belle caravelle di Henrique con uomini pieni di fede solcavano gli oceani e scoprivano molte terre e popoli ai quali facevano conoscere Gesù. La sua nazione diventò un vasto impero; ma, siccome niente di veramente grande si fa senza sacrifici, molti soldati valorosi diedero la loro vita in terribili battaglie per la gloria del Portogallo. Morivano contenti perché sapevano essere questo il desiderio di nostro Signore Gesù Cristo. è anche vero che non sempre il suo popolo ha assecondato i desideri di Dio. All'inizio di questo secolo, al tempo dei nostri nonni, il Portogallo offese molto Dio e la religione fu perseguitata da ogni parte. Gli uomini avevano dimenticato la bontà del divino Salvatore. Nonostante ciò, la Misericordia divina non si dimenticò mai dell'amore dei santi ed eroi e decise ancora una volta di ristabilire l'antica Alleanza che aveva fatto con D. Afonso. Questa volta, però, i prescelti per questa importante missione non furono i grandi guerrieri, ma al contrario, tre umili pastori. E anche questi dovettero soffrire molto per essere eroi.

I tre pastorelli

Lucia aveva nove anni ed era una bambina buona. Essendo la più piccola di sette fratelli, portava tutti i giorni il gregge a pascolare nei terreni intorno al villaggio. Quando fece la sua Prima Comunione, chiese in ginocchio davanti all'immagine della Nostra Signora del Rosano: Mio Dio, custodisci solo per Te il mio cuore. Francesco di sette anni e Giacinta di sei erano due fratelli che si volevano molto bene. Stavano sempre insieme a giuocare. Erano per Lucia i più cari cugini. Quando Lucia ebbe dai suoi genitori, il signor Antonio dos Santos e la signora Maria, l'incarico di portare tutti i giorni le pecore al pascolo, Giacinta e Francesco chiesero ai loro genitori, il signor Manuel Marto e la signora Olimpia che li lasciassero andare insieme. Come sarebbe stato bello trascorrere tutto il giorno a giuocare e a correre nei boschi fioriti! Giacinta e Francesco erano molto diversi l'una dall'altro; Francesco era un ragazzo dallo sguardo deciso, ma molto amabile e ubbidiente. Il padre era orgoglioso della sua vivacità. Sembrava aver paura di niente. Affrontava con coraggio la notte fonda, per quanto incutesse paura, mentre gli altri ragazzi della stessa età si impressionavano di fronte al buio del bosco. Gli piaceva afferrare vipere e lucertole per la coda, lanciarle nell'acqua e vederle nuotare. Ma allo stesso tempo era molto paziente con gli altri. Non litigava, né si arrabbiava quando i suoi compagni gli portavano via ciò che gli apparteneva. Quando il signor Marto lo osservava giocare, pensava: Ah, che tipo di uomo sarà questo mio figlio! Giacinta era molto diversa. Se non fosse stato per gli stessi occhi castano scuro, la bocca ben fatta, la stessa curva delicata delle guance, nessuno avrebbe immaginato che fosse la sorella di Francesco. I desideri di Francesco erano facili da soddisfare. Giacinta, al contrario, chiedeva tutto con insistenza appassionata. Quando decise di diventare pastorella come Lucia, non diede pace alla mamma, la signora Olimpia, la quale le concesse il permesso solo per liberarsi dalle continue insistenze della figlia. Tuttavia la bambina sapeva essere allo stesso tempo dolce e buona. La sua più grande gioia era di andare, dopo cena, a vedere le stelle che sorgevano nel cielo, a contarle fino a che erano tanto numerose da dover desistere dalla numerazione. Intanto, ciò che chiedeva più di tutto era ricevere la Prima Comunione. Sognava di ricevere nel proprio cuore quel "Gesù nascosto" che amava più di ogni altra cosa al mondo. Una volta Giacinta andò con la mamma a vedere dei fanciulli che ricevevano la prima comunione e rimase incantata. Da quel giorno, quando era nel prato, si allontanava, coglieva mazzi di fiori e li lanciava a Lucia per ripetere il gesto che aveva visto fare durante la processione dai bambini vestiti da angioletti, verso la Madonna. Come Lucia, anche Giacinta voleva affidare il suo cuore solamente a Gesù. Un giorno mentre giuocavano a "pegni" (un giuoco che consiste nel darsi ordini perché siano eseguiti), Lucia ordinò che abbracciasse e baciasse tre volte il cugino Giovanni che le stava seduto accanto. Al che Giacinta arrossì: Questo no, ordinami un'altra cosa. Perché non mi ordini di baciare quel Cristo che sta sulla parete? Va bene le disse Lucia Sali su quella sedia, avvicina quel crocifisso e dagli tre baci. A nostro Signore do tutto ciò che volete rispose correndo per eseguire l'ordine. A Francesco e a Giacinta piaceva particolarmente la cugina Lucia. Tutti i pomeriggi si vedevano i tre uscire nei campi di Aljustrel fra ulivi e lecci, in un girotondo continuo di giuochi e di canti. Giuocavano al giuoco dei "pegni", al "bottone bottone, chi ha perso il bottone?" e ad un altro chiamato "passa passa anellino". Quando si stancavano Lucia raccontava loro storie di fate e di folletti, di cavalieri e di principesse incantate. Fra tutte quelle che più impressionavano Giacinta era la passione di Nostro Signore: Gesù che pregava nell'orto degli ulivi mentre i suoi amici dormivano e i suoi nemici cospiravano. A volte pregavano anche. Ma avevano un tale desiderio di andare a giuocare che uno diceva solo "Ave Maria" e l'alto rispondeva "Santa Maria, Amen", per ogni decina del rosario. Subito uscivano a correre fra le pietre bianche dei tranquilli campi della Serra d'Atre.

L'Angelo del Portogallo

Un bel giorno di primavera del 1916 mentre stavano giocando un vento forte ed improvviso agitò gli alberi. Sorpresi guardarono intorno perché la giornata era abbastanza calma. Allora ai lati della collinetta videro sorgere una luce lentamente. Avvicinandosi piano, la luce, più bianca della neve, prese la forma di un ragazzo. Era più brillante di un cristallo attraversato dai raggi del sole! Quando fu molto vicino, poterono vederlo meglio. Sembrava molto giovane, con i suoi 14 15 anni e molto bello. Davanti a tanta bellezza soprannaturale riuscirono a dire neppure una parola. Lo contemplavano paralizzati. Con una voce musicale disse loro: Non temete, sono l'Angelo della pace. Pregate con me. Si inginocchiò e si curvò fino a toccare il pavimento con la fronte. I tre bambini fecero la stessa cosa e ripeterono le parole che udirono pronunciare da lui: Mio Dio, io credo, adoro, spero e ti amo, chiedo perdono per quelli che non credono, non adorano, non sperano e non ti amano. Dopo aver pronunciato questa orazione due volte, l'Angelo si alzò e disse loro che pregassero sempre perché Nostro Signore e la Madonna stavano attenti alle loro orazioni; poi scomparve. I pastorelli rimasero ancora inginocchiati per molto tempo con le fronti che toccavano terra. Ripetevano in continuazione la bella preghiera che l'Angelo aveva loro insegnato. Si sentivano così pieni di Dio che non volevano parlare tra loro. Era come se avessero raggiunto una indescrivibile eternità. Dissero niente a nessuno di quello che era successo. Ebbero il presentimento che le loro vite fossero cambiate per sempre. Un altro giorno quando giocavano vicino al pozzo, l'Angelo li sorprese nuovamente. Che cosa fate? chiese Pregate, pregate molto! I Cuori di Gesù e di Maria hanno su di voi progetti dì misericordia. Offrite costantemente all'Altissimo preghiere e sacrifici. Lucia gli chiese cosa significasse quello. Rispose che avrebbero dovuto offrire a Dio molte sofferenze, qualcosa che costasse loro. Disse loro che avrebbero dovuto fare ciò per consolare Dio a causa dei molti peccati che le persone commettono e per impedire alle anime di cadere nell'inferno. Infine, disse loro che era l'Angelo del Portogallo e scomparve. L' "Angelo del Portogallo" suonava loro come una musica! Sapevano che ciascuno aveva il suo Angelo Custode, ma non sapevano che anche le Nazioni hanno gli Angeli protettori. Mio Dio del cielo! Avevano parlato con l'Angelo Custode del Portogallo! Più avanti in quella stessa estate lo videro per l'ultima volta. Stavano inginocchiati con la fronte a toccare terra e a ripetere la preghiera che aveva loro insegnato, quando si accorsero di una luce intensa. Guardarono e videro lo stesso Angelo che teneva un calice nella mano sinistra. Sopra il calice c'era un'Ostia. Alcune gocce di Sangue cadevano dall'Ostia nel Calice. Lasciando l'Ostia e il Calice sospesi nell'aria, anche l'Angelo si curvò e insegnò loro una preghiera ancora più bella: Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo vi adoro profondamente e vi offro il preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di Gesù Cristo, presente in tutti i tabernacoli della terra, in riparazione delle offese, dei sacrilegi e delle indifferenze con cui Egli è offeso per i meriti infiniti del suo Sacro Cuore e dell'immacolato Cuore di Maria, vi chiedo la conversione dei poveri peccatori. Alzandosi, l'Angelo prese nuovamente il Calice e l'Ostia nelle mani. Diede l'Ostia a Lucia. Francesco e Giacinta si chiedevano se anche a loro desse l'Ostia, perché non avevano ricevuto la Prima Comunione. L'Angelo si avvicinò e diede loro da bere dal calice. Poi si inginocchiò nuovamente e ripeté tre volte la stessa preghiera: Santissima Trinità... infine sparì. Non lo videro mai più. Da quel giorno ripeterono sempre ciò che l'Angelo aveva loro insegnato. Cominciarono a pregare meglio e più seriamente di prima. Sentirono che il bell'Angelo della Pace era venuto a prepararli per una visita ancora più importante.

Una Signora più splendente del sole

Erano passati sei mesi dall'ultima apparizione dell'Angelo. Era primavera: 13 maggio 1917. In questo giorno i pastorelli portarono le pecore in una piccola proprietà dei genitori di Lucia chiamata Cova di Iria. La giornata era serena e i fanciulli giuocavano tra gli alberi. Improvvisamente videro due raggi di luce, come lampi nel cielo. Quando guardarono nella direzione della luce videro sulla cima di un leccio una Signora vestita di bianco. Sembrava più brillante del sole. La luce che l'avvolgeva era più intensa e più forte di quella che avvolgeva l'Angelo. La sua faccia; ah, la sua faccia!... Era molto molto bella. Non era né triste né allegra, ma sena. Aveva le mani giunte sopra il petto come se stesse pregando; da esse le pendeva un Rosario. I suoi vestiti sembravano fatti solamente di luce. Il vestito e il manto erano bianchi e orlati d'oro. Attratti dalla abbagliante Signora, si avvicinarono al piccolo leccio. Erano così vicini a Lei che la luce li avvolgeva. Francesco poteva vederla perfettamente, ma Lucia e Giacinta erano capaci anche di sentirla. Non abbiate paura, io non vi faccio male disse loro. Da dove viene, Signora? chiese Lucia. Io vengo dal cielo rispose la Signora indicando il cielo azzurro. Cosa chiede, Signora? continuò Lucia con insistenza. Sono venuta per chiedervi che veniate qui per sei mesi consecutivi il giorno tredici, a questa ora. Dopo dirò chi sono, cosa voglio e tornerò qui ancora una settima volta. La splendente Signora domandò se fosse loro piaciuto salvare i poveri peccatori. Al ché Lucia rispose: Sì, vogliamo. Però dovrete soffrire molto, ma la grazia di Dio sarà il vostro conforto completò la Signora. Quando disse questo, aprì le mani e una luce intensa uscì da esse e si diffuse sui pastorelli, penetrando nei loro cuori. Si sentirono più vicini a Dio e felici più che mai. Senza altre spiegazioni sentirono il desiderio di pregare. Si inginocchiarono e ripeterono: O Santissima Trinità ti adoro! Mio Dio, mio Dio ti amo nel Santissimo Sacramento. La Signora disse: Pregate il Rosario ogni giorno per ottenere la pace in tutto il mondo e la fine della guerra. L'Europa si trovava coinvolta in una terribile guerra: la prima guerra mondiale. Infine la Signora cominciò ad alzarsi verso est e sparì nell'azzurro brillante del cielo. Lucia, con paura, chiese ai cuginetti che non dicessero niente a nessuno. Ma Giacinta era così felice che alla prima occasione raccontò tutto alla mamma. La signora Olimpia pensò che fosse qualche scherzo tanto che rispose: Devi essere davvero una piccola santa perché la Madonna ti sia apparsa! In realtà niente poteva essere più straordinario. Proprio per questo le notizie corsero come il fuoco nel campo. Il giorno dopo tutti nel villaggio sapevano. La mamma di Lucia, la signora Mariarosa pensò che i fanciulli mentissero e diede uno schiaffo alla figlia, dicendo: Ah, no! Non avrò una figlia bugiarda! Il giorno dopo la signora Mariarosa portò Lucia a parlare con il signor parroco. Questi fu però più buono e le fece solo alcune domande. Dopo disse alla mamma Mariarosa che non doveva preoccuparsi, né castigare la figlia. Concluse che forse si trattava solo di immaginazione... La signora Mariarosa e la signora Olimpia decisero di trattare i figli come se non fosse successo niente. Sperarono così, che i tre dimenticassero l'argomento. Ma, come avrebbero potuto dimenticare la splendente Signora? Successe esattamente il contrario. I tre pastorelli parlavano e pensavano alla signora in tutti i momenti e costò loro molto l'attesa di poterla vedere un'altra volta nel giorno tredici di giugno.

La Signora viene per la seconda volta

I tre avevano programmato di tornare a Cova di Iria il giorno tredici, ma Lucia sorprese i cugini dicendo loro che non andava ad incontrarsi con la Signora. Il tredici giugno è il giorno del patrono Sant'Antonio e io vado alla festa con la mamma disse Lucia. Giacinta, pallida di spavento riuscì a malapena a rispondere: Lucia, come puoi non venire a Cova? Tu promettesti alla Signora che saresti andata! Però noi andiamo, parlo io con la Signora! Lucia continuò un poco insicura: No, io non vado. Guarda, se la Signora chiede di me, dille che io non vado perché temo che sia il diavolo. Francesco e Giacinta non potevano credere che una persona così bella potesse essere il demonio, tanto meno potevano pensare all'ipotesi di andare senza Lucia. Come puoi dire questa cosa, Lucia? le chiese Giacinta in lacrime Il demonio è orribile e scuro non potrebbe mai apparire tanto amabile e luminoso come la Signora che abbiamo visto! Francesco aggiunse: Come potremo andare là soli? La Signora parla solo con te ed io non posso neppure udirla! Ma Lucia non sembrava voler cambiare opinione. Era decisa ad andare alla festa. Al mattino del giorno tredici, Francesco e Giacinta erano dispiaciuti di recarsi a Cova di Iria senza la cugina. Tutta la famiglia era andata alla festa ed erano soli in casa. Giacinta pregava con fervore quando, con sua enorme sorpresa vide Lucia spuntare dalla curva della strada in fretta. Allora, voi non andate? Chiese Lucia. Senza te noi non osiamo andare! Corri, vieni! Vengo subito! fu la risposta immediata. Allegri come non mai si misero a correre per raggiungere lo stesso leccio dove avevano avuto la visione celestiale. Questa volta però, non stavano soli. La notizia si era diffusa e circa cinquanta persone già si trovavano là. Molti volevano vedere con i propri occhi ciò che i ragazzi avevano raccontato. Mentre aspettavano mezzogiorno si inginocchiarono e cominciarono a pregare il Rosario. Alcune persone sussurravano loro alle orecchie le richieste, altre li guardavano dubbiosi. Alla fine della prima corona Lucia esclamò: Guardate là, la Signora sta già arrivando. Così come la prima volta ci fu un raggio di luce e la Signora apparve in piedi sopra i rami del leccio. Solo Lucia parlò: Che cosa vuoi da me, mia Signora? Voglio che veniate qui il giorno tredici del prossimo mese, che recitiate tutti i giorni il Rosario e che impariate a leggere e poi dirò ciò che voglio. Lucia, allora, le chiese di guarire una persona. La Signora le rispose che se si fosse convertita sarebbe guarita proprio nello stesso anno. Volevo chiedere di portarci in cielo le disse Lucia. Sì, Giacinta e Francesco li porterò presto, ma tu rimarrai più a lungo. Gesù vuole servirsi di te perché tu mi faccia conoscere e amare. Resto qui da sola? chiese Lucia addolorata. Sì, figlia. E tu soffrirai molto? Non scoraggiarti; io non ti lascerò mai. Il mio Cuore Immacolato sarà il tuo rifugio e il cammino che ti condurrà a Dio. Dicendo questo aprì le mani come aveva fatto la prima volta e trasmise un riflesso di luce immensa. In essa i tre si videro come immersi in Dio. Nel palmo della mano destra della Signora c'era un cuore circondato da spine che vi si conficcavano. Capirono che era l'immacolato cuore di Maria ferito dai peccati dell'umanità e chiedeva riparazione. Infine la Signora incominciò ad alzarsi e ad allontanarsi verso est fino a sparire. Le persone intorno parlavano tutte nello stesso tempo. Alcune non credevano che quei pastorelli avessero visto la Signora e dicevano che mentivano. Li tempestarono di domande e perfino di insulti. Altre avevano notato qualcosa di diverso sul leccio... e piangevano emozionate. Francesco e Giacinta corsero subito verso casa desiderosi di raccontare alla mamma che la Signora li avrebbe portati presto in cielo. Lucia invece si mise in cammino lentamente pensierosa. Rifletteva sul grande cambiamento che era avvenuto nelle loro vite.

Un grande segreto

Il tredici luglio, un mese dopo. Questo doveva essere il terzo incontro con la Celeste Signora. A mezzogiorno stavano aspettando nello stesso luogo. C'erano anche circa cinquecento persone che si accalcavano nel luogo per contendersi il posto. Tutti immaginavano di poter vedere la Celestiale Visitatrice. Un raggio di luce brillò all'orizzonte; si fece silenzio e Lucia cominciò a parlare come le altre volte: Mia Signora, cosa vuoi da me? Al che la Signora rispose: Voglio che torniate qui il tredici del prossimo mese; che continuiate a pregare il rosario ogni giorno in onore di Nostra Signora del Rosario per ottenere la pace per il mondo e la fine della guerra. Solamente lei potrà esaudirvi. Lucia allo stesso tempo chiese alla Signora di compiere un miracolo perché tutti credessero. La Signora rispose: Continuate a venire qui tutti i mesi. In ottobre dirò chi sono e ciò che voglio. Farò un miracolo che tutti dovranno vedere per credere. Dopo continuò:       Sacrificatevi per i peccatori e dite molte volte, soprattutto quando farete qualche sacrificio: O Gesù, è per tuo amore, per la conversione dei peccatori e in riparazione dei peccati commessi contro il Cuore Immacolato di Maria. In seguito la Signora svelò loro un segreto che Lucia qualche tempo dopo rivelò: Dicendo queste parole la Signora aprì nuovamente le mani come aveva fatto nei due mesi precedenti, il riflesso che da esse partì sembrò penetrare la terra e vedemmo come un mare di fuoco. Immersi in questo fuoco vedemmo i demoni e le anime come se fossero tizzoni trasparenti e scuri con forma umana che fluttuavano nell'incendio portati dalle fiamme da cui uscivano insieme nuvole di fumo. In ogni parte grida e gemiti di dolore e di disperazione che mettevano orrore e facevano tremare di paura. I demoni avevano forme orribili e sagome di animali spaventosi e sconosciuti, ma erano trasparenti come carboni accesi. I pastorelli erano così spaventati che, se la buona Signora non avesse promesso che li avrebbe portati in cielo, sarebbero morti di paura e di terrore. Avevano appena avuto visione dell'inferno! La Signora continuò: Avete visto l'inferno nel quale finiscono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato. Se farete quanto vi ho detto si salveranno molte anime e avranno la pace. La guerra finirà. Ma se non smetteranno di offendere Dio, sotto il papato di Pio XI ne inizierà una peggiore. Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segnale dato da Dio che punirà il mondo per i suoi crimini con la guerra, la fame, la persecuzione alla Chiesa e al Santo Padre. Per evitare ciò, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato e la comunione riparatrice nei primi sabati. Se ascolteranno le mie richieste la Russia si convertirà; diversamente si diffonderanno nel mondo i suoi errori provocando guerre e persecuzioni alla Chiesa. I giusti saranno martirizzati, il Santo Padre dovrà soffrire molto, diverse nazioni saranno distrutte. Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre mi consacrerà la Russia che si convertirà e al mondo sarà concesso un tempo di pace. Nel Portogallo si conserverà sempre il dogma. della fede. Quando reciterete il Rosario dite dopo ciascun mistero: O Gesù mio perdonaci, liberaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime specialmente le più bisognose della tua misericordia. Quando la Signora se ne andò, i tre erano così stanchi che non si reggevano in piedi. Incise nelle loro memorie stavano per sempre le fiamme terrificanti dell'inferno.

Il sequestro

La notizia che i tre piccoli pastori vedevano una "Signora Celeste" e che da lei avevano ricevuto un segreto esplose come il fuoco nella polvere. I loro nomi comparvero sui giornali di tutto il paese. Questo infastidì alcune persone che non credevano in Dio. Una di queste persone era il Sindaco di Vila de Ourem. Egli sembrava molto arrabbiato quando chiamò i genitori dei pastorelli per chiedere loro spiegazioni: Che cosa è questa storia di bambini che vedono una Signora Celeste? Cosa significa? Voi credete davvero in creature del cielo? è ormai tempo di smettere di credere in queste cose folli! Ho persino sentito dire che c'erano più di cinquemila persone l'ultima volta. Ridicolo! Se non la smetterete il paese intero verrà a Fatima per vedere questa Signora. E necessario porre fine a tutto ciò proprio subito! Il Sindaco di Ourem era un uomo molto scaltro. Per mettere in pratica i suoi progetti, ideò un piano diabolico che fece molto soffrire i pastorelli. Quando il tredici di Agosto erano pronti per recarsi a Cova di Iria per incontrarsi con la bella Signora per la quarta volta, un grande carro con i cavalli ostruì la porta della casa di Lucia. Da quella porta uscì solo il Sindaco di Ourem. Dopo aver salutato tutti, chiese gentilmente il permesso di portare i tre a Cova di Iria. Tutti rimasero impressionati e pensarono che finalmente si era convertito. Il signor Marto cercò di impedirlo... era tardi, i tre stavano già sul carro. I pastorelli intanto nel fondo del loro cuore erano spaventati. Presagivano che qualcosa di brutto stava per accadere. Come i cavalli si diressero in fretta fuori del villaggio, subito capirono che erano stati ingannati. Lucia parlò per prima: Per favore, signore, noi vogliamo andare a Cova di Iria. Siamo sulla strada opposta. Io voglio solo che facciate un piccolo percorso fino ad Ourem. Voglio che parliate con un sacerdote del luogo. Francesco era nervoso: Per Ourem? Ma non c'è tempo! La Signora viene solo a mezzogiorno in punto, arriveremo in ritardo. Hai dimenticato, ragazzo che questi sono i migliori cavalli della regione? Andremo a Ourem e torneremo in un batter d'occhio. Questo li calmò un poco, però continuavano ad essere ansiosi. Arrivando ad Ourem videro che il carro passava davanti alla chiesa senza fermarsi, per fermarsi un poco più avanti, davanti ad un grande edificio. Il Sindaco si girò verso di loro con uno sguardo veramente malizioso e disse fra i denti: Voi siete realmente bambini ostinati e disobbedienti. Con le vostre bugie circa la famosa "Signora Celeste" di Cova di Iria avete provocato molta confusione e meritate di essere puniti. O negate di aver visto qualcosa e mi dite questo vostro "Segreto", o non potete immaginare cosa vi farò! In seguito entrarono nell'edificio e dopo aver attraversato lunghi corridoi giunsero davanti ad una porta con le grate. All'interno videro un gruppo di uomini rozzi con fisionomie minacciose. Si resero conto che stavano nella prigione di Ourem. Gli uomini che li guardavano sorpresi attraverso le grate erano dei criminali! Il carceriere aprì la porta e li spinse in mezzo a quei condannati. è chiaro che rimasero molto spaventati, ma una cosa li preoccupava ancora di più. In quello stesso momento la Signora avrebbe dovuto apparire a Cova di Iria, ma essi non erano là. Non sarebbe rimasta delusa? Intanto uno dei prigionieri gridò: Ebbene, abbiamo compagnia ragazzi! Da quando ci mandano bambini? mugugnò un altro. Sono certamente borsaioli disse ridendo un terzo. Cosa hai rubato ragazzo? Ma Francesco con coraggio rispose: No, noi non siamo borsaioli, signore. Noi siamo qui perché una bella Signora ci è apparsa a Fatima. Il signor Sindaco afferma che stiamo mentendo, ma non è vero! L'uomo guardò spaventato: Che pazzia è questa? è meglio che non facciate arrabbiare il Sindaco, non è un uomo con cui si giuochi disse. Egli può mettervi in castigo se continuate ad inventare storie! Mai, signore; noi non stiamo inventando storie gli disse Giacinta. E vero aggiunse Francesco anche se il signor Sindaco ci imprigiona per sempre noi non diremo mai che Ella non ci è apparsa, perché è la pura verità. Fu sufficiente perché quei condannati cominciassero a mormorare tra loro. Dubitarono che qualcosa di serio stava succedendo. I dodici rintocchi della campana della chiesa indicarono che era mezzogiorno. Allora a Giacinta venne un'idea. Se non potevano essere a Cova di Iria potevano almeno pensare alla Signora e recitare il Rosario. Tolse una medaglia dal collo e chiese ad uno dei prigionieri che l'appendesse alla parete. Dopo i tre pastorelli si inginocchiarono proprio lì e incominciarono a pregare a voce alta. All'inizio, appena iniziarono le preghiere gli uomini stavano zitti. Ma a poco a poco alcune voci rudi cominciarono ad accompagnarli nelle Ave Maria. Non passò molto tempo che la maggior parte dei prigionieri stava in ginocchio. Quelli che non pregavano mantenevano un rispettoso silenzio. Di fianco a Francesco c'era un prigioniero che aveva in testa il berretto; il bambino, vedendolo, gli disse: Signore se vuole pregare deve togliere il berretto. Il poveraccio con vergogna si scoprì rapidamente il capo. Dopo di che quegli uomini rozzi iniziarono a considerare più seriamente i tre piccoli eroi e tentarono di consolarli. Ma come? Uno di loro soffiò nell'organetto che cominciò a suonare. L'altro prese Giacinta per le braccia per danzare il fandango, ma alla piccola non andava di far festa e chiese di essere lasciata tranquilla. L'organetto non suonò più e l'ambiente tornò ad essere triste. Senza capire come, si avvicinarono alla finestra, parlavano pianino, finché Francesco chiese: Perché i nostri genitori non verranno a prenderci? La risposta non era facile. I tre stavano lì abbandonati come Nostro Signore Gesù Cristo durante la passione. Questo pensiero li faceva soffrire terribilmente. Lucia parlò a voce alta per tentare di cambiare argomento: Cosa ci faranno adesso? Non lo so disse Francesco. forse ci picchieranno, se lo facessero dobbiamo essere pronti ad offrire questo a Dio per i poveri peccatori. Il ricordo dei peccatori che venivano condannati all'inferno fece loro ricordare rapidamente ciò che la Signora aveva loro chiesto: preghiere e sacrifici. Quasi allo stesso tempo iniziarono a dire a bassa voce la preghiera che Ella aveva loro insegnato: O mio Gesù, io ti offro questo per tuo amore, per la conversione dei peccatori, in riparazione delle offese contro il Cuore Immacolato di Maria.

Una pentola di olio bollente

Giacinta, Francesco e Lucia erano prigionieri da tre giorni quando insperatamente il Sindaco tornò, era sicuro che li avrebbe trovati pronti a svelare il segreto. Deve, essere rimasto molto contrariato vedendo che stavano ancora molto forti nella fede, ma non si diede per vinto. Decise di mettere in pratica la parte più terribile del suo piano diabolico. Con gli occhi iniettati di odio, gridò loro: Ascoltate bene voi tre! O mi dite la verità riguardo la Signora o vi cuocerò vivi tutti e tre in una pentola di olio! Ma signore, noi abbiamo già detto la verità risposero La Verità? Cari miei ostinati, voi non sapete cosa è la verità! Smettetela subito con questa follia. Esattamente in questo momento ho una pentola piena di olio che bolle in cucina, pronta ad aspettarvi. Giacinta, qual è il segreto che la Signora vi ha rivelato? La poverina tremava di paura, ma rispose con fermezza: Io non posso rivelarlo, signor Sindaco. Il Sindaco pieno di rabbia, chiamò il custode che stava fuori della porta e gli chiese: L'olio sta già bollendo?      Sì, signor Sindaco rispose il custode. Andiamo, prendi questa ragazzina e mettila nella pentola. Il custode spinse Giacinta fuori dalla cella. Era arrivata l'ora del martirio. I tre offrirono la loro vita a Nostro Signore per i poveri peccatori ed erano disposti a morire coraggiosamente. Francesco recitò un'Ave Maria per avere la forza e parlò ad alta voce: Che cosa importa se ci uccideranno, tra poco andremo in cielo. Dopo alcuni minuti la porta si aprì di nuovo e il custode tornò con il Sindaco che gridò: quella è già fritta! e guardando Francesco disse: Suvvia, butta fuori questo segreto. Non posso signor Sindaco rispose allo stesso modo il piccolo. Non puoi? Questo è affare tuo, morirai come la tua sorella. Il custode  trascinò Francesco fuori dalla cella lasciando Lucia nelle mani del carnefice: Dopo toccherà a te. Sarebbe meglio che tu mi raccontassi il segreto. Preferisco morire rispose Lucia tremando. Va bene, morirai! La povera Lucia prestò attenzione per ascoltare le grida dei suoi cari cugini. Il suo corpo tremava tutto di paura. Si immaginò a bruciare nell'olio bollente e cadde in ginocchio mormorando: Per favore, buona Signora, io non posso violare il segreto, aiutami a morire bene come Francesco e Giacinta, senza dare un grido. Quando terminò questa preghiera il guardiano la prese per un braccio, la guidò per un corridoio scuro fino alla cucina, dove incontrò la moglie del Sindaco. Quando varcò la soglia i suoi occhi brillarono di gioia. Là stavano Francesco e Giacinta smorti per la paura, ma sani e salvi. Non c'è olio bollente esclamò Francesco buttandosi nelle braccia di Lucia Volevano solo spaventarci. Sì completò Giacinta Egli pensò che non saremmo stati capaci di morire per la Signora, ma noi per questo eravamo pronti. Tu pure lo eri, non è vero, Lucia? Come svegliandosi da un sogno, Lucia accennò con la testa per dire di sì. Dopo si sciolsero in lacrime... di gioia. Oh, io avevo tanta paura! Ma sarei morta mille volte prima di rompere la promessa fatta alla Signora. Ella era così amabile, così buona! Il sindaco era proprio fuori di sé. Si rese conto che non sarebbe riuscito a ottenere nulla dai tre. Fu obbligato a riconoscersi sconfitto e a rimandarli alle loro case.

La signora venne

Nella regione, tutti seppero del fatto e i tre pastorelli cominciarono ad essere ammirati come veri eroi. Ma non capivano perché i loro genitori non fossero andati a prenderli alla prigione. Ma, perché non siete venuti ad aiutarci? domandò Lucia alla mamma. Ebbene, figlia rispose la signora Mariarosa Io ho pensato che avreste potuto inventare questa storia. Allora, ho concluso che se fosse stata una menzogna avreste avuto la punizione che meritavate, o nel caso fosse stata la verità la verità, la Signora vi avrebbe aiutati. è chiaro che i genitori dei pastorelli avrebbero mai immaginato che il Sindaco fosse tanto crudele. Quando seppero ciò che aveva fatto ai figli rimasero indignati. Però ringraziarono Dio per averli aiutati a tornare a casa e si tranquillizzarono. Dopo che le cose si furono un po' calmate la signora Olimpia disse seriamente a Giacinta: In ogni modo, penso che la tua Signora sia venuta davvero. Cosa ha detto mamma? chiese Giacinta. Bene, c'era molta gente in quel giorno aspettando il vostro arrivo. Ma verso mezzogiorno si sentì un tuono. Tutti rimasero sorpresi visto che il giorno era sereno. Improvvisamente apparve un raggio di luce tanto intenso che fu visto chiaramente anche in pieno giorno. Dopo il sole incominciò ad oscurarsi e una bella nuvola bianca si posò sopra il leccio e lo copri completamente. Si fermò lì appena alcuni istanti e partì. Tutti rimasero attoniti e capirono che qualcosa di straordinario era successo. Lo scontento cessò immediatamente, subentrò al suo posto la ribellione quando si seppe che voi eravate stati rapiti. Avete visto! disse Lucia ai due cugini la Signora è venuta, ma è andata via perché noi non eravamo là. Che peccato! mormorò Francesco. Sì, che peccato, pensare che noi l'abbiamo perduta. E pensare che lei può essere rimasta delusa. Il giorno dopo, 19 agosto, Lucia e Francesco da soli portarono le pecore a pascolare in una proprietà chiamata Loca do Cabeco che è più vicina al villaggio. Li, i due, seduti sopra le bianche pietre conversavano tristi. Sto pensando se dovremo aspettare fino al prossimo mese per vedere nuovamente la Signora disse Francesco a Lucia. Io non so... sto pensando se avremo appena cinque visite anziché sei rispose Lucia. Improvvisamente l'aria cominciò a farsi più fresca ed il sole ad oscurarsi. Lucia guardò in alto e il suo cuore batteva forte. Pensò subito a Giacinta che era rimasta in casa. Nello stesso momento vide il suo fratello Giovanni che veniva dalla strada e gli gridò dandogli una moneta: Svelto Giovanni, corri fino a casa, di' a Giacinta che venga immediatamente, perché la Signora sta per arrivare. Dopo alcuni minuti ci fu un rumore di tuono e un lampo e lì c'era la Signora sopra la cima di un altro leccio un pò più grande di quello di Cova da Iria. Giacinta arrivò trafelata, ma contenta. Come era felice nel vederla un'altra volta. Lucia parlò per prima: Cosa vuole, Signora da me? Voglio che continuiate ad andare a Cova di Iria il tredici di ogni mese, e che continuiate a recitare il rosario tutti i giorni. Nell'ultimo mese farò un miracolo perché tutti credano. In quel momento il suo aspetto si fece serio: se non vi avessero portati ad Ourem, il miracolo sarebbe ancora più grande. Sì, la Signora aveva visto tutto dal cielo. Aveva visto il peccato del Sindaco, la indifferenza delle persone, perciò, per castigo, avrebbe fatto un miracolo più piccolo. Poi Lucia le chiese cosa dovevano farne dei soldi che molte persone lasciavano a Cova di Iria. Al che la Signora rispose con voce serena e celestiale: Si facciano due portantine; una portala tu con Giacinta, con altre due bambine vestite di bianco, l'altra la porti Francesco con altri tre bambini. Le portantine sono per la festa di Nostra Signora del Rosario. Quello che avanzerà è per aiutare a costruire una cappella. Lucia chiese alla fine la guarigione di alcune persone. La Signora rispose che ne avrebbe fatto guarire alcune durante l'anno. In quel momento il suo volto si fece triste e disse: Pregate, pregate molto e fate sacrifici per i peccatori. Molte anime vanno all'inferno perché non c'è nessuno che si sacrifichi per loro. Dicendo questo incominciò ad alzarsi verso il cielo. Dopo la partenza della signora Francesco ebbe l'idea di togliere alcuni rami dal leccio su cui ella si era posata. Tutti rimasero meravigliati vedendo che dalle foglie si diffondeva un profumo dolce e sconosciuto.

Francesco

La Signora aveva raccomandato che non si dimenticassero dei poveri peccatori. Per questo i tre incominciarono a fare sacrifici maggiori. A volte tralasciavano di bere mentre erano nel prato sotto il sole. In altre occasioni accettavano le umiliazioni in silenzio. Ma ancora non erano soddisfatti, volevano salvare più peccatori. Un certo giorno mentre conversavano su cosa avrebbe consolato Gesù, Francesco vide una corda ruvida sul pavimento, la prese e disse: Consolare nostro Signore è soffrire con lui per i peccati degli uomini. Per esempio, se legassimo questa corda intorno al corpo! Questa ci farebbe soffrire come i nostri peccati causano sofferenze a Gesù crocifisso. I tre spinti da un enorme desiderio di consolare Gesù divisero la corda e la misero intorno alla vita. Giacinta aveva le lacrime agli occhi, ma diceva sempre: è per la conversione dei peccatori. Francesco si ricordava anche che la buona Signora gli aveva detto che doveva recitare molti Rosari. A volte lasciava i giuochi e la gente lo incontrava inginocchiato dietro il muro o dietro qualche albero. Francesco, cosa stai facendo? chiedevano. Sto pensando al buon Gesù e come è triste per le offese commesse dalle persone. Io volevo consolarlo e tenergli un po' compagnia. Che cosa preferisci? Convertire i peccatori o consolare il buon Dio? gli chiese Giacinta. Consolare il buon Dio. Io per prima cosa preferisco consolare Dio, poi convertire i peccatori, perché Egli non venga più offeso rispose sinceramente, senza capire che aveva scelto il meglio.

La quinta visita

Quanta gente in Cova di Iria il tredici di settembre! Nei prati dove i tre pastorelli erano abituati a giuocare allegri e spensierati c'erano adesso ricchi e poveri, operai e signori, anziane pie e signore vestite con eleganza, seminaristi e persino sacerdoti. Tutti pregavano, volevano chiedere alla Signora qualche grazia: che salvasse i figli dalla guerra, che curasse un parente ammalato.. Nelle strade c'erano file interminabili. Cominciarono ad arrivare all'alba e già c'erano ventimila persone. A mezzogiorno si fece un completo silenzio, si sentiva appena il bisbiglio delle preghiere. Improvvisamente risuonano grida di gioia, si sentono voci lodare la Vergine e delle braccia si alzano ad indicare qualcosa in alto. Guardate, non viene? gridò qualcuno. In quel momento si vide chiaramente una palla luminosa che sorgeva lontana nel cielo e che si avvicinava lentamente. Tutto sembrò cambiare colore: azzurro, arancione, viola.. .Tutti erano attoniti. Il globo si era posato sul leccio. I più vicini sentivano un leggero bisbiglio come di qualcuno che parlasse a bassa voce la nostra Signora stava lì. Era venuta per dire ai nostri pastorelli che continuassero a recitare il Rosario, che nel mese seguente avrebbe fatto un grande miracolo. E prima di partire soggiunse maternamente: Dio è contento dei vostri sacrifici, ma non vuole più che dormiate con la corda, usatela solo di giorno. E salì lentamente verso il cielo.

Il grande giorno

I1 tredici di ottobre lungamente atteso, finalmente era arrivato. Questo sarebbe stato il giorno del grande miracolo. Nella Cova di Iria c'era molta gente, ma non tutti erano allegri. La signora Maria Rosa, che ancora non credeva alla Signora, non era riuscita a dormire durante la notte, Molti le avevano detto che se non ci fosse stato il miracolo i tre bambini sarebbero stati linciati dalla moltitudine inferocita, era meglio prepararsi a morire. Appena il sole sorse, svegliò Lucia e le disse. Lucia, andiamo alla chiesa a confessarci dal signor Parroco. Oggi certamente moriremo schiacciati dalla moltitudine. Ma Lucia rispose tranquilla. Mamma, posso accompagnarti fino alla chiesa, ma non ho niente da confessare, ho la certezza che la Signora farà il miracolo. E la signora Rosa non insistette. Da parte sua la signore Olimpia aveva la sua stessa preoccupazione. Molte persone del villaggio erano venute a riferire ciò che si diceva ovunque: se non ci fosse stato il miracolo il popolo avrebbe ucciso i tre bambini, forse tutta la famiglia, avrebbe raso al suolo le case e distrutto tutto. Solamente il signor Marto continuava con calma, fiducioso che le cose sarebbero andate bene. Giacinta per incoraggiare tutti diceva:     Se ci uccideranno, meglio, così andremo subito in cielo. Nel frattempo a Cova di Iria si riuniva gente da tutto il paese. Una moltitudine di settantamila persone era venuta dalle strade, la maggior parte a piedi sotto una pioggia fitta. Volevano vedere il miracolo ad ogni costo, altrimenti... Nessuno sapeva ciò che sarebbe potuto succedere. I tre pastorelli si misero i loro abiti migliori; Giacinta indossava il vestito bianco che era riservato per la Prima Comunione, Francesco la sua giacca più bella. Era il grande giorno: la Signora aveva promesso di dire chi fosse e che cosa volesse. Questa volta si misero in cammino più presto, perché avevano previsto l'enorme difficoltà che avrebbero incontrato per giungere fino al leccio. Superando le persone che si accalcavano lungo la strada sentivano allo stesso tempo richieste di preghiere, di guarigioni, di minacce... Mio Dio! Come finirà tutto questo? Con molto sforzo giunsero fino al leccio e si inginocchiarono. Tutti recitavano il Rosario, erano ansiosi di vedere il grande miracolo che la Signora aveva promesso. Quando terminarono il Rosario, videro un raggio di luce fra le nuvole scure. Lucia gridò: Chiudete gli ombrelli! I tre guardarono nello stesso tempo verso l'alto per poter fissare per l'ultima volta quegli occhi materni. Ancora un istante ed Ella stava lì. Cosa vuole da me, Signora? chiese come al solito Lucia. Voglio dirti che costruiscano qui una cappella in mio onore. Io sono la Signore del Rosario; che continuino a recitare il Rosario tutti i giorni. La guerra finirà, i soldati ritorneranno presto alle loro case. rispose la Regina del cielo. In realtà tutti già sapevano che la Signora atri non era che la Madre di Dio. Ma ora lei stessa l'aveva detto! Lucia le chiese nuovamente la guarigione di alcuni ammalati e la conversione di altri. Al che la Signora rispose: Guarirò alcuni, altri no. Essi devono cambiare vita e chiedere perdono per i loro peccati. Diventò, allora, più triste e disse: Smettano di offendere Dio, nostro Signore, perché è già molto offeso. Allora successe un fatto meraviglioso. Mentre la Signora cominciava ad alzarsi, aprì le sue mani da cui uscirono raggi di luce in direzione del sole. Guardate il sole! gridò Lucia. Prima pioveva, ma in quel momento le nubi sparirono. Tutti videro il sole come un grande disco d'argento, brillava intensamente e tuttavia non accecava. Passati alcuni istanti cominciò a ballare, girando come un'enorme palla di fuoco. I suoi contorni diventarono rossi; cominciò a ballare di nuovo, muovendosi nel cielo e spargendo fiamme. Questo successe tre volte. Poi sembrò precipitare sopra la moltitudine terrorizzata zigzagando follemente. Alcune persone gridavano, altre pregavano ad alta voce. Ci fu persino chi confessava agli altri i propri peccati. Molti pensarono che stavano per morire. Tutto questo durò circa dieci minuti. Alla fine il sole zigzagò per tornare al suo posto. Brillava a distanza come se non fosse successo nulla. Gli abiti inzuppati di pioggia, ora erano completamente asciutti. Mentre al sole succedevano queste cose, i tre pastorelli videro qualcosa di nuovo. Tre scene apparvero loro nel cielo. La prima rappresentava i misteri del Rosario e la Sacra Famiglia: S. Giuseppe con il Bambino Gesù e la Madonna del Rosario. S. Giuseppe benedì la moltitudine facendo tre volte il segno di Croce; fece lo stesso il Bambino Gesù. Nella seconda scena, Lucia vide la nostra Signora dei Dolori senza la spada nel cuore e Gesù caricato della Croce sulla via del Calvario. Gesù benedisse la moltitudine. Finalmente la nostra Signora del Carmelo apparve coronata come la Regina del cielo e della terra. Teneva il Bambino Gesù vicino al cuore. Il miracolo si era realizzato e tutti adesso credevano che la Signora era apparsa. Ella non sarebbe più tornata. Lasciò al mondo un grande messaggio. Chiese a tutti che pregassero, che facessero penitenza e che smettessero di offendere nostro Signore. Era aperta la porta per stabilire l'Alleanza.

Giacinta e Francesco

Alcune settimane dopo la visita della Signora, i tre pastorelli si iscrissero alla scuola. Era per loro molto difficile, perché non li lasciavano in pace. Facevano loro ogni tipo di domanda. Oltre tutto Francesco, per quanto si sforzasse, non gli riusciva di concentrarsi sui libri. Alla prima occasione fuggì in chiesa per visitare il Santissimo Sacramento. S'inginocchiò a recitare il Rosario e a tenere compagnia a nostro Signore. Non aveva mai dimenticato la promessa fattagli dalla Signora, che presto sarebbe andato in cielo, né aveva dimenticato che, per questo, avrebbe dovuto recitare molti Rosari. Ma ora non gli era difficile pregare, aveva imparato a meditare con profitto i misteri del Rosario. Adesso la sua anima poteva già andare in cielo... Con l'autunno del 1918 arrivò l'influenza spagnola. Giacinta e suo fratello si ammalarono. Nelle prime due settimane Francesco stava molto male. Quando migliorò un poco, le persone cominciarono a dirgli che si sarebbe ripreso in fretta. Ma lui scuoteva la testa e diceva. Io non guarirò più. Io morirò. Sciocchezze disse la sua madrina ho fatto una promessa alla Vergine che se guarirai, venderò una quantità di grano pari al tuo peso, il ricavato lo darò per la cappella di Cova di Iria. La Signora non dovrà compiere questa promessa, madrina! Io lo so molto bene. Anche Giacinta contrasse la malattia terribile e, un giorno che stava discutendo con Francesco a riguardo dell'offerta di sacrifici per i peccatori, la Signora del Rosario li visitò. Li guardava con indicibile bontà e dolcezza. I loro cuori si accesero nuovamente di una celeste allegria. Francesco era sicuro che Ella era venuto a prenderlo. Ma la Signora gli disse benevolmente. Ancora no, Francesco; ma tra poco verrò a prenderti per portarti in cielo come ti ho promesso. Volgendosi a Giacinta le chiese. Ti piacerebbe, Giacinta, continuare a soffrire per convertire più peccatori? A Giacinta sarebbe piaciuto andare in cielo con il suo fratello, ma rispose prontamente. Rimarrò qui finché Dio vorrà! Porterò al cielo quante più anime potrò! La Signora sorrise. Allora soffrirai molto, dovrai andare in ospedale proprio a Lisbona, ma accetta tutto per convertire i peccatori e consolare il Cuore Immacolato di Maria per amore di Gesù! Cominciò lentamente ad allontanarsi. Francesco ricuperò non del tutto le forze, ma chiese di fare la Prima Comunione. Sebbene non avesse finito il catechismo, il Parroco decise che era pronto di ricevere l'Ostia santa. Francesco chiese a Lucia e a Giacinta che lo aiutassero a prepararsi per la sua prima Confessione. Voleva assolutamente ricordare tutte le mancanze commesse. Dopo essersi confessato si comunicò per la prima colta. Nel ricevere Gesù sacramentato era fuori di sé per la gioia. Era il momento più felice della sua vita. Gli chiesero. Francesco, non senti più i dolori? No rispose il dolore è sparito. Nostro Signore gli aveva tolto il dolore mentre gli teneva compagnia. I tre rimasero un po' insieme a parlare delle cose del cielo. Ma Francesco si stancò e volle dormire. Quando Lucia e Giacinta uscirono dalla camera udirono suonare i rintocchi delle campane; si guardarono l'un l'altra. Sapevano che qualcuno era morto per l'epidemia e si chiedevano se Francesco non fosse stato il prossimo. Verso le sei del mattino seguente Francesco si svegliò da un profondo sonno, si sedette sul letto, indicò la porta e disse con gli occhi che brillavano: Guarda, mamma! Guarda che bella luce! Che luce, figlio mio? Là, vicino alla porta! E' tanto bella! Ma la signora Olimpia non vide nulla. Lo aiutò a sistemarsi nel letto e uscì dalla camera quando entrò la madrina. Francesco le tese le braccia e disse. Desidero chiederti scusa per tutti i fastidi che ti ho causato, madrina! Ella annuì gentilmente e si sedette al suo fianco. Cerca di stare tranquillo gli disse. è l'unico modo di stare bene nuovamente. Ma mentre parlava, qualcosa del viso di Francesco l'attraeva, c'era in esso tanta pace, tanta serenità, tanta luce... Francesco stava già in cielo... Giacinta rimaneva da sola senza il caro fratello, a soffrire per la conversione dei peccatori. Già cominciava a fare miracoli. Un cugino di Lucia, ragazzo avventuriero, era fuggito di casa da varie settimane. Giacinta cominciò a chiedere alla Signora che lo facesse ritornare. Alcuni giorni dopo tornò raccontando una fantastica storia riguardo a Giacinta.  Il disgraziato aveva consumato tutto il denaro che aveva; s'era messo a rubare, era stato arrestato e messo nella prigione di Torres Novas. Una notte era riuscito a fuggire e a nascondersi nella foresta, ma scoppiò una terribile tempesta e s'impaurì. Cadde in ginocchio, chiese perdono dei suoi peccati e la grazia di tornare a casa sano e salvo. In quel momento una bambina apparve nel buio, lo prese per mano e lo condusse alla strada indicandogli la direzione da seguire. Riconobbe la fisionomia di Giacinta che nel frattempo era scomparsa. Al mattino lo sfortunato vide che stava vicino a Fatima e corse verso casa. Quando Lucia chiese a Giacinta come poteva essere successo questo, rispose che aveva pregato molto per il ragazzo.

La partenza di Giacinta

Dopo sei mesi la salute di Giacinta peggiorò. I suoi genitori permisero che fosse ricoverata nell'ospedale di Ourem. Ma la piccola non voleva andare, perché sapeva che non sarebbe guarita. Lucia le ricordò la promessa che aveva fatto alla Signora, di aiutarla a salvare più peccatori. Questo le diede coraggio per lasciarsi portare. I due mesi che passò nell'ospedale di Ourem furono un martirio, ma la sua salute non migliorò e i genitori la portarono a casa, Giacinta arrivò a pensare che la Signora avesse mutato i suoi piani e che l'avrebbe lasciata morire a casa, ma un giorno la Signora le apparve nuovamente e le disse che sarebbe stata portata in un altro ospedale e che sarebbe morta là da sola per "salvare più peccatori". Dopo un po' di tempo un medico famoso arrivò a Fatima con alcune signore caritatevoli che volevano portare la piccola a Lisbona per essere curata in un ospedale ben attrezzato. Fu una decisione difficile per il signor Marto, nonostante ciò, non voleva negare l'autorizzazione, se questo era l'unico mezzo per salvare la sua carissima figlia. Dovette cedere. Madre e figlia partirono per   Lisbona in lacrime. Quel piccolo angelo sapeva che non avrebbe più rivisto la sua casa e la sua cara cugina. Anche Lucia lo sapeva, tutte due offrirono questo sacrificio alla Signora. Accomiatandosi da Lucia, Giacinta la guardò profondamente negli occhi e le disse: Di' a tutti che Dio concede le grazie per mezzo del Cuore Immacolato di Maria. Se io potessi mettere nel cuore di tutta la gente la fiamma che mi brucia dentro il petto e far amare tanto il Cuore Immacolato di Gesù e di Maria! Aggiunse piangendo. Non ci rivedremo mai più. Prega molto per me, finché io andrò in cielo. Quando sarò là, chiederò molto per te. A Lisbona, Giacinta fu accolta in un orfanotrofio diretto da suore. Senza dubbio era un sollievo stare tra persone dedite alla carità! Le guardava come anime scelte da nostro Signore, specialmente la madre Godinho che si era affezionata fin dal primo momento a quella "piccola santa". Giacinta la chiamava affettuosamente "madrina". Il Cuore Immacolato di Maria aveva, però, riservato per Giacinta un'altra consolazione, che ella lei giudicava la più grande di tutte. La sua camera dava direttamente sulla cappella e così poteva pregare guardando direttamente il Tabernacolo, dove stava nostro Signore nascosto come era solita dire. La santissima Vergine portava al suo figlio Gesù quel cuore ardente di amore. Due settimane dopo veniva portata all'ospedale Signora Stefania, l'ultima stazione del suo calvario. L'operazione, mal riuscita venne fatta senza anestesia totale, fu applicato un anestetico locale per lenire i dolori.. Le furono tolte due costole per facilitare il drenaggio, lasciando una piaga aperta che permetteva l'entrata di un pugno. Tra atroci dolori la "piccola santa" diceva appena: Ahi, Signora! Ahi, Signora! Infine il medico si mostrò fiducioso, ma Giacinta era di opinione diversa. Soffrì dolori violenti per sei giorni. Nella notte del sedici febbraio del 1920 disse a madre Godinho, sua madrina che aveva visto la Signora e che le aveva tolto tutti i dolori. La mattina dopo parti per il cielo.

A te caro lettore

Il piccolo lettore che è arrivato a questo punto della nostra storia, ha conquistato, probabilmente, per la sua vita un importante tesoro. Noi non ci riferiamo appena al fatto di aver letto un libro intero, ci riferiamo a questo gioiello di valore incalcolabile che è la devozione a Maria Santissima, signora del Rosario. Nella tua vita futura incontrerai certamente quelli che ridono della virtù o quelli che ti invitano al male, come i pastorelli incontrarono il Sindaco di Ourem. Dovrai, nell'occasione, scegliere il bene o il male come essi eroicamente sempre fecero. Ricordati in quel momento di quella che è il Porto sicuro di tutte le caravelle colpite dalla tempesta e di': "Ausilio dei Cristiani", aiutami! Ausilio dei cristiani, aiutami! Ricorri con fiducia alla nostra Signora di Fatima, la migliore di tutte le madri e avrai la certezza della vittoria. In cielo Francesco e Giacinta già pregano per te.

 

  

IL SANTO ROSARIO

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio, Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia.

Salve Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.  

MISTERI GAUDIOSI

I° MISTERO:

L'ANNUNCIO DELL'ANGELO A MARlA

Dal Vangelo secondo Luca (1, 2638)

In quel tempo, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, ad una vergine promessa sposa di un uomo della casa di David, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: "Ti saluto, o piena di grazia: il Signore è con te!" A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine". Allora Maria disse all'angelo: "Come è possibile? Non conosco uomo". Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio". Allora Maria disse: "Eccomi, sono la serva del Siguore, avvenga di me quello che hai detto". E l'angelo partì da lei. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

II° MISTERO:

LA VISITA DI MARIA A S. ELISABETTA

Dal vangelo secondo Luca (1, 3948)

In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città della Giudea. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore". Allora Maria disse: "L'anima  mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva". Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

III° MISTERO:

LA NASCITA DI GESU' A BETLEMME

Dal vangelo secondo Luca (2, 144)

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra (...) fu fatto quando era governatore della Siria Quirinio. Andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, per farsi registrare con Maria sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c'era posto per loro nell'albergo. C'erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento, ma l'angelo disse: "Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia". E subito apparve una moltitudine dell'esercito celeste che lodava Dio e diceva: "Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama.  Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

IV° MISTERO:

LA PRESENTAZIONE DI GESù AL TEMPIO

Dal vangelo secondo Luca (2, 2235)

Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore... Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la legge del Signore. Ora a Gerusalemme  c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Iscdraele; lo Spirito santo che era su di lui gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima ever veduto il Messia del Signore. Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi  portavano il bambino Gesù Gesù per adempiere la Legge,  lo prese tra le braccia e benedisse Dio: "Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola; perché i miei occhi ban visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele". Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: "Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione, perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima". Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

 

V° MISTERO:

GESù RITROVATO NEL TEMPIO

Dal vangelo secondo Luca (2, 4151)

I genitori di Gesù si recavano tutti gli anni a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni vi salirono di nuovo secondo l'usanza; ma trascorsi i giorni della festa, mentre essi riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendolo nella carovana, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo rimasero stupiti e sua madre gli disse: "Figlio, perché ci hai fatto così? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo". Ed egli rispose: "Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?" Ma essi non compresero le sue parole. Partì dunque con loro e tornò a Nazaret e stava loro sottomesso. Sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore. Padre nostro,  Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio. Salve Regina.

 

MISTERI DOLOROSI

MISTERO:

L'AGONIA DI GESù NEL GETSEMANI

Dal vangelo secondo Luca (22, 3954).

Uscito dal cenacolo, Gesù se ne andò, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunti sul luogo disse loro: "Pregate, per non entrare in tentazione". Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e inginocchiatosi, pregava: "Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà". Gli apparve allora un angelo a confortarlo. In preda all'angoscia, pregava più intensamente; e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra. Poi, rialzatosi andò dai suoi discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. Disse loro: "Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione". Mentre egli ancora parlava, ecco una turba di gente; li precedeva colui che si chiamava Giuda, uno dei dodici. Si accostò a Gesù per baciarlo. Gesù gli disse: "Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell'uomo?" Uno di quelli che erano con lui ... colpì il servo del sommo sacerdote e gli staccò l'orecchio destro. Ma Gesù intervenne dicendo: "Lasciate, basta così!". E toccandogli l'orecchio lo guarì. Poi Gesù disse a coloro che gli erano venuti contro, sommi sacerdoti, capi delle guardie del tempio e anziani: "Siete usciti con spade e bastoni come contro un brigante? Ogni giorno ero con voi nel tempio e non avete steso le mani contro di me; ma questa è la vostra ora, è l'impero delle tenebre". Dopo averlo preso, lo condussero via e lo fecero entrare nella casa del sommo sacerdote. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria. Gesù mio.

 

Il° MISTERO:

GESù FLAGELLATO ALLA COLONNA

Dal vangelo secondo Marco (15, 115)

Al mattino i sommi sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo condussero e lo consegnarono a Pilato. Allora Pilato prese a interrogarlo: "sei tu il re dei giudei?" Egli rispose: "Tu lo dici". I sommi sacerdoti, frattanto, gli muovevano molte accuse. Pilato lo interrogò di nuovo: "Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!" Ma Gesù non rispose più nulla, sicchè Pilato ne restò meravigliato. Per la festa era solito rilasciare un carcerato a loro richiesta. Un tale chiamato Barabba si trovava in carcere insieme ai ribelli che nel tumulto avevano commesso un omicidio. La folla, accorsa, cominciò a chiedere ciò che sempre egli le concedeva. Allora Pilato rispose loro: "Volete che vi rilasci il re dei Giudei?" Sapeva infatti che i sommi sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia. Ma i sommi sacerdoti sobillarono la folla perché rilasciasse loro piuttosto Barabba. Pilato replicò: "Che farò dunque di quello che voi chiamate il re dei Giudei?" Ed essi di nuovo gridarono: "Crocifiggilo!". Ma Pilato diceva loro: "Che male ha fatto?" Allora essi gridarono più forte: "Crocifiggilo!" E Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria,  Gesù mio.

III° MISTERO:

GESù CORONATO DI SPINE

Dal vangelo secondo Giovanni (19, 15)

Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flaggelare. E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora; quindi gli venivano davanti e gli dicevano: "Salve, re dei Giudei!" E gli davano schiaffi. Pilato intanto uscì di nuovo e disse loro: "Ecco, io ve lo conduco fuori, perché sappiate che non trovo in lui nessuna colpa". Allora Gesù uscì portando la corona di spine e il mantello di porpora. E Pilato disse loro: "Ecco l'uomo. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

 

 

 

 

 

IV ° MISTERO:

GESU' PORTA LA CROCE AL CALVARIO

Dal vangelo   secondo Luca (23, 2632)

Mentre conducevano via Gesù, presero un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, e gli misero addosso la croce da portare dietro a Gesù. Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso le donne disse: "Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: Beate le sterili e i grembi che non hanno generato e le mammelle che non hanno allattato. Allora cominceranno a dire ai monti: Cadete su di noi! e ai colli: Copriteci! Perché se trattano così il legno verde, che avverrà di quello secco?" Venivano condotti insieme con lui anche due malfattori per essere giustiziati. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

V° MISTERO:

LA CROCIFISSIONE E LA MORTE DI GESU'

Dal vangelo secondo Marco (15, 2239)

Condussero Gesù al luogo del Golgota e gli offrirono vino mescolato con mirra, ma egli non ne volle. Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere. Erano le nove del mattino quando lo crocifissero; e l'iscrizione col motivo della condanna diceva: Il re dei Giudei. Con lui crocifissero anche due ladroni, uno alla sua destra e uno alla sinistra. I passanti lo insultavano e, scuotendo il capo, esclamavano: "Ehi, tu che distruggi il tempio e lo riedifichi in tre giorni salva te stesso scendendo dalla croce!" Ugualmente i sommi sacerdoti con gli scribi facendosi beffe di lui dicevano: "Ha salvato altri non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d'Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo". E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano. Venuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Alle tre Gesù gridò con voce forte: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano: "Ecco, chiama Elia". Uno corse a inzuppare una spugna e, postala su una canna, gli dava da bere, dicendo: "Aspettate, vediamo se viene Elia a toglierlo dalla croce". Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. Il velo del tempio si squarciò in due, dall'alto in basso. Allora il centurione che gli stava di fronte, vistolo spirare in quel modo, disse: "Veramente quest'uomo era Figlio di Dio! Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio. Salve Regina.

 

MISTERI GLORIOSI

I° MISTERO:

LA RISURREZIONE DI GESù DA MORTE

Dal vangelo secondo Matteo (28, 110)

Passato il sabato, all'alba del primo giorno della settimana, Maria di Magdala e l'altra Maria andarono a visitare il sepolcro. Ed ecco che vi fu un gran terremoto: un angelo del Signore, sceso dal cielo, si accostò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa. Il suo aspetto era come la folgore e il suo vestito bianco come la neve. Per lo spavento che ebbero di lui le guardie tremarono tramortite. Ma l'angelo disse alle donne: "Non abbiate paura voi! So che cercate Gesù il crocifisso. Non è qui. è risorto come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto. Presto, andate a dire ai suoi discepoli: è risuscitato dai morti, e ora vi precede in Galilea; là lo vedrete. Ecco, io ve l'ho detto". Abbandonato in fretta il sepolcro, con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l'annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco Gesù venne loro incontro dicendo: "Salute a voi!" Ed esse avvicinatesi, gli cinsero i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: "Non temete; andate ad annunziate ai miei fratelli che vadano in Galilea e là mi vedranno. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

  

II° MISTERO:

L'ASCENSIONE DI GESU' AL CIELO

Dal vangelo secondo Luca (24, 5053)

Gesù condusse gli Undici fuori verso Betania e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e fu portato verso il cielo. Ed esso dopo averlo adorato, tornarono a Gerusalemme con grande gioia; stavano sempre nel tempio lodando Dio.Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

 

 

 

 

    III° MISTERO:

LA DISCESA DELLO SPIRITO SANTO SU MARIA SANTISSIMA E GLI APOSTOLI NEL CENACOLO

Dalla prima Lettera di San Paolo apostolo ai cristiani di Corinto (1, 912)

Sta scritto: Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, queste Dio ha preparato per coloro che lo amano. Ma a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito; lo Spirito infatti scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio. Chi conosce i segreti dell'uomo se non lo spirito dell'uomo che è in lui? Così anche i segreti di Dio nessuno li ha mai potuto conoscere se non lo Spirito di Dio. Ora, noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere tutto ciò che Dio ci ha donato. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

 

      IV° MISTERO:

MARIA ASSUNTA IN CIELO

Dal Vangelo secondo Luca (1, 4655)

Allora Maria disse: "L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente e Santo è il suo nome: di generazione in generazione la sua misericordia si stende su quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili. Ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre. Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio.

 

V° MISTERO:

L'INCORONAZIONE DI MARIA REGINA NELLA GLORIA DEL PARADISO

Dal Vangelo secondo Luca (22, 3530)

In quel tempo, Gesù disse: "I re delle nazioni le governano e coloro che hanno il potere su di esse si fanno chiamare benefattori. Per voi però non sia così; ma chi è il più grande tra voi diventi come il più piccolo e chi governa come colui che serve. Infatti chi è il più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sono in mezzo a voi come colui che serve. Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove; e io preparo per voi un regno, come il Padre l'ha preparato per me, perché possiate mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno e siederete in trono a giudicare le dodici tribù di Israele". Padre nostro, Ave Maria (per 10 volte) Gloria, Gesù mio, Salve Regina.

 

LITANIE LAURETANE

Signore, pietà.

Cristo, pietà.

Signore, pietà.

Cristo, ascoltaci.

Cristo, esaudiscici.

Padre del cielo, che sei Dio, abbi pietà di noi.

Figlio, Redentore del mondo, che sei Dio, abbi pietà di noi.

Spirito Santo, che sei Dio, abbi pietà di noi.

Santa Trinità, unico Dio, abbi pietà di noi.

Santa Maria, prega per noi.

Santa Madre di Dio,  prega per noi.

Santa Vergine delle vergini, prega per noi.

Madre di Cristo, prega per noi.

Madre  della Chiesa, prega per noi.

Madre della divina grazia, prega per noi.

Madre purissima, prega per noi.

Madre castissima, prega per noi.

Madre sempre vergine, prega per noi.

Madre immacolata, prega per noi.

Madre degna d'amore, prega per noi.

Madre ammirabile, prega per noi.

Madre del buon consiglio, prega per noi.

Madre del Creatore, prega per noi.

Madre del Salvatore, prega per noi.

Madre di misericordia, prega per noi.

Vergine prudentissima, prega per noi.

Vergine degna di onore, prega per noi.

Vergine degna di lode, prega per noi.

Vergine potente, prega per noi.

Vergine clemente, prega per noi.

Vergine fedele, prega per noi.

Specchio della santità divina, prega per noi.

Sede della Sapienza, prega per noi.

Causa della nostra letizia, prega per noi.

Tempio dello Spirito Santo, prega per noi.

Tabernacolo dell'eterna gloria, prega per noi.

Dimora tutta consacrata a Dio, prega per noi.

Rosa mistica, prega per noi.

Torre di Davide, prega per noi.

Torre d'avorio, prega per noi.

Casa d'oro, prega per noi.

Arca dell'alleanza, prega per noi.

Porta del cielo, prega per noi.

Stella del mattino, prega per noi.

Salute degli infermi, prega per noi.

Rifugio dei peccatori, prega per noi.

Consolatrice degli afflitti, prega per noi.

Aiuto dei cristiani, prega per noi.

Regina degli angeli, prega per noi.

Regina dei Patriarchi, prega per noi.

Regina dei Profeti, prega per noi.

Regina degli Apostoli, prega per noi.

Regina dei Martiri, prega per noi.

Regina dei veri cristiani, prega per noi.

Regina dei Vergini, prega per noi.

Regina di tutti i Santi, prega per noi.

Regina concepita senza peccato originale, prega per noi.

 Regina assunta in cielo, prega per noi.

Regina del santo Rosario, prega per noi.

Regina della Pace, prega per noi.

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo,

perdonaci, o Signore.

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo,

ascoltaci, o Signore.

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo,

abbi pietà di noi.

Prega per noi, Santa Madre di Dio. E saremo degni delle promesse di Cristo.

 

 

Promesse fatte dalla Beata Vergine Maria al Beato Alano de La Roche per chi recita il Santo Rosario.

1.            Chi mi servirà costantemente recitando il mio Rosario, riceverà qualche grazia speciale. 2. A tutti coloro che devotamente reciteranno il mio Rosario prometto la mia specialissima protezione e grandi grazie. 3. Il Rosario sarà un'arma potentissima contro l'inferno, distruggerà i vizi, dissiperà il peccato e abbatterà le eresie. 4. Il Rosario farà rifiorire la virtù e le opere sante, farà conseguire alle anime copiosissime misericordie di Dio, e tirerà i cuori degli uomini dall'amore vano del mondo all'amore di Dio, e li solleverà al desiderio delle cose eterne. Quante anime si salveranno con questo mezzo! 5. L'anima che a me si raccomanda con il Rosario non perirà. 6. Chiunque recita devotamente il Santo Rosario con la considerazione dei suoi Sacri Misteri, non sarà oppresso da disgrazie, non verrà castigato dalla giustizia di Dio, non perirà di morte improvvisa: ma si convertirà se peccatore, e si conserverà in grazia se giusto, e sarà fatto degno della vita eterna. 7. I veri devoti del mio Rosario non morranno senza i Santissimi Sacramenti. 8. Voglio che coloro che recitano il mio Rosario in vita e in morte abbiano la pienezza delle grazie, e in vita e in morte siano ammessi a partecipare ai meriti dei Beati del Paradiso. 9. Io ogni giorno libero dal Purgatorio le anime devote al mio Rosario. 10. I veri figli del mio Rosario godranno grande gloria in cielo. 11. Tutto quello che chiederai per il mio Rosario impetrerai. 12. Coloro che propagano il mio Rosario saranno da me soccorsi in ogni loro necessità. 13. Io ho ottenuto dal mio Figlio Divino, che tutti i membri della Confraternita del Rosario possano avere come loro confratelli tutta la corte celeste in vita e in morte. 14. Coloro che recitano il mio Rosario sono miei figli e fratelli a Gesù Cristo mio unigenito. 15. La devozione al mio Rosario è un grande segno di predestinazione.

 

LA GRANDE PROMESSA DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA: I PRIMI CINQUE SABATI

La Madonna apparendo a Fatima il 13 giugno 1917, tra l'altro, disse a Lucia: "Gesu' vuole servirsi di te per farmi conoscere e amare. Egli vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato". Poi, in quella apparizione, fece vedere ai tre veggenti il suo Cuore coronato di spine: il Cuore Immacolato della Mamma amareggiato per i peccati dei figli e per la loro dannazione eterna! Lucia racconta: Il 10 dicembre 1925 mi apparve in camera la Vergine Santissima e al suo fianco un Bambino, come sospeso su una nube. La Madonna gli teneva la mano sulle spalle e, contemporaneamente, nell'altra mano reggeva un Cuore circondato di spine. In quel momento il Bambino disse: "Abbi compassione del Cuore della Tua Madre Santissima avvolto nelle spine che gli uomini ingrati gli configgono continuamente, mentre non v'è chi faccia atti di riparazione per strapparglieLe". E subito la Vergine Santissima aggiunse: "Guarda, figlia mia, il mio Cuore circondato di spine che gli uomini ingrati infliggono continuamente con bestemmie e ingratitudini. Consolami almeno tu e fa sapere questo: A tutti coloro che per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la santa Comunione, reciteranno il Rosario e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i Misteri, con l'intenzione di offrirmi riparazioni, prometto di assisterli nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza". Per ottenere la promessa del Cuore di Maria si richiedono le seguenti condizioni: 1 Confessione, fatta entro gli otto giorni precedenti, con l'intenzione di riparare le offese fatte al Cuore Immacolato di Maria. Se uno nella confessione si dimentica di fare tale intenzione, può formularla nella confessione seguente. 2 Comunione, fatta in grazia di Dio con la stessa intenzione della confessione. 3 La Comunione deve essere fatta nel primo sabato del mese. 4 La Confessione e la Comunione devono ripetersi per cinque mesi consecutivi, senza interruzione, altrimenti si deve ricominciare da capo. 5 Recitare la corona del Rosario, almeno la terza parte, con la stessa intenzione della confessione. 6 Meditazione, per un quarto d'ora fare compagnia alla SS.ma Vergine meditando sui misteri del Rosario. Un confessore di Lucia le chiese il perché del numero cinque. Lei lo chiese a Gesù, il quale le rispose: "Si tratta di riparare le cinque offese dirette al Cuore Immacolato di Maria." 1 Le bestemmie contro la sua Immacolata Concezione. 2 Contro la sua Verginità. 3 Contro la sua Maternità divina e il rifiuto di riconoscerla come Madre degli uomini. 4 L'opera di coloro che pubblicamente infondono nel cuore dei piccoli l'indifferenza, il disprezzo e perfino l'odio contro questa Madre Immacolata. 5 L'opera di coloro che la offendono direttamente nelle sue immagini sacre.

 

LA GRANDE PROMESSA DEL SACRO CUORE DI GESU': I PRIMI NOVE VENERDI' DEL MESE

Mostrando un giorno il suo Cuore a Santa Margherita Maria Alacoque (16471690) Gesù disse: "Ecco quel Cuore che ha tanto amato gli uomini e dai quali non riceve che ingratitudini e disprezzo"...! In diverse apparizioni alla stessa Santa, Gesù fece le seguenti promesse per coloro che avessero onorato il suo Cuore e che la Santa riporta nelle sue lettere: "Darò loro tutte le grazie necessarie al loro stato". "Porterò soccorso alle famiglie che si trovano in difficoltà e metterò la pace nelle famiglie divise". "Li consolerò nelle loro afflizioni". "Sarò il loro sicuro rifugio in vita e  specialmente in punto di morte". "Spargerò abbondanti benedizioni sopra tutte le loro opere". "I peccatori troveranno nel mio Cuore la fonte e l'oceano della Misericordia". "Riporterò le comunità religiose e i singoli fedeli al loro primo fervore". "Le anime fervorose giungeranno in breve a grande perfezione". "Benedirò i luoghi dove l'immagine del mio Sacro Cuore verrà esposta  ed onorata". "A tutti coloro che lavoreranno per la salvezza delle anime darò il dono di commuovere i cuori più induriti". "Il nome di coloro che propagheranno la devozione al mio Sacro Cuore sarà scritto nel mio Cuore e non ne verrà mai cancellato". "Io ti prometto, nell'eccesso della Misericordia del mio Cuore, che il mio Amore Onnipotente concederà a tutti quelli che si comunicheranno al primo Venerdì del mese per nove mesi consecutivi, la grazia della penitenza finale. Essi non moriranno in mia disgrazia, né senza ricevere i Sacramenti, e il mio Cuore sarà loro asilo sicuro in quell'ora estrema". Diffondiamo questa devozione consigliando altri a fare i Primi Venerdì perché: "Chi salva un'anima assicura la salvezza della sua".   

 

IL MESSAGGIO DELLA DIVINA MISERICORDIA

Il 22 febbraio 1931 Gesù apparve, in Polonia, a Suor Faustina Kowalska (beatificata il 30 aprile 2000) e le affidò il messaggio della Devozione alla Divina Misericordia. Lei stessa così descrisse l'apparizione: "Mi trovavo nella mia cella, quando vidi il Signore vestito di candida veste. Aveva una mano alzata in atto di benedire; con l'altra toccava la tunica bianca sul petto, dal quale uscivano due raggi: uno rosso e l'altro bianco". Dopo un istante, Gesù mi disse: "Dipingi un quadro secondo il modello che vedi, e scrivici sotto: Gesù, io confido in Te! Desidero, inoltre che questa immagine sia venerata nella vostra Cappella e in tutto il mondo. I raggi rappresentano il Sangue e l'Acqua che sgorgarono quando il mio Cuore fu trafitto dalla lancia, sulla Croce. Il raggio bianco rappresenta l'acqua che purifica le anime; quello rosso, il sangue che è la vita delle anime". In un'altra apparizione Gesù le chiese l'istituzione della festa della Divina Misericordia, esprimendosi così: "Desidero che la prima domenica dopo Pasqua sia la festa della mia Misericordia. L'anima, che in quel giorno si confesserà e si comunicherà, otterrà piena remissione delle colpe e delle pene. Desidero che questa Festa si celebri solennemente in tutta la Chiesa".  

PROMESSE DI GESU' MISERICORDIOSO.

L'anima che venererà quest'immagine non perirà. Io, il Signore, la proteggerò con i raggi del mio cuore. Beato chi vive alla loro ombra, poiché la mano della Giustizia Divina non la raggiungerà! Proteggerò le anime che diffonderanno il culto alla mia Misericordia, per tutta la loro vita; nell'ora della loro morte, poi, non sarò Giudice ma Salvatore. Quanto più grande è la miseria degli uomini, tanto maggior diritto hanno alla mia Misericordia perché desidero salvarli tutti. La sorgente di questa Misericordia è stata aperta dal colpo di lancia sulla Croce. L'umanità non troverà né tranquillità né pace finché non si rivolgerà con piena fiducia a Me. Concederò grazie senza numero a chi recita questa corona. Se recitata accanto a un morente non sarò giusto Giudice, ma Salvatore. Io do all'umanità un vaso con il quale potrà attingere le grazie alla sorgente della Misericordia. Questo vaso è l'immagine con l'iscrizione: "Gesù, io confido in Te!". "O sangue ed acqua che scaturisci dal cuore di Gesù, come sorgente di misericordia per noi, io confido in Te!" Quando, con fede e con cuore contrito, mi reciterai questa preghiera per qualche peccatore io gli darò la grazia della conversione.

 

CORONCINA DELLA DIVINA MISERICORDIA

(è disponibile in Internet al sito di preghiere: www.preghiereagesuemaria.it  il diario di San Faustina)

Si usi la corona del Rosario. In principio:

Pater, Ave, Credo.

Sui grani maggiori del Rosario: "Eterno Padre, io Ti offro il Corpo e il Sangue, l'Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Nostro Signore Gesù Cristo in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero" (se si vuole si può anche aggiungere: ...e per le anime del purgatorio). Sui grani dell'Ave Maria per dieci volte: "Per la sua dolorosa passione abbi misericordia di noi e del mondo intero" (... e delle anime del purgatorio). Alla fine ripetere per tre volte: "Dio Santo, Dio Forte, Dio Immortale: abbi pietà di noi e del mondo intero" (... e delle anime del purgatorio).

 

FINE